Ciclocross e XC – un workout per voi

Ciclocross e XC – un workout per voi

10/02/2015
Whatsapp
10/02/2015

Il ciclocross è una di quelle specialità ciclistiche che più sono in crescita al momento, una delle più affascinanti e più complesse da analizzare come gesto atletico. Alcuni lo utilizzano come preparazione invernale, altri lo praticano come principale specialità. In ogni caso vale la pena approfondire per aiutarvi a capire meglio il gesto.

Dal momento che questo articolo uscirà alla fine della stagione di gare cx, non risulterebbe di nessuna utilità raccontare di come e perché allenarsi in certi modi in bike; ecco perché dopo una piccola intro, oggi vi farò vedere un workout completo da me sviluppato da fare in palestra o a casa studiato inizialmente per cx, ma…adattato un pelo, ottimo anche per il pieno periodo agonistico di mtb xc che sta per arrivare. Scopriremo infatti che molte cose accomunano alcune gare di cx al xc, e proprio per questo l’uno è propedeutico all’altro  e viceversa. Il supporto degli allenamenti in palestra è fondamentale per spostare il livello un pochino più in alto in entrambe le specialità. Verso agosto inizieremo a parlare della preparazione atletica in bike per la stagione invernale cx.

IL GESTO ATLETICO

cx1

Analizzando un file proveniente da una gara di cx potremmo vedere che si tratta di uno sforzo molto intenso di circa 40-75 minuti. Durante questo lasso di tempo si eroga una potenza media corrispondente circa alla nostra FTP (potenza a soglia), ma molto spesso superiore. Il problema è che questo dato tiene conto anche dei momenti in cui non si pedala, delle zone tecniche in cui magari ci ritroviamo a saltare dei tronchi, o delle fasi di running. Ergo se approfondiamo un pelo potremmo notare che il gesto è composto di tantissimi microscatti, di una potenza molto superiore alla FTP di circa 15/45 secondi (esclusi rettilinei di arrivo molto lunghi ad esempio). Questa continua alternanza di fasi on e off faranno anche si che lo sforzo per il 90% degli atleti risulti più duro di quello che il misuratore di potenza ci viene a raccontare: NP, ovvero normalized power che prende i dati di potenza grezza e li riporta in un numero – sempre in watt – che meglio rappresenta lo sforzo reale del gesto, sarà quasi sempre superiore alla media dei watt reali à di conseguenza IF (NP/FTP), intensity factor, superiore a 1.

cx3

Ecco perché arrivare, dopo avere messo le basi, a fare allenamenti in soglia, ‘perché la media della gara è in zona soglia’ non basta per fare una prestazione eccellente, così come fare lavori progressivi o f&o possono non bastare. Va da sé che il running, in quanto fase importante della gara, va anch’esso allenato, per essere abituati al gesto in questo caso (non c’è bisogno di fare grossissime ripetute a meno che per motivi di tempo, non si sia costretti a correre in allenamento come sostituto della bike. Basterà allenare il gesto con sedute blande) e non far sì che quei 10 metri di corsa si trasformino in quella fase di gara in cui inizia la crisi.

cx2

Ma su questo ci torneremo ad agosto, consci ora che un tale gesto, per la sua varietà e la molteplicità di caratteristiche richieste, è un ottimo allenamento per la stagione di xc…chiaro è però che servirà una grandissima sensibilità sul mezzo, servirà avere una coppia ‘intelligente’ perché spesso la potenza è applicata su un terreno fangoso dove ora, ¼ di rivoluzione di pedalata arriva al terreno con poca dispersione, mentre il ¼ successivo con altissima dispersione o slittamento (essere dunque veloci ad ascoltare cosa succede e dosare di conseguenza), occorrerà avere un core allenatissimo per i repentini cambi di direzione sul viscido e una buona condizione generale.

Quello che seguirà è un workout ideato per un solo giorno a settimana in fase agonistica piena (cx ma anche come dicevamo in certi casi mtb) da tenere il più possibile lontano da we e/o allenamenti intensi in bike. Inoltre vi darò degli spunti per alcuni esercizi che potranno essere fatti in qualsiasi periodo della stagione inseriti in un altro criterio di scheda, estrapolato da circuito e utilizzato per migliorare una singola carenza.

WORKOUT

Si inizia con una pedalata blanda di 10 minuti in cui inseriamo delle agilizzazioni oltre 105 rpm (senza sforare dal ritmo lungo) per prepararci agli esercizi successivi.

cx4

Se la seduta si svolge lontano da gare (inteso come settimana), o se ci piace variare, possiamo darci dentro un pochino di più sostituendo il classico riscaldamento con un circuito da ripetere 3 volte di fila che inizia con 5 minuti di bike ritmo lento/lungo 90/100 rpm + un affondo particolare che vediamo sotto + un lavoro di fast agility.

Guardate attentamente questo gesto, non è un semplice affondo posteriore, sto spingendo forte ora su un pedale, ora sull’altro. Nel circuito questa stazione durerà dai 20 secondi (se ricerco la velocità e vado rapido) ai 40 secondi (se ho problemi di equilibrio e farò il tutto più lentamente). Mi raccomando: senza carico!

Una delle tante varianti dei lavori di fast agility di cui abbiamo già parlato in un articolo tempo fa. Ci aiutano ad essere più reattivi e lucidi. Possiamo svolgerlo come in video o in forma statica su uno step (salendo e scendendo senza spostarsi lateralmente). Nel circuito questa stazione durerà non più di 10/20 secondi.

Seguirà un esercizio svolto con una normale esecuzione in serie, 3/4×15 con 1.5/2 minuti di recupero, passivo o attivo blando alla bike, molto particolare.

Questo esercizio l’ho studiato qualche mese fa. Mi sono seduto in sala pesi e ho detto ‘lo squat non mi basta, gli affondi non mi bastano, gli step up non mi bastano, voglio ricercare qualcosa che assomigli veramente in tutto e per tutto al gesto della pedalata’…ed ecco che uscì ‘l’affondo pedalata’.

In questo tipo di esercizio abbiamo tutte le componenti della pedalata, la spinta e anche la fase finale di sfruttamento degli estensori a livello del gluteo, che abbiamo in pedalata nelle fasi ‘fuori sella’ (l’avanzamento che vedete a fine gesto). Lo svolgiamo su cuscino o tavoletta propriocettivi per migliorare non solo l’equilibrio, ma anche per imparare a dosare le nostre forze (la coppia ‘intelligente di cui vi parlavo prima’), e lo faremo a corpo libero se abbiamo gare vicine, con manubri, anche pesanti, se siamo in fase di costruzione e vogliamo provare a migliorare il gesto della pedalata e la forza (più che assoluta, per cui torniamo agli esercizi più classici, relativa).

Concludiamo qui la parte di gambe per non affaticarle troppo in periodo agonistico, e passiamo alla parte superiore del corpo. Si riparte con un circuito, da ripetere 3 volte, con recupero attivo di 3/4 minuti di running LENTO, e meglio se in leggera salita per limitare impatto articolare! Ecco qui il gesto della corsa, che se non possiamo o non vogliamo inserire in altre sedute settimanali (non possiamo per motivi di tempo, non vogliamo per limitare i doms) viene integrata a pieno nel workout settimanale in palestra, nel circuito della parte superiore del corpo e non mentre facciamo gambe per non andare ad accumulare troppo lattato (ci lavoreremo abbondantemente nelle sedute in bike). In stagione xc possiamo evitare la fase di running in favore della bike, o di un altro attrezzo meno impattante del tapis a livello articolare, come l’ellittica o il vogatore.

Prima stazione: trx push up-crunch – 8/10 rip

trx push up + crunch in plancia 1    trx push up + crunch in plancia 2

Esercizio da svolgere molto velocemente per non imballarci troppo (posto che abbiamo le basi per farlo), perché no anche con le mani su una superficie propriocettiva.

Seconda stazione: trx row 1 arm – 8/10 rip x parte

trx row 1 braccio 1    trx row 1 braccio 2

Controlla attivamente il core senza farti mandare in torsione! Fantastico svolgere l’esercizio in equilibrio su fitball appoggiata al muro (come nel video in una ennesima altra variante ancora), ma sarà richiesto molto più controllo (è più difficile fare il 1 arm row che quello che vedete sotto, in equilibrio sulla fitball). Anche qui l’esecuzione non sarà mai troppo lenta, compatibilmente con il controllo.

Terza stazione: turkish get up – 2/3 sequenze x parte, non alternate

Ottimo esercizio per tutto il core e di stabilizzazione della cuffia dei rotatori della spalla.

Quarta ed ultima stazione (prima del run): destabilizzazione su fitball 30 sec/1 min

 

Ed ecco che abbiamo creato un workout veloce ed estremamente specifico! Concluderemo o con una decina di minuti di bike a ritmo lento 90/100 rpm e/o con stretching dinamico. Ovviamente ricordatevi che ogni workout deve essere personalizzato sulle possibilità, sugli obiettivi, sui problemini posturali, sulle tempistiche di ognuno, ed è solo così che si otterranno i migliori risultati.

 

Rimarrete sorpresi e stupiti dai miglioramenti in bike!

Appuntamento alla prossima settimana, state sempre connessi che ne vedremo delle belle!

 

Federico Frulloni

Personal fitness trainer & preparatore atletico – FFTRAINING SPORT PERFORMANCE

www.fftraining.it

[email protected]

https://it-it.facebook.com/FedericoFrulloniPersonalFitnessTrainer

3482206686

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Mattia Martini
Mattia Martini

Molto utile e bello come argomento.Avendo fatto tutta la stagione del cx , 19 gare, facendo una preparazione mirata e facendo un’ analisi scientifica della cosa, posso dire che sicuramente ci sono delle grandi affinità con l xc e che uno serve all altro, ma non solo. Serve anche tantissimo la bdc e soprattutto la corsa a piedi.
Ultimo ma non ultimo si allena tantissimo la sensibilità di guida,cosa che poi si ritrova durante l anno.
Personalmente sono 3 anni che faccio cx ad alto livello e sto trovando solo benefici durante l anno, oltre a divertirmi come un matto nel periodo invernale.
A contrario di cosa si può pensare, a livello amatoriale, fare il crossista in inverno non vuol dire rinunciare a competere in primavera/estate,anzi, se allenati correttamente si ha quel qualcosa in più.
Consigliatissimo

gabrireghe
gabrireghe

molto bello!

certo che il turkish get up è veramente complicato…

Frens
Frens

certo che si potrebbe usare i termini italiani quando si può..

KATARRUSO
KATARRUSO

A parte che l’articolo mi pare un po pieno di concetti.
Forse troppi.
Sono d’accordo con la risposta del primo utente cikin.
La base di running ci deve essere.
Ma corsa vera.
Da quel che ho provato visto e sentito.
Più la distanza da coprire e corta più e agevolato il corridore da breve distanza.
Chi fa maratone o mezze maratone, si sorprende di non fare buoni risultati in una tapasciata di 6-7 km.
E si parla di grossa cilindrata ossia fisico per lunghe distanze.
Le ripetute e il controllo di cadenza e passo fanno tanto.
Lallenamamento serve a coprire la distanza spendendo sempre meno energie. Una volta che uno corre decentemente.
Dopo qualche mese ha una base tale da poter correre su superfici irregolari e scarpe inadatte.
In quelle condizioni con una bici a spalla non è che sia proprio running. Ma e ovvio che chi ha le basi avrà una certa economia di sforzo nel gesto.
Ora la domandona e.
Accrocchiare la bici da corsa rischiando di rovinarla?
O partire con una xc magari a disco?
Anni fa non mi piaceva come sport.
Poi conoscendolo meglio l’ho apprezzato .
Il gesto di fare gli scalini in salita rimanendo in sella e tecnica pura.

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

nella bici da corsa non ci staranno mai copertoni tassellati da 32/35… c’è poco da accrocchiare.

Hulk72
Hulk72

puoi avvicinarti ad una gara di cx con una mtb, dato che è consentito, e se il circuito è misto potresti anche trarne vantaggio; se invece è puro cx ovviamente ne sarai un po’ penalizzato

se poi ti piace, potresti cominciare con una cx in alluminio senza grosse pretese, adesso è il momento giusto per buttarsi sull’usato, la stagione è finita e si fanno ottimi affari

sui freni:

i cantilever frenano poco, ma in gara non si frena molto essendo le velocità ridotte, la manutenzione è minima ed è più semplice un upgrade delle ruote; i dischi frenando maggiormente possono dare più sicurezza in allenamento

KATARRUSO
KATARRUSO

Ho scritto xc.
Ma intendevo CX

Mattia Martini
Mattia Martini

Katarruso io eviterei di fare paragoni con la corsa a piedi perchè, essendo anche un runner, frequentando podisti di un certo livello non amatoriale ti posso tranquillamente dire che chi prepara maratone e mezze usa i 5-10 mila per capire la condizione.Ossia se stanno coi primi allora è buona, poi a fare del tempo e chilometri è un altra cosa,ma se manca la velocità non potranno mai competere nelle maratone.
Idem se corri più strada o fai le gf in mtb.E’ molto più facile farle piuttosto che fare un xc o un cx di 1h-1h30 a tutta,dove se hai gamba te la giochi,altrimenti le prendi e vieni doppiato.
Nelle gf te la prendi come vuoi e arrivi sempre,non ti frega della classifica,che tanto dal 30esimo in giù sono tutti uguali.
Se vuoi cominciare col cx la bici da strada no va bene.Non hai passaggio ruota ed è tutta diversa.Diverso invece usare una cx anche su strada,cosa fattibilissima.

gabrireghe
gabrireghe

ma nelle gare di cx è consentito l’utilizzo di una front da xc con magari forca rigida?

mountaindoctor
mountaindoctor

Che io sappia no. Se non mi ricordo male, a inizio anni ’90 a Thomas Frischknecht era stato vietato di usare anche solo il manubrio flat sulla bici da CX. Chi è più sul pezzo mi aggiorni/smentisca.
PS: D’altra parte, non è neppure concesso usare una CX nelle gare di X-Terra

Mattia Martini
Mattia Martini

assolutamente si.Non si possono usare alle prove dei campionati nazionali dove vige il regolamento UCI,ma in tutte le gare italiane amatoriali si possono usare le mtb

sunsetdream
sunsetdream

Il cross e’ uno sport fighissimo, durissimo, ed io l’adoro. Troppo vecchio per provarci e troppe salite e curve dove vivo. Se avessi dei bei pianuroni e parchi e boschetti anziché sentieri sassosi e assolati una bici da cross la comprerei al volo. Ripidi saluti.

Hulk72
Hulk72

ho provato l’affondo pedalata (sia veloce che completo) e in effetti migliora l’efficacia della pedalata, il completo in particolare eseguito lentamente permette di capire i muscoli coinvolti durante le fasi della pedalata

l’uso delle tavolette poi, a mio parere, permette di sentire meglio il pedale sotto il piede e quindi di gestire la trazione

ferenr
ferenr

bellissimo articolo…
grande fede