[Test] Magped, i pedali magnetici

42
YouTube video

 

L’azienda austriaca Magped produce dei particolari pedali con un aggancio magnetico. Si va dal modello XC a quello enduro passando per il pedale stradistico, fino ad arrivare all’Ultra, minimalistico e leggero, con perno in titanio.



.

Nel video provo il Magped da enduro con magnete da 200N, il più potente della gamma. Il prezzo è di 149 euro, i pedali sono acquistabili sul loro sito.

 

Commenti

  1. Io sono passato da pedali a sgancio a FLAT , a parte quando il sentiero era esposto i pedali a sgancio mi sono sempre piaciuti in quanto mi davano la sensazione di essere la continuazione della bici .. ora che da 3 stagioni sono passato ai FLAT riesco a fare quasi tutto come con i pedali a sgancio avendo imparato a muovere molto di più le caviglie per aggiustare la pressione sul pedale specialmente quando nei salti la bici tende a staccarsi , questo tipo di pedale potrebbe aiutare proprio in queste situazioni ..
  2. bostik:

    Nessuno ha notato che il fattore Q di questi pedali sembra decisamente eccessivo?
    In pratica si finisce ad agganciare col magnete sul bordo della placchetta, per avere la scarpa ben posizionata sul pedale (con scarpe tra quelle consigliate da loro).
    D'altronde il fattore Q è di 60mm, credo che neanche le versioni DX di certi pedali arrivino a 60mm.
    Magped con scarpa Fizik
    Il magnete sul pedale è perfettamente al centro come da logica, è lo scasso scarpa decentrato che ci mette del suo.
    Il centro del pedale magped è più lontano dalla faccia pedivella rispetto ad altri flat generosi? , In un SPD base questa distanza è circa 55mm, quando il centro pedale è molto più lontano una scarpa con scasso centrato sarebbe preferibile per minimizzare il fattore q reale
  3. MagicTartaruga:

    E' vero anche se personalmente il grande fattore Q non mi disturba, invece avrei preferito che centrassero meglio il magnete sulla placchetta.
    In scarpe come le Overland Northwave (che hanno una scasso dove posizionare la placca profondo) ho dovuto limare parte della suola.
    qui non vorrei neanche mettermi a discutere se dal punto di vista della pedalata sia un problema o no, il problema è che se centri il magnete sulla placchetta, ti trovi con la suola che non prende sulla fila di pin "interni". Per mettere la suola a contatto con i pin come farei con un pedale flat, devo riuscire ad "agganciare" col magnete al limite tra la placchetta e la suola.
Storia precedente

Trova la sella perfetta come fa Nino Schurter

Storia successiva

Nepal in MTB in autosufficienza, il video

Gli ultimi articoli in Test