Mottolino

4 salti al Mottolino 2 anni dopo. La nuova Sic 58!

30

Due anni dopo il primo video, torniamo al Mottolino per girare in bike park. Ormai è diventata una tradizione trascorrere un paio di settimane a Livigno in estate e vedere come i due super giovani progrediscono in sella alle loro bici, dopo un inverno passato sulle piste vicino a casa e a costruire salti nei boschi.

Se vi stupite del livello di riding, sappiate che anche io ogni volta strabuzzo gli occhi per la semplicità e la confidenza con cui si buttano giù per piste e salti. Abbiamo da una parte Axel con una Specialized Status da 170/160mm di escursione, e Oscar con una Canyon Spectral Young Hero da 150/140mm. Telai in alluminio, trasmissioni NX e componentistica robusta. Nel video i ragazzi vi mostrano le bici e cosa hanno cambiato dal montaggio originale.

Per quanto riguarda le protezioni, portano casco integrale, paraschiena e ginocchiere, ma non le gomitiere perché le trovano scomode e continuano a muoversi sulle braccia. Per esempio durante il primo backflip sul duro che trovate nel video. Axel deve calorosamente ringraziare la pettorina Leatt per esserne uscito indenne (niente costole rotte).

I biglietti per il bike park Mottolino costano meno online che non farli alla cassa, quindi cliccate su questo link e risparmiate, se volete andarci.

Questo il video del 2021:

e questo quello del 2020:

 

Commenti

  1. AlfreDoss:

    Scusate ma a me sta leggenda della "tecnica" dei flat e che solo con loro si impara a guidare ha un po' stufato, come coi flat ci vuole la loro tecnica per usarli al meglio anche con gli SPD ci vuole la loro, se no non mi spiego tutto questo terrore generale da parte di chi non li ha mai usati.
    Non è tecnica pure quella?
    Ogni tipologia richiede la propria, punto.
    Se impari a fare il bunny hop e il nosepress con i flat li fai anche con i pedali automatici. Viceversa (probabilmente) no.
    Imparando con i flat è necessario acquisire i giusti movimenti e la giusta posizione del corpo, ma con i pedali automatici ci puoi riuscire anche se non sei perfetto.
  2. gabriele(76):

    Se impari a fare il bunny hop e il nosepress con i flat li fai anche con i pedali automatici. Viceversa (probabilmente) no.
    Imparando con i flat è necessario acquisire i giusti movimenti e la giusta posizione del corpo, ma con i pedali automatici ci puoi riuscire anche se non sei perfetto.
    Ok, come del resto con gli automatici devi imparare altri movimenti, tipo agganciare e sganciare al volo, poi alla fine dal mio punto di vista conta il risultato finale.
Storia precedente

Luca Braidot fa il bis a Vallnord

Storia successiva

Tom Pidcock fa vedere come si va in discesa

Gli ultimi articoli in Viaggi e uscite in mountain bike