07/10/2013
Whatsapp
07/10/2013

La mia guida, Stacey, all’interno del suo ufficio mi chiede con tono fermo: “Are you ready?

Dopo aver annuito la seguo in una sorta di macchina del tempo: varcata una porta si torna indietro di 70 anni.

IMG_2909

Siamo a Smethwick, periferia di Birmingham, West Midlands, England. La sede della fabbrica di selle forse più famosa al mondo: Brooks.

John Boultbee Brooks, figlio di un sellaio della campagna del Leicestershire, partì da casa per la città con soli 20£ in tasca, ed in breve tempo riusì a fondare l’azienda nel 1866 a Snow Hill, nel centro di Birmingham, cominciando con la fabbricazione di selle e redini per cavalli.

IMG_2907

La leggenda vuole che il suo cavallo, con cui si recava al lavoro, un giorno morì, e per questo il 19enne John si fece prestare una bicicletta da un amico. La sella (in legno) non soddisfece il signor Brooks che decise di fare qualche esperimento con la pelle.

Nell’autunno del 1882 depositò i primi brevetti per una sella da bicicletta in pelle e di li a poco il successo arrivò, facendo espandere la fabbricazione dalle selle alle borse all’abbigliamento con la creazione della divisione Stag and Antler nel 1914, che avveniva a nord di Manchester, come ancora oggi, tranne le borse in cordura che vengono prodotte in Italia.

Mr Brooks ebbe due figlie che però non ne volevano sapere di continuare il business biciclistico, quindi nel 1950 l’azienda passò in mano del figlio Wilfred Mason, che la vendette poi, nel 1958 alla Raleigh, che spostò la produzione da Birmingham a Smethwick (pochi kilometri di distanza) dove si trova attualmente.

Ebbene, la proprietà oggi è in mani…Italiane! Dal 2002 la Brooks è proprietà del gruppo Selle Royal di Vicenza.

Ma torniamo alla macchina del tempo. Il sito dove si costruiscono oggi le selle Brooks è un capannone pieno zeppo di presse e macchine risalenti agli anni ’40 e ’50. Rumorosissimo, ma con musica rock ad alto volume che incredibilmente è udibile.

IMG_2928

Il processo produttivo comincia dalle materie prime, che in questo caso sono due: tondino metallico (acciaio o titanio) e pelle.

Il primo arriva in matasse che poi vengono sbobinate e tagliate a misura da una macchina.

IMG_2915

IMG_2925

Il passaggio successivo è quello di essere piegato per formare la “forchetta” che consiste nel telaio della sella su cui viene fissata la pelle, o o intrecciato per fare le molle montate su alcuni modelli ammortizzati.

IMG_2920

IMG_2922

IMG_2921

Per quanto riguarda la pelle, questa arriva come “scarto” dall’industria alimentare, da bestiame proveniente da Inghilterra, Irlanda e Svezia. La parte scelta è quella giusto dietro la spalla e viene conciata in Belgio e Svezia. Alla Brooks viene prelevata ed esaminata da un esperto conciatore e tagliatore. Che verifica che non ci siano pieghe o imperfezioni che potrebbero rivelarsi fatali per le ciclistiche terga. Fatto questo, con delle fustelle taglia il pezzo grazie ad una pressa. Ovviamente ogni modello richiede una fustella differente.

IMG_2955

IMG_2963

Se vi chiedete cosa ne facciano dei piccoli scarti di pelle avanzati dal taglio, eccovi la risposta: manopole

IMG_2950 IMG_2951

Ma torniamo al reparto hardware. Tra una meritata cup of tea e l’altra, tutta la preparazione dei telai delle selle viene fatta manualmente. Dalla curvatura al montaggio delle molle.

IMG_2935 IMG_2937 IMG_2939 IMG_2940 IMG_2941  IMG_2943 IMG_2944 IMG_2945 IMG_2946 IMG_2947 IMG_2948

Idem per i “naselli” delle selle, che devono ricevere la vite per essere tensionate. Come molti di voi sapranno, la pelle dello scafo deve essere messa in tensione per avere la giusta “durezza”. L’operazione si fa con una macchina che è tarata a seconda del modello ed in base a quella gira la vite sulla punta della sella. Ma l’operatore alla fine “assesta” il tutto con qualche bella martellata e “saggiando” la durezza con i pollici. Un mix di esperienza e automatismi.

IMG_3001 IMG_3000

IMG_2998 IMG_2997

IMG_3007 IMG_3006 IMG_3005 IMG_3004

Ma facciamo un altro salto indietro. La pelle, dopo essere stata tagliata, viene “ammorbidita” in delle vasche piene di una soluzione di acqua ed ingrediente sapientemente custoditi.

IMG_2966

Fatto questo vengono messe su una pressa, che, sempre a seconda del modello, da la forma esatta perché la pelle possa essere montata sul telaio. Non prima però di essere stata asciugata sotto un potente getto di aria calda (che fa sudare all’istante anche a solo passarci vicino-ndr-)

IMG_2967

IMG_2972 IMG_2970 IMG_2969

Così trattate gli “scafi” vengono fatti rinvenire in forno per un tot di tempo. E poi sono pronti per essere montati.

IMG_2975 IMG_2974 IMG_2973

IMG_2982 IMG_2980

IMG_2983

Quindi montaggio placchette con marchio e modello

IMG_2978 IMG_2977 IMG_2976

A questo punto, preparato lo scafo ed il telaio, il tutto viene assemblato assieme, tramite dei rivetti, che vengono inseriti in fori praticati a macchina e poi martellati. Tutto a mano, uno per uno.

IMG_2994 IMG_2993  IMG_2990 IMG_2989

Fatto questo non resta che il lavoro di rifinitura. La lucidatura, anche questa fatta a mano.

IMG_3012 IMG_3011 IMG_3010 IMG_3009

Ogni tot selle prodotte ne viene prelevata una a campione e messa su una macchina dove viene “pressata” 1 milione di volte per vedere se tutto funziona a dovere

IMG_2917

Le selle sono quindi pronte per essere impacchettate

IMG_2914

IMG_3003

IMG_3013

Tutto secondo specifiche, artigianalità e metodi invariati nel tempo

IMG_2987

IMG_2927

 

http://www.brooksengland.com/

 

 

POTRESTI ESSERTI PERSO