Come non bagnarsi il sedere

29

Periodo di monsone questo, però il vero biker non si fa intimorire dalla pioggia o dal bagnato, ed esce, sempre però prestando attenzione alle allerte meteo. Sono anni che percorro il tragitto casa-lavoro in bici elettrica, ed ho affinato una tecnica per rimanere asciutto anche quando diluvia. Al di là degli stivali che comprai a Venezia in occasione dell’ultima acqua alta del 12 novembre 2019, gli unici che mi tengono i piedi veramente asciutti, l’altro gran problema è il sedere. Ho provato diversi pantaloni impermeabili, ma quello è un punto veramente bombardato dagli schizzi sollevati dalla ruota anteriore, e l’unico modo per tenerlo asciutto è evitare che tali schizzi vi arrivino.

Per far ciò esiste un accessorio economico e facilissimo da montare e smontare: l’ass saver. Esiste di due dimensioni: normale (qui il link) e per gomme larghe (link qui) e costa veramente poco. Se poi siete fortunati lo trovate come omaggio in qualche negozio. Si fissa al carrello della sella in pochi secondi. Certo, non è stabile come un parafango fisso, ma questo è anche il punto: chi vuole girare sempre con un parafango? Non stiamo parlando di bici da città ma di bici con cui facciamo sport.



.

Quali sono le vostre soluzioni? O se piove state a casa o usate l’auto?

La luce del video è questa.

Commenti

  1. orli:

    Cribbio...io ho pensato che bisognava usare la crimaliera come "paraspruzzi"...ma la lingua attaccata alla sella a cosa serve?? Sembra un pezzo di "luganiga"
    Io lo chiamo "maipiumoscio", ma solo quando ho la sella tutta alzata :-|
  2. AlfreDoss:

    Io lo chiamo "maipiumoscio", ma solo quando ho la sella tutta alzata :-|
    Cribbio Alfredo, se la sella è "aperta" in mezzo, la "laganiga " prende una brutta piega....haaa haaa haa ...
Storia precedente

Bielsko Biala Downhill World Cup 2024 track preview

Storia successiva

[Highlights] Bielsko-Biała Enduro: lotta sotto la pioggia

Gli ultimi articoli in Tech Corner