Mondraker Dune

Mondraker Dune: il futuro (e presente) dell’enduro

101

La nuova Mondraker Dune incorpora l’enduro del futuro e del presente. Il titolo è volutamente provocatorio, ma molto realistico al tempo stesso. Sappiamo infatti che le bici enduro sono diventate dei mezzi da discesa dal peso intorno ai 16-17 kg, spinte dalla deriva delle ormai ex Enduro World Series (ora EDR), che ricercavano la spettacolarità a tutti i costi dimenticando come era nata la disciplina, cioé con lo scopo dichiarato di  raggiungere l’inizio delle discese con le proprie forze, per differenziarsi dal gravity vero e proprio.

Ormai le bici da enduro si trovano nei bike park e nei posti con risalite meccanizzate, mentre chi vuole farsi una discesa tosta pedalando in salita ha optato per una trail o per una bici elettrica. E qui torniamo al titolo: chi vuole una enduro senza disporre di shuttle o seggiovie, prende un’elettrica e se questa elettrica è la Mondraker Dune, ha le prestazioni di una bici con un piccolo aggravio di peso dovuto a motore e batteria. Aggravio che non ne preclude le ottime caratterische discesistiche.



.

Geometria Mondraker Dune

Forward geometry un po’ annacquata: 480mm di reach in taglia L sono “corti” per gli standard Mondraker. Infatti fino ad oggi avevo sempre usato taglie M del marchio spagnolo. Poco male, ma controllate bene se ne avete già una per evitare l’errore di taglia.

Dettagli Mondraker Dune

Il modello in prova è la Dune XR, cioé il top di gamma con sospensioni Öhlins, ammortizzatore a molla, trasmissione SRAM AXS T-Type X0 e telaio completamente in carbonio. La ruota posteriore è da 27.5″, mentre l’anteriore è da 29″. Il motore è il nuovo Bosch SX con 55Nm di picco e una batteria integrata, non estraibile, da 400Wh.

La cosa interessante è il peso rilevato da noi in taglia L: 19.6 kg senza pedali. Considerando che dietro monta una Maxxis Minion DHR II con carcassa DD e davanti una Assegai Exo+, vediamo che non è una bici da vetrina ma pronta all’uso su sentieri cattivi.

Mondraker Dune

Parlavamo del motore, il nuovo Bosch SX che Daniel ha spiegato a fondo qui. Ottima autonomia (guardate il video) e un comportamento decisamente diverso dal fratellone full power CX: se non si pedala ad una certa cadenza, non eroga molta potenza. Questa cadenza va dalle 72 pedalate al minuto in su. Ciò significa che non è possibile far finta di pedalare in turbo con cadenze da olandesina.

Mondraker Dune

Ho già detto che la Dune è esteticamente molto ben riuscita? Mi è sempre piaciuto il tubo orizzontale filigrano, il modello XR ha poi un abbinamento di colori molto accattivante. Non fosse per quel display troppo grande..

Mondraker Dune

…infatti troviamo il Kiox 500 al posto del 300. Scelta piuttosto inspiegabile su un mezzo pensato per andare forte in discesa e dunque rischiare qualche caduta più del solito.

Mondraker Dune

Il passaggio dei cavi è interno alla serie sterzo, come ormai quasi tutte le ebike. Chissà se riuscirò mai a farmelo piacere.

La Zero Suspension di Mondraker rimane fedele alle sue caratteristiche: sensibile ad inizio corsa, progressiva, sostenuta. L’ammo a molla non la impigrisce malgrado la regolazione nelle tre posizioni della levetta del lockout non cambi assolutamente niente del suo comportamento. Tutto aperto, in salita come in discesa, e via, tanto c’è il motore!

Mi è piaciuta molto la Öhlins 38 perché ho trovato subito il feeling per quando riguarda il suo comportamento a metà corsa, mentre spesso mi trovo a combattere con un affondamento troppo accentuato nei prodotti della casa svedese. La sensibilità alle piccole asperità é fantastica.

Mondraker ha protetto l’ammortizzatore dallo sporco alzato dalla ruota posteriore con diversi accorgimenti: un carterino sul tubo sella e un altro sul carro.

Se 400 Wh non bastano, se ne possono aggiungere altri 250 con il range extender da attaccare al tubo obliquo con un adattatore prodotto da Bosch. Il peso dell’extender è di 1450 grammi e si sente, vista la sua posizione alta sul telaio. L’eventuale borraccia trova posto sotto il tubo orizzontale con un attacco Fidlock (non presente sulla bici test).

Il fissaggio avviene tramite inserimento laterale ed è molto stabile.

Bello il dettaglio del cavetto che va ad infilarsi nella scanalatura presente sul tappo che copre la presa di corrente.

Trasmissione elettronica, reggisella telescopico wireless, comando remoto wireless anche per regolare i livelli di assistenza. La Mondraker Dune XR monta il meglio del meglio.

Per il test vero e proprio vi rimando al video, dove parlo anche di come la batteria principale e il range extender lavorino in parallelo e non sia possibile fare altrimenti. Prezzi e allestimenti qui.

Mondraker

Commenti

  1. ValeBG:

    ... sarà il motore o forse il peso ma ci si fa dei passaggi che con la full non riuscivo a fare ...
    Meno potenza con l'SX e riesci a chiudere passaggi che con una full power non riuscivi a fare?
    O forse meno peso di una full power e riesci a chiudere passaggi che con una full power non riuscivi a fare?
    Ostrega, quindi se tanto mi dà tanto pensa cosa saresti in grado di fare con una mtb ...


    P.S. Queste storie mi ricordano tanto i Risers che con una spompa chiudevano cose inimmaginabili ... parente o ex possessore?
  2. Laconico:

    Meno potenza con l'SX e riesci a chiudere passaggi che con una full power non riuscivi a fare?
    O forse meno peso di una full power e riesci a chiudere passaggi che con una full power non riuscivi a fare?
    Ostrega, quindi se tanto mi dà tanto pensa cosa saresti in grado di fare con una mtb ...


    P.S. Queste storie mi ricordano tanto i Risers che con una spompa chiudevano cose inimmaginabili ... parente o ex possessore?
    Avevo dimenticato di scrivere passaggi in salita, merito anche del carro che è reattivo riesco a azzardare ripidi molto tecnici.

    Poi ti dirò anche in discesa sul tecnico è molto più gestibile. Sul veloce è molto più agile e divertente.

    La mtb, avuta per 3 anni, forse proprio per quello riesco a aprrezzare meglio le light
Storia precedente

Tornantini esposti

Storia successiva

Hardline: via alle prove (senza canyon gap)

Gli ultimi articoli in Test