Sicilia C2C West: sulle orme del commissario Montalbano

Sicilia C2C West: sulle orme del commissario Montalbano

20/06/2012
Whatsapp
20/06/2012

La spedizione è composta da Alessandro e Giovanni, le nostre guide, il giovanissimo Fabrizio, Renè e Patrick che vengono dal Belgio e dal sottoscritto in rappresentanza di MTB-Forum. Franco, fratello di Alessandro, guida il furgone di appoggio che trasporta i nostri bagagli, le vettovaglie ed i ricambi.

Mentre erano in corso le ultime operazioni preliminari mi sono concesso una colazione da locale: brioscina e granita, integrata da altri esempi della pasticceria locale… e poi si parte, prima verso La Valle dei Templi per una foto ricordo, quindi sulle tracce di una antica ferrovia verso Porto Empedocle, la città natale di Andrea Camilleri e teatro, sotto il nome fittizio di Vigàta, delle gesta del suo commissario Montalbano.

Il gruppo alla partenza

Potremmo dire che la prima parte del percorso è davvero sulle tracce di Montalbano, perchè usciti da Porto Empedocle andiamo verso la Scala dei Turchi, una scogliera di marna di un bianco abbagliante che si infila nel mare turchese, citata appunto nei romanzi di Camilleri. Il luogo e fantastico, nonostante la quantità di bagnanti e ancor di più per il percorso fatto per raggiungerlo: tre o quatro km di bagnasciuga tra gli sguardi increduli dei vacanzieri, fortunatamente ancora non numerosissimi…
Giù dalla Scala dei Turchi

Dopo un pranzo (tardivo, ma qui gli orari sono diversi da quelli abituali…) a base di panini annaffiati da birre e cocacola ghiacciate (ma solo dopo una nuotata rinfrescante nelle acque di Siculiana Marina) iniziamo il percorso che ci porterà alla seconda attrazione di questa prima giornata della C2C West Coast: la Riserva di Torre Salsa, un’area protetta della Regione affidata in gestione al WWF che oltre alla fascia costiera comprende un’ area umida che ospita decine di specie rare oltre a rappresentare una zona di sosta e riposo per la fauna migratoria.

Verso la riserva di Torre Salsa

Ed anche per noi come per i migratori Eraclea Minoa ha rappresentato il meritato riposo sotto forma di una rinfrescante nuotata…

La giornata è stata piuttosto calda (intorno ai 32°C) ma decisamente ventilata, per cui siamo riusciti a pedalare abbastanza bene. Personalmente sono stato decisamente aiutato a sopportare il caldo dalla sacca idrica con copertura termica, dal kg di pesche e albicocche sgranocchiate alla bisogna, dalle nuotate e dalle birre…

Domani seguremo la costa fino a Ribera per poi rivolgerci a nord abbandonando il Mediterraneo ed inziando l’avvicinamento al Tirreno.

Ulteriori foto, ad opera di Nicola Semboloni e Alessandro Tedesco, sono nel fotoalbum.

 

POTRESTI ESSERTI PERSO