Rispondo agli indinniati: perché non ci saremo all’IBF

144

Oggi abbiamo pubblicato sulla nostra pagina facebook un’immagine con un testo che diceva:



.

La scelta della grandezza dei caratteri non era casuale, infatti una delle righe con le lettere più grandi conteneva il destinatario del messaggio, le aziende del settore ciclo che in questi giorni sono scatenate nel volerci far sapere che saranno all’Italian Bike Festival con il loro gazebo ad esporre i propri prodotti. È una sorta di fiera della bici sul circuito di Misano.
Ci chiedono dunque se saremo presenti anche noi, nel senso di girovagare in fiera e mostrare su MTB Mag i prodotti più interessanti. È una cosa che abbiamo sempre fatto fino a qualche anno fa, infatti i nostri reportage da Eurobike erano seguitissimi, quando ad Eurobike si trovavano novità. Abbiamo smesso di andarci quando le novità hanno cominciato ad essere presentate in periodi diversi, prevalentemente online. D’altronde ogni azienda vuole un po’ di spazio, e se tutti presentano novità durante 3 giorni di fiera, si cannibalizzavano l’un l’altra. Senza parlare dei costi esorbitanti per avere dello spazio in fiera.

È anche il motivo per cui non siamo mai andati a Italian Bike Festival, o alla Roc d’Azur, o ad altri eventi pensati per il consumatore finale ma che, per noi, sono di scarsa rilevanza perché appunto non c’è niente nuovo da mostrarvi sul nostro sito. Men che meno abbiamo mai avuto un gazebo. Cosa dovremmo mai esporre, il ciclostile del sito?

Su Facebook ovviamente è pieno di gente che legge (se legge) distrattamente, fra un caffè e una pausa brioche, però si sente in dovere di commentare anche se non ha capito niente o non sa di cosa parla. Per spiegarvi di cosa stavamo parlando nella nostra immaginetta gialla con scritte nere, ho preso alcuni commenti che adesso vi leggo per poi rispondere agli autori.

Commenti

  1. marco:

    su facebook si dice indinniati, seguito da punti esclamativi intermezzati da 1. Insomma così:
    sono indinniato ha stato la Nato!!111!!
    Vedo che commetti anche tu lo stesso errore, la sequenze di ! e 1 sembra casuale ma si riconosce subito chi non è veramente indinniato.
    Non riesco mai a produrne una credibile, si capisce subito che è un fake.

    Seriamente:
    Condivido le motivazioni della non presenza alla fiera, la cosa più divertente è che tra le righe di alcuni che se ne lamentano ci leggi un "vieni/vai alla fiera, fai un bel reportage, fai pubblicità gratis, conviene anche a te"

    Seee, stocaz... :-|
  2. Credo ci sia poco da girarci intorno, qualcuno ti chiede visibilità gratis e tu in modo educato gli rispondi "No grazie". Detto ciò, per noi che restiamo a casa, può dispiacere il fatto di non vedere un video in più anche se, spesso, c'è poco di quanto non sia già stato presentato...
  3. Lo avevo scritto su facebook ancora lunedì sera.
    "Mi è arrivata la notifica, ho letto il titolo e poi mi sarei guardato con calma il video, ma subito mi sono saltati all'occhio alcuni commenti.
    E allora mi sono cambiato e sono andato a fare un giro in bici
    Poi stasera ho guardato il video, letto qualche commento e concluso che:
    1. Concordo (24 anni fa ero a Eurobike come espositore e già mi rendevo conto che la formula delle fiere era vecchia, furono due giorni alquanto noiosi)
    2. Ma quelli che commentano in modo sconclusionato, non farebbero meglio a farsi un giretto in bici, che fa bene al corpo e alla mente?"
Storia precedente

Cicloalpinismo dolomitico

Storia successiva

I 10 itinerari più belli del Lago di Garda

Gli ultimi articoli in Report e interviste