Orbea Rise e Occam dopo un anno

Orbea Rise e Occam dopo un anno di utilizzo

31

Orbea Rise e Occam dopo un anno di utilizzo: è passato un anno da quando ho ricevuto le bici che vedete in tutti i miei video. Andiamo a vedere come sono messe dopo decine di migliaia di metri di dislivello, sia in salita che in discesa, e con loro i vari componenti e pneumatici.

Diversi di questi sono stati testati singolarmente dalla redazione, come le ruote Crank Brothers Synthesis in carbonio, molto particolari perché hanno un cerchio a basso profilo pensato per smorzare le vibrazioni provenienti dal terreno, o la nuova linea di copertoni Schwalbe.



.

Se poi volete dare un’occhiata a come fare da soli la manutenzione al reggisella telescopico Yep Components Uptimizer 3.0, cliccate qui. È più facile di quello che si pensi. Sempre se volete approfondire, qualche settimana fa abbiamo presentato la nuova linea di prodotti ecologici Effetto Mariposa, pensati per la pulizia e la manutenzione della bici. Ci accompagneranno per tutto il 2022 durante gli Epici, quindi se avete domande non esitate a postarle nei commenti, così vi risponderò nei prossimi video.

Cosa indosso in Orbea Rise Occam dopo un anno

Occhiali BLIZ Fusion Nordic Light
Jersey manica lunga
Jersey manica corta
Giacca waterproof
Guanti
Pantaloni
Ginocchiere Pro
Ginocchiere Air
Ginocchiere Lite
Maglia con protezioni
Maglia smanicata con protezioni
Zaino CAMELBAK Chase Protector Vest

I miei componenti sulla MTB

Pedali Crank Brothers Mallet E
Scarpe CB Stamp Speed Lace
Scarpe CB Match SPD Speed Lace
– Reggisella telescopico Yep Components Uptimizer 3.0
– Inserti Effetto Mariposa Tyre Invader

La mia attrezzatura

Multitools Crank Brothers Multi-19
GOPRO Hero9 Black
Drone DJI Mavic Mini 2
Borsettina porta attrezzi Camelbak
Pompa Crank Brothers KLIC HV
Tappabuco
Pinza multiuso piccola
– Effetto Mariposa Mangiacatena
– Effetto Mariposa Lubrificante Flower Power
– Effetto Mariposa Detergente Allpine Extra
– Effetto Mariposa Shelter

Altri video Epic Trail.

 

Commenti

  1. steve-U:

    sai che forse a livello di cinematica preferisco la Rise? sembra avere 1/2 cm di corsa in più rispetto alla Occam nonostante abbiano la stessa escursione, la sospensione sembra essere anche più sensibile e progressiva.
    Inoltre la Rise ha il top tube più lungo e mi trasmette maggior stabilità, sarebbe interessante provare una Rise de-motorizzata :prost:

    C'è da dire che la Occam un pò nervosetta in fin dei conti mi piace, risulta essere un'ottima scalatrice ed un mezzo molto divertente in discesa
    Interessante,
    la Rise mi e' sempre piaciuta gia' da quando e' uscita,peccato avessi gia una Levo 2019 se no sarebbe stata la mia scelta.
    Bel video,pochi fronzoli tanta sostanza
  2. rosco160:

    E' vero, incuriosisce anche a me la scelta dei dischi in sostituzione agli originali...dai esci il brand Steve:-o
    A me sembrano dei dischi Galfer, e anche io con quei dischi ho avuto lo stesso problema: dischi consumati molto di più al centro (e da buttare dopo meno di un anno) e pastiglie che si consumavano come se fossero di burro (ho provato tutte le tipologie di pastiglie galfer, ma mi duravano tutte circa 1 mese, 300-400 km con 10/15.000 m di dislivello). Ora sono tornato ai freni originali formula cura e il consumo è tornato regolare (sia dischi che pastiglie).
  3. OZZY_82:

    Ha detto un anno, e visto i MT di dislivello che fa, e l utilizzo non è poco..

    Perché normalmente è una cosa Che l' utente medio non fa assolutamente
    beh in realtà ho svariati amici e conoscenti che se non fanno il mio dislivello ne fanno di più.
    Da un paio d'anni a questa parte, il dislivello che effettuo è sotto controllo, ma quando offrivamo lezioni esclusivamente in bike park, arrivavo a quasi a 350.000 metri negativi/anno, tra lavoro e divertimento. Sul profilo suunto dovrei ancora averne lo storico.
    In più suddivido il dislivello tra varie MTB, oltre alle mie personali anche alcune test e bici di fortuna (santa Monica :D )man mano che scrivo mi sento sempre più umano :pirletto: :smile:
Storia precedente

Ad aprile l’edizione 2022 della Darkfest

Storia successiva

Bici della settimana: la Stif Squatch di Medes1973

Gli ultimi articoli in Epic Trail Series

New bike day!

Non è stato facile andare a prendere questa bici, perché il corriere non è stato precisissimo…