Norco Fluid FS

[Test] Norco Fluid FS A1

21

Notare bene: questo test è stato fatto prendendo come base il prezzo negli Stati Uniti, pari a 3.999 dollari. Come spesso purtroppo accade, in Italia il prezzo sale (a 4.999€), andando a snaturare l’idea dietro alla Norco Fluid FS, e cioé quella di avere in gamma una mountain bike in alluminio dal rapporto qualità/prezzo interessante.

Quest’inverno Norco ci ha inviato una bici di medio livello che è anche la sua offerta con il più alto rapporto qualità/prezzo: la Fluid FS A1. Una bici da trail da 29″ con 140 mm di escursione all’anteriore e 130 mm al posteriore, la Fluid presenta un mix di componenti che variano dal budget all’ammiraglia, il tutto vantando un’estetica molto raffinata. Grazie alle saldature lucide, si potrebbe facilmente scambiare per un telaio in fibra di carbonio. In ogni caso, questa bicicletta presenta un mix di componenti molto accattivante, una geometria moderna e caratteristiche promettenti a un prezzo eccellente di soli 3.999 dollari: vediamo come si comporta sul trail…



.

Norco Fluid FS

Dettagli

  • Ruote da 29″
  • Escursione: 140mm davanti / 130mm dietro
  • Forcellino SRAM UDH
  • Geometria “Ride Aligned”
  • 5 taglie: S, M, L (tested), XL, XXL
  • $3,999.99 USD. In italia costa 4.999€

Norco Fluid FS

All’anteriore, l’ammiraglia Fox 34 Factory RC2 vanta una cartuccia Grip2 con tutte la regolazione del ritorno alle alte e alle basse velocità. Questa forcella è il massimo in termini di prestazioni per il livello Trail. Non ho avuto alcuna lamentela, anche se a volte, visto l’alto livello di capacità del Fluid, ho pensato che una 36 leggermente più robusta avrebbe potuto essere più appropriata. Al posteriore c’è un Fox Float X Performance Elite con lockout e regolazioni separate del ritorno/compressione. Un plauso a Norco per aver previsto un ammortizzatore piggyback laddove molti marchi offrirebbero semplicemente un ammortizzatore in linea. L’aggiunta di un serbatoio mantiene le cose più calme e tranquille nelle lunghe discese e offre una migliore qualità di guida complessiva.

Norco Fluid FS

Non c’è nulla che spicchi sul cockpit come ultra appariscente, ma il manubrio Trans X ha angoli confortevoli e, con una larghezza di 780 mm, offre la giusta quantità di controllo. L’attacco manubrio interno da 40 mm é solido e senza fronzoli e mi colloca nella giusta posizione sia in termini di altezza che di lunghezza. Le manopole WTB non mi sono piaciute molto, in quanto erano un po’ sottili e appiccicose per me, ma sono sicuro che molti biker non avrebbero avuto problemi. La sella Fizik Alpaca ha un profilo corto e largo che sembra essere molto popolare negli ultimi tempi. Anche in questo caso non ci sono stati problemi.

La bici in testa era dotata di un reggisella Trans-X con un’escursione di 170 mm, che si è rivelato ottimo. Tuttavia, la scheda tecnica sul sito web di Norco riporta il reggisella SDG Tellis da 170 mm. In ogni caso, Norco calcola l’escursione del reggisella in base alle dimensioni del telaio per ogni modello.

I freni TRP Trail EVO sono fenomenali, soprattutto per il loro prezzo. Gli spessi dischi da 2.3 mm sono più resistenti della maggior parte di quelli della concorrenza e le grandi pinze e le comode leve completano un ottimo set di freni. Li uso anche sulla mia bici personale…

Una trasmissione Shimano XT a 12 velocità per una bici di questa fascia di prezzo non è certo da buttare. Anche le pedivelle Praxis Cadet mi sono sembrate una scelta azzeccata, in grado di svolgere il proprio lavoro. Nel complesso, un ottimo cambio.

Devo dire che il passaggio dei cavi e dei tubi sul Fluid é ben pensato. Non ho avuto nessuno dei problemi comuni con i gommini anteriori che scivolano o si staccano, e nella parte inferiore del tubo obliquo una copertura avvitata e guide con fascette aiutano a mantenere le cose ordinate e silenziose. Nella parte posteriore della bicicletta, devo riconoscere a Norco l’uscita a due vie dal fodero. Quella superiore funziona meglio con l’angolo del cavo del deragliatore posteriore di Shimano, mentre quella inferiore funziona meglio con quello di SRAM.

Anche i cerchi Stan’s Flow S1 hanno un ottimo rapporto qualità/prezzo. Presentano occhielli in acciaio inossidabile e un diametro interno di 29 mm. Gli S1 sono allacciati a mozzi di produzione propria, ma non mi hanno dato problemi e hanno svolto il loro lavoro bene.

Le ruote sono gommate Vittoria: un Mazza da 2,4″ davanti e un Martello da 2,35″ dietro. Era la prima volta che montavo i Vittoria e devo dire che sono rimasto piacevolmente sorpreso. I disegni del battistrada sono entrambi ideali per i loro rispettivi compiti e rotolano senza troppa fatica. Anche se non sono sicuro dell’esatta classificazione della carcassa, non ho avuto problemi di pizzicature con una pressione di 1.4 bar su terreni misti. La mescola è quella che definirei una via di mezzo. Non si tratta di una gomma ultra performante, ma piuttosto di un equilibrio intelligente ed economico tra morbidezza e durata.

Un paio di dettagli finali sul telaio. Apprezzo sempre la presenza di un secondo supporto per gli accessori sotto il tubo orizzontale. A mio parere, è la cosa migliore che si possa fare per riporre gli accessori all’interno del telaio. Per quanto riguarda la protezione, una singolare protezione del fodero in gomma stampata ha permesso di ridurre il rumore e di mantenere intatta la verniciatura.

Geometria

Una rapida panoramica dei numeri rivela una geometria molto efficiente e moderna. Sulla mia taglia Large, un reach di 480 mm e foderi di 440 mm sono esattamente ciò che chiederei se dovessi farmi costruire una bici su misura. Complimenti a Norco per aver scalato le lunghezze dei foderi specificamente per ogni taglia su una bici di questa fascia di prezzo!

Norco Fluid FS su sentiero

Iniziando dalla configurazione, sono rimasto molto colpito dalla guida alla configurazione di Norco. È semplice e diretta, ma quello che mi è piaciuto particolarmente è che include una sezione con un cursore per il livello di abilità e due opzioni per la posizione in sella: più avanti o più indietro. Ho fatto riferimento alla suddetta guida, ho configurato la mia bicicletta e, a parte un paio di chili in più di pressione degli pneumatici, l’ho trovata perfetta per i miei gusti. Le guide alla messa a punto che consentono di ottenere una buona base di partenza sono ottime, ma la possibilità di regolare la bici in base al proprio livello di abilità e al modo in cui la si guida porta le cose a un livello superiore per ottenere il giusto risultato, fin dall’inizio.

Sulle salite ho trovato la Fluid neutrale sul sentiero. Non mi sono mai preoccupato di usare la leva del lockout, se non per le salite più lunghe, e la bici aveva una sensazione di velocità combinata con un’ampia trazione sui tratti più impegnativi. A parte le sospensioni, la bici trae buona parte della sua abilità in salita dall’angolo sella relativamente ripido – nel caso della mia Large 76,7º (effettivi). In questo modo mi sono trovato in una posizione eretta naturale e confortevole, dove ho potuto scaricare il peso del corpo sulla ruota anteriore nei tratti più ripidi e non ho mai faticato a tirarmi in avanti sulle lunghe salite. Tutto sommato, una scalatrice degna di nota.

Per quanto riguarda la discesa, si tratta di una bici che supera ke sue aspettative sia in termini di capacità che di componentistica. Per quanto riguarda le capacità, continuavo a pensare erroneamente che la Fluid fosse una 150 mm/140 mm. Al punto che un paio di volte mi sono ritrovato a dirlo agli amici e poi ho dovuto correggermi e dire loro che in realtà l’escursione è di 140 mm/130 mm. Sebbene questa bici non abbia particolari caratteristiche o componenti che la rendano “aggressiva”, è in grado di reggere molto bene il confronto. Spesso le bici di questa fascia di prezzo possono fare il loro lavoro, ma iniziano a sentirsi un po’ traballanti o fragili quando si tratta di un ciclista più aggressivo. Non è questo il caso della Fluid e credo che il merito sia da attribuire non a un singolo aspetto, ma piuttosto a un po’ di tutto: sospensioni di alto livello, telaio robusto, freni resistenti e specifiche ben scelte per unire il tutto. Sarei negligente se non menzionassi che anche la geometria è di grande aiuto.

Per quanto riguarda le caratteristiche della maneggevolezza e delle sospensioni, nessuna caratteristica particolare mi ha colpito. Sebbene possa sembrare noioso, non è una cosa negativa. I biker che cercano una bici a questo prezzo probabilmente non sono degli smanettoni che discutono della qualità di guida di un paio di ruote in fibra di carbonio da oltre 2.000 euro o che analizzano grafici e diagrammi cinematici. Piuttosto, è probabile che siano alla ricerca di un mezzo affidabile e robusto di cui potersi fidare e la Fluid è esattamente questo. La curva delle sospensioni è una via di mezzo: né troppo lineare né troppo progressiva, ma piuttosto la giusta combinazione di sensibilità in alto, sostegno in mezzo e buona capacità di resistere ai fondo corsa del fondo.

Sempre in tema di “sensazione di neutralità”, non ho rilevato alcuna vibrazione in frenata e ho trovato che la Fluid avesse una sensazione di rigidità e solidità in curva, senza alcuna flessione del telaio. Viti e link dei perni sono di alta qualità e di facile manutenzione, il che è utile, e il passaggio dei cavi, ben congegnato, ha mantenuto la bici silenziona, rendendo la guida priva di distrazioni. Infine, credo che gran parte dell’agilità di questa bici derivi da una geometria ben scelta, adeguatamente dimensionata e proporzionata alla taglia di ogni ciclista. Quando si esaminano le recensioni di bici che costano il doppio di questo modello, è qualcosa che ci siamo abituati a vedere, ma vale la pena soffermarsi e dare credito a Norco per aver portato questo concetto a un prezzo più basso e per aver riconosciuto che ha adottato questo approccio prima di qualsiasi altro marchio in circolazione.

Conclusioni

Nel complesso, la Fluid FS A1 vanta un rapporto qualità/prezzo che raramente si vede, soprattutto se si tratta di un marchio che non lavora su un modello diretto al consumatore. I componenti scelti con cura e la geometria bilanciata le conferiscono una sensazione di qualità e capacità che le permette di rimanere calma e tranquilla quando si è in difficoltà. Il semplice e collaudato layout delle sospensioni con giunto Horst funziona bene senza dover infilarsi in qualche schema stravagante e dalla dubbia efficacia, e il telaio è saldato e rifinito molto bene. L’unico punto dolente che ho riscontrato con questa bicicletta è che la serie sterzo non si regolava correttamente. O aveva un po’ di gioco o era troppo serrata. Probabilmente si tratta solo di un difetto del modello in test ed è il tipo di problema che può essere risolto dal rivenditore senza grossi problemi.

Norco Fluid FS

Per concludere, si tratta di un elenco piuttosto breve di problemi e questa è la bici perfetta per il tipo di biker che si sta buttando a capofitto nell’investimento in mountain bike. È anche perfettamente adatta a chi ha come obiettivo principalenon svuotare il conto in banca, ma non vuole sacrificare le prestazioni. Quando si parla di rapporto qualità-prezzo, questa bici è difficile da battere, quindi tanto di cappello a Norco per il lavoro ben fatto!

www.norco.com

Commenti

  1. gmr:

    Mi rispondo da solo: se capisco bene dal modernissimo e accessibilissimo sito https://aidaonline7.adm.gov.it/nsitaricinternet/
    le biciclette di importazione sono equiparate a automobili e altri mezzi di trasporto:
    View attachment

    e le biciclette con cuscinetti a sfera proveniente da gli stati uniti d'america cadono nella categoria "altri" paesi View attachment

    e hanno una tassazione complessiva del 40%
    di cui 14 come dazi che si sommano all'iva 22 e 4 = 14 + 22+ 4 = 40%

    View attachment

    Quindi questo è uno dei motivi in base ai quali i marchi che non producono in Europa costano di più; certo alcuni sono marchi boutique ma in generale basta non avere una fabbrica in Europa ed ecco che il prezzo sale significativamente per l'utente finale, che magari è convinto di pagare per avere un prodotto superiore, e forse invece sta solo pagando i dazi.

    O sbaglio?
    penso che arrivino già assemblate dall'Oriente
Storia precedente

Dascalu e Pieterse sono i campioni europei 2023 di XC

Storia successiva

La discesa vincente di Kilian Bron alla Mountain of Hell 2023

Gli ultimi articoli in Test