Workshop: rigenerare un cuscinetto industriale sigillato

Workshop: rigenerare un cuscinetto industriale sigillato

12/09/2012
Whatsapp
12/09/2012

di Daniel Naftali

Tutti i cuscinetti, anche quelli di alta qualità, prima o poi si bloccano o cominciano a scorrere male. Per quanto possano essere sigillati infatti acqua e sporco riescono comunque a penetrare all’interno, dilavando il grasso e provocando la formazione di ruggine. Quest’oggi vedremo come rigenerare, in poche semplici mosse, un cuscinetto industriale sigillato.

Cuscinetti industriali: non sono a manutenzione zero?

Per quanto un cuscinetto possa avere guarnizioni di buona qualità, queste non potranno mai schermare completamente l’interno dall’ingresso dell’acqua e dello sporco. Anche le guarnizioni in gomma (2RS) non possono assicurare la perfetta tenuta stagna: guarnizioni stagne significherebbero un’elevata resistenza allo scorrimento, cosa che i produttori di cuscinetti vogliono evitare.

L’acqua quindi entra, dilava il grasso e provoca la formazione di ruggine. La ruggine intacca le sfere e le piste, creando irregolarità e rendendo ruvido il rotolamento delle sfere stesse. L’assenza di grasso lubrificante poi peggiora ulteriormente questa situazione, portando certe volte il cuscinetto a gripparsi.

Sebbene spesso la sostituzione sia più comoda e rapida, visto spesso l’elevato costo dei cuscinetti e la loro difficile reperibilità (specialmente per quanto riguarda le serie sterzo), è comunque possibile aprire un cuscinetto sigillato, pulirlo, sbloccarlo e reingrassarlo. Si tratta di un’operazione semplice, a costo zero, che consente nella maggior parte dei casi di recuperare cuscinetti anche completamente bloccati.

Naturalmente non ha senso aprire un cuscinetto nuovo o che scorre bene, correremmo solo il rischio di far entrare sporco o sostanze estranee e di pregiudicarne la durata.

Al lavoro!

Mettiamoci quindi al lavoro. Procuriamoci come prima cosa un piano di lavoro pulito, lontano da polvere e sporco, quindi ci serviranno:

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222688&s=576&uid=3504[/img]

  • Grasso per cuscinetti: lo potete reperire nelle rivendite di cuscinetti o presso i grossi ferramenta. Non andate al risparmio: il segreto di un buon cuscinetto è un buon grasso. Se lo trovate prendetelo in tubicino con l’apposito ingrassatore: sarà più facile da applicare.
  • Cutter o coltello: ci servirà per sollevare la guarnizione in gomma
  • Cacciavite a taglio o punterolo: per smontare il cuscinetto
  • Prodotto sbloccante: necessario quando il cuscinetto è grippato
  • Sgrassatore: non presente in foto perchè troppo ingombrante, ci servirà anche una bomboletta di un buon sgrassatore industriale spray per pulire per bene l’interno del cuscinetto. In alternativa possiamo usare anche del petrolio bianco in un barattolo.

Bene, ora che abbiamo tutto possiamo cominciare. Di seguito ci occuperemo del cuscinetto di un movimento centrale di tipo BSA a calotte esterne.
[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222689&s=576&uid=3504[/img]
Il cuscinetto è grippato e va sbloccato, altrimenti il perno della guarnitura striscia al suo interno usurandosi. Naturalmente le operazione che vedremo valgono per qualsiasi cuscinetto della nostra bici, dalla serie sterzo, ai cuscinetti del carro, a quelli dei pedali.

1) Rimozione cuscinetto: come prima cosa rimuoviamo il distanziale in plastica, liberando il cuscinetto. Come possiamo vedere terra e sporco sono ovunque!
[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222690&s=576&uid=3504[/img]
Ribaltiamo la calotta e colpendo alternativamente con un punteruolo prima a destra e poi a sinistra rimuoviamo il cuscinetto.
[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222691&s=576&uid=3504[/img]
Ci troviamo in questa situazione:
[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222692&s=576&uid=3504[/img]

2) Pulizia esterna: con lo sgrassatore puliamo esternamente il cuscinetto, rimuovendo ogni traccia di sporco. Questo è importante per evitare che polvere o sabbia possa finire all’interno del cuscinetto.
[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222693&s=576&uid=3504[/img]

3) Rimozione guarnizioni: questa è la parte più delicata. L’obiettivo è di rimuovere le guarnizioni senza danneggiarle. Utilizzando la lama del cutter, cerchiamo di inserirci tra la guarnizione in gomma e la pista interna di scorrimento. Consiglio di lavorare tra pista interna e guarnizione perché lo spazio tra i due è maggiore rispetto a quello tra pista esterna e sigillo. Non a caso durante la rotazione, la guarnizione rimane solidale con la pista esterna, mentre quella interna ruota al loro interno.
[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222694&s=576&uid=3504[/img]
Se lavoriamo con calma riusciamo a rimuovere comodamente la guarnizione senza danneggiarla o bucarla. Ripetiamo poi l’operazione dall’altro lato.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222695&s=576&uid=3504[/img]

Come vediamo l’interno del cuscinetto è pieno di sabbia e ruggine.

4) Pulizia e sbloccaggio: ora che il cuscinetto è aperto dobbiamo pulirlo per bene al suo interno. Se il cuscinetto è grippato, applichiamo in abbondanza un prodotto sbloccante (WD 40, nel nostro caso) lasciandolo agire qualche minuto. Successivamente cerchiamo di sbloccare il cuscinetto facendo ruotare la pista interna. Di solito all’inizio la pista ruota di poco, ma mano a mano che si procede l’angolo di rotazione aumenta, fino a che ad un certo punto si sblocca ruotando liberamente di 360°. Se non riusciamo a mano, possiamo forzare la rotazione con delle pinze o un expander.
[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222696&s=576&uid=3504[/img]
Sbloccato il cuscinetto, dobbiamo ora pulirlo. Utilizziamo lo sgrassatore spray o il petrolio bianco ed aiutiamoci facendo ruotare il cuscinetto. Una grossa quantità di ruggine e sporco verrà fuori dalle biglie, che ora sono libere di ruotare. Alla fine l’interno del cuscinetto, prima pieno di sporco risulterà pulito.
[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222697&s=576&uid=3504[/img]
La rotazione delle biglie potrà risultare poco fluida e rumorosa: è normale, visto che non c’è grasso.

5) Ingrassaggio: dopo aver pulito anche le guarnizioni, procediamo all’ingrassaggio. Applichiamo abbondante grasso tra le sfere, fino a riempire tutto lo spazio disponibile.
[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222698&s=576&uid=3504[/img]
Rimontiamo quindi la guarnizione, semplicemente premendola con le dita.
[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222699&s=576&uid=3504[/img]
Ripetiamo l’operazione anche per l’altro lato e puliamo il cuscinetto con un panno: il grasso in eccesso è inutile ed attirerebbe solo polvere.

6) Rimontaggio: puliamo per bene la sede del cuscinetto, applicandoci un leggerissimo velo di grasso. Inseriamo quindi il cuscinetto a pressione. Possiamo utilizzare la stessa tecnica che abbiamo usato per estrarlo, ovvero battere sulla pista esterna alternativamente in punti diametralmente opposti.
[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222700&s=576&uid=3504[/img]
Con piccoli colpi ed un po’ di pazienza il cuscinetto entra in sede.
[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222701&s=576&uid=3504[/img]

A questo punto abbiamo finito. Rimontiamo lo spessore di plastica tra cuscinetto ed asse della pedivella ed il nostro movimento centrale è come nuovo!
[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=222702&s=576&uid=3504[/img]