Una breve storia delle forcelle, parte 1

Una breve storia delle forcelle, parte 1


Per un giornalista è importante avere un occhio allenato, per scovare i prodotti più nuovi o ancora in fase di lavorazione, quando è in giro per uno dei suoi viaggi. Ciononostante, a volte, questo occhio esperto nota altre cose, in questo caso una collezione di forcelle storiche appese al muro di un negozio di biciclette. Antonio Pucci, proprietario di Bike Beat e biker appassionato, ci ha concesso una breve visita guidata a questo piccolo museo della forcella ammortizzata, mostrandoci i pezzi e raccontandocene la storia ed alcune caratteristiche tecniche.

seems like a normal bike shop until you look on teh back wall which a few
Bike Beat sembra un normale negozio di biciclette, finché non si vede questo muro sul retro, a cui sono appesi dei pezzetti di storia.
A small hall of fame with some interesting models behind.
Una piccola “hall of fame” con alcuni modelli interessanti.
These three forks were the ones that caught our eyes.
Queste tre forcelle hanno catturato la nostra attenzione.
Antonio Pucci with his first suspension fork.
Antonio Pucci con la sua prima forcella ammortizzata.

Rockshox RS1

Antonio Pucci has owned this fork since day one.
Antonio Pucci ha posseduto questa forcella fin dal primo giorno.

E’ tutto cominciato da qui, da questo modello è cominciata l’evoluzione delle forcelle. Antonio ci ha raccontato di aver comprato la sua RS-1 nel 1991/1992 per 1 000 000 (un milione!) di lire, che convertito in denaro attuale dovrebbe equivalere a circa 1500€-2000€ se teniamo conto dell’inflazione. Da allora Antonio ha sempre tenuto la sua RS-1, nella quale c’è ancora l’olio originale. La forcella funziona ancora alla perfezione, come lui ci ha mostrato.

Considerato che si tratta di una delle prime forcelle mai prodotte, è ancora molto scorrevole. Abbiamo anche notato che ha ancora tutta la sua escursione originale, di 48mm. La forcella di Antonio pesa circa 1.5kg, che per quel tempo era veramente un peso ridotto. Il tubo sterzo ha diametro di 1 1/4″ e gli steli hanno diametro di 1″, vale a dire 25.4mm: decisamente sottili se confrontati con quelli delle forcelle attuali. In origine, Antonio ha montato la forcella su un telaio Marin Titanium, che ha dovuto comprare negli USA. Ricorda che aveva una ruota Tioga disc drive e freni Graft. Dice che ha speso 10 000 000 lire, circa 10 000€ oggi. La mountainbike era ancora poco diffusa, c’erano solo 15 riders a girare sulla collida di casa di Antonio (parliamo del periodo tra il 1992 ed il 2002). E’ facile immaginare che recuperare i componenti per la bici non fosse facile come lo è adesso. Chi voleva una bici montata in modo particolare, doveva veramente andare alla ricerca dei componenti. Antonio dice che non ha mai ricostruito la forcella in quasi 23 anni. E’ degno di nota anche il fatto che non ci siano controlli della frenatura in estensione o compressione, e che la rigidità era su un livello diverso da quello di oggi.

Around 50 mm of travel.
Circa 50mm di escursione.
IMG_0228

Sembra che le prime forcelle fossero fatte a mano e si può notare la lavorazione CNC del monolite, che ne riduce il peso.
IMG_0229
Aria e olio insieme negli steli.
IMG_0247
Ecco come gonfiare la forcella. La pompa originale dovrebbe ancora essere in giro da qualche parte.
IMG_0234
Nella parte superiore della forcella vediamo gli steli removibili, la testa ed il cannotto. Inoltre il passaggio per il cavo dei freni cantilever.
IMG_0243
Il numero di serie originale.
IMG_0251
I cannotti erano spostati per correggere l’avancorsa e la geometria del telaio: al tempo molti telai non avevano geometrie adeguate ad una forcella ammortizzata.
The Pike up againts the RS1, the Pike weighed n at around 1.8 kilos. with 160 mm of travel.
Pike contro RS-1: la Pike pesa circa 1.8kg. Ed ha 160mm di escursione.

Amp Link

Amp research era un’azienda americana, che faceva forcelle un po’ diverse. Qui vediamo la loro forcella a parallelogramma F3 XC del 1995. L’idea era di abbandonare steli e foderi per fare una forcella che si muovesse in un altro modo e fosse più rigida. Amp usava una molla singola ed una cartuccia per la frenatura in ritorno.

The Amp fork.
La forcella Amp.
IMG_0312
Guardando di lato si vedono i fulcri e l’idraulica.
IMG_0316
La molla ed il tampone di finecorsa.

La forcella Amp ha cannotto da 1 1/8 ed è fatta di alluminio, con gli steli di avalon, un materiale dell’era spaziale utilizzato anche sullo shuttle. Il risultato è una forcella dal peso di soli 1.25 kg. Con circa 60 mm di escursione. La F3 ha una piccola vite con la quale si può regolare il precarico della molla per 1 cm. Non siamo sicuri che saremmo in grado di notare la differenza, però c’è ed è meglio di niente. Per quanto riguarda le altre caratteristiche, la Amp è stata una tra le prime forcelle su cui si potesse montare un freno a disco Pro Stop, oltre ai classici cantilever o v-brake: tutta roba molto moderna per il tempo. Il tampone di finecorsa è un modo interessante per salvare un po’ di manovrabilità della forcella quando si raggiungeva la fine dell’escursione.

IMG_0311
Uno dei primi attacchi freno Pro Stop international, con i finissimi forcellini QR.
IMG_0324
Il precarico della molla, 1 cm di regolazione.
IMG_0322
Steli vuoti e leggeri.
IMG_0310
Attacchi freno opzionali sugli steli di avalon.

Marzocchi DH3

Eccoci arrivati all’ultima delle tre forcelle che vediamo in questa prima puntata sulle forcelle d’epoca: è la Marzocchi DH3. Con ben 76mm di escursione è stata la prima forcella specifica per downhill. Funzionamento a molla, olio, aria; la regolazione della frenatura in ritorno rendeva questa forcella particolarmente innovativa. Al tempo Marzocchi stava lottando per diventare competitiva, disegnava e produceva le forcelle in Italia.

The DH was one of the first DH specific forks.
La DH3 è stata una delle prime forcelle specifiche per DH.
Weighing in at 1.74 kilos this fork was fairly heavy but robust.
Con un peso di circa 1.73 kg, si trattava di una forcella piuttosto pesante, ma robusta.

La DH3 aveva soffietti parapolvere ed era indirizzata alle gare. Era disponibile in due colori. In verità, se si guarda bene, sembra che Marzocchi abbia riverniciato in rosso una forcella verde, Antonio dice che avevano dei metodi di produzione poco convenzionali. L’archetto era piuttosto massiccio e vi era fissata una levetta che aumentava la forza frenante alla ruota piuttosto che alla leva del freno. La testa era completamente sostituibile. In quegli anni, la differenza tra una forcella da xc ed una da DH era ridotta: questo spiega i foderi sottili e l’aspetto da xc della frocella.

Air valves, one in each leg.
Valvole dell’aria, una per ogni stelo.
Looking at the crown we noticed a green color underneath.
Guardando la testa, si vede un po’ della vernice verde sotto quella rossa.
The lowers show production date and also very stripped down forks, which are not great for no flexibility, forks from this era were known for being noodly.
Sui foderi è indicata la data di produzione. Si nota che sono molto fini, non il massimo per una forcella rigida, infatti le forcelle di questo periodo sono sono certo note per essere di granito. Anche i forcellini QR sono in stile xc.
Rebound adjustment was coming, here each leg had it's own settings possible.
Stava arrivando la regolazione del ritorno: qui ce n’è addirittura una per ogni stelo.
The stanchions were made of steel and are still in good condition.
Gli steli sono di acciaio, tuttora in buone condizioni.

La prossima settimana arriverà la seconda parte, con altre forcelle che hanno lasciato il segno.

Leave a Reply

28 Commenti il "Una breve storia delle forcelle, parte 1"

Notificami di
Ordina per:   più recente | più vecchio | più votato
Muca
Muca

chissà se hanno degli elastomeri per la mia Manitou II primi anni novanta!!!
ora provo a contattarli, grazie per l’articolo!

Bad moon
Bad moon

76 mm per una forcella da DH?! A me piacerebbe anche vedere le bici su cui erano montate!

william leonardi
william leonardi

se pensi che avevo 30mm di escursione sulla bici da XC… 76mm era gravity estremo!

kristian
kristian

hahhahahah…le ho avute quasi tutte quelle sul muro..!!!

..nelle marzocchi ad , i piloti ufficiali ficcavano le molle…

lo stesso paolo caramellino al ciocco nel 1992 corse con un rock shox, con le molle esterne ai steli…. e noi, che all’epoca non capivamo un tubo, pensavamo fosse una specie di raschia fango….. hahahahahah

solid gas
solid gas

che bello sto articolo.
ma vogliamo gli elastomeri , senno che vintage e’ ???

ozzap73
ozzap73

Aspetto con ansia la 2° puntata

demach
demach

Finalmente

andreasia610
andreasia610

anch’io ho una Manitou originale (no Answer) che non ha più corsa… anzi deve aver perso qualche millimetro!!!
😉

Teo Milani
Teo Milani

Nel 96 comprai direttamente da Race Factory (fu Fimoco) la prima forcella tutta aria..)stupenda è la prima a destra quella con gli adesivi blu. ai tempi mi costo un milione e cento….

Andrea GT
Andrea GT

Io ho, montata sulla gt lts, una race factory saldge hammer con molla in uno stelo ed idraulica nell’altro. tutta ricavata dal pieno, una goduria da vedere e toccare 🙂

Teo Milani
Teo Milani

Però non vedo STM a steli rovesciati

85549
85549

la marza non si muove piu??

Alex Boyce
Alex Boyce

er non bene…..

andreabene20
andreabene20

Ah che emozione! io ho avuto una marzocchi xc 400 di cui conservo ancora una piastra criccata, è una fantastica fimoco E 129… All’epoca 60 mm sembravano infiniti!

l.j.silver
l.j.silver

ricordo lo shock quando provai la prima z1 bam…..
forcella che cambio’ tutto…….
aspetto di rivederla in una delle prossime puntate.

carro82
carro82

quella arancio da 100? da lì cambiò, finalmente, tutto.

l.j.silver
l.j.silver

si esatto!
la misi sulla mia prima heckler…..

Velocity
Velocity

Io avevo una pro-flex 856 con ammortizzatore ad elastomeri che erano inchiodati d’inverno e molli d’estate e quella bici montava un rock shox tutta gialla con gli steli dorati da 80mm che era la top di gamma…Non potevo andare in giro senza essere fermato continuamente da curiosi….

Velocity
Velocity

Messaggio per quello che da sempre – qualsiasi cosa scrivo :(vedi post sopra dove non mi sembra di aver scritto niente che meritasse un -)Fatti una vita vera e se hai qualcosa da dire non nasconderti che fai la figura dell’imbecille…

Velocity
Velocity

Mi correggo, non fai la figura dell’imbecille, lo sei proprio…

ymarti
ymarti

Che ricordi! possedute Spring, XC600 (regalatami da una mia ex ragazza), DH3 e poi la Manitou Ti (comprata poi nel 1998 con il primo stipendio…circa un milione di lire…manco il tempo di portare a casa l’assegno…con i miei che l’aspettavano per festeggiare la nuova vita lavorativa…Ed io che entro in casa con la forka in mano ahha)

Lawrence Piemonte

piu che un negozio di bici è un luogo di incontro di tanti appassionati…

klasse
klasse

Se hanno per caso una fimoco 883 letal weapon 330 a doppia piastra vorrei rivederla…
La STM dh con cartuccia idraulica per il ritorno ed elastomeri+ molla c’è l’ho appesa al soffitto di casa montata su bici GT RTS TEAM. Una replica della mitica bici con cui Migliorini correva…

angrec
angrec

ma, per la marzocchi, il n. sul fodero non è l’anno di produzione di quel tipo di pezzo? invece dell’anno di produzione della forca?

Pietro.68
Pietro.68

ma il cassetto con scritto “ricamo” è quello con gli attrezzi per il tempo libero???? 😀 😀 😀

GiovanniTropi
GiovanniTropi

Bell’articolo ma “La prossima settimana arriverà la seconda parte, con altre forcelle che anno lasciato il segno”….manca un’h in modo clamoroso….

paolobonato
paolobonato

Bello il “ritorno al passato”.
Che nostalgia delle mie vecchie Marzocchi, prima la 300 e poi la 400. Non ricordo più quante volte ho dovuto sostituire i paraolio ………………………..

AndreTop
AndreTop

Refuso nell’articolo: i freni erano i Grafton please…

wpDiscuz