L’importanza della preparazione mentale per il recupero dagli infortuni

L’importanza della preparazione mentale per il recupero dagli infortuni

07/02/2013
Whatsapp
07/02/2013

Ciao a tutti!
Questo articolo era programmato più in là nel tempo, ma a fronte di richieste di alcuni di voi anticipo questo importante argomento.

L’infortunio ed il dolore, nella pratica sportiva, sono una realtà che tutti prima o poi devono affrontare.
Se le moderne tecniche mediche e fisioterapiche hanno reso la ripresa fisica molto più semplice di quanto fosse in passato, permangono spesso pensieri ed emozioni negative da parte dell’infortunato che possono pregiudicare, o più semplicemente rallentare la sua completa ripresa.

Se è vero che alcuni, in queste situazioni, vedono nuove sfide da dover affrontare, per altri l’infortunio è una “tegola” che li colpisce profondamente.
In entrambi i casi, tuttavia, porsi con eccesiva spavalderia, o al contrario con timore, di fronte al periodo di convalescenza e recupero può essere poco funzionale.

Quello che accade nella maggior parte dei casi, ed è il caso di alcuni di voi che mi hanno scritto, è la paura che frena l’atleta che talvolta si colpevolizza per quanto successo: “Non riesco più a fare quello che facevo prima…”, “So già che questa stagione è persa in partenza…”, “Mi ero allenato male e questi sono i risultati, ora non posso più competere come prima…”.
A seguito di ciò può subentrare rabbia, sconforto, sfiducia nel possibile recupero ed anche nel proprio fisioterapista o allenatore.
Anche quando l’infortunio è formalmente superato è facile vedere gli atleti impauriti nel “mettere la gamba” per un contrasto più duro del solito, prendendo una situazione dal mondo del calcio.

In caso di infortunio quindi, un affiancamento di preparazione mentale dovrebbe essere una fase che interagisce in modo continuativo e che permea il lavoro di recupero dell’atleta e della persona.
La preparazione mentale può portare evidenti vantaggi in:
• Aiuto al processo di recupero e guarigione
• Aiuto nell’affrontare il dolore
• Supporto al superamento della paura di ricadute
• Supporto alla self efficacy (auto-consapevolezza di efficacia) dell’atleta
• Allenamento a secco
• Strutturazione di un lavoro per obiettivi finalizzato al pieno recupero

Importante sarà riflettere sull’immagine che avevate di voi (sana e prestazionale) ed unirla al desiderio di tornare ad essere efficaci o elaborare una nuova immagine di sé (nel caso in cui sia compromessa in modo permanente).
Le tecniche di imagery e di allenamento mentale forniscono un aiuto nel periodo di convalescenza poichè permettono all’atleta di visualizzarsi in situazioni di gara o di allenamento; aumentano la “voglia di tornare a stare bene” e sono un valido supporto motivazionale.

Non solo, recenti studi dimostrerebbero come l’imagery sia efficace anche per una migliore ripresa fisica dall’infortunio: attraverso la visualizzazione del processo (e del successo) della guarigione (immaginare come per esempio un osso si saldi in modo robusto ed efficace) il recupero organico risulterebbe agevolato e l’atleta gioverebbe anche di maggiore sicurezza sul suo “essere pronto” al momento della ripresa della attività di allenamento.

L’imagery e le tecniche di preparazione mentale sono anche efficaci nella gestione del dolore e sul suo controllo poiché permettono una “distrazione” allontanando la mente dalla sensazione spiacevole che il dolore porta con se.
Ovviamente il dolore non deve essere ignorato (ricordate sempre che il dolore in sé è uno dei regali migliori che la natura ci ha fatto poiché ci permette di comprendere cosa può essere nocivo). Gestirlo è tuttavia un traguardo di tutto rilievo.

Attraverso imagery e self talk (ne abbiamo parlato in un articolo precedente) aiuterete la vostra motivazione a darvi un supporto per superare il momento difficile e uscirete probabilmente dall’infortunio con una testa “più dura” di prima.

In ultimo, ma non per importanza, una preparazione mentale adeguata vi permetterà di strutturare un percorso-obiettivi che vi possa guidare nel breve e medio periodo lasciandovi in eredità un modus operandi che vi aiuterà nel proseguimento dell’attività agonistica.

Come esercizio, per strutturare i vostri obiettivi e aiutarvi a vincere la paura, cominciate col porvi le seguenti domande, immaginando gli scenari possibili, e rispondete per iscritto, ricordandovi di usare termini positivi e non negativi (non “devo evitare di….”, ma “il mio obiettivo è…”). Stabilite quali siano i vantaggi che essi porteranno.
• Cosa vuoi fare?
Il mio obiettivo è…(realistico, e che non vi metta in pericolo fisicamente!)
• Quali benefici avrà la mia performance?
I benefici saranno…
• Come sarò consapevole che il mio obiettivo è raggiunto?
Se raggiungo il mio obiettivo mi accorgerò perché…
• In questa situazione (quella che volete risolvere) cosa devo fare come prima cosa per raggiungere il mio obiettivo?
Prima cosa da fare…
• Per poter raggiungere il mio obiettivo devo passare da questi obiettivi intermedi:
Primo obiettivo…
Secondo obiettivo…
Terzo obiettivo…

• In questa situazione come mi comportavo o come si comporta “chi la affronta in modo efficace” (indicate una persona reale, che conoscete o che avete modo di vedere in azione: per esempio come salta “Tizio” o come scende il discesista “Caio”)?
Descrivere come affrontare la situazione. Descrivete ogni dettaglio utilizzando tutti i cinque sensi.
• Rileggete la descrizione e apportate eventuali correzioni se lo ritenete opportuno.
• Rileggete.
• Confrontate la descrizione e verificate che coincida con l’obiettivo che vi siete posti.
• Scegliete nella descrizione un elemento (Chiave) che ritenete fondamentale per riuscire in tale situazione.

Per almeno tre settimane un paio di volte al giorno, in stato di rilassamento, ripercorrete con la mente queste domande e attraverso la vostra Chiave rivivete la descrizione che avete dato del vostro obiettivo da raggiungere e ogni volta visualizzatevi mentre riuscite in modo perfetto a superare la prova.

Questo semplice (ma non troppo) esercizio agevolerà, se eseguito bene e con costanza, la vostra ripresa e vi permetterà di tornare efficaci dove non ritenete di esserlo.

Una volta ripresa l’attività di allenamento, allenarsi con un compagno che abbia le stesse nostre capacità può permettere un ulteriore passo avanti. Chiedete di farvi strada, di affrontare prima di voi determinati passaggi o di starvi davanti lungo una discesa impegnativa. Senza strafare ovviamente.
L’aiuto di un punto di riferimento in cui avete fiducia porterà ad un aumento della vostra efficacia percepita, potrà darvi nuova sicurezza in voi stessi e garantirvi un buon recupero.

Infine ricordate sempre che dopo un infortunio Voi (notare la maiuscola) non sarete diversi da prima…potreste anche diventare migliori.

logo_11
www.tb1.it
[email protected]

 

POTRESTI ESSERTI PERSO