Schurter vince in volata l’ennesima sfida con Absalon

Schurter vince in volata l’ennesima sfida con Absalon

Marco Toniolo, 22/05/2016
Whatsapp
Marco Toniolo, 22/05/2016

[ad3]

Non ci si annoia solo perché i due atleti più forti al mondo nel XC hanno dato spettacolo fino all’ultimo metro, ad Albstadt. Altrimenti vedere si soliti due nomi combattere per la vittoria, degradando gli altri concorrenti a mere comparse, potrebbe venire interpretato come un dominio che toglie interesse alla competizione.

Absalon davanti a Schurter, notare il reggisella. Foto di Michele Mondini.

Absalon davanti a Schurter, notare il reggisella. Foto di Michele Mondini.

Ma così non è stato nella seconda tappa della coppa del mondo 2016, con Schurter ed Absalon sfidarsi su ogni salita, ogni discesa, ogni curva. Solo allo sprint finale lo svizzero ce l’ha fatta a superare il francese, all’ultimo metro. Volata incredibile, dovuta anche alla maggior confidenza che Absalon ha avuto nel finale in discesa.

3216-A70W7761

Vogliamo dare il merito al reggisella telescopico? Diamolo, perché l’anno scorso proprio nell’ultima discesa Schurter aveva staccato Absalon, prima di cadere rovinosamente all’ultima curva e arrivare secondo. Questa volta il francese volava in discesa, esattamente come Nino. Un bell’esempio di come portare a proprio vantaggio un’innovazione tecnologica che in tutte le altre discipline della MTB è una consolidata realtà.

>>> La nuova Scott Scale di Schurter

3380-A70W7925

Ottimo sesto posto di Luca Braidot, primo degli italiani. Tiberi 24°, Fontana 26° e Daniele Braidot 27°.

3453-1X9A1515

Notare il pubblico.

Absalon all'inseguimento

Absalon all’inseguimento

Kuhlavy.

Kuhlavy.

Marco Aurelio Fontana in giornata no. Lo stile però rimane.

Marco Aurelio Fontana in giornata no. Lo stile però rimane.

La bici vincitrice.

La bici vincitrice.

Il replay della gara si trova qui.

3977-A70W8412

Due facce, un vincitore.

2477-1X9A1250

Fra le donne vince la danese Annika Langvad, che in assenza di Jolanda Neff (infezione virale) domina anche questa prova, dopo aver vinto a Cairns. Seconda una fortissima Jenny Rissveds che, malgrado una brutta caduta ad inizio gara, si riprende e supera la Pendrel all’ultimo giro. Prima delle italiane Lisa Rabensteiner, 19°.

2708-A70W7384

 

POTRESTI ESSERTI PERSO