Val di Sole – Cosa bolle in pentola?

Val di Sole – Cosa bolle in pentola?

Francesco Mazza, 10/02/2014
Whatsapp
Francesco Mazza, 10/02/2014

La Val di Sole non ha certo bisogno di presentazioni. Nelle recenti stagioni agonistiche è stata un vero orgoglio per l’Italia, grazie alla qualità degli eventi UCI, dalla World Championship del 2008 alle varie tappe di World Cup degli anni a seguire. Ciascun evento è stato riconosciuto, a livello organizzativo, come uno dei migliori della stagione in cui si è svolto, con un’affluenza di pubblico imponente. Il tracciato di DH è stato croce e delizia di tutti i top rider, offrendo spettacolo e adrenalina ai massimi livelli.

Gee Atherton, during Val Di Sole UCI MTB World Cup, Italy. Downhill Round 2.

L’aver appreso alcuni mesi fa, in occasione della pubblicazione del calendario UCI World Cup 2014, che l’evento di Commezzadura non avrebbe avuto luogo per questa stagione, ha lasciato basiti centiniaia di migliaia di appassionati in tutto il mondo, ma soprattutto in Italia. Ma i programmi della Val di Sole per il 2014 non si sono fermati.

Per scoprire meglio cosa è stato fatto in passato e cosa ci aspetta per la stagione alle porte, abbiamo rivolto qualche domanda a Sergio Battistini, membro e segretario del Comitato Eventi Val di Sole, che è il comitato esecutivo istituito per l’organizzazione degli eventi bike più importanti della Val di Sole quali UCI World Cup, UCI World Championship e gare Internazionali.

MTB-MAG:  Ciao Sergio, benvenuto su MTB-MAG.

Sergio Battistini:  Ciao Francesco, grazie per averci contattato.

MTB-MAG:  Val di Sole Events ha avuto l’onore e l’onere di organizzare, fino al 2013, uno degli eventi più apprezzati di ogni stagione all’interno del circuito World Cup, oltre al memorabile mondiale del 2008. Per il 2014 questa fortunata serie si interrompe. Si è già discusso a lungo nei mesi scorsi dei motivi ufficiali e non ufficiali per cui Val di Sole non farà più parte del calendario UCI World Cup, ma ci farebbe piacere ricevere dettagli sull’argomento da una delle persone più coinvolte nella faccenda. Puoi esporci le reali motivazioni di questo cambio di rotta?

Sergio Battistini:  Ho seguito con molto interesse le discussioni sul web relative all’assenza della Coppa del Mondo MTB in Val di Sole nel 2014 e posso confermarti che la volontà di ospitare anche nel 2014 la World Cup da parte del Comitato Eventi era forte.
Quest’anno, come vediamo dal calendario, la Coppa del Mondo è disputata su 9 tappe, delle quali 4 oltreoceano, con l’assegnazione di una tappa in Australia, a Cairns e una negli USA, a Windham, a differenza del 2013, dove su 8 tappe di World Cup ne trovavamo solo 2 oltreoceano. Questa scelta dell’UCI, discutibile o meno, di avere più tappe oltreoceano, ha implicato che qualcuno dovesse rimanere fuori, questo però non significa che non torneremo all’attacco per il 2015 e il 2016 con delle novità.
Abbiamo avuto riscontri molto positivi dall’UCI relativamente all’organizzazione anche di quest’ultima World Cup 2013, dove viene elogiato il livello organizzativo. Questo anno di stop ci servirà sicuramente per tornare a proporci per il 2015 con un percorso XCO e DH rinnovati e ringiovaniti.

p4pb9829651

MTB-MAG:  Val di Sole ha sempre accolto in modo estremamente entusiasta l’evento di 4X, quando era ancora legato alle tappe di World Cup UCI. Ne è testimonianza il fatto che continuiate a ospitarlo con il circuito 4X Pro Tour. Personalmente sono un grandissimo estimatore di questa disciplina, quindi non posso fare altro che ringraziarvi. Qual’é il motivo che vi porta a investire, con tanta determinazione e impegno, in questa disciplina spettacolare ma tanto bistrattata? Forse siete riusciti a vedere oltre la miopia dell’UCI, cogliendo il vero valore di questo sport?

Sergio Battistini:  Il Four Cross raccoglie una media di 10.000 spettatori durante l’evento. Questi spettatori affollano l’arena dell’area traguardo, così come i lati dell’intera pista di 4X. Vedere così tanta gente assiepata a divertirsi ed esultare, ci riempie di soddisfazione. È uno spettacolo nello spettacolo.

MTB-MAG:  Il vostro grande impegno nell’organizzare eventi di Coppa del Mondo, aveva lo scopo di creare indotto per l’evento stesso, o volgeva a richiamare in Val di Sole un turismo legato alla Mountain Bike anche per il resto della stagione?

Sergio Battistini:  Questi eventi importanti che organizziamo e abbiamo organizzato, hanno portato notevoli riscontri alla nostra valle in termini di notorietà del marchio Val di Sole – Trentino, a livello turistico internazionale. Ovviamente uno degli obiettivi è quello di fare conoscere ai bikers la Val di Sole e tutto quello che questi possono trovare per sbizzarrirsi a bordo delle loro bike. La Val di Sole è terra di bikers e proprio per questo abbiamo creato il marchio Val di Sole Bike Land, sul cui sito web gli utenti possono trovare sia gli eventi bike che le proposte per gli amatori delle due ruote: la famosa pista ciclabile con il servizio treno+bici e bicibus, le scuole di Mountain Bike, i noleggi, i 29 percorsi mtb e il Bike Park.

48039d1388256091-val-di-sole-treno-dolomiti_exprerss_bici2

MTB-MAG:  Grazie a questi eventi, la popolarità della Val di Sole per i biker di tutto il mondo è comunque cresciuta a livello esponenziale. Che tipo di riscontro ha registrato il territorio rispetto a questo settore del turismo?

Sergio Battistini:  Il territorio ogni anno migliora e incrementa i servizi per i bikers. Abbiamo un’offerta veramente ampia che soddisfa le esigenze di tutti: dalla facile pista ciclabile per le famiglie, con la possibilità di rientrare a monte con il trenino, fino ai percorsi “belli tosti” di Downhill e Freeride per i biker in cerca di adrenalina ed emozioni forti.

MTB-MAG:  Al di fuori degli eventi per cui la Val di Sole è diventata famosa, se un biker vuole girare durante la stagione sul tracciato di gara di DH o di 4X, può farlo? Le piste subiscono manutenzione apposita anche per un utilizzo turistico o vengono sistemate e mantenute solo per lo svolgimento degli eventi? In caso, esiste un servizio di risalita?

Sergio Battistini:  Siamo in un momento di transizione in quanto è stata creata da poco una legge provinciale relativa alla gestione dei park, comunque il Bike Park in estate è aperto da fine giugno fino alla prima settimana di settembre, stesso periodo di apertura di una veloce e spaziosa telecabina 8 posti. Abbiamo 5 percorsi Downhill, il divertentissimo Four Cross e percorsi a cospetto delle Dolomiti partendo dalla stazione a monte (alt. 2.040m), con una “front” o con la vostra enduro. La gestione al momento è affidata al Volontariato della ASD Centro Bike Val di Sole, della quale sono il presidente e soprattutto operaio per la manutenzione dei tracciati!

4x-overview1

MTB-MAG:  Per quanto riguarda il normale escursionismo in MTB, dal Cross Country al Trail all’All Mountain, esiste una buona varietà di percorsi dedicati? Le tracce della Coppa del Mondo XC sono agibili?

Sergio Battistini:  Abbiamo una scelta di 29 percorsi di varia difficoltà, le quali tracce GPS si possono scaricare dal sito dell’APT di Val di Sole. Inoltre, per chi è meno allenato e preferisce la discesa alle faticose salite, si può utilizzare l’impianto di risalita di Daolasa e arrivare comodamente fino a quota 2.040 metri, per poi scendere fino alla partenza a quota 800 metri.
Parte del percorso XCO di Coppa è praticabile. Alcuni tratti sono inagibili in quanto su terreni privati o in area boschiva non percorribile al di fuori dell’evento.

MTB-MAG:  Le leggi della Regione Trentino che pongono il divieto alle Mountain Bike su alcune tipologie di sentieri, hanno ripercussioni sul vostro territorio?

Sergio Battistini:  In Val di Sole la convivenza tra pedoni e bikers è buona. I sentieri individuati per l’utilizzo delle bike non sono particolarmente praticati da escursionisti a piedi e in quei casi, dove si “convive”, sta sempre al biker tenere un comportamento corretto e rispettoso di chi il bosco preferisce viverlo a piedi. In altre zone del Trentino sono al corrente che i problemi di questo tipo sono piuttosto grossi.

internazionali xc val di sole

MTB-MAG:  Per la stagione 2014 siete in calendario per un Internazionale di XC  e per una iXS European Cup per quanto riguarda il Downhill. Come mai la scelta è ricaduta su questo tipo di eventi?

Sergio Battistini:  Ormai da 6 anni Vermiglio ospita una tappa del più importante circuito XCO Internazionale d’Italia, denominato Internazionali d’Italia Series. Quest’anno la data sarà il 14-15 giugno e ospiterà il sabato le categorie Master, con un circuito rinnovato.
Non più tardi, il 28-29 giugno, a Daolasa ospiteremo la Coppa Europa di Downhill iXS, circuito rinomato e approvato dall’Unione Ciclistica Internazionale. In concomitanza ospiteremo anche il massimo circuito internazionale di Four Cross, il 4X Pro Tour. Week end da non perdere per lo spettacolo unico! Con questa gara internazionale di Downhill, potremmo testare il percorso DH che abbiamo tracciato l’autunno scorso.
La stagione si chiude il 30-31 agosto con la Val di Sole Marathon, gara XCO con percorso veramente spettacolare a cospetto delle Dolomiti di Brenta. Il percorso lungo è di 60km e quello corto di 31km. Gara inserita nel circuito Trentino Mtb, assolutamente da non perdere!

MTB-MAG:  Il tracciato dell’Internazionale di Cross Country ricalcherà lo stesso utilizzato per le prove di Coppa del Mondo?

Sergio Battistini:  Come ti dicevo sopra, gli Internazionali d’Italia si disputeranno a Vermiglio, invece la World Cup XCO abitualmente si svolge a  Daolasa.

UCI_3_pack

MTB-MAG:  Per quanto riguarda la gara di DH del circuito europeo iXS invece, la famosa pista di World Cup resterà la stessa o verrà rinnovata, magari inserendo qualche dettaglio “new school”?

Sergio Battistini:  Il percorso è stato rinnovato al 70%. Abbiamo inserito delle sezioni più scorrevoli in cima, un bel road gap di 20 mt, una linea meno situata sulla massima pendenza, che gira maggiormente, diversi jump sul percorso e appena prima dell’arrivo è stato rifatto il Pippo Jump, bel trampolino di terra che spara i bikers su una nuovissimo appoggio.
Non temete che il carattere Val di Sole non mancherà sicuramente: la sezione The Hell rimane più insidiosa che mai.

MTB-MAG:  Sarà sempre Pippo Marani il responsabile della realizzazione e manutenzione del tracciato di Downhill per l’evento?

Sergio Battistini:  Pippo è sempre dei nostri. Quando arriva lui i sassi si spostano e le radici si ritraggono!
Quest’autunno abbiamo girato nel bosco assieme al Delegato Tecnico UCI per vedere di trovare il meglio per fare un percorso tecnico, meno pericoloso, dove gli atleti possano avere maggior respiro e divertirsi con qualche jump in più.

Val di Sole WC transfer and day 1

MTB-MAG:  Avete in programma anche altri eventi per la stagione in corso?

Sergio Battistini:  Aspettiamo tutti gli amici bikers il 9 marzo a Cogolo di Pejo per LA Winter Downhill, divertente gara di Mountain Bike in notturna sulla neve: gobbe, paraboliche e drittoni per iniziare la stagione in discesa.

MTB-MAG:  Grazie per la disponibilità e in bocca al lupo per i prossimi eventi.

Sergio Battistini:  Grazie a voi per lo spazio che ci dedicate. Un ringraziamento ai nostri sponsor che ci sostengono e a tutti i volontari, che sono il vero motore di tutti i nostri eventi.

 

daolasa val di sole paddock

 

 

POTRESTI ESSERTI PERSO