L’inverno che non c’è

159

Se una rondine non fa primavera, due inverni senza neve cosa fanno?

Una manna per i ciclisti, una disgrazia per sciatori e per chi lavora con l’indotto dello sci, gli ultimi due inverni hanno avuto di invernale solo il nome, nelle Alpi. Precipitazioni con il contagocce, temperature rigide che sono solo un’eccezione alla regola, fiumi in secca, croste di neve spacciate per piste. Questa è la situazione attuale, che vede al momento in cui vi scrivo ben 8° a Livigno. Sopra lo zero.



.

Ieri ho fatto un giro che non avevo mai fatto a metà febbraio, perché di solito la neve copre il sentiero e, se non è la neve, il ghiaccio rende la traversata molto pericolosa. L’unica cosa che ho trovato è stato il terreno morbido per il disgelo, e tante tracce di chi aveva pensato di passare di lì in bici prima di me.

Per quando sia fantastico girare per quei posti in pantaloni corti a metà febbraio, mi manca vedere le montagne ricoperte di neve e soprattutto salirle (e scenderle) con gli sci o lo snowboard. Al di là di quello, viene spontaneo chiedersi cosa sta succedendo e a che ritmo forsennato sta succedendo.

Pensavamo che il riscaldamento del clima fosse una cosa graduale, ma di graduale c’è solo la consapevolezza che non abbiamo altra scelta se non quella di cambiare le nostre abitudini, e anche in fretta. Lo so che tanti diranno che non si si può fare niente, che tanto la Cina e l’India inquinano 1000 volte più di noi, ecc. Eppure non sono state la Cina o l’India le prime a inquinarsi all’inverosimile a causa della produzione industriale. E noi non abbiamo mai smesso, complice anche alcune scelte scellerate di politica energetica.

Sembrava che durante la pandemia tutti avessero capito che ci si può parlare anche attraverso Skype o Zoom, invece siamo tornati ai soliti spostamenti in stile galline con la testa mozzata. Lo stesso settore ciclo ha ricominciato a proporre ai media presentazioni che richiedono voli aerei per mostrare un prodotto che potrebbe essere comodamente spedito alle redazioni in anteprima.

È difficile cambiare le proprie abitudini, anche perché siamo abituati a certe comodità e non ne vogliamo fare a meno. Dove sono tutti i pendolari che avrebbero comprato milioni di biciclette grazie al bonus? Io “pendolo” ogni giorno con l’ebike, eppure quelli che vedo in bici andare al lavoro sono una manciata di persone, sempre le stesse. Malgrado l’inverno mite, la stragrande maggioranza degli spostamenti avviene in auto.

Poi però si va in palestra a correre su un rullo, rimanendo di fatto fermi sul posto. L’immagine perfetta del momento attuale che stiamo vivendo.

Avete cambiato le vostre abitudini negli ultimi anni?

Commenti

  1. L' elettrico ora come ora ci sembra una soluzione abbastanza effimera, ed è vero, in qualche modo dobbiamo abbandonare i combustibili fossili, altre alternative potrebbero esserci, come già detto l' idrogeno potrebbe essere una alternativa, ma comporta comunque anche lui dei pericoli, è altamente esplosivo e nell' atmosfera potrebbe inquinare.
    Tra 15 anni forse si arriverà a produrre batterie altamente più performanti di quelle di ora, ma sarà da vedere come e chi avrà le materie prime per produrlo, attualmente la Cina è il continente con il maggior numero al mondo di terre "nobili" per produrre batterie, saranno i nuovi "arabi" e avranno un monopolio globale e ciò non è che sia un qualcosa di positivo, non a caso si sta scandagliando in tutta Europa e nel mondo siti di queste terre, ci si sta, passatemi il termine, 'cagando addosso' per lo spauracchio Cina.
    Quindi con le tecnologie in nostro possesso, perchè non si sfrutta meglio quello che già c' è??!
    I motori a scoppio potrebbero funzionare con combustibili alternativi, ed arrivare ad yn inquinamento prossimo allo 0...l' olio di colza era un esperimento, ma immetteva nell' aria solo odor di patatine bruciate! Perchè non si cerca alternative che inquinino 0 o quantomeno molto meno degli attuali?
    Gli scienziati lo dicono da tempo, ma le lobby automobilistiche e tutto l' indotto che gira attorno procede nella direzione che sembrerebbe più comoda, ma credo che sarà un disastro totale rispetto ad ora...
  2. Andrea7576:

    Sostituire un accrocchio che è durato due mesi? Che garanzia avrei di arrivare ad altri 3 mesi? Ma chi me lo fa fare di pregare che arrivi all'anno dopo? Una tv se uno vuole la fa durare 20 anni. Quegli accrocchi energivori non inquinano (un apparato in più collegato alla rete elettrica)? Meglio comprare un accrocchio all'anno o una tv che dura 20 volte di più?
    La questione del nuovo digitale non l'ho creata io. Per me poteva restare come prima e probabilmente la tv vecchia sarebbe durata altri 10 anni. E' sempre qua il problema. Ti impongono nuovi standard ed è sempre il cittadino a prenderla di dietro.
    c'è la garanzia apposta... te lo facevi sostituire in garanzia e risparmiavi. magari poi ti durava altri 10 anni.
  3. Vogliamo parlare della co2 che produce l'amico mio che lunedì pedala a Milano, martedì in costa azzurra, mercoledì a Finale... Domenica chissà dove con il suo bel telaio arricchito di Litio... Fermiamo il massacro di batterie!
Storia precedente

Crankworx sigla una partnership con Red Bull TV e Rob Warner

Storia successiva

Il Vittoria Bike Park riapre a marzo

Gli ultimi articoli in Report e interviste