[Test] Scarpe Ride Concepts Powerline

[Test] Scarpe Ride Concepts Powerline

Simon Silver, 18/06/2020
Whatsapp
Simon Silver, 18/06/2020

Ride Concepts è un nome piuttosto nuovo alle nostre latitudini. Si tratta di un marchio californiano che offre una vasta gamma di scarpe (e anche sandali) per il ciclismo, sia per uomini che donne. Da settembre sarà distribuito da DSB Bonandrini anche in Italia. Abbiamo provato le loro scarpe per pedali flat Powerline.

Specifiche

  • Peso: 435g (taglia 43.5)
  • Materiale: Synthetic, Rubber
  • Colori: Black / Charcoal, Charcoal / Orange, Red / Black
  • Prezzo: $150 USD
  • Suola: DST 4.0 MAX GRIP rubber

Le Powerline hanno la suola in gomma DST 4.0 MAX GRIP. La mescola DST ha una formula proprietaria, abbinata a tasselli dalla forma esagonale. Il numero 4.0 si riferisce a quanto sia morbida la mescola, e proprio la 4.0 è la più morbida della gamma.

La punta della scarpa è avvolta in uno strato in gomma per proteggere le dita dei piedi dai sassi alzati dalla ruota anteriore o da impatti con il terreno.

Dalla foto qui sopra potete vedere lo strato più morbido (grigio chiaro) in una specie di schiuma solidificata, chiamata EVA, fra la suola e la tomaia. Questa schiuma tiene basso il peso, e allo stesso tempo filtra gli impatti dal terreno, quali le vibrazioni trasmesse dai pedali.

La soletta ha degli inserti in D3o, materiale conosciuto per il suo uso nelle protezioni quali le ginocchiere: è morbido al tatto, si indurisce però quando c’è un impatto. Nelle scarpe il suo scopo è quello di proteggere il piede da colpi di una certa entità, per esempio un salto sul piatto.

La piccola fibbia elastica tiene al loro posto i lacci. Non è la prima scarpa che provo con questa caratteristica, ma spesso l’elastico non è abbastanza stretto, o della misura sbagliata, e i lacci si muovono e fuoriescono. Questo non accade sulle Powerline.

La tomaia perforata lascia entrare un po’ d’aria nella scarpa, mentre le asole in metallo sono molto resistenti e permettono ai lacci di scivolare bene quando si allacciano.

Un pannello interno protegge il malleolo dagli impatti con il telaio.

Su sentiero

Come la maggior parte delle scarpe, anche le Powerline erano un po’ dure all’inizio, ma mano a mano che hanno preso la forma dei miei piedi sono diventate più comode. La soletta con gli inserti D3o e lo strato in schiuma sottostante danno un effetto di ammortizzazione che ho apprezzato sui terreni smossi. Trattandosi di scarpe per pedali flat, la loro prestazione dipende molto dai pedali che si usano. Personalmente sto usando al momento i vecchi Gamut Podium, che hanno una piattaforma abbastanza ridotta, con un grip piuttosto basso se paragonato ad altri prodotti più aggressivi. Ho trovato che la suola DST 4.0 MAX GRIP offre il giusto livello di grip. I tasselli esagonali permettono ai pin di infilarsi bene nella gomma, senza quella sensazione di blocco totale, perché riesco a fare dei piccoli movimenti coi piedi senza doverli staccare dal pedale.

Se si deve spingere la bici, la trazione è buona, fermo restando che i tasselli non sono così pronunciati e che quindi in caso di fango è facile scivolare, come d’altronde con ogni scarpa flat.

Dopo mesi d’uso è chiaro che la qualità delle Powerline è molto alta, perché sono perfettamente intatte e nessuna loro parte ha subito un consumo troppo veloce.

Conclusioni

Le Powerline sono scarpe con un grip che definerei la giusta via di mezzo, con un buon supporto per la caviglia, una soletta comoda, leggere e con un’estetica dalle linee pulite. Malgrado possieda molte scarpe da MTB, queste sono quelle che ho usato quasi esclusivamente da quando le ho ricevute. Consigliate!

Ride Concepts

Commenti

  1. Viste presso uno store (anche online, non so se interessa il link qui) e sembrano ben fatte. Peccato che col mio innato tempismo ero lì per prendere i pedali SPD
  2. Molto interessanti e mi piace la giusta altezza e la protezione del malleolo. Secondo voi calzano pianta larga o sono slim. Io ho la pianta del piede abbastanza ampia e la maggior parte delle scarpe non mi calza . Per ora mi sono sempre trovato bene con Northwave X gli scraponcini SPD e Five Ten per flat
  3. superskinny:

    Ci sono delle Northwave per flat, non molto diffuse, ma ne parlano molto bene nelle recensioni. Visto che l’azienda è italiana dacci un’occhiata
    Le avevo viste e anche provate , ben fatte ma mi sono sembrate meno protettive di molte altre altrimenti le avrei sicuramente prese . Ho poi optato per le 5-10 impact pro.
 

POTRESTI ESSERTI PERSO