MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | Santa Cruz Andes Pacifico – Giorno 1

Santa Cruz Andes Pacifico – Giorno 1

Santa Cruz Andes Pacifico – Giorno 1

10/02/2016
Whatsapp
10/02/2016

[ad3]

È partita ieri l’edizione 2016 della Andes Pacifico, gara enduro a tappe, di 5 giorni in totale. Non ci sono atleti italiani, mentre fra i big troviamo Jerome Clementz, Tracy Moseley e Francois Bailly-Maitre.

325A3440

La formula è quella in stile Cape Epic: si dorme in tenda alla fine di ogni tappa, vista la lontananza da alberghi e civilizzazione.

325A3448

Riunione piloti, alle 22:15 della sera precedente alla prima tappa.
Matias del Solar (uno degli organizzatori) ripassa i punti salienti del tracciato, badando a fare in fretta per permettere a tutti di andare a dormire per tempo.

325A3469

Il campeggio alle 5:00 di mattina. La partenza è prevista per le 6:30. Si terminerà la prima giornata alle 19!

325A3473

La colazione, pensata per poter sopportare le temperature di 35° dei sentieri di La Parva.

325A3475

Si va a Laguna Piuquenes, una località posta a 3.400 metri di altitudine.  Primo spostamento con gli shuttle.

325A2934

Laguna Piuquenes. Notare l’acqua gelata. Qui di notte la temperatura precipita sotto lo zero. 

325A3498

Le risalite non terminano con gli shuttle. I rider devono scarrozzarsi la bici fino al punto di partenza, nell’aria fine.

325A3506

Terreno secco e polveroso, ribattezzato “anti grip”.

325A3543325A3792

Alejandro Gonzalez dal Messico si è beccato una bella spina appena sotto l’occhio, fortunatamente senza conseguenze gravi. 

325A3608-2

Jerome Clementz a manetta durante la prima speciale. Ha vinto l’edizione 2014 ed è uno dei favoriti di quest’anno. Notare le ruote SRAM con cerchio largo!

325A3585325A3727

A Santiago Perez ne sono successe di tutti i colori: in 3 delle 4 speciali ha forato.325A3651-2

Tracy Moseley ha dominato la categoria femminile in ogni speciale. Questa è la sua prima partecipazione alla Andes Pacifico.

325A3681

Francois Bailly Maitre nella speciale del Refugio Aleman.

325A3705

Iago Garay nella penultima speciale del giorno.

325A3711

Nicolas Prudencio, Cile, è in testa alla classifica della prima giornata.

325A3739

Partenza dell’ultima speciale.

325A3748

Iago Garay mentre ripara la catena prima della partenza dell’ultima speciale, chiamata “Loma del viento”, e di una durata di circa 15 minuti.

325A3752

Milciades Jaque è il secondo cileno nella classifica generale. 

325A3762

Martin Raffo dall’Argentina su “Loma del viento”. 

325A3769-2

Florencia Espiñeiro, Cile, ha vinto l’edizione 2015, e oggi è stata la migliore cilena.

Risultati Donne

Captura de pantalla 2016-02-09 a las 23.28.26

Risultati Open
Captura de pantalla 2016-02-09 a las 23.29.57

Resultados generali
Captura de pantalla 2016-02-09 a las 23.27.13

 

[ad45]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Sfaticato
Sfaticato

Complimenti per le foto, sono veramente stupende!

Worldbike Formia

Che spettacolo!!

ZenMode
ZenMode

Perez è riuscito a bucare tre Magic Mary?! Fossi in lui farei un giretto a Lourdes?

PaolinoWRC
PaolinoWRC

che foto!! vien voglia di essere li! un po’ di polvere manca, ormai si prende fango anche a sestri!

engelmax
engelmax

Non è che di pioggia ne dobbiamo prendere solo a Genova ehhh 🙂

Foto stupende comunque, complimenti!!

PaolinoWRC
PaolinoWRC

eh ma tra genova e il levante siamo spesso accumunati…è da finale in giù che stanno bene 😀

Sellan
Sellan

E che ca… ma l’eternit pure sulle Ande!!!

Deroma
Deroma

che belle foto e che belle bike!

rimirkus1975
rimirkus1975

Mi associo alla moltitudine sui complimenti per le belle foto ; in quella selva di tende gialle tutte uguali non c’è la possibilità che qualcuno di notte nella penombra si confonda ingrasso ?…

teoDH

Dubito sia Eternit, è troppo vecchio, in sudamerica sono solo una ventina di anni che producono eternit, e ahime è una piaga ancora in forte diffusione specialmente in colombia, uruguay e brasile, a vedere le foto sembrano i classici pannelli ondulati in cemento e resina più che quelli in Eternit, che tendono a sbianchire invece che a ingiallire (scusate, sono di Casale Monferrato, ho una certa esperienza di quel veleno)

Bike.man
Bike.man

In my humble opinion: le foto di Jerome Clementz e (sopratutto) quella successiva, come anche quella a Martin Raffo sulla “Loma del Viento” sono da sbavone !!!
Bellissimo tutto il report comunque.

P.s. @marco: secondo te la foto a Clementz l’ha fatta utilizzando dei flash ?

Marco Toniolo

@yura
No, niente flash. La luce delle Ande è assurda in quota, si può paragonare alla nostra solo quanto tira il vento da nord, ma neanche. In Europa la trovi in Scandinavia.

Se guardi il video senti sullo sfondo qualcuno che spara una sequenza su Jerome in arrivo, penso sia il punto dove Claudio ha scattato la foto.

Bike.man
Bike.man

Incredibile davvero……….che voglia di andare in Montagnaaaaaaaaaaaaaaaa…..

teoDH

E non dimentichiamo, luce a parte, che certi abbinamenti colore funzionano particolarmente bene in foto e Jerome lo sa, molti si lamentano delle foto che hanno, ma se vai in giro vestito come un becchino o come un navy seal non puoi pretendere che in foto risalti il soggetto.

Bike.man
Bike.man

🙂
Come darti torto Teo !

mattiamana
mattiamana

Ke spettacolo!