Dove osano le aquile

27

O forse dovrei dire i gipeti? Oggi sono partito da Livigno per percorrere questo itinerario, che porta al passo del Gallo verso la val Mustair e la val Mora. Lasciato alle spalle il lago di Cancano mi sono trovato da solo nel magnifico ambiente alpino presso il lago di Livigno e, mentre percorrevo un tratto nei pascoli dell’alpe del Gallo, un’ombra enorme si è stagliata sul prato. Mi sono fermato per vedere cosa fosse, ed ecco qui uno degli incontri più belli di sempre con un animale: non si tratta di un’aquila, come erroneamente credevo, ma di un gipeto.

L’ho seguito con lo sguardo per una decina di minuti mentre usava le correnti ascensionali per muoversi e cercare prede. Speravo tornasse verso di me, perché nel frattempo le marmotte erano uscite dalle tane, ma era troppo lontano per vederle.



.

Commenti

  1. gargasecca:

    Si proprio ieri ce ne è passato uno sopra le nostre teste, uccello leggermente più piccolo ma sempre enorme, parliamo di oltre 250cm di apertura alare… :prost:
    lì al monte Magnola li ho visti anche da vicino varie volte, in una occasione mentre erano intenti a mangiare la carogna di un grosso animale.View attachment
  2. Maxxxce:

    Mi spiego meglio…

    noi eravam partiti da Buffalora pedalabile una volta, la seconda dal passo dal Fuorn e saliti su una più ripida e da spallare fino al passo del gallo, poi si scende in un ambiente molto bello di conifere fino al lago di Livigno un po’ più va.anti del tunnel, ( man dal tunnel a li non vi é modo di arrivarci con sentieri) e poi pedalato su una traccia a volte esposta a volte un po’ erosa ma tutta molto più accessibile dell’Alpisella è sicuramente con pochissima gente, fini ai laghi dai Cancano San Giacomo, poi tornando nel primo pezzetto abbiam preso per la parte mora, anch’essa tutta ciclabile è bellissima come panorami e vette, colma di marmotte ( quindi poco frequentata) e fino al passo e discesa fino a Santa Maria Val Mustair…e da li ripreso il postale fino all’auto una volta e l’altra autostop….
    giro bellissimo come panorami tutto ciclabile, discese non troppo tecniche.

    A te ho suggerito, essendo a Livigno se ho capito bene) di fare il tunnel in bici e prendere il postale fino al passo Dal fuorn o Buffalora, e poi arrivando giù dal passo del gallo si raggiungono molto agevolmente i laghi di Cancano e sangiacomo, e da li puoi tornare a Livigno in diversi modi

    View attachment


    giro da 40 km 600 d+ e 1409 d- più rientro in postale
    Da livigno in bici fai il passo Cassana, scendi in Engadina, passo del forno e poi cancano, trela, livigno
  3. marco:

    Da livigno in bici fai il passo Cassana, scendi in Engadina, passo del forno e poi cancano, trela, livigno
    Fatto anche questo.. ma il passo cassana son 600 m a spinta,… poi di flow in discesa su single trail quando l’avevo fatta , appena rimesso a nuovo, negli stessi girni l’aveva fatta anche ste e due ed in salita tutta spinta..almeno io tutta a spinta… magari ebike, mi sembra peggio dell’Alpisella…

    mi sembra un giro enorme..l.l e tutta l’engadina la fai su ciclabile.. se ho capito cosa intendi
Storia precedente

Moreno Gap, anno 2023

Storia successiva

Bontrager Rapid Pack Hydro Climbing Challenge

Gli ultimi articoli in Report e interviste