Deviate Claymore

[Test] Deviate Claymore

20

Ben prima che la stagione dei bike park prendesse il via, Deviate Cycles ha inviato la sua Claymore a perno alto da recensire come telaio. Personalmente mi piace testare le bici in questo modo, perché mi permette di concentrarmi sul DNA della bici e sulle sue caratteristiche, consentendo al tempo stesso ai lettori di giudicare il valore dei vari modelli in modo indipendente in base al proprio budget. Dopotutto, l’aspetto del valore può variare notevolmente a seconda dei livelli di specifiche e dei materiali dei telai. In ogni caso, non è la prima volta che salgo su una bici a perno alto (idler) con un sistema di regolazione, ma credo che la Claymore si distingua per la sua geometria molto maneggevole che, per quanto sia lunga, le permette di essere abbastanza agile e piuttosto efficiente nel riportarvi su per il monte.

Deviate Claymore


Dettagli Deviate Claymore

  • 29″ davanti e dietro
  • Telaio in carbonio
  • Catena con 126 maglie
  • Compatibile con gomme fino a 2.6″
  • Attacco per porta accessori
  • Compatibile con portaborraccia
  • Passaggio cavi: external nel triangolo anteriore / interno nel carro
  • Taglie: M, L (in test), XL
  • Escursione anteriore: 170mm o 180mm (in test) / 165m al posteriore
  • Garanzia a vita
  • Prezzo: $3,600 USD (senza ammortizzatore) / scontata a $2,880 al momento della pubblicazione di questo articolo

.

Deviate Claymore

A cominciare dall’idler: la puleggia da 18T si monta ordinatamente sul telaio tramite tre viti a brugola da 4 mm e dispone di una porta di ingrassaggio facilmente accessibile tramite un raccordo zerk standard.

Deviate Claymore

La Claymore ha una protezione del tubo obliquo in fibra di carbonio imbullonata, molto grande e robusta.

Il leveraggio dell’ammortizzatore a campana ruota in modo discontinuo e concentrico rispetto alla scatola del movimento centrale. Il leveraggio è stato progettato in modo intelligente per evitare di posizionarsi più in basso rispetto al bashguard della bicicletta. Ciò significa che è improbabile che si verifichino impatti diretti con oggetti fissi sul sentiero, sebbene possa beccare alcuni sassi alzati dalla ruota anteriore. Un punto su cui vale la pena soffermarsi è che, al momento del test, era difficile trovare un bashguard che si adattasse bene a questa bicicletta. Detto questo, Deviate offre ora il proprio guidacatena appositamente progettato per soli 74 dollari, quindi il problema è risolto!

Il tubo sterzo affusolato è dotato di calotte a pressione.

Il triangolo posteriore solido (leggi: senza interruzioni da parte dei perni) offre un ampio spazio per gli pneumatici posteriori. Nella foto con un pneumatico Wide Trail da 2,4″, c’è ancora molto spazio per il fango e la terra. Questo è probabilmente un effetto collaterale della progettazione nelle Highlands scozzesi, dove le condizioni sono spesso poco miti.

Sebbene mi soffermerò più avanti sugli attributi della Claymore sul trail, vorrei portare l’attenzione su un piccolo problema tecnico che ho riscontrato fin dall’inizio. All’inizio del mio test ho danneggiato due forcellini in seguito ad un impatto così lieve che non me ne sono nemmeno accorto durante il giro. Ho contattato Deviate che mi ha comunicato di aver aggiornato i forcellini e me ne ha inviati un paio nuovi. Come potete immaginare, la nuova versione rinforzata è quella raffigurata qui sopra a sinistra, senza rilievi. Una volta installato il nuovo forcellino, non ho più avuto problemi.

Mi è piaciuto molto il passaggio cavi/tubi super pulito di Deviate, che passa esternamente attraverso il triangolo anteriore in una scanalatura sotto il tubo obliquo. È silenzioso e privo di rumori, inoltre è il sogno dei meccanici che si avvera e ha un aspetto stealth. Punti bonus per il fatto che l’attacco funge anche da supporto per gli accessori. Non sono un fanatico del routing interno… Se un marchio riesce a realizzare un routing esterno silenzioso e dall’aspetto pulito, lo apprezzo molto!


Detto questo, tuttavia, ho avuto qualche problema con il passaggio cavi nel suo insieme. Se si intende far passare le cose esternamente nel triangolo anteriore, farle passare internamente nel posteriore vanifica lo scopo, in quanto rende più difficile lo spurgo e la sostituzione dei freni. Un’altra piccola lamentela è stata che, sebbene abbia usato principalmente un reggisella Reverb AXS wireless, quando ho usato un dropper meccanico, il suo cavo non era del tutto immune dal fare un po’ di rumore, anche con il manicotto di schiuma in dotazione. Personalmente ritengo che una piccola modifica dell’attacco del cavo principale o del gommino possa risolvere il problema.

Geometria Deviate Claymore

Un’occhiata ai numeri della geometria rivela una bicicletta che non parte per la tangente con il solito “lungo e aperto”. Piuttosto, un angolo di sterzo di 64,3º e un angolo del tubo sella di 78º sono indizi che indicano che questa bicicletta sarà abbastanza agile ed efficiente nel risalire le colline.

Sul sentiero

Partendo dalla salita, direi che la Claymore è il massimo dell’efficienza nella categoria enduro, sicuramente tra le bici che ho testato finora. La sua efficienza deriva principalmente dal posizionamento del corpo ed è in gran parte dovuta all’angolo sella di 78°, che è il più ripido che abbia mai guidato finora. Per quanto riguarda questo valore, questa è stata la prima bicicletta in cui non ho spostato la sella più in avanti. Penso che qualsiasi cosa più ripida sarebbe controproducente, in quanto si può iniziare a sbattere le ginocchia sul manubrio nei ripidi tornanti in salita.

Per quanto riguarda l’attrito della catena, non ho fatto alcun tipo di test empirico, ma la Claymore ha funzionato in modo molto fluido e silenzioso. Per dirla in questo modo, non mi è sembrato affatto un grosso ostacolo. Infine, per quanto riguarda la cinematica, ho trovato la sospensione posteriore abbastanza tranquilla e quindi non mi sono preoccupato di usare il lockout molto spesso, tranne che nelle salite più lunghe.

Passando alle cose più divertenti, quando ho puntato la bici nella sua direzione preferita – la discesa – ho trovato una bici che è, in una sola parola, equilibrata. Mentre alcune bici da enduro possono trovare il loro vantaggio nella guida veloce e sciolta grazie a geometrie più radicali, la capacità della Claymore di trasportare velocità deriva più che altro dal percorso dell’asse posteriore e dal suo basso centro di massa. Questo non significa certo che questa bici non mi abbia dato confindenza. Piuttosto, significa che nei tratti più lenti e pianeggianti l’agilità e la scioltezza della Claymore faranno risparmiare energia e tempo, rendendola a mio avviso una bici da gara ideale. Dopotutto, ci sono moltissime PS di Enduro che presentano sezioni strette, lente e tortuose tra i tratti più veloci e scassati. In generale, credo che il punto di forza di questa MTB sia la sua capacità di brillare così bene in entrambe le aree: la maneggevolezza, nel complesso, è semplicemente incredibile.

Entrando nello specifico, ho provato la Claymore con un RockShox Super Deluxe Ultimate RC2 a molla e HBO. I tecnici di Deviate mi hanno suggerito la messa a punto di serie e mi hanno detto che alcuni colleghi la utilizzavano con grande successo. Sebbene abbia trovato la bici relativamente facile da usare per le molle elicoidali, ho usato il bottom out idraulico completamente inserito per evitare finecorsa su alcuni degli impatti più grandi. Inoltre, ho finito per utilizzare una molla da 525 libbre, mentre con 82,5 kg di peso, secondo il sito web di Deviate, dovrei essere a metà strada tra 450 e 475. Preferisco le sospensioni abbastanza dure, ma quella tabella va considerata come un punto di partenza. In ogni caso, entrambe le cose mi hanno fatto venire la curiosità di provare questa bici con un ammortizzatore ad aria e mi hanno fatto pensare che potrebbe essere più adatta a un ammortizzatore ad aria a causa della maggiore progressività, ma non ho avuto grosse lamentele con le sospensioni nel complesso e se siete in gara, una bici un po’ più lineare è spesso una cosa positiva, in quanto avete un po’ più di trazione e gli errori minori sono più facilmente perdonati.

Per quanto riguarda le altre caratteristiche di guida, la Claymore presenta una discreta quantità di brake squat, come accade di solito per molti high pivot, e anche se questo ha contribuito a farla sentire stabile sui ripidi, le cose si sono un po’ irrigidite in caso di frenata decisa e ha avuto la tendenza a sentirsi leggermente ruvida in alcune situazioni. Per quanto riguarda le curve, come si può immaginare in base a quanto detto in precedenza sull’agilità della Claymore, sono un vero piacere. Il telaio è molto rigido da un lato e quando si spinge, non si muove. Anzi, restituisce l’energia in proporzione e parte a razzo dalle curve. Un’area in cui questa bici ha brillato davvero è stata quella delle sezioni in contropendenza. In una certa misura credo che ciò sia dovuto alle sospensioni a perno alto, ma sono certo che anche la geometria e la costruzione siano degne di nota.

Deviate Claymore

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, molte di queste sono state trattate nella sezione “Dettagli”, ma vale la pena soffermarsi sulla qualità della costruzione. Ho trovato eccellente la lavorazione delle parti in alluminio e i vari agganci di tubi e cavi, molto ben studiati e facili da usare. Il telaio stesso è robusto e molto silenzioso, a parte un leggero ronzio del cavo del reggisella telescopico. Complimenti a Deviate per aver realizzato questa bici in modo che necessiti di una sola catena e per aver pensato a tutte le piccole cose, come il supporto per gli accessori, la borraccia e le aperture per il grasso.

Conclusioni

Nel complesso mi sono divertito molto con la Claymore e l’ho trovata una bici molto interessante. Ho avuto un paio di piccoli inconvenienti (uno dei quali – il forcellino – è stato risolto), ma nel complesso si tratta di una bici molto performante. Per quanto riguarda il rapporto qualità/prezzo, 3.600 dollari senza ammortizzatore sono un prezzo nella media per un telaio da mountain bike full suspension in fibra di carbonio nella galassia di prezzi alti del giorno d’oggi, e al momento la Claymore può essere acquistata a 2.880 dollari, scontata. Il fatto che sia coperta da una garanzia a vita e da una polizza di sostituzione in caso di incidente renderà più facile per alcuni biker mettere mano al portafogli.

In generale, credo che la caratteristica principale della Deviate Claymore sia la sua capacità di trovare un equilibrio perfetto tra stabilità e agilità. È in grado di affrontare con disinvoltura terreni davvero impervi, ma quando il terreno è più facile o tecnico e richiede ulteriori input e sforzi da parte del pilota, paradossalmente la bici brilla davvero. Questo può essere estremamente vantaggioso in gara ed è un equilibrio difficile da raggiungere. Mi permetto di aggiungere che la Claymore può benissimo fare meglio della maggior parte delle altre bici in circolazione nella categoria Enduro, anche se ovviamente non le ho provate tutte. Da questo punto di vista, è una sorta di anomalia che fa parte di un campionato a sé stante, quindi se cercate un’enduro, vale assolutamente la pena di prenderla in considerazione…

www.deviatecycles.com

Commenti

  1. LoreDalla:

    Ciao, nell'articolo si fa riferimento ad una molla elicoidale, non l'avevo mai sentito in ambito MTB, anche perché difficilmente si vedono molle a tazza. Google translate ha giocato qualche brutto tiro?
    Era semplicemente "a molla". Che poi la molla di un ammo non è di sé elicoidale?
  2. Burìk:

    Francamente non ho ben capito il motivo del mix, a che scopo far passare il cablaggio del freno posteriore un po' dentro e un po' fuori? Arrivati sul carro facevan prima a tirar dritto.. no? :nunsacci:

    View attachment

    La risposta è nel marchio.
  3. smaz:

    Secondo me si sta un po' esagerando con gli angoli sella così in piedi. Personalmente devo poi arretrare tutta la sella per pedalarci bene...
    Anche su salite non troppo ripide non da fastidio te lo posso garantire avendola provata
Storia precedente

Il vincitore di un posto alla All Around EMTB 2023

Storia successiva

Quello che Fender e le bici hanno in comune (e non)

Gli ultimi articoli in Test