Il telescopico “automatico” BMC che scende da solo

14

 

BMC ci ha mostrato il prototipo di reggisella telescopico con cui stanno correndo i loro atleti in coppa del mondo. Si basa sul telescopico ideato da BMC che è integrato direttamente nel telaio ma ha in più una funzione che permette agli atleti di risparmiare una notevole quantità di movimenti durante la gara e quindi di energia: il reggisella, a comando, scende da solo senza bisogno del peso del rider.

Questo è possibile grazia a una camera pneumatica inserita all’interno del telaio con una valvola che consente all’aria di essere espulsa e questa depressione permette al reggisella di abbassarsi da solo con la sola pressione del dito sul comando.

Attualmente il neo di questo sistema, ancora in fase prototipale, è che la camera pneumatica va gonfiata regolarmente per consentire il funzionamento dell’abbassamento automatico.

I tecnici di BMC dichiarano che una pressurizzazione di aria, inseribile facilmente con una pompa tradizionale, offre la copertura completa per una gara di coppa del mondo.

Il reggisella “automatico” è compatibile con tutti i reggisella telescopici integrati di BMC, anche se ovviamente per il momento si tratta di un prototipo sviluppato e realizzato esclusivamente per gli atleti ufficiali… ma chissà che non sia una soluzione che possa iniziare presto a diffondersi anche per i normali utenti.

BMC

Commenti

  1. Dice bene BMC: permette agli atleti di risparmiare una notevole quantità di movimenti durante la gara e quindi di energia. Parliamo di gare di altissimo livello dove ogni minimo dispendio di energia può fare la differenza.

    sinceramente per l'amatore medio credo che il gioco (manutenzione e controlli maggiori e, probabilmente grane maggiori per la complessità della tecnologia utilizzata) non valga assolutamente la candela...
  2. Sono d'accordo, in gare tirate come quelle di XC ogni movimento risparmiato che non sia funzionale alla pedalata è un guadagno di tempo, energia, e concentrazione.
  3. Se non dovesse funzionare, comunque resta possibile abbassarlo nel modo tradizionale, sedendosi in sella mentre si aziona il comando.
Storia precedente

La democratizzazione dei sentieri

Storia successiva

DH WC #6 Lenzerheide: Danny Hart primo nelle qualifiche

Gli ultimi articoli in News

Fuego

Dal Guatemala a Peru passando Bolivia, Kilian Bron ha trascorso due mesi pazzeschi nelle Ande. Ecco…

Il team Yeti/Fox 2023

Eccovi al squadra Yeti/Fox per il 2023. [Comunicato stampa] – Il due volte campione del mondo…