[Test] Cube Stereo HPA SL

[Test] Cube Stereo HPA SL

12/01/2015
Whatsapp
12/01/2015

Lo avevamo anticipato più volte nei commenti ai vari articoli riguardanti il test comparativo delle bici da Enduro, che avremmo prolungato il periodo di prova della Cube Stereo 160 HPA SL 27.5 per pubblicare in seguito un ulteriore articolo più approfondito, e adesso, dopo averla messa sotto torchio per oltre un mese su una buona varietà di percorsi e di terreni differenti, eccoci qui con l’esito del test.

La Stereo 160 HPA si è piazzata a sorpresa al 7° posto della classifica finale, su un totale di 15 bici che hanno partecipato alla comparativa, superando altri prodotti top di gamma dal costo ben più elevato. Una piccola vittoria morale per questo allestimento di media gamma del modello da Enduro della casa di Waldershof.

Una componentistica funzionale che, in un efficace rapporto qualità prezzo, include alcune delle principali caratteristiche mainstream del momento (trasmissione 1×11, Pike, cerchi larghi e telescopico con cavo interno), un telaio robusto e sufficientemente leggero, con delle linee decisamente teutoniche e una livrea dai colori stravaganti e appariscenti, il tutto a un prezzo molto competitivo. Questi i principali dettagli che descrivono la Cube Stereo 160 HPA SL 27.5, che ora andiamo ad analizzare nei dettagli.

F75R1562

Analisi statica

Il telaio è in solida lega di alluminio 7005 con tubazioni a triplo spessore, sottoposte a idroformatura. Il Trail Motion Rocker, ovvero la grossa biella a bilanciere che attiva l’ammortizzatore, è ricavato da un unico pezzo per aumentare la rigidità risparmiando peso.

Il cinematismo della sospensione, denominato FSP4 Link, è un sistema Virtual Pivot con giunto Horst. L’escursione alla ruota, sia anteriore che posteriore, è di 160mm, come suggerisce lo stesso nome del modello.

F75R1572

Il sistema di sospensione è reso funzionante da un ammortizzatore Fox Float CTD LV. Il fatto che sia un Low Volume, con la sua naturale progressività negli ultimi millimetri di corsa, aiuta a contrastare la propensione ai fondo corsa del cinematismo, ma sicuramente un ammortizzatore con un’idraulica più evoluta e con più possibilità di intervenire sulle regolazioni, avrebbe aiutato maggiormente a gestire la linearità del sistema ETC nel suo complesso.

F75R1565

La forcella Rock Shox Pike RC Solo Air svolge bene il suo lavoro. La sua appariscente colorazione “Flash Red”, abbinata alla livrea del telaio, non passa certo inosservata, e rende la Stereo HPA aggressiva e vivace.

F75R1568

La trasmissione è di tipo 1×11 mista. Cambio e comando sono SRAM X01, mentre la cassetta è SRAM XG-1180, quindi del gruppo X1. La catena è invece una X11 di KMC e la guarnitura è una Race Face Evolve con pedivelle da 170mm di lunghezza e corona da 32 denti. La pedivella lato drive, nella zona vicino al fissaggio dell’asse del movimento centrale, risulta piuttosto sporgente ed è molto spigolosa. Come potete notare dalla foto, in quel punto ha iniziato a scolorire a causa dello sfregamento con la scarpa. Inoltre è capitato spesso di picchiare il malleolo contro la pedivella proprio in quel punto, cosa che fortunatamente non succede con altre pedivelle visto che è parecchio doloroso. Il rischio di caduta della catena è ulteriormente scongiurato dalla guida E*Thirteen XCX ancorata sul supporto per il deragliatore Direct Mount.

F75R1563

Le ruote sono DT Swiss CSW 2.7, sufficientemente rigide e a stima anche piuttosto leggere, nonostante si tratti di un prodotto di media gamma. I cerchi, da 25mm di larghezza interna, sono Tubeless Ready e infatti Cube ha scelto di montare con lattice le gomme Schwalbe Hans Dampf 2.35, in versione Trail Star all’anteriore e Pace Star al posteriore.

F75R1574

L’attacco manubrio è un Race Face Chester da 50mm con 8° di rise. La calotta superiore della serie sterzo ha una coppiglia piuttosto alta che, sommandosi ai ben 120mm di lunghezza del tubo di sterzo del telaio e agli 8° di rise dello stem, obbliga a un’altezza minima del manubrio da terra superiore alla media.

F75R1575

Anche il manubrio è un Chester di Race Face. La larghezza è di 740mm mentre il rise è di 1 pollice. Anche la quota del rise, leggermente sopra la media, contribuisce a innalzare l’altezza minima da terra del manubrio, con conseguenze avvertibili sulla guida.

F75R1569

I freni SRAM Guide R si sono sempre dimostrati affidabili e sufficientemente potenti. Grazie ai collarini MatchMaker trovano posto in modo ordinato sul manubrio anche il comando cambio sulla destra e il comando del reggisella telescopico Rock Shox Reverb Stealth sulla sinistra, nella parte inferiore del manubrio, che è la posizione che riteniamo migliore tra quelle opzionabili.

F75R1566

I rotori utilizzati sono gli SRAM Centerline, nella versione da 180mm sia all’anteriore che al posteriore.

F75R1573

Cube adotta una scelta particolare per il passaggio dei cavi. Le tubazioni idrauliche del freno posteriore e del reggisella passano all’esterno del telaio, sulla parte superiore del tubo obliquo, mentre la guaina del cambio si inserisce all’interno del telaio nella parte alta del tubo obliquo, per fuoriuscire nella sua parte terminale, vicino alla scatola del movimento centrale.

F75R1571

Il movimento centrale molto basso non gioca a favore della guaina del cambio che, in seguito a diversi urti, versa ora in pessime condizioni. Il telaio e la verniciatura invece hanno retto decisamente meglio.

F75R1570

Geometrie

cube stereo 160 geometrie

Salita

Dopo essersi rivelata una valida scalatrice durante il test comparativo a Punta Ala, la Cube Stereo 160 HPA ha confermato queste doti anche dopo essere stata messa alla prova per un periodo più lungo su numerosi trail e diversi tipi di terreno. Le quote geometriche inusuali per una moderna bici da Enduro, particolarmente votate alla salita, fanno si che la Stereo sia a suo agio sia sulle salite scorrevoli che ancor più, in rapporto alla sua destinazione d’uso, sulle salite tecniche. La sospensione posteriore, molto sensibile anche nella posizione Trail del Fox Float, mette a disposizione una grande trazione persino sui terreni più sconnessi, mentre sulle salite scorrevoli è preferibile utilizzare la posizione Climb, per evitare oscillazioni indesiderate del cinematismo. Nonostante la posizione di guida particolare, con un movimento centrale molto basso e un’altezza manubrio decisamente elevata, la Stereo non accenna a impennarsi sulle salite ripide, merito dell’angolo di sterzo piuttosto verticale per una moderna bici da Enduro e del carro lungo. La posizione di guida molto raccolta facilita gli spostamenti del peso necessari per far scavalcare gli ostacoli alla bici, mantenendo sempre una buona direzionalità della ruota anteriore, sempre per merito dell’angolo di sterzo di 66.5°.

F75R1630

Discesa

In discesa la Stereo 160 HPA ha un carattere differente rispetto alle altre bici da Enduro che abbiamo testato di recente. La sua indole è meno race, più votata alle discese tecniche, magari ripide, da prendere al giusto ritmo, non necessariamente alla massima velocità come si farebbe in una gara di Enduro. Questo non significa che la Stereo 160 non sia in grado di essere performante anche in gara, e i risultati di Nico Lau ne danno conferma (Nico utilizza però una forcella da 180mm che conferisce un angolo sterzo molto più disteso). Tuttavia le geometrie parlano chiaro: la Stereo 160 HPA incarna più una bici da AM a lunga escursione piuttosto che una Enduro race. La stessa definizione “Agile Ride Geometry” che fornisce Cube è eloquente. Guidarla nei trail tecnici è davvero divertente, grazie alle quote geometriche compatte e alla grande direzionalità dello sterzo, che la rendono molto maneggevole. La posizione di guida particolare, con il movimento centrale molto basso e il manubrio alto che determinano una quota di stack proporzionalmente più elevata di quella di reach, ha effetto sulla fluidità dei cambi di direzione durante i tratti veloci, ma infonde sicurezza nei tratti molto ripidi e tecnici. La sospensione posteriore ha un comportamento lineare. Risulta sensibile ai piccoli urti e gestisce bene anche quelli più importanti, anche se i fondocorsa non sono rari. In questi frangenti sicuramente un ammortizzatore con una maggiore gamma di regolazioni avrebbe aiutato.

F75R1658

Conclusioni

La Stereo HPA 160 offre buone prestazioni a un prezzo relativamente basso. Buone doti di scalatrice e ottima nel tecnico e tortuoso, si discosta dagli standard delle attuali Enduro race, seguendo più una vocazione da AM a lunga escursione, da godersi nelle escursioni alpine con discese molto tecniche. Un ammortizzatore più evoluto ne migliorerebbe le prestazioni in discesa.

Allestimenti e prezzi

Cube ha in gamma ben 27 versioni di Stereo, divise in 3 diverse escursioni, diametro ruota 27.5″ o 29″ e diversi allestimenti, quindi vi rimandiamo direttamente alla pagina del sito ufficiale Cube per confrontare tutte le versioni.

Il peso dichiarato della Cube Stereo HPA SL è 13,55kg, mentre il peso da noi verificato è inferiore di quasi 2 etti: 13,37kg.

Prezzo: €2.999

Cube

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
1979gabriele1979
1979gabriele1979

Ogni tanto è piacevole ritornare sulla Terra…

xbeppex
xbeppex

ottima bici…prezzi umani…altezza del biker e taglia provata? grazie

Francesco Mazza
Francesco Mazza

177 …taglia M

Definito

Esatto…!
Ecco una bici intelligente sia per prestazioni che per prezzi, polivalente e quindi divertente.

lokis
lokis

A questo punto nel test comparativo non sarebbe stato meglio inserire una Fritzz con 180 di escursione e angoli più distesi (“endurona”!?) più simile alle altre.
Peraltro da sito Cube non pesa nemmeno tanto di più (13.7 kg)?
Comunque mi pare abbastanza singolare che abbiano due bici, la fritzz e la Stereo che sulla carta sembrerebbero molto vicine . . . .
Comunque amo queste tedesche molto spartane e tanta sostanza

alessiotro84
alessiotro84

Io avendo una fritzz HPA 160 del 2014, che utilizza lo stesso telaio, ho riscontrato lo stesso problema della linearità del carro con conseguenti fine corsa, anche se la mia monta un ammo Manitou radium…
Voi, per la vostra esperienza, che ammo consigliereste per ovviare a questo problema?
Io avevo pensato a un Double Barrel Inline ma ho paura che non ci stia nel telaio, perchè l’attacco sotto è molto vicino al tubo piantone…

tiziano
tiziano

Per avere un’idea dei prezzi Cube 2015 sotto inserisco il link del concessionario Lenzi di Prato.
http://lenzibike.it/it/shop/biciclette/cube/mountain-bike

goos ams
goos ams

Io ho avuto la cube ams 130 per 3 stagioni e l’ho sempre definita onesta e piacevole .. Quest’anno sono passato ad una enduro e la stereo mesi fá é stata una papabile … Priprio di questo modello non mi piace affatto la forcella arancione! Meglio la race tutta nera ma con qualche componente meno pregiato .. E poi onestamente del telaio non mi piace affatto quella saldatura sul tubo verticale dove si attacca il carro! Ma un tubo verticale unico pezzo idroformato no?

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Con degli amici che stanno valutando il primo acquisto enduro sono andato in negozio a vedere coi miei occhi i due modelli “base” Stereo 160 cioè la HPA Pro e la HPA Race che dici tu… Ok tu dici componenti “meno pregiati” ma a parte che funzionano bene pure loro e che il peso finale può interessare ai grammomaniaci… Io preferisco ancora di più il modello base-base con la Manitou Mattoc Comp: che feeling che mi ha dato quella forcella, me ne sono innamorato!! A 2000€ secchi a mio parere è il modello da enduro più pregiato che c’è in circolazione: ho provato a bloccare forcella e ammo Radium Pro e rimangono fermi secchi più dei miei attuali Monartch RT3 e Revelation RL… Mah chissà perchè in così tanti “schifano” questi componenti ancora non lo capisco… E infine i 14,9 Kg totale della bici completa dichiarati da Cube non mi sono risultati reali anche se non avevo una bilancia a portata di mano, pure i pesi rilevati su questa sono inferiori di ben 2hg. E parlando ancora del modello Pro di base ha il telescopico 120mm incluso!! …Bingo! Qualcuno alla Cube fa i conti per bene e ha un occhio intelligente per i montaggi! Marco

michele1980
michele1980

WW le Cube, ottimo rapporto qualità prezzo!!!
…non è che c’è anche un test per la Cube reaction gtc race 29″ del 2015?? 😀

Funboy
Funboy

Ho una Stereo 2014 in carbonio e confermo quanto detto nel test.

E’ una bici molto polivalente con la quale ci si trova a proprio agio sia nei bike park che nei giri più pedalati.
Come forcella la mia monta una Fox float 34 che paga qualcosa rispetto alla Pike (che dicono essere più stabile nel ripido) mentre il Fox posteriore fa quel che può scaldandosi molto quando si scende veloci.
In ogni caso sono “problemi” su cui si può soprassedere se non impegnati in competizioni

In generale la consiglio e con poche modifiche sono arrivato a 12.9kg con pedali e lattice che per una bici da AM/enduro pagata 3000€ è un buon peso.

PS. non capisco perchè in foto quel “biellone” faccia sempre così schifo. Dal vivo è decisamente più sopportabile.

FABIUS_C
FABIUS_C

in effetti il biellone non mi piace per niente ….. in questo quello delle trek mi è sempre piaciuto un casino…

tanguyx
tanguyx

Finalmente qualcosa di buono e raggiungibile anche per i comuni mortali.

menollix
menollix

Alla luce della comparativa, alla luce dei test singoli, mi chiedo quanto valga la pena spendere almeno il doppio per altre bici con caratteristiche e performance simili.
Ok il blasone del marchio, ok l’aspetto estetico … ma se uno punta al divertimento puro può cambiare bici il doppio delle volte prendendo qualcosa di “meno blasonato”. O sbaglio?

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Ecco d’accordissimo: mi autoquoto anche quanto detto sopra a goos ams… Anche il modello Pro di base spacca e ha una forcella Manitou ad aria mega-plush, strabloccabile e regolabile anche nei parametri “da pro”.

dlacego

Be anche l’occhio vuole la sua parte… questa andrà sicuramente bene: ma è proprio brutta. Poi diciamoci la verità, non siamo mica tutti “super manici” la bici la compriamo anche per il piacere di avere un oggetto di cui innamorarsi, con belle curve, bei colori e materiali pregiati 🙂 Come disse qualcuno: toglietemi tutto ma non il superfluo.

menollix
menollix

Punti di vista. A me non dispiace.
Ovvio che una Nomad o una Yeti son più belle… ma mi chiedo, estetica a parte, quanto siano giustificati i 7-8k euro necessari!!!
Il mio è un discorso generale, una Canyon strive (tanto per citarne un’altra) come listino non è troppo distante da questa Cube ma esteticamente è più secondo me più accattivante.
Insomma, quanto “vale” la marca?

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Certo poi ognuno si innamora della propria bike per diversi aspetti. Il colore del modello che dico io è pure più chiaro e allegro di questa, insomma più appariscente. A me la bike piace e mi ci innamoro quando so che posso maltrattarla e lei non si rompe… Insomma se è affidabile e mi sembra di avere a fianco un commilitone!

goos ams
goos ams

La bici é molto bella,quella in carbonio ancora di più perché il telaio in alcuni punti è diverso .. Ma col mio budget mi sarei dovuto accontentare .. Comunque la bici è ottima e se avessi avuto un budget piú alto sarei andato proprio sulla stereo carbon

Bistecca500
Bistecca500

Può avere senso montare una serie steero per aumentare l angolo sterzo alla occorrenza e renderla più Race quando serve? @Francesco mazza

Francesco Mazza
Francesco Mazza

Direi che va a gusti, certamente modificare l’angolo di sterzo può portare vantaggi in alcune situazioni di riding, ma potrebbe peggiorare l’assetto in altre, dove la Stereo ha brillato. Una cosa che farei, ammesso esista la possibilità di farlo, sarebbe montare una serie sterzo con la calotta superiore più bassa, per abbassare quanto possibile lo stack.

jacopo svav
jacopo svav

per chi lamenta linearità e angolo chiuso…. c’è la versione TM della HPA:
con 3400€ hai fox float kashima al posteriore e fox 36 / 170mm kashima anche lei….
quel centimetro in più all’anteriore apre lo sterzo. il reparto sospensioni mi pare ottimo.
la danno per 14,3kg. pazienza.
purtroppo, a me, la bici deve piacere anche esteticamente e, già se nutrivo qualche dubbio… con quel colore non credo di farcela.

DoubleT
DoubleT

ricordo quando iniziai, 800.000 lire e per due anni ho corso su una rockhopper sport rigida, un discreto cancello, ma sempre un cancello, poi passati due anni… via con una stumpjumper comp… 2.000.000 lire e sempre rigida. la scimmia stava crescendo.
oggi chi inizia con bikes così… la scimmia non può che crescere prima!!!

gotto
gotto

Quel passaggio cavo cambio non lo perdono.

ilDani
ilDani

Io sono felice possessore del modello SHPC 160 SL (quella in carbonio) http://www.cube.eu/bikes/fullsuspension/stereo/cube-stereo-160-super-hpc-sl-275-greennorange-2015 montata però a livello di trasmissione e freni come questa da voi in test (con il mio negoziante ho fatto il cambio di montaggio, perché volevo 1×11 😉 bici spettacolare, confermo quanto detto nel test, per ora ci ho fatto alcuni giri xc/trail e un paio AM/Enduro e provenendo dalla vecchia Stereo 2010 (è stata anche Bici della settimana 😉 http://www.mtb-mag.com/bici-della-settimana-70-la-cube-stereo-di-ildani devo dire che è veramente un altra musica in tutti i sensi. Ho notato anche io che si pedala benissimo e sale molto bene sia su scorrevole che sul tecnico (pur montanto corona da 32 che nelle rampe un po’ più toste lo sento abbastanza, certo la mia anche a peso è buona, in taglia 20′ con pedali Flat da gr 250, arriva ad un peso di 12.50Kg per chi interessa io sono alto 1.84cm e come cavallo ho 90.5 (me la sento perfetta, comoda in salita e molto bilanciata in discesa) Ieri ho fatto un bel giro AM con una discesa flow ed una ignorante tecnica con salti rocce radici, la mia impressione è di un anteriore molto stabile e preciso, la mia monta la FOX FLOAT 34 Kashima factory 2015, che mi ha positivamente impressionato, “parte” subito, sensibile alle piccole asperità, mi è sembrata abbastanza progressiva, e sostenuta nel ripido (cosa che con la vecchia Fox 32 che avevo era un disastro). io ne sono stra entusiasta per ora, mi riservo di metterla ancora… Read more »

nikiepier
nikiepier

Che sia politica di Cube togliere dal listino la serie AM e proporre la STERO come bici da All Mountain??

Waugh
Waugh

Tutto veramente bello, prezzo in primis…tranne lo stile “teutonico”…quello non mi piace proprio per niente…

alcos
alcos

Finalmente la prova della mia prossima bici…Cube Stereo Hpa
io l’ho presa nella versione Race!
spero mi confermerà tutto quanto da voi scritto…
ma in caso di cambio di ammo… per migliorare la progressività serve uno XV o con piggy?

85549
85549

3000 euri non glieli metterei per questa.

Bike Store Mtb Cafe
Bike Store Mtb Cafe

La veste cromatica è molto impegnativa..troppo, soprattutto per via della forca colore custom , molto più equilibrata la versione all black da 2499 di listino..sinceramente 3000 euro per questa sono sì giustificati dall’allestimento,…ma per il resto, o te ne innamori per i colori…o devi fartela piacere, e allora ci sono bici più belle, magari con qualche pezzetto di valore in meno…

Alessandromtb80

Sà,allora,visto che ormai le bici le sapete far andare più o meno bene tutti e quanti,adesso vediamo di farle anche belle…DESIGN ragazzi!

biker 69
biker 69

A me piacciono molto le Stereo,certo qualche accostamento cromatico e’ un po’ “bizzarro” pero’ sempre colori seri a volte viene voglia di cambiare; ci sara’ una prova della sorella piu’ piccola da 140 ? complimenti al tester ottimo articolo

potowall
potowall

Felice possessore da circa due mesi….ottimo prodotto….unica pecca la corona da 32 già sostituita con una 30…

Shelbiminox
Shelbiminox

Bici concreta a prezzi accessibili!!!

kji
kji

ottima ma io penso che per un biker medio e abbastanza scarso come la stragrande maggioranza basti una 150 davanti e un 140 dietro…allestimento praticamente uguale a quello citato…e ci si diverte ma di brutto! (e risparmiando 600 euro)

BlackDM84
BlackDM84

Beh io ho la stessa bici ma taglia S e non ha il triangolo sul tubo orizzontale quindi è anche più bella e pulita a vederla. Per il prezzo di listino costa 3000 ma io l’ho pagata 2500, quindi ditemi voi se una bici a quel prezzo non sia ottima. Poi per quanto riguarda l’estetica a me piace tantissimo, anche la forca nonostante sembri un cartello antinebbia ( beh almeno si è sicuri di esser visti in montagna). Se poi a quel prezzo si decide di non prendere la bici con questo montaggio solo per il colore della forca è un pò da fessi. Almeno posso dire di avere una bici originale. I cerchi sono molto resistenti (ho preso certe botte) e sono facilissimi da latticizzare.
Anche io ho sostituito la corona con una 30T.
Sono felicissimo di aver preso questa MTB e

plasmonit
plasmonit

si può dir tutto tranne che sia bella…..

Shelbiminox
Shelbiminox

A me piace… trovo le cube molto sobrie nelle linee nonostante alcuni colori accesi

BlackDM84
BlackDM84

Devo dirti che dopo averla ordinata per qualche giorno ero un pò pentito, vedendola in foto non mi convinceva più di tanto infatti chiesi di cambiare l’ordine per prendere la Frizz. Beh quando è arrivata a vederla dal vivo e tutta un’altra cosa.

gregol68
gregol68

bella….ma comunque il “bello” mi è abbastanza indifferente…. la trovo sopratutto funzionale e azzeccata nel intenzione..ovvero una bici che sta bene nel mezzo…una AM bella tosta,salita, giri alpini, dislivello…e discese col sorrisone 🙂 sarebbe la bici perfetta per me, costa anche relativamente poco e offre molto.

guidetti vanni
guidetti vanni

Sarebbe interessante vedere un test comparativo in pari allestimento con la versione 29!

Funboy
Funboy

Cmq, per tutti quelli che dicono che è brutta, posso dire che è una bici che va vista dal vero.
In foto effettivamente non rende.

Poi non sarà cmq fra “le belle” ma migliora molto.

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Io come ho detto sopra ho visto dal vero i due modelli “meno pregiati” HPA Race (2500€) e HPA Pro (2000€): direi che ci ho sbavato sopra soprattutto sul modello base verde shocking e con un comparto sospensioni non blasonato (Manitou Mattoc e Radium) che visti dal vero non sono poi tanto “low profile” ma anzi… Reggi telescopico incluso e direi che sul concetto prima biciclettona da enduro superdivertente e pedalabile senza troppe menate ci siamo alla grande.

Luc01
Luc01

non vedo aspetti negativi nel test, ma ha un punteggio di “solo” 4.
Forse è stato dato dal fatto che l’ammo andava spesso in fine corsa?

Francesco Mazza
Francesco Mazza

4 su 5 mi pare sia tutt’altro che basso come voto. Pregi e difetti che hanno decretato questo voto sono tutti nell’articolo.

Funboy
Funboy

L’ammortizzatore è piuttosto lineare e quando scendi sullo scassato non è un difetto.
Piuttosto in queste situazioni scalda abbastanza probabilmente cambiando la risposta.

Per quanto riguarda i fine corsa può capitare ma francamente, per un uso amatoriale e salti di 1m, sono piuttosto rari.

Poi se ti ci butti giù da un droppone da 5m ci sta che due pompatine gliele devi dare.

BlackDM84
BlackDM84

Io ci faccio tranquillamente salti da 1m e devo dire si comporta molto bene. Certo devo dare qualche pompatina di pressione in più per non arrivare a fine corsa ma comunque la sospensione lavora molto bene.

mtb1cross
mtb1cross

Io della marca Cube , avevo un bel ricordo ma, ho una ams 150 pro ad una uscita mi sento il carro che si muove …..vite che regge il forcellone sul telaio rotta !!!!! Smonto , e mi accorgo che al posto di un perno passante , usano vite su entrambe i lati impanati su un blocco di alluminio !!!!!!! orrore su una bici che ha 150 di escursione , mando una e-mail a Cube ….risposta dopo più di 2 mesi rivolgersi al suo rivenditore!!!!!!! non commento altro.

Funboy
Funboy

Tutti noi abbiamo esperienza positive e negative con i vari marchi ma, in breve ti dico questa.

Il cerchio posteriore originale della mia cube aveva la ruota libera difettosa.
Rotta 4 volte in 500km (e quindi tornato a casa a piedi).
Il rivenditore non mi ha mai risolto una beata mazza di niente (Lenzi di Prato) alla fine scrivo alla cube che dopo 1 mese mi risponde molto gentilmente.
Nelle successive 24 ore inizia un botta e risposta nel quale vogliono capire cosa è successo e come si sono comportati quelli dell’assistenza.
Nell’ultima email mi chiedono scusa e mi inviano dei cerchi NUOVI in sostituzione (non vogliono neanche quelli rotti indietro).
Dopo altre 24 ore mi arriva il corriere Fedex a casa (il migliore per la mia esperienza) che mi recapita 2 cerchi nuovi sempre SUN migliori di quelli che avevo (roba da 680€ su chainreaction).

Una casa di bici di più non so cosa debba fare se non accollarsi pure le mancanze dei propri rivenditori.

Ovviamente questo non vuol dire che sia migliore o peggiore di altre ma personalmente non posso parlar male del marchio.

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

a cosa serve il calzino nel fodero posteriore sinistro sopra la pinza freno? solo per gli sfregamenti della tubazione?

Francesco Mazza
Francesco Mazza

Protegge da eventuali sfregamenti della tubazione del freno.

Juancolu11
Juancolu11

Io possiedo una Fritz HPA RACE 27.5 a cui ho sostituito la Forcella Fox di serie con una Pike, quindi praticamente è la stessa bici di questa….
Anche io ho riscontrato una notevola linearità del carro con frequenti fine corsa.
Per ovviare può avere senso montare al posto del Fox di serie un Monarch Rc3 Debon Air ?
Non vorrei poi diventasse TROPPO lineare…
Vorrei la bici più morbida all’inizio e più progressiva alla fine: se monto un DebonAir e inserisco spessori interni (o agendo sul piggy back) riesco ad ottenerlo ?
O magari più semplicemente inserisco spessori interni sul FOX montato ??

Juancolu11
Juancolu11

.

Worldbike Formia

Delle Stereo non mi ha mai convinto la scelta progettuale del carro: l’assenza degli swing arm sicuramente contribuirà a mantenere basso il peso, ma questa caratteristica unita ad un bilancere così lungo mi dà l’idea che alla lunga il carro possa prendere un po’ di gioco.
Magari mi sbaglio, ma su un mezzo come questo, pensato per AM e quasi enduro, avrei pensato a qualcosa di più compatto e rigido.

Rybo68
Rybo68

ciao!! io sono interessato a prenderla..ma effettivamente 2 miei amici ce l’hanno ed effettivamente mi dicono che puo capitare di dover cambiare ogni tanto uno dei cuscinetti…
io avrei un ottimo ammo a molla in titanio 216*64 che potrei usare ib bike park ecc..mi chiedo ,se come ingombri possa starci…ma sopratutto:non vado a disturbare,il cinematismo del carrro,con un ammo diverso al genere per cui il telaio sia stato progettato?
ad ogni modo l idea e’ usare sempre con mono ad aria ma ne monterei un altro rispetto quello in dotazione

gigiofreestyle
gigiofreestyle

Ritirata una settimana fa la versione RACE con colori più stealth, prima impressione fantastica!!!! La pike mi ha dato subito ottime sensazione, al posteriore sto montando un monarch debonair. Freni XT affidabile e in lunghe discese non perdono colpi. Comprata da rivenditore cube che mi ha fatto un ottimo prezzo, l’unica pecca è che l’ho ordinata a settembre e ci sono voluti mesi per averla.

matt1926
matt1926

Io ho la 160 super hpc race 2015..è bellissima e mi ci trovo benissimo.. questa esteticamente non è un granché..

Francesco Sonza Reorda

Scusa il disturbo, ma secondo te questa è una bici adatta anche ad un uso occasionale in bike park da parte di uno come me che non spinge troppo? Grazie @Francesco Mazza

Francesco Mazza
Francesco Mazza

Per l’uso che hai descritto direi proprio di si.

Vettore2480
Vettore2480

Ciao,
Quanto è soggettiva l’estetica! Le bici dai telai in carbonio tutti curve e super bombé, iniziano a stuccare un pochino, la linea pragmatica senza fronzoli è stupenda! Confermo che in foto non rende, per niente, quando mi è arrivata sono rimasto sbalordito!
Ma veniamo alle cose serie, una domanda per il tester:
La tendenza odierna in Enduro è allungare il tubo orizzontale e contestualmente portare gli attacchi a zero. Perché CUBE mi fa un tubo oruzzontale esasperatamente corto, costringendo chi è alto ad allungarsi di pipa, snaturando la bici?
Avete notato che passando da 20 a 22 il tubo orizzontale cresce di soli 8mm, mentre quello verticale sale do 50?!!!!!!
Sulla carta la 22 sembra del tutto sproporzionata, cortissima!!!!!