La bici da enduro ideale in 7 punti

La bici da enduro ideale in 7 punti

Marco Toniolo, 26/03/2020
Whatsapp
Marco Toniolo, 26/03/2020

Provando molte bici ogni anno, mi sono fatto un’idea precisa di quale possa essere l’enduro ideale. Eccola spiegata in sette punti, con il domandone finale “Qual è il marchio e modello che preferisci?” alla fine del video:

 

Commenti

  1. io aggiungerei una specifica: più che pedalabile in salita direi, che una buona enduro deve essere sempre pedalabile.
    Inteso anche come "rilanciabile." Cioè la sospensione deve funzionare bene e non incassarsi anche quando non ha lockout inserito.
    Le sospensioni superplush pedalabili solo con ammortizzatori bloccati non sono il massimo dal mio punto di vista in un sentiero enduro quindi inteso come una discesa dove la bici va rilanciata perchè ci sono punti dove si rallenta tanto o magari si risale un poco.
    C'è una bella differenza tra un bici che tiene velocità e che con due pedalate riparte e una bici che si incassa ed è pesante da fare ripartire con la sospensione che aperta assorbe tutta la forza sui pedali.
  2. Bell'articolo ma, dal basso della mia inesperienza, mi domando perchè preferire l'ammo ad aria rispetto a quello a molla.
    E vero che hai meno flessibilità nelle regolazioni. ma una volta trovata la molla giusta mi da la sensazione (per quelle poche prove che ho fatto su bici con ammo a molla) che la ruota posteriore sia molto più incollata al terreno ed assorba molto meglio i piccoli urti in successione, caratteristiche che nell'enduro non guastano....