ABUS Moventor 2.0 MIPS

ABUS Moventor 2.0 MIPS con Quin in prova

9

ABUS ci ha recentemente inviato in prova il suo nuovo casco da XC, Trail e downcountry (parole loro, non mie). Un prodotto piuttosto leggero il Moventor 2.0, dotato di MIPS e di un dispositivo Quin di sicurezza per il rilevamento degli urti.

ABUS Moventor 2.0 MIPS

Dettagli ABUS Moventor 2.0 MIPS

  • Taglie disponibili: Small, Medium (in prova) e Large
  • Peso verificato: 338 grammi con Quin
  • Grigio, rame o nero
  • Sistema di chiusura regolabile in altezza
  • Visiera compatibile con maschera
  • Sistema MIPS
  • 19 porte di ventilazione
  • 159.95€

ABUS Moventor 2.0 MIPS

Il Moventor 2.0 utilizza il sistema Mips per una maggiore sicurezza e protezione dagli impatti rotazionali. Ho apprezzato il fatto che le imbottiture avvolgono completamente e ininterrottamente la fronte fin dietro alle orecchie. Questo impedisce al sudore di colare sul viso.

ABUS Moventor 2.0 MIPS

Dall’alto, in senso orario: ABUS utilizza un sistema di chiusura a rotella abbastanza standard e ai lati due bande riflettenti. Il sistema si regola in altezza con ampio range e la rotella è facile da usare durante la guida. È anche compatibile con la coda di cavallo. Le cinghie si ancorano in punti fissi nel casco e si collegano a un giunto a Y.

La viteria della visiera è grande e facile da usare con una moneta e finora non si sono allentate. I fermi tra le posizioni della visiera sono facili da percepire. Tuttavia è facile che non restino allineate da lato a lato, con l’effetto di una visiera storta all’insaputa del rider.

Il range di regolazione della visiera è ampio quindi consente di riporre facilmente sia la maschera che gli occhiali.

Il sistema Quin si inserisce in una piccola feritoia nella parte posteriore del casco. Si carica con un piccolo cavo USB e ha una luce blu lampeggiante. Basta muoverlo per attivarlo e abbinarlo al proprio smartphone tramite l’applicazione Quin.

Con il sistema Quin installato, in taglia media pesa solo 338 grammi sulla nostra bilancia.

ABUS Moventor 2.0 MIPS sul campo

Partendo dalla vestibilità, contrariamente a quanto afferma ABUS sul loro sito web, il casco resta leggermente alto sulla mia testa. I caschi sono una cosa molto personale e alcuni biker preferiscono marche specifiche per come vestono. Va detto anche che ho avvertito un po’ di pressione agli angoli della fronte, ma non abbastanza da distrarmi. La copertura penso sia abbastanza buona e sono abituato a caschi più orientati verso il segmento AM/enduro. Dato che il Moventor 2.0 è rivolto al “downcountry”, penso che il livello di protezione sia davvero buono. Ho sentito sia il sistema MIPS che le imbottiture molto comodi e non facevano rumore, il che è un bene.

I giunti a Y sulle cinghie sono nella posizione perfetta per me. Sui trail ho trovato che il Moventor 2.0 faccia un lavoro straordinario e permette all’aria di fluire anche nei giorni più caldi, gestendo bene anche il sudore poiché non me ne è mai arrivato negli occhi o sugli occhiali. Le cinghie e il sistema di chiusura sono comodi, facili da usare e il casco non ha mai sballottato nemmeno nei tratti sconnessi. Posso dire che si tratta di un casco bello, comodo e che ispira fiducia in relazione alla sua destinazione d’uso

Quin

Volevo prendermi un momento per parlare del Quin. È funzionalmente simile al sistema ANGI che Specialized ha utilizzato sui suoi caschi. In breve, scarichi un’app, ti registri e inserisci fino a 3 contatti di emergenza che verrebbero raggiunti in caso di urto violento.

Il dispositivo Quin è piuttosto piccolo: solo una manciata di centimetri di larghezza e forse un paio di altezza. Le caratteristiche principali sono tutte evidenziate qui sopra.

È interessante notare che Quin ha un’app che va ben oltre il semplice rilevamento degli incidenti. Gli screenshot qui sopra provengono dalle 5 diverse pagine visualizzate dall’applicazione sullo smartphone. Si può utilizzare l’app per registrare chilometraggio, velocità, altitudine e potenza, se si vuole. Personalmente non ho trovato utile usare questo in aggiunta o al posto di Strava, ma altri biker potrebbero essere interessati.

Conclusioni

Ho trovato il Moventor 2.0 un casco leggero, confortevole e sicuro, ben areato e con ampio range di regolazione della visiera e del suo sistema di chiusura. Raggiunge il suo obiettivo di essere una scelta robusta per il segmento “downcountry” in cui i biker potrebbero volere più protezione rispetto al classico caschetto da XC, ma senza dover optare per un casco da enduro. Per quanto riguarda il prezzo, a 159.95€ non è che sia economico ma di questi tempi, con funzionalità come Mips e Quin, ci si potrebbe aspettare prezzi anche maggiori.

ABUS

 

Commenti

  1. Bello! Segnalo che a catalogo esiste anche senza quin e volendo anche senza mips, e si trovano tutti a prezzi interessanti, compreso questo. Peccato per la fibbia tradizionale invece che magnetica.
  2. mago68:

    Esistono delle certificazioni…
    Fai come credi. Esistono anche enti certificatori che si fanno corrompere.. o esistoni anche tecniche per far un casco in modo che super solo un test specifico..

    Io personalmente al peso un pò ci guardo ma non certo sul casco.. 100 grammi in più (che è un sorso di borraccia) per proteggere la cosa più importante che abbiamo direi è un "sacrificio" che posso sopportare

    Vengo dal motocross dove ho sempre e solo avuto Shoei che si solito stava sui 1300/1400grammi.. e c'erano case come Airoh che come punto forte davano la leggerezza (850/900g) .. beh purtroppo mi è capitato di vedere incidenti davvero brutti con quei caschi..

    PER ME un produttore di caschi può spingere su tutto per accaparrarsi il cliente.. ma non sul peso..
  3. lorenzom89:

    Fai come credi. Esistono anche enti certificatori che si fanno corrompere.. o esistoni anche tecniche per far un casco in modo che super solo un test specifico..

    Io personalmente al peso un pò ci guardo ma non certo sul casco.. 100 grammi in più (che è un sorso di borraccia) per proteggere la cosa più importante che abbiamo direi è un "sacrificio" che posso sopportare

    Vengo dal motocross dove ho sempre e solo avuto Shoei che si solito stava sui 1300/1400grammi.. e c'erano case come Airoh che come punto forte davano la leggerezza (850/900g) .. beh purtroppo mi è capitato di vedere incidenti davvero brutti con quei caschi..

    PER ME un produttore di caschi può spingere su tutto per accaparrarsi il cliente.. ma non sul peso..
    Ora che ci sia corruzione e quindi certificazioni farlocche da parte di grandi marchi internazionali non voglio neppure prenderlo in considerazione, altrimenti si parla di terrapiattismo e roba del genere. Comunque visto che faccio all mountain- enduro uso un Bell con mentoniera rimovibile certificato DH e credo che rispetto a qualsiasi caschetto aperto più o meno pesante sia più sicuro per davvero.
Storia precedente

Con l’uniciclo fra canyon e dirupi

Storia successiva

Schwalbe presenta il nuovo pneumatico Gravel da competizione: G-ONE RS

Gli ultimi articoli in Test