Tuta impermeabile Alpinestars Tahoe in prova

35

Alpinestars Tahoe, della serie non esiste cattivo tempo ma solo cattiva attrezzatura. Una tuta impermeabile per girare nelle giornate più bagnate che ci siano. Anche se suona molto come un prodotto destinato alla Terra d’Albione, la verità è che con l’avvento delle ebike è indossabile anche alle nostre latitudini, perché non si rischia di sciogliersi in un bagno di sudore.



.

L’idea dietro alla tuta Alpinestars è quella di lasciare meno aperture possibili, quindi si è di fatto unito il pantalone alla giacca, usando un materiale impermeabile (10K) e traspirante (5K). Le cuciture sono termosaldate, mentre la ventilazione avviene attraverso delle cerniere presenti sui lati e da un’apertura sulla schiena coperta da un pannello impermeabile.

Nel video qui sotto ve le presento nei dettagli, oltre a farci un giro nella pioggia battente. Non cito un particolare importante, e cioé che il cappuccio può essere stratto tramite l’apposito elastico posto sulla nuca.

Non avendo soprascarpe, i piedi si bagnano. Io ho ovviato con un paio di ghette, di quelle che uso d’inverno quando vado a fare scialpinismo, e le scarpe di Shimano in Goretex XM9. Purtroppo le ghette non sono impermeabili, quindi alla lunga l’acqua entra, ma ce ne sono anche di migliori, come queste.

Prima che mi saltiate addosso: nel video dico perché uso una ebike per questo test: in salita si suderebbe troppo con questa tuta indossata e pedalando una bici normale. È anche un prodotto che ben si adatta alle bici elettriche, ma non solo, motivo per cui l’ho pubblicato anche qui su MTB Mag. D’altronde non è di tanto tempo fa il video di Danny MacAskill che girava con un prodotto simile sui suoi sentieri scozzesi, non facendo caso più di tanto ai piedi bagnati.

Il prezzo di listino è di 350€.

Alpinestars
Distrubuito in Italia da DSB Bonandrini

 

Commenti

  1. Queste tute secondo me posso aver u senso giusto in caso di gare tipo di enduro..

    Perché se uno deve uscir apposta sotto la pioggia non so quanto ne valga la pena.. tra l'usura della bici, i trail fradici, la scomodità e il tempo che ci vuole poi a casa a lavare e sistemare tutto..
  2. marco:

    parlo di ghette per un motivo ben preciso che in effetti non ho specificato: i copriscarpe da bici, se devi camminare ogni tanto, si rompono. Inoltre se usi pedali flat li distruggi anche senza camminare.
    si, si, certo... infatti parlavo di tacchette e chi li usa per il commuting "classico" usa pedali senza pin...
    Per camminare (ma dipende dai modelli, ovvio) sono abbastanza robusti ed un paio di stagioni se le fanno...
    i flat coi pin sono mortali :smile:io manco ci salgo se non ho i parastinchi :smile:

    PS: io uso sempre pedali a sgancio (CB eggbeater) sulle mie due bici da diversi anni... nulla di più lontano da un utilizzo AM, Enduro o DH...
  3. organzaprduzione:

    le tute cosi mi piacciono molto, meno il prezzo, io ho ovviato con giacca impermeabile dhb (funziona) e sovrapantaloni impermeabile da vela del deca (14.99€),
    anche se uno cerca "tuta impermeabile moto" ce ne sono una caterva.. dai 20 ai 40 euro
Storia precedente

Novità per la Canyon Sender CFR 2022

Storia successiva

Martin Maes passa all’Orbea Fox Enduro Team

Gli ultimi articoli in Test