13/03/2014
Whatsapp
13/03/2014

[ad3]

Qualche mese fa, lavorando al montaggio delle foto, mentre guardavo le immagini di questa gita pensavo a che musica potessi abbinarci; subito ho pensato a Perfect day di David Bowie…troppo lenta, quindi ho scelto Paradise dei Coldplay…si perchè ci son giorni che meglio di come sono andati è impossibile che possano andare, e questo è stato uno di quei giorni!

Happykiller mi contatta dicendomi che ha in programma di salire all’ Illhorn 2717 mt., una montagna nel canton Vallese (siiii, ancora in Svizzera) e precisamente in val d’ Anniviers, per essere più convincente gioca sporco: mi invia delle foto e mi dice che dalla cima si scende fino a Sierre, 2200 mt. più in basso! Il problema è che propone di andare il venerdì ed io avrei già un paio di appuntamenti di lavoro. Guardo il bollettino meteo: bellissimo. Come faccio a rinunciare? Faccio un paio di chiamate e mi invento delle balle clamorose, poi chiamo l’ amico Marantz invitandolo, non avevo dubbi: accetta al volo, così il terzetto dello Spitzhorli è ricomposto.

Per scoprir mete per Mtb Kikko è un maiale da tartufo (anzi più un cinghiale). Le prepara con cura, si documenta, studia mappe, foto aeree e, utilizzando gli attuali strumenti informatici, arriva “sul campo” perfettamente preparato. Con lui ho in comune questa passione del “cercare”, di interpretare una semplice polilinea su una carta immaginandola poi sul terreno. Ogni tanto a me è anche capitato di schiacciare una cacca, ma quando ci si azzecca beh, la soddisfazione è proprio tanta.
Così saliamo ancora una volta lungo la strada del Sempione, oramai la mia auto la farebbe anche senza di me.
La destinazione è Chandolin, un tipico, piccolo e splendido paesino Svizzero abbarbicato a ca. 1900 mt. decidiamo di salire in auto così poi risalirò solo io a riprenderla in autobus.
Facciamo rifornimento d’ acqua alla fontana del paese, la giornata sarà lunga e calda !

foto_719338

Si inizia la salita su un’idilliaca stradina con pendenza regolare e fondo buono, dapprima ancora nel bosco. Sullo sfondo compaiono già i primi “bestioni”.

foto_719340

Più su si fa ammirare anche Sua Maestà: il Matterhorn con la “damigella” Dent Blanche.

foto_511772

Salendo si fantastica sulle possibili prossime mete, si riparla di giri già fatti, e dei rispettivi sogni. Così giungiamo quasi senza accorgerci alla fine della stradina nei pressi dell’ arrivo di una seggiovia. Dobbiamo raggiungere il Pas de l’ Illsee a ca 2540 mt. e prendiamo un single quasi tutto pedalabile anche da comuni mortali.

foto_511775

Guardando le gare delle ultime Olimpiadi invernali mi sono rivisto negli atleti del biathlon: pedalo, mi fermo tolgo “il fucile” prendo fiato, riordino le idee e “sparo”, rimetto via tutto e riprendo a pedalare inseguendo le mie prede che però fanno solo fondo…anche se mi aspettano pazientemente.

Giungiamo quindi al passo, la sopra la nostra cima

foto_720188

ci sono ancora delle chiazze di neve. L’ Illsee fa bella mostra appena sotto, ci passeremo in discesa.

foto_511802

Per raggiungere la cima però bisogna spallare per ca. 200 mt di dislivello: pas de problème !

foto_511815
Non ci si stanca mai di guardarsi intorno: mica per nulla le montagne di quel gruppo le hanno denominate la Corona Imperiale.

foto_511807

Non abbiamo fretta, ci godiamo ogni singolo minuto di questa fantastico venerdì da leoni “rubato” al lavoro. Ci prepariamo ed alcuni escursionisti, incuriositi e perplessi, ci chiedono se siam proprio sicuri che si possa scendere di li in MTB… Certo che si può! Si preparano quindi a fotografarci…ci sentiamo dei supereroi…:smile:

foto_719390

Salendo mi ero già prefissato i punti più interessanti per fare le foto, i miei modelli sono in gran forma.

foto_511824

foto_511829

Il primo tratto alterna pezzi tecnici ad altri più flow, il livello comunque è sempre stellare ! Non manca una piccola diatriba con un attempato escursionista che, nonostante ci fossimo fermati e ci fossimo anche spostati dal sentiero, ci rompe le balle ! Ce ne catafottiamo e riprendiamo le nostre danze.

foto_511828

Happykiller è sempre afffuoco…

foto_511838

Dal Pas de l’ Illsee ci tuffiamo letteralmente verso i due laghetti.

foto_719475

foto_511852 (1)

Il primo tratto non è proprio facilissimo.

foto_511862

Poi il sentiero spiana un po’ e si può lasciare andare..

foto_511865

Siamo ormai nei pressi dell’ Illsee e Kikko ci vuole arrivare in volo.

foto_511920

Faccio una fatica del boia a far rallentare i due forsennati, allora chiedo loro di poter esser fotografato anch’ io.

foto_511923

Giungiamo così sulla diga. La attraversiamo e ci affacciamo sul vallone che seguiremo: abbiamo già la bava alla bocca!

foto_719477

Che discesa meravigliosa, c’ è veramente di tutto, tratti tecnici, pezzi scassati, lunghi flow…un campionario veramente incredibile e siamo ancora a 2200 mt!

foto_511928

foto_511929

A circa 1800 mt si traversa in quota e con qualche breve risalita nel bosco si giunge ad una radura. Da qui iniziano dei lunghi tratti su erba, il festival del flow.

foto_719501

Passiamo alcuni alpeggi e giungiamo quindi ad un ristoro dove non ci facciamo mancare una birra. Riprendiamo la discesa fino a che incrociamo una strada. Ma non è finita, risaliamo ca 100 mt di dislivello fino ad un bellissimo ponte tibetano.

foto_719502

Siamo quasi giù, ma prima attraversiamo una foresta dalla quale ci aspettiamo di veder sbucare Robin Hood e Little John. Un lungo tratto in falso piano e arriviamo alla fermata del Postale. Manca circa mezzora alla prossima corsa così mi metto a fare l’ autostop. Era dai tempi del militare che non mi ci cimentavo ma evidentemente, un po’ come l’ andare in bicicletta, una volta imparato non si scorda più e detto fatto si ferma un tipo proprio di Chandolin. E’ un biker anche lui e quindi approfitto, oltre che del passaggio, anche per chiedergli consigli su altri itinerari. Mi conferma che un’ idea che mi era balenata scendendo è fattibile e anzi molto molto bella.
Per la prossima stagione abbiamo un’ altra freccia da scoccare sull’ Illhorn !

[ad12]