Quell’uscita in solitaria che ti mette in pace col mondo

Quell’uscita in solitaria che ti mette in pace col mondo

Marco Toniolo, 30/09/2020
Whatsapp
Marco Toniolo, 30/09/2020

Non andare mai in montagna da solo senza dire a qualcuno dove vai!“. Non è un proverbio ma poco ci manca. È una saggezza popolare, se così vogliamo definirla, del tutto attuale malgrado cellulari e antenne un po’ ovunque. Non sempre, infatti, c’è campo, o può succedere che la batteria si scarichi o che il telefono si rompa.

Eppure.

Il modus vivendi moderno è un delirio di interazioni sociali, anche a causa di quello smartphone che ci portiamo sempre appresso, e staccare da tutto e tutti non è solo bello, ma diventa anche una necessità per non impazzire. Almeno, io sono fatto così e ho bisogno di qualche ora di silenzio radio totale per continuare a funzionare regolarmente. Parlo proprio di silenzio, quindi lungi da me infilarmi nelle orecchie le cuffiette da 150€ al paio. Mi devo fare la mia dose quotidiana di endorfine senza influssi esterni, cioé niente amici che parlano, niente garette a chi ce l’ha più lungo, niente telefoni che squillano o che mandano notifiche e, sorry amici ebikers, niente motori ronzanti.

La mia uscita relax ideale prevede una lunga salita di almeno un’ora, perché in quel modo so che il mio corpo comincia a produrre endorfine, i pensieri se ne vanno e la mente si libera. Non è che io smetta di pensare, anzi penso di più, ma con più lucidità. Spesso e volentieri è proprio così che mi sono venute diverse idee, anche di lavoro. Mi stanco, senza esagerare, la pedalata diventa automatica e le gambe vanno da sole, quasi senza fatica. Diventa un ritmo ancestrale: aria dentro, aria fuori dai polmoni, sento il cuore che pompa il sangue allegramente, il sudore comincia a scendere copioso dalla fronte.

L’apice è quando incrocio qualche animale, sorpreso dalla mia presenza perché sono sottovento, oltre che silenzioso. Mi fermo a guardarlo mentre scappa nel bosco, mi dico di ricordarmi di raccontarlo a famiglia e amici, e regolarmente me ne dimentico, con una sorta di riflesso non voluto che nasconde una specie di tesoretto di incontri faunistici.

Arriva la discesa, il momento più pericoloso di tutto il giro in solitaria, ma non mi salta neanche in testa di forzarmi ad aver paura. È un riflesso incondizionato: se sono da solo, non mi prendo rischi, il che non vuol dire che scenda a 2 km/h, ma semplicemente che non supero la linea della mia “comfort zone”. Linea che sarà per forza diversa da persona a persona, e che è impossibile giudicare quando si gira in compagnia, per la maledetta dinamica di gruppo (detto anche il complesso del pisello), quella che spesso e volentieri causa incidenti.

Giri così non solo mi rendono felice, ma mi danno sicurezza. Così tanta, che il momento in cui mi sento meno a mio agio è quando sono in mezzo alla gente, in città. Non da solo nel bosco, magari col buio.

Starò forse diventando un lupo mannaro?

 

Commenti

  1. Hazy Davy:

    Anche io amo le uscite un po' lunghe in solitaria, ma non riesco a fare meno della musica nelle orecchie. Sono le giornate in mtb che preferisco, anche se quelle con gli amici (che sia uno o un gruppo) sono sempre belle e fondamentali da fare.
    L'altro giorno ho fatto tutta la Tamarrata completa, prolungando verso Iseo e rispettivo bosco sottostante. Al Tamaro c'era il pienone nonostante fosse un giorno infrasettimanale (centinaia e centinaia di turisti svizzerotedeschi), ma una volta iniziata la discesa, sono entranto in trance.

    Confermo anche il discorso che si corrono meno rischi quando si è da soli. Non so quante volte ho messo i piedi a terra per superare un determinato passaggio pensando "Ma porca miseria, questo l'avrei fatto se non fossi stato da solo, ma poi che mi frega, tanto non mi vede nessuno". Giuro che qualche volta mi guardo attorno per vedere se c'era qualche altro biker in zona che mi potrebbe vedere scendere dalla bici e risalire subito dopo. Che brutta cosa l'orgoglio.
    "l'orgoglio è un pessimo padrone,ma un ottimo servitore" ( cit.)
  2. marco del lest:

    Pratico la mtb dal 1982...la preistoria con il "rampichino" (una copia super economica, perchè l'originale per me allora alpino della julia di naja era improponibile...) e generalmente sono sempre uscito da solo. Rammento ancora le prime scoperte e la soddisfazione di raggiungere con la bici posti che prima pensavo inimmaginabili... ora mi fanno un pò sorridere pensando alle bici attuali...
    Da circa 3 anni sono passato alla fat che non cambierei con nessun'altra e piazzarci le borse da bikepacking con tenda e sacco a pelo è stato un passo naturale. Anche quest'anno ho fatto la mia settimana di solitaria in Carnia, facendomi l'indispensabile overdose di libertà assoluta. Libertà di usare solo carta e bussola, che non si scarica e quando non cè luce per leggerla dormo... libertà dal posto in rifugio, la tendina ed il saccopiuma hanno sempre un posto libero anche senza prenotazione... libertà di mangiare, dormire, pedalare, spallare, fotografare quando voglio...Libertà di conoscere un sacco di persone, perchè ho constatato che da soli è molto piu facile scambiare quattro chiacchere con gli sconosciuti. Libertà di infilarmi nei sentieri sbagliati e godermeli come un avventura da bambino. Libertà di beccarmi un temporale senza sentirmi in colpa, ma godendomi l'acqua ed il vento ed apprezzando lo scampato pericolo dei fulmini od il confort della branda in assi di legno di un inaspettato bivacco. Naturalmente è una attività che non si può "consigliare" a chiunque è una predisposizione personale che fa parte del carattere di ognuno. Cè chi si sente appagato, come nel mio caso, di custodire dentro di se le emozioni provate (non per niente mi rendo conto che con il passare del tempo tendo a fotografare sempre meno) e cè invece chi ha l'esigenza di condividere queste emozioni. Forse noi solitari siamo piu egoisti, ma in famiglia mi assicurano che "il vecchio è molto piu godibile dopo il suo giro in giro...."
    Qui in Carnia hai l'imbarazzo della scelta per fare l'orso solitario.. Fortunatamente queste zone non sono ancora diventate un circo turistico come tante altre fuori regione