[First Ride] Nuovi copertoni Mitas Monarch

21

Durante lo scorso Mountain Bike Connection Summer ho avuto l’occasione di provare per alcune discese il nuovo copertone da enduro Monarch di Mitas. Per chi non conoscesse il marchio Mitas, si tratta di un’azienda della Repubblica Ceca che produce pneumatici dal 1933 e che ha il suo core business nel settore agricolo, dove da alcuni anni detiene circa il 35% della quota di mercato globale.

Nel mondo della mountain bike potrebbe sembrare un nome relativamente nuovo ma in realtà Mitas ha una storia di quasi 20 anni anche nel settore MTB dove precedentemente marchiava i suoi pneumatici con il brand Rubena, che sicuramente molti di voi ricorderanno. Negli ultimi anni Mitas ha deciso di utilizzare il suo nome anche nel settore MTB, dismettendo quindi il brand Rubena ma mantenendo in gamma gli stessi modelli, tra cui per esempio il copertone da gravity Highlander. Allo Higlander recentemente si è aggiunto il Monarch, copertone destinato a enduro e gravity, con tassellatura piuttosto aggressiva e carcassa massiccia.

Rispetto al modello Highlander, prevalentemente destinato alla ruota anteriore, il Monarch ha maggiore polivalenza ed è progettato per un utilizzo sia all’anteriore che al posteriore, in qualsiasi condizione di terreno, quindi dal secco al bagnato, dallo smosso al fondo compatto. Due le misure disponibili come larghezza, 2.45 e 2.60 pollici, entrambe sia in versione 29 che 27.5 pollici.

Il disegno del battistrada propone tasselli ben pronunciati e ben distanziati per mordere bene il terreno e scaricarsi facilmente dal fango ma al contempo sufficientemente continuativi tra la fila centrale e quelle esterne così da offrire una transizione facile da gestire in curva. La forma dei tasselli è piuttosto squadrata con dei bordi lavorati con spigoli e rampe per gestire la scorrevolezza da un lato e la frenata dall’altro. Le incisioni che donano la particolare forma a S non sono un vezzo estetico ma permettono al tassello di deformarsi in torsione eclusivamente in un senso di rotazione così da offrire grip in un verso e rigidezza, ovvero risposta elastica, dall’altro, in base a come sono orientati i tasselli.

Il Monarch è realizzato con una doppia mescola con differente morbidezza tra le file centrali e quelle esterne. Per favorire la scorrevolezza la mescola delle file centrali è da 60a mentre le file esterne forniscono un ottimo grip grazie alla mescola da 40a. C’è in programma anche una versione con file centrali con mescola da 50a per ridurre la differenza e favorire una transizione più dolce tra le file di tasselli, penalizzando solo in minima parte la scorrevolezza ma favorendo ulteriormente il grip.

La carcassa, ovviamente Tubeless Ready, è decisamente votata alla robustezza e adotta una costruzione particolare, basata su un’unica tela da 127tpi ripiegata su entrambi i cerchietti per sovrapporsi nuovamente in corrispondenza del battistrada. Il risultato è una tela a doppio spessore sui lati e a triplo spessore sotto al battistrada. Alla tela, da tallone a tallone, viene aggiunto uno strato di materiale ad alta densità che previene tagli e forature. Le spalle sono rinforzate con un inserto che fornisce struttura alla gomma e riduce il rischio di pizzicatura. I cerchietti sono pieghevoli, realizzati in aramide.

L’immagine seguente illustra i diversi dettagli che formano il Monarch:

  • 1 – Mescola 60a
  • 2 – Mescola 40a
  • 3 – Protezione anti taglio
  • 4 – Tela da 127tpi con tripla sovrapposizione
  • 5 – Rinforzo Mitas Wings per le spalle
  • 6 – Cerchietti in aramide

Come anticipato, ho potuto provare i nuovi copertoni da enduro di Mitas per poche discese con risalita meccanizzata, quindi un test non adeguato a esprimere un giudizio completo ma sufficiente per una prima valutazione. Le condizioni del terreno erano di asciutto polveroso e i trail percorsi andavano dal fondo molto duro con brecciolino in superficie al misto rocce e radici. Ciò che ho apprezzato immediatamente dei Monarch è la sensazione di solidità e sostengo della carcassa anche a pressioni piuttosto basse (circa 0.3 bar meno di quanto utilizzo normalmente a parità di dimensioni), con una torsione del copertone veramente minima, paragonabile a quella di un copertone da DH. La mescola è valida sui tasselli laterali, sia come grip che come rimbalzo, mentre per le file centrali il rimbalzo è meno docile. Efficace il disegno, sia in frenata che in curva, dove i tasselli si deformano quanto basta per rendere il comportamento del copertone facilmente interpretabile.

Pesi e prezzi

  • 29×2.45″:  1160g – €70,99
  • 27.5×2.45″:  1020g – €63,99
  • 29×2.60″:  1390g – €71,99
  • 27.5×2.60″:  1250g – €64,99

Mitas

Photo credits:  MTB Connection Summer – Rupert Fowler

 

Commenti

  1. paolop72:

    se si pensa al costo per cm2 o per grammo manco quelle da formula 1 stanno a questi livelli...
    Ti assicuro che le gomme racing per il mondo auto sono su prezzi assolutamenti osceni!
    In confronto i prezzi dei copertoni mtb sono quasi da saldo...
    Solo per farti un esempio una (1) gomma da 15" per rally costa quasi 400 euro!!!
    E quattro gomme non bastano per finire una sola gara!
    Fai due conti e vedi a che livelli siamo...
  2. Dani1000:

    Conosco le Mitas per il mercato moto. Hanno acquistato qualche hanno fa i macchinari della Dunlop e hanno cominciato a vendere delle buone gomme dall' ottimo qualità prezzo (praticamente a parte il disegno del battistrada sono delle gomme dunlop delle generazioni precedenti)
    Speravo che anche per le MTB applicassero lo stesso concetto di rapporto qualità/prezzo, ma visto il trend economico sul mondo delle bici hanno preferito allinearsi alla concorrenza degli altri produttori.
    Praticamente a listino le gomme ant e post per un GS 1200 costano tanto quanto le gomme ant e post per mtb
    Non puoi paragonare delle gomme specialistiche con delle gomme generiche...anche nel mondo mtb ci sono prodotti base a 10 euro. Prova a vedere cosa costa una gomma da pista di una moto, non credo 80 euro...
  3. AlfreDoss:

    Visto e considerato ciò che hai detto e che di solito sulle mie gomme consumo prima i tasselli esterni che quelli centrali mi sono spesso chiesto se invece almeno per l'anteriore non era il caso di invertire le durezze delle mescole...
    beh invertirle penso sia insidioso, un anteriore con un'unica mescola morbida non sarebbe male
Storia precedente

Francesco Colombo si rompe 2 menischi e un crociato anteriore

Storia successiva

DH WC #2 Les Gets: prove cronometrate e preview del tracciato

Gli ultimi articoli in Test