Schurter vince in volata l’ennesima sfida con Absalon

Schurter vince in volata l’ennesima sfida con Absalon

22/05/2016
Whatsapp
22/05/2016

[ad3]

Non ci si annoia solo perché i due atleti più forti al mondo nel XC hanno dato spettacolo fino all’ultimo metro, ad Albstadt. Altrimenti vedere si soliti due nomi combattere per la vittoria, degradando gli altri concorrenti a mere comparse, potrebbe venire interpretato come un dominio che toglie interesse alla competizione.

Absalon davanti a Schurter, notare il reggisella. Foto di Michele Mondini.

Absalon davanti a Schurter, notare il reggisella. Foto di Michele Mondini.

Ma così non è stato nella seconda tappa della coppa del mondo 2016, con Schurter ed Absalon sfidarsi su ogni salita, ogni discesa, ogni curva. Solo allo sprint finale lo svizzero ce l’ha fatta a superare il francese, all’ultimo metro. Volata incredibile, dovuta anche alla maggior confidenza che Absalon ha avuto nel finale in discesa.

3216-A70W7761

Vogliamo dare il merito al reggisella telescopico? Diamolo, perché l’anno scorso proprio nell’ultima discesa Schurter aveva staccato Absalon, prima di cadere rovinosamente all’ultima curva e arrivare secondo. Questa volta il francese volava in discesa, esattamente come Nino. Un bell’esempio di come portare a proprio vantaggio un’innovazione tecnologica che in tutte le altre discipline della MTB è una consolidata realtà.

>>> La nuova Scott Scale di Schurter

3380-A70W7925

Ottimo sesto posto di Luca Braidot, primo degli italiani. Tiberi 24°, Fontana 26° e Daniele Braidot 27°.

3453-1X9A1515

Notare il pubblico.

Absalon all'inseguimento

Absalon all’inseguimento

Kuhlavy.

Kuhlavy.

Marco Aurelio Fontana in giornata no. Lo stile però rimane.

Marco Aurelio Fontana in giornata no. Lo stile però rimane.

La bici vincitrice.

La bici vincitrice.

Il replay della gara si trova qui.

3977-A70W8412

Due facce, un vincitore.

2477-1X9A1250

Fra le donne vince la danese Annika Langvad, che in assenza di Jolanda Neff (infezione virale) domina anche questa prova, dopo aver vinto a Cairns. Seconda una fortissima Jenny Rissveds che, malgrado una brutta caduta ad inizio gara, si riprende e supera la Pendrel all’ultimo giro. Prima delle italiane Lisa Rabensteiner, 19°.

2708-A70W7384

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Giorgioval87
Giorgioval87

Grande Luca!! Sempre più in alto!!

Mandi!
Chuck26

Dandelion
Dandelion

“innovazione tecnologica che in tutte le altre discipline della MTB è una consolidata realtà”

Mi sono perso qualcosa? In DH, BMX, 4X e Trial hanno cominciato ad usare il telescopico ??

Luca1983
Luca1983

Scusa il voto negativo, un display da 5 pollici non aiuta. Mi pare lapalissiano che si intende quelle discipline dove è necessario pedalare per andare in salita

gioskunk
gioskunk

Non so se mi ha stufato più la crociata di Marco Toniolo per il reggi in xc o la convinzione di chi non sa neanche a cosa serva….

cheyax
cheyax

in certe gare di dh un telescopico secondo me potrebbe servire in alcuni casi, vedi cairns, oltre che ho visto molta gente che usa il telescopico nelle discese spesso, tipo nei tratti scassati lo abassano, nei tratti sempre di discesa ma più flow la alzano per poter riposarsi un minimo. nel trial molti non hanno la sella, il 4x è praticamente bmx in discesa senza la rampa iniziale

Dandelion
Dandelion

Chiedo scusa a tutti, credevo si capisse il sarcasmo.
Spiego meglio.
Il telescopico lo usa solo chi fa enduro e chi fa trail (e non tutti).
Dire che queste due categorie siano “tutte le altre discipline della MTB”, come scritto nell’articolo, mi sembrava una forzatura.
Un saluto a tutti.

rikiuan
rikiuan

Mi sono perso qualche cosa? BMX e Trial sono MTB?

scocht75
scocht75

ammazzzzzaaaatiiii

iaco70
iaco70

Ma quale telescopico, è tutto l’inverno che si è allenato con suo fratello per migliorarsi in discesa!

iaco70
iaco70

Non ho detto che non lo avesse, dico solo che non è per quello che è migliorato in discesa. Bastasse quello per andare forte lo monteremmo tutti.

iNicc0lo
iNicc0lo

Mah, a me ha fatto molto e di sicuro non tornei indietro se non andando molto più prudente.

miki99
miki99

Marco condivido con te che per Absalon ha fatto bene il telescopico, sopra tutto usando il suo (personale) in allenamenti “Mirati” con la Ferrand-Prevot!

Ghi ghi ghi…

Davide_sd
Davide_sd

Purtroppo non ho avuto modo di seguire la gara oggi.
Grandissimo Braidot!!! Ma Fontana ha avuto qualche problema meccanico? In caso contrario il suo distacco è abissale e considerando che le olimpiadi si stanno avvicinando, la vedo dura…
Speriamo di assistere la prossima settimana al duello Neff vs Langvad.

sozzy76
sozzy76

Ecco !cosa serve avere il pignone da 10t? in volata!

crifla
crifla

Inizierà anche Schurter a utilizzare il telescopico?

Mitzkal
Mitzkal

Inizierà anche Absalon ad usare le 27.5?

dragofuoco

sono assolutamente favorevole al telescopico in XC, fosse anche solo per la sicurezza.

el-nigno
el-nigno

Prima di parlare di aver recuperato il distacco in discesa da Nino, e di parlare del solito telescopico, aspettiamo il ritorno ai circuiti più tecnici e al ritorno in sella alle Full….questo percorso livella di molto le doti in discesa. Calma che Nino in discesa ha una marca in più quando si tratta di guidare.

el-nigno
el-nigno

Marcia.

QuintEX23
QuintEX23

Guardando la classifica vedo nelle posizioni più alte alcuni nomi nuovi mai sentiti, mentre tanti nomi noti come Fontana (cavolo Marco mi spiace..), il compagno Fumic, Tempier, Kerschbaumer, etc. sono scivolati nelle posizioni inferiori.

Manuel Gregori
Manuel Gregori

Mi sembra assurdo che in una gara vinta da Schurter si postino tre foto di Absalon e del suo reggisela telescopico.
Perche’ invece non evidenziate che con la nuova Scott Scale (dunque non biamortizzata)Mr Nino ha fregato Absalon e il suo reggisela delle meraviglie negli ultimi 10 metri ???
Siete sicuri che Schurter non abbia vinto grazie alla rigidita’ dei nuovi foderi dunque alla migliore reattività’ ed esplosivita’ del nuovo telaio????
PS Non avevo mai assistito all’encomio dello sconfitto (o del secondo classificato) ………potere del telescopico…

Martina6184
Martina6184

Secondo me sono due le questioni principali:
– Absalon ha colmato il divario in discesa da Schurter per via del telescopisco (come suggerito dall’articolo)?
– Schurter ha vinto la volata per via della trasmissione 1×12 che gli ha consentito un rapporto metrico molto più vantaggioso di un qualsiasi 1×11 (indifferentemente che sia quello Shimano di Absalon o uno generico di Sram)?

bike60
bike60

o forse chi parte dietro in volata il 99,99 % delle volte vince, specialmente se si chiama Schurter di cognome?

sunrider88
sunrider88

Se non ho visto male ls bici del francese è una 29′ mentre lo svizzero è su una 27,5′ quindi il massimo sviluppo metrico dei due mezzi qul’è?

YetiMan
YetiMan

Nino ha vinto perché è più forte.
Julien in discesa va più forte dell’anno scorso.
Punto

Poi, se vogliamo… da quando ho montato il telescopico anche sulla front vado più forte in discesa, e parecchio… Anzi, mi sbilancio: il vantaggio che il telescopico dá in discesa è considerevolmente superiore alla penalizzazione che comporta in salita.
Sono d’accordo con Nino: gli attuali telescopici da XC (vedi il LEV 272 di Julien) sono troppo lenti a tornare alti, e di sicuro se per abbassarli non fosse necessario sedercisi sopra sarebbero ancora più performanti. Poi è chiaro, più è leggero e meglio è. Ma nonostante tutto io preferisco ancora montarlo…

YetiMan
YetiMan

Ah, se poi qualcuno (@Marco?) riuscisse a sapere che rapporto ha usato Nino in volata, e se questo fosse il 38×10, allora ha vinto anche grazie a quello. Dubito che abbia fatto tutte le salite con il 38×42, quindi l’1×12 potrebbe averlo aiutato…

marc.nocera
marc.nocera

Belle foto! Molto coinvolgenti. Complimenti Hoshi Yoshida.

texxio
texxio

Rispetto allo scorso anno Absalon mi sembra migliorato in discesa ma che sia merito del telescopico la vedo dura, allora Nino vince perchè usa le ruote da 27,5″? Rispetto alla prima gara questa era meno tecnica tant’è che quasi tutti avevano il frontino anche fumic che di solito usa la scalpel questa volta ha optato per la HT

dde
dde

Bhe.. ci sarebbe anche de prendere atto che il nuovo telaio Bianchi con tecnologia “countervail” non ha potuto fare miracoli!!!…tanto per spostare la polemica…

FabioTS
FabioTS

solo per sincera curiosità, ma tra i “big” chi monta il telescopico oltre ad Absalon ?

Egrom1985
Egrom1985

A Cairns lo usava anche McConnell

mb10
mb10

Ma tanto alla fine siamo sempre li. A noi, pedalatori amatoriali o anche agonisti dei vari circuiti di xc che ci sono in giro, serve?
la risposta per me continua ad essere:
– per qualsiasi gara in circuito XC -….NO, ad esclusione di mosche bianche. In coppa del mondo il livello si sta alzando, nel resto del mondo si sta abbassando perchè sempre piu’ amatori “da pianura” o ex stradisti gareggiano, e alle prime difficoltà che incontrano il percorso è etichettato come troppo tecnico….e lo sbandierano ai 4 venti. Risultato? la società organizzatrice deve rendere i percorsi assimilabili alle strade bianche, altrimenti si trovano con 30 partenti
– per qualsiasi marathon (ad eccezione magari di un paio): NO senza se e senza ma
– per le altre discipline agonistiche e non di MTB pedalato (trail, enduro): assolutamente SI.

Ovviamente il tutto deve essere pesato su qualcuno che in bici non dico che ci sappia andare, ma sappia almeno le cose fondamentali e abbia delle doti di guida discrete. Se poi prendiamo quelli che ogni tanto ci sono che in gare xc di una banalità assurda scendono a piedi, vabbè….avanti col telescopico.

Gli agonisti di coppa del mondo, li lascerei proprio altrove….e non li andrei neanche a guardare

wally73
wally73

boh…
io farei un semplice test.
farei una settimana di allenamenti con giri diversi, dal più liscio a quello con quello diciamo più tecnico.
senza e col telescopico. guardando strava se i tempi di quando si ha montato il telescopico e quando no sono diciamo uguali.
secondo me se lo stato di forma è uguale i tempi col telescopico montato e senza sono praticamente identici nei giri meno tecnici. in quelli tecnici in discesa ci si potrebbe rendere conto di andare più forte o in maggior sicurezza…
in questo caso telescopico forever.
so benissimo che in XC se si formano dei trenini in discesa quello davanti che fa da tappo fa la velocità in discesa se non si sposta. ma non sarà sempre così…
poi ovvio che chi va forte in discesa perchè dotato sarà sempre più veloce…

bikemastertwo
bikemastertwo

Leggevo sul blog di Fontana .. nessun problema tecnico solo non andava … bo ? certo la supremazia del duo svizzero francese alla lunga stanca psicologicamente gli avversari , della serie … che cazzo ci vengo a fare vincete sempre voi … gli altri ormai sono solo comprimari ..

ciao

vaff
vaff

@bikermastertwo:
Fontana nei primi giri è caduto per una scivolata sul brecciolino in curva, durante la gara mostrano il replay della caduta. Ma si riprende subito, non è per questo che è arrivato molto dietro.
Queste gare si dividono in due parti: una di testa con riders che arrivano al traguardo freschi e reattivi come fossero appena partiti, e un troncone di riders a seguire che arrivano visibilmente stanchi e affaticati

Lou77
Lou77

Invece che schierarsi a prescindere pro o contro il telescopico (accessorio che non insegna ad andare più forte a chi non è capace, ma che fa andare più forte chi già sa guidare), c’è qualche ingegnere che ha voglia di approfondire il vantaggio di leva che il 38 di Shurter dovrebbe avere rispetto al 34 (? non sono sicuro) con cui ha sprintato Absalon?

anche a me dalle foto sembra che nessuno dei due avesse sprintato sul pignone più piccolo, quindi si presume che nessuno avesse la necessità di un range più ampio di rapporti. MA che differenza di resa c’è inuna situazione di sprint come questa tra un 38 e un 34 come rapporto di leva? Entrambi usano pedivelle 175mm? (penso di sì).

Absalon comunque, come ha fatto notare lui stesso nell’intervista a caldo, non è mai stato così competitivo in volta come quest’anno. Dalle sue parole “è la prima volta che arrivo così vicino da vincere una volata con Nino” (libera traduzione mia). Questo, unito ai miglioramenti tecnici e di abilità in discesa, alla sua età e dopo tutto quello che ha vinto, alzano ulteriormente la considerazione che ho di un atleta che si sta (ancora) migliorando e che a 36 anni suonati anziché smettere (come molti gli avevano prefigurato) è probabilmente ancora più forte di quando dominava tutto.
Chapeau.

mb10
mb10

dopo fior fiore di discussione, il fatto di usare il 34 o il 38 puo’ avere influito in maniera impercettibile. Sicuramente un 38 crea qualche attrito in meno rispetto ad un 34, ma di nuovo non puo’ essere quello…

Interessante invece capire se veramente non hanno sprintato sui piu’ piccoli…

Secondo me in caso, come suggerisci, sarebbe bello capire se c’è stato qualcosa che ha fatto migliorare la prestazione di absalon in volata…guardando il passato, per Julien oggi è stata una vittoria, non una sconfitta.

Riki174
Riki174

Da un rapido calcolo che tiene conto di ingranaggi e dimensione ruota trascurando gli pneumatici, risulta che:
Nino ha un rapporto il 13% più lungo del più lungo di Absalon (quindi se l’avesse usato in progressione avrebbe avuto un teorico vantaggio di sviluppo metrico x pedalata)
Nino ha un rapporto più agile che è il 19% più agile di quello di Absalon (quindi la sua coperta è mooolto più lunga di quella del francese)
In realtà però, supponendo che non usi mai il 50T in gara, non ne trae un vantaggio, ma anzi, la scalatura dei rapporti di Nino è leggermente meno cadenzata di quella di Absalon (2% in meno) e quindi in il francese ha una migliore possibilità di trovare il rapporto “ideale”.
Il rapporto di leva lo considererei trascurabile, e sicuramente ininfluente come attriti quando in gioco ci sono pignoni da 10-11.
Tutto per dire che: che Nino abbia usato il 38/10 in volata o meno, è stato più forte perchè o è riuscito a spingere un rapporto enorme, o ha avuto frequenze più alte.
Inutile dire poi che la tattica è stata ottima in quanto è raro vedere anche in bdc vincere uno sprint da quello che ha iniziato la volata. 🙂

rimirkus1975
rimirkus1975

Scusate parlo da incompetente , ma oltre alla differente corona 38 e 34 non c’è da tenere in considerazione anche il diametro ruote? mi pareva che Shurter avesse delle 27,5 mentre Absalon delle 29 (magari sbaglio?); a quanto si dice nei rilanci, in vista di volata, le 27,5 sono più agili delle 29 , o sbaglio anche qui ?

Mitzkal
Mitzkal

Non sbagli, le 27.5 accelerano meglio delle 29, è un dato di fatto, parlando di ruote al top quali quelle utilizzate da due atleti al top.
Sono più agili in volata.
Sono più agili in discesa.
Sono più agili a cambiare direzione.
Sono più rigide.
Richiedono meno sforzo ai freni a parità di diametro disco.
Le 29 tengono meglio la velocità, utile su percorsi con poche frenate, pochi cambi di direzione, poche accelerazioni.
In pratica l’XC moderno, vero?
Ma guai a dirlo…
Non può essere che il meticolosco Schurter (che è alto 1.73 e non 1.50) abbia scelto il formato ruota vincente e che vinca “facile” anche per quello… no, non può, sarà solo un caso.

sma73
sma73

Il telescopico per me è un indubbio vantaggio, sei più rilassato, ti muovi meglio, sei “meno impiccato”, quindi ti diverti anche di più. E il prossimo lo monto sulla bici da strada.

Collasso
Collasso

Sempre più grande Luca Braidot!
Ho seguito delle trace dove si allena normalmente e devo dire che alcuni pezzi dove ha i Kom, o poco gli manca, sono praticamente delle DH o Enduro impestate e i twins le affrontano con disinvoltura in sella alle loro Olympia… Grandi e basta!! Sesto a sei minuti dai due fenomeni !

Egrom1985
Egrom1985

A tre minuti a dire il vero!

fabio1991
fabio1991

Non sprecatevi troppo per il sesto posto di braidot.
FORZA BRAIDOT!!!

mb10
mb10

hai assolutamente ragione… bravissimo
speriamo solo non sia il solito fuoco di paglia come il 5 posto di Kerschbaumer un paio d’anni fa seguito da poco…

fabio1991
fabio1991

È anni che è ai livelli di gery, al mondiale under23 potevano fare primo e secondo, ha vinto l’Italiano elite xc,

FabioTS
FabioTS

concordo ! è un giovane davvero con grande potenzialità e dovrebbero evidenziare un po’ di più le sue prestazioni
invece preferiscono sempre il solito che è da un paio di anni a livello mondiale praticamente latitante ….

tagnin
tagnin

certo che quella cassetta da trentordici pignoni su un cerchio 650B fa davvero impressione

Rayearth
Rayearth

solo a vedere la foto di Kuhlavy (S-Works bianca) sento le costole che si fratturano….

bike60
bike60

ma come fate a dare il merito al telescopico?
e se Nino avesse preferito non rischiare niente in discesa sapendo che tanto avrebbe vinto in volata?
e quanti secondi ha perso Absalon per abbassare il reggisella, schiacciare il bottone giusto, ricordarsi di alzarlo…avete misurato?
e se avesse vinto per la maggior trasmissione di potenza della front?
allora in questa gara abbiamo scoperto che full o front non cambia una virgola, sono solo scelte personali e, in questo caso, di marketing… adesso tutti a comprare front che vanno meglio delle full…
e da domani tutti a montare la sella come Kulhavy con inclinazione a 45°….mi raccomando

MassimilianoCangialosi
MassimilianoCangialosi

ma scusa..absalon aveva la front anche lui..mi sa che hai fatto un po di confusione

bike60
bike60

ma non si corre in due in coppa del Mondo mi sembra…mi sa che non devi guardare solo i primi due gradini del podio per giudicare una gara

MassimilianoCangialosi
MassimilianoCangialosi

ok..mi dici quante full c’erano in gara e su quante totali? dato che non bisogna guardare solo i primi due..considerato che il podio era tutto front..io ho guardato i top rider..e a parte Kulhavy , tutti usano front.. o sbaglio?

bike60
bike60

quindi sei d’accordo con me e con tutti loro che le front vanno meglio?

wally73
wally73

se un rider professionista sbaglia a pigiare la leva del telescopico quando a sx ha solo quella è meglio che si dedichi alla playstation. secondi ad abbassare e alzare un telescopico?
probabilmente non l’hai mai usato. poi semplicemenente se in una discesa piuttosto che un’altra non serve non lo azioni e stop…

su full vs front in ambiti xc race non discuto. vedo che in certe gare molti usano la front in altre le full… i pro hanno anche questi vantaggi…

fillloooo
fillloooo

…Belle foto di Schurter, Absalon e Fontana & C…. ma una bella foto del nostro BRAIDOT? Ha fatto una gara molto bella…che dite se la merita?…

francesco.frassani@live.it

Semplice considerazione! Ultimamente c’e la divinizzazione de full per fare xc mentre tutti in germania hanno usato front! E il percorso tedesco è piu tecnico di un qualsiasi percorso xc che affronta un amatore in italia! Meditate

Andre_7
Andre_7

Le full mal reggono il ritmo delle front in gara. Lo dico da convinto possessore di una full che mi salva la schiena e mi consente di andare più sicuro. Ma la performance pura è felle hardtail ( o softail)

gasate
gasate

Negli ultimi anni se non c’era shurter. Sai che noia. Almeno absalon ha un rivale. Gli altri sono forti ma non abbastanza è così e basta. Speriamo per il futuro che escano fuori altri atleti che facciano spettacolo come quei 2

gambrinuse
gambrinuse

Comunque secondo me non è per nulla scontato che il reggi telescopico sia un vantaggio per tutti e in ogni condizioni. Dopo averlo installato anche io mi sono reso conto che il suo utilizzo è tutt’altro che banale.
Quando si va forte e sbagliare non è concesso (gare di alto livello) il reggi è una variabile in più da gestire: alzare a abbassare nel momento giusto, sedersi sulla sella per farlo abbassare (questo lo dice anche Nino), ulteriore manettino da gestire magari contemporaneamente a quelli del cambio, ecc, ecc.
Questo, sopratutto quando non si è più molto lucidi, può portare a togliere attenzione alla guida vera e propria, e non è scontato che tutti siano ugualmente capaci di gestire proficuamente questo genere di situazione.

Francesco Agapito Mariani

io il telescopico sulla mia Zaskar lo manterei , come una forca da 120 😀
PS . Grande Luca Braidot , ma alla Lechner cosa è successo che non è competitiva come l’anno scorso ? Spero che si riprendono i nostri atleti

rimirkus1975
rimirkus1975

Riflessione da osservatore molto esterno alle gare : in una competizione sportiva dove viene premiato solo l’atleta è giusto che quest’ultimo possa impiegare “attrezzi” così diversi da un altro competitore nella medesima gara ? per chiarire meglio nelle gare di bdc le bici sono molto simili come componentistica (giusto ultimamente c’è la discussione sull’adottare si o no i freni a disco ),ma i regolamenti sul mezzo da impiegare sono molto più restrittivi ed alla fine si discute sulle capacità dell’atleta più che del mezzo (penso a Coppi e Bartali di cui tutti conoscono le gesta ma pochi sanno le differenze che c’erano tra la Bianchi e la Legnano che utilizzavano); mentre negli sport dove vengono impiegati mezzi costruiti diversamente o da aziende concorrenti , vedi F1 o motoGP , qui si premia sia il campione che la casa costruttrice. Quindi il dubbio rimane : è giusto in xc permettere l’utilizzo di mezzi così diversi tra i vari atleti nella medesima competizione ?
Da fruitore di mtb direi di si perchè penso alla ricerca dei componenti più idonei o performanti che bene o male verranno poi immessi sul mercato , da purista sportivo qualche perplessità rimane.
Scusate il “pippone”

wally73
wally73

direi NO a tutto quello che dici. aggiungo che il mondo della BDC è uno dei più chiusi, antiquati e ottusi che mi vengono in mente nel mondo dello sport…
bici che in discesa fanno i 70 che frenano coi tappini di gomma e hanno mozzi con assi del diametro di 50 anni fa… gente che incontri per la strada e che gira ancora col cappellino da muratore… no grazie…
i mondi di F1, MOTOMONDIALE sono così per regolanento. poi negli ultimi anni in F1 qualche diversità motoristica esiste. nelle moto ci sono motori in linea, a V di angoli diversi.
quando però hai n. cilindri e alesaggio fissi, motori punzonati per regolamento, monogomma non puoi inventarti tanto…

rimirkus1975
rimirkus1975

Come affermavo anche io per lo sviluppo e l’innovazione sui mezzi è giusto che i regolamenti nell’XC permettano mezzi con soluzioni differenti. Il paragone col mondo dei motori era solo per far notare che ove vi sono mezzi differenti oltre l’atleta, pilota, viene premiato anche il costruttore , fatto che non accade negli sport ciclistici .

enricodg
enricodg

Il problema non è la diversità dei materiali che usano i bikers, perchè alla fin fine i pro possono scegliere quello che preferiscono e quindi meglio adattarsi.

Il “problema” è la costante guerra personale che stà facendo Marco a favore dei telescopici.

scocht75
scocht75

chi si ostina ancora a dire che il telescopico non serva porco#£$, basta che guarda le foto di chi scende con e chi senza..la posizione del corpo è palesemente come si dice da me a buo di ulo senza reggisella invece chi ce ha chiaramente una posizione più comoda e facile da gestire…..ma @toniolo non ti abbattere un giorno capiranno

paul63weber@gmail.com

Hahaha… come la solito la polemica post-gara è quasi più interessante della gara medesima. Per fortuna che ci sono i commenti su pinkbike, che riportano il livello a livelli più interessanti.
Tipo… Schurter si è sciroppato 1.500 m. di dislivello in 1h28′ su 33Km.
E ‘sti cazzi, scusate se è poco…! Il reggisella telescopico o meno è veramente un dettaglio di poco conto. Mettiamola così – voi quando guardate una partita di calcio analizzate le scarpette indossate dai giocatori??
😉

gabrireghe
gabrireghe

absalon veloce quanto schurter in discesa ormai anche grazie al telescopico (in certi punti sembrava quasi più veloce), nino più forte allo sprint. secondo me absalon ha usato anche un rapporto un filo troppo agile nello sprint (si vede bene nel replay dello sprint). dovrà attaccarlo ancora da più lontano se vuole batterlo

85549
85549

da quando il francese monta il telescopico quante gare ha vinto sullo svizzero? Finché non ci si vince non serve a niente. Ricordiamoci cosa successe con le 27.5 grazie a ninetto……

 

POTRESTI ESSERTI PERSO