Smith Bobcat

[Test] Smith Bobcat: 26 grammi di occhiali

11

In primavera Smith ci ha inviato un paio dei suoi occhiali Bobcat, la versione leggermente più piccola dei Wildcat. I Bobcat sono un po’ più minimalisti e proposti come fit “da Small a Medium”, mentre i Wildcat hanno fit “Medio” e un tocco più robusto. Le montature dei Bobcat avvolgono completamente le lenti intercambiabili e offrono una sensazione leggera e non invadente. Li ho indossati per le mie uscite quotidiane negli ultimi mesi, quindi vediamo come hanno funzionato.

Smith Bobcat


Dettagli Smith Bobcat

  • Larghezza 135mm, altezza 59mm, lunghezza 130mm
  • Lenti intercambiabili
  • Fit da small a medium
  • Nasello a due posizioni
  • Cerniere autobloccanti
  • Lente chiara inclusa
  • $219.00 USD
  • Garanzia a vita

.

Appena arrivati i Bobcat, guardando la montatura ero un po’ confuso su come sostituire le lenti. Non sono riuscito a trovare alcun fermaglio o indicazione di come poter fare. Il materiale della montatura è flessibile e tutto ciò che serve è un rapido strattone alla montatura nella parte superiore e inferiore al centro della lente e poi si sgancia la lente dai lati.

Una caratteristica interessante sono le cerniere “autolock”, che stanno in posizione aperta o chiusa. Ciò ha reso molto facile indossarli e toglierli con una sola mano durante la guida. Le cerniere sono dotate di viti metalliche che possono essere serrate con un normale cacciavite per occhiali nel caso in cui sia necessario serrarle.

Il morbido nasello in gomma “Megol” è regolabile su due posizioni: largo e stretto. Ogni lato si apre verso l’interno o verso l’esterno con un piccolo scatto.

Smith Bobcat

Non peso spesso gli occhiali ma 26 grammi sono veramente pochi.

Le coperture in Megol delle stanghette sono realizzate in gomma morbida che non irrita la pelle e non si impiglia sui capelli. Presentano una forma leggermente curva per avvolgere la testa senza pizzicare, rimanendo così abbastanza flessibili.

Infine, i Bobcat vengono spediti con una bella custodia in schiuma per riporre la lente extra, il panno/sacchetto per lenti e gli occhiali stessi.

Sul sentiero

Quando ho indossato i Bobcat per la prima volta, mi sembravano così leggeri sul viso che inizialmente ho pensato che potessero non essere così sicuri. Questa sensazione non proprio piacevole ha richiesto un po’ di tempo per abituarmi, ma mi sono reso conto dopo una sola discesa sconnessa che gli occhiali non mi infastidivano tanto quanto altri. Semplicemente non li ho notati durante la guida.

Penso che ciò sia dovuto in gran parte alla montatura altamente flessibile, alla forma ben congegnata e alle stanghette in gomma. Ho utilizzato prevalentemente le lenti trasparenti poiché i boschi in cui giro sono piuttosto scuri. La nitidezza è fantastica e non c’è alcuna distorsione.

Per quanto riguarda le poche volte in cui ho utilizzato la lente a specchio rossa, l’ho trovata ugualmente nitida e offre colori e contrasto piacevoli, smorzando bene i riverberi. Smith propone il Bobcat anche con lente fotocromatica che ne regola la tinta al variare delle condizioni di luce e ha senso per condizioni di luce variabili.

Per quanto riguarda la resistenza all’appannamento, come molti occhiali parte bene grazie al trattamento superficiale antiappannamento che alla fine si affievolisce, soprattutto se giri in condizioni di molta umidità. Tutto sommato però l’aria si muove bene attraverso gli occhiali, quindi sotto questo aspetto non rappresenta un problema.

Per quanto riguarda i dettagli, essendomi rotto il naso tempo fa, una cosa che ho molto apprezzato è stato il ponte del nasello regolabile. Mentre alcuni marchi offrono due naselli intercambiabili (il tipo di piccolo ricambio che perderei facilmente), i Bobcat offrono due diverse posizioni e ho apprezzato l’impostazione più aperta.

Su alcuni occhiali il nasello più largo tende ad avvicinare gli occhiali e quindi le ciglia sfregano all’interno della lente, ma non in questo caso. Per quanto riguarda la copertura, non sono occhiali enormi ma la lente si estende in tutti i punti giusti sia per quanto riguarda la sicurezza che per la protezione degli occhi dallo sporco.

Conclusioni

Sono molto, molto soddisfatto dei Bobcat. Nonostante la montatura la avvolga completamente, la sostituzione della lente è semplicissima e il campo visivo è comunque eccellente. I materiali sono di altissima qualità e quindi la flessibilità e il comfort sono di prim’ordine.

Se dovessi scavare in profondità e trovare qualcosa di cui lamentarmi, ho notato che puoi vedere un po’ di polvere accumularsi tra la montatura e la lente con la lente trasparente. È un piccolo dettaglio estetico e si puliscono in pochi secondi.

Vale anche la pena sottolineare che le cerniere reggono in modo ammirevole e, nonostante sia così flessibile e minimalista, la montatura stessa sembra essere durevole anche dopo molto uso e scambi di lenti.

Per quanto riguarda il prezzo, $ 219 è un po’ caro, ma è normale per degli occhiali da ciclismo ad alte prestazioni. Il fatto che Smith li supporti con una garanzia a vita e li offra in una pletora di opzioni di colore della montatura e della lente rende più digeribile il prezzo, così come la lente trasparente inclusa nel prezzo e la custodia di alta qualità. Soprattutto, il comfort, il peso super leggero e la sensazione minimalista sono ciò che ha fatto guadagnare il massimo dei voti ai Bobcat.

www.smithoptics.com

 

Commenti

  1. Gigispeed3:

    8423,07€ al kilo.

    dovrebbero mettere per legge il prezzo al kilo, la gente si regolerebbe molto meglio
    Ne deduco che se il peso fosse stato di 126g invece che 26, ovvero circa 1700 € al kg invece che 8000 li avresti considerati più appetibili.
  2. monorotula:

    Intuisco che si tratta di un ottima montatura, ma mi sarei soffermato un pò sull'altra lente; 219 dollari per un occhiale a lente neutra è un pò troppo, considerato quello che offre la concorrenza.
    Onestamente non ho capito bene...sembra che siano arrivati anche con la lente specchiata...:nunsacci:
    Ciò non toglie che in effetti siano carucci...ma se guardiamo certi Oakley non è che andiamo molto lontano...o no?
    Almeno questi sono stramegasuperleggeri :-)
  3. monorotula:

    Certo, gli Oakley, come ad esempio i Sutro, pesano almeno il quintuplo, però si trovano a 100€, e montano lenti prizm, che sono un pò meglio di una lente neutra o specchiata che sia. A 200 euro si trovano i Rudy Project Cutline, che pesano circa 40g ma che montano lenti impact x fotocromatiche, che sono tra le migliori in circolazione, per la mtb.
    Alla fine fine gli occhiali sportivi di un certo livello sono quasi tutti fatti con montatura in grilamid e lenti in policarbonato o in nxt. I Sutro pesano 32 g, i Jawbreaker 33 g. In casa Rudy Project i Cutline pesano 36 g. Sono tutti pesi piuma.
Storia precedente

Pirenei selvaggi

Storia successiva

Due biker muoiono sull’Assietta colpiti da un fulmine

Gli ultimi articoli in Test