Una breve storia delle forcelle, parte 2

Una breve storia delle forcelle, parte 2


Nella “Breve storia delle forcelle – Parte 1” abbiamo visitato BikeBeats a Firenze per vedere come tre diversi marchi si sono avvicinati al mondo delle forcelle ammortizzate. Questa volta vediamo alcuni gioielli di ingegneria e qualche altra sorpresa.

IMG_0589
UK ed Italia facevano forcelle come queste, due meraviglie di ingegneria: la Pace RC35 e la Race Factory Sledge Hammer.
IMG_0542
Anche se ci è voluto un po’ di tempo, Answer Manitou ha risposto con una delle forcelle più belle mai prodotte.

Pace RC35

Nei primi anni novanta, guardando i prodotti di Pace, si aveva l’impressione che avessero paura che si rompessero: tutto è sovradimensionato e ciononostante la forcella pesa 1.4 chilogrammi. 60-70 mm di escursione, olio e molla, uno dei pomelli per la regolazione in estensione più morbidi mai provati, foderi in carbonio ed una testa incredibilmente lavorata: una meraviglia. I dettagli sull’anno esatto delle produzione di questa forcella sono confusi, ma questo esemplare sembra essere del 1994 circa. Funziona ancora, malgrado sia stata usata molto.

IMG_0271
Non sembra niente di che, ma funziona alla grande.
IMG_0273
Gli steli sono in condizioni perfette, non hanno alcun segno di usura.
IMG_0274
La testa è un bellissimo lavoro di meccanica, scavata a CNC da un blocco unico di metallo..
IMG_0277
Antonio ha comprato questa forcella direttamente dal proprietario precedente.

IMG_0281

IMG_0282
Anche i forcellini sono fatti a CNC, e sono fissati ai foderi in carbonio e kevlar.
IMG_0284
Un archetto doppio: forgiato, bello, preciso.
IMG_0286
Cannotto sterzo filettato.
IMG_0289
Ogni componente della forcella può essere sostituito.
IMG_0293
Solo 1.4 kg.

Race Factory

Nel frattempo, in Italia, Race Factory cominciava a produrre questa forcella. Race Factory era una piccola officina toscana, di Follonica, appartenente ai due appassionati fratelli Pablo e Vittorio Fiorilli, entrambi ingegneri. Era la fine degli anni 90 ed i tempi stavano cambiando, infatti la Sledge Hammer funzionava solo con aria (niente molle o olio). Sono riusciti a costruire una forcella talmente scorrevole da essere meglio di molte delle migliori forcelle attuali. Il mercato di queste forcelle era quello del top di gamma e molti degli esemplari prodotti sono finiti in Germania. I fratelli Fiorilli erano decisamente unici ed avevano le proprie idee riguardo alle forcelle: ne capirete di più continuando a leggere.

IMG_0543
L’arte delle sospensioni vista dall’Italia. Fatta in casa e personalizzata in ogni dettaglio.

IMG_0544
La testa è stata fresata per risparmiare peso.
IMG_0546
L’attacco per il freno a disco dimostra che si trattava di una forcella di alto livello.
IMG_0548
L’archetto è stato alleggerito al punto giusto perchè la forcella si comportasse come doveva. Notate le quattro viti sovradimensionate, sembrano essere in titanio.
IMG_0550
Il tubo sterzo è tornito, cose che non si vedono più oggi.
IMG_0553
I forcellini sono uniti ai foderi lavorati a CNC.
IMG_0555
I segni del tornio mostrano che ogni fodero veniva prodotto con dimensioni precise: i due fratelli sono diventati famosi per questo.
IMG_0556
Qui le cose si fanno interessanti. Race Factory aveva costruito questa forcella per DH senza archetto, che a quanto pare a Pablo non piaceva esteticamente. Con questa forcella si è corsa qualche gara ma ai piloti non piaceva. A Pablo la cosa non interessava: così com’era era proprio bella, coi suoi 185 mm di escursione. Antonio però conferma che la ruota anteriore si muoveva veramente tanto tra i foderi.
IMG_0559
Gli steli da 30 mm avevano trattamento superficiale.

Spring

Se lasciamo da parte questi gioiellini, vediamo che ci sono anche aziende come Spring che producevano forcelle per tutti. La VLS era pensata per DH, con steli da 28mm. Era forgiata e non lavorata CNC, ma aveva qualche asso nella manica.

IMG_0560
La forcella Spring per il mercato di massa.
IMG_0563
Forcellini anteriori regolabili: grazie ad essi si poteva variare l’interasse. Con questo trucchetto, Spring permetteva ai biker di personalizzare il comportamento della bicicletta.
IMG_0564
Un archetto CNC. Questa forcella ha solo attacchi per i freni V-brake.
IMG_0566
Testa forgiata, leggera anche senza bisogno del CNC.
IMG_0567
Purtroppo cose del genere possono capitare quando il materiale non è di qualità adeguata. La lavorazione CNC riduce il rischio di fessure come queste perchè i pezzi sono ricavati da blocchi interi e quindi i difetti del materiale sono più rari.
IMG_0570
Cannotto da 1″1/4 , non più diffuso oggi.

IMG_0571

Answer Manitou 2

Un tempo Answer Manitou era il massimo delle sospensioni e “Made in USA” significava qualità e design fantastici. La 2, qui sotto, è stata l’inizio. Era una forcella ad elastomeri, con 60mm di escursione, senza regolazione del ritorno. Le geometrie erano determinate dalla bici, ma Answer decise di usare forcellini spostati per correggerla. Purtroppo questa forcella non ha retto il passaggio del tempo e l’elastomero usato come elemento elastico si è degradato diventando colloso e bloccando la forcella.

IMG_0327
Answer Manitou 2, una forcella leggera dagli USA.
IMG_0330
La forcella sta in piedi da sola.
IMG_0331
Fresata e con finitura opaca. Gli steli sono da 28mm.
IMG_0341
I forcellini sono spostati in avanti per correggere le geometrie.
IMG_0342
Steli in acciaio.

Answer Manitou 4

Quando questa forcella fu lanciata nel 1994 era probabilmente la più bella che fosse mai stata fatta.
E si può dire che lo stesso valga ancora oggi. Ogni sua parte è fatta con grande attenzione al dettaglio. E’ prodotta con viti in titanio e fresatura CNC: fa quasi venire i brividi a guardarla. L’escursione ad elastomero è di circa 70mm, ma purtroppo la forcella non si muove più. Anche in questo caso l’elastomero è diventato una colla che ha bloccato il funzionamento. Questa Answer Manitou 4 ha le stesse caratteristiche della 2 ma con un po’ di sviluppo e miglioramenti in più.

IMG_0573
Basta guardarla per capire che è Made in USA.
IMG_0574
Una delle forcelle più belle mai fatte, anche le grafiche sono magnifiche.
IMG_0575
I forcellini sono bellissimi.
IMG_0576
Le viti affondano alla perfezione nei piedi della forcella e sono ancora in ottime condizioni.
IMG_0577
L’escursione è di 70 mm e l’archetto è bellissimo. Notate la regolazione del precarico.
IMG_0578
Il precarico dell’elastomero dava qualche possibilità di regolazione. Peccato che la forcella non funzioni più.
IMG_0581
Gli steli hanno un trattamento superficiale anodizzato che ne migliora la scorrevolezza.
IMG_0588
Qualche dettaglio: l’archetto si accoppia perfettamente agli steli, l’attacco per i v-brakes è perfetto. Tutto fatto in lega leggera di alluminio.

Altri pezzi di storia

Dopo tutte queste forcelle, Antonio ci ha mostrato qualche altro componente speciale.

IMG_0348
Una maglietta Yeti racing originale del 1992. Notate gli sponsor di quei tempi: alcuni esistono ancora ed alcuni hanno addirittura ancora lo stesso logo. Il prezzo era equivalente a circa 100€ odierni, per una maglietta di materiale veramente plastico. Capezzoli infiammati a tutta!
IMG_0603
Moderna ma storica, una targhetta col numero della primissima gara di Enduro World Series a Punta Ala.
IMG_0601
La targhetta Grundig 242 risale al 1992, quando i grandi sponsor erano ancora interessati alla mountainbike.
IMG_0600
Un lampadario? No, è una ruota da downhill dei tardi anni 90. Il cerchio ha una larghezza circa doppia rispetto a quella dei cerchi odierni. Quasi una ruota da fatbike anticipata.
IMG_0595
Siete poco contenti della larghezza del vostro manubrio? Allora guardate quello con cui Antonio faceva downhill nel 1990.
IMG-20130424-WA0002
Antonio dovrebbe avere una bici simile nascosta da qualche parte, ha detto di aver intenzione di tirarla fuori e provarla.

Grazie a Bike Beat ed ad Antonio per il suo tempo: noi terremo gli occhi aperti in attesa di riscoprire qualche altro reperto interessante. Potremmo anche, perchè no, fare qualche test di prodotti storici!

www.bike-beat.it

Leave a Reply

15 Commenti il "Una breve storia delle forcelle, parte 2"

Notificami di
Ordina per:   più recente | più vecchio | più votato
Renick
Renick

Tutto evolve ma i manubri che usavamo trent’anni fa erano incredibilmente stretti…

p04
p04

Ho ancora la forcella spring uguale in tutto e per tutto a quella dell’articolo, rotta nello stesso punto….

Scaveon
Scaveon

Per essere pezzi da collezione, mi sembra che alcuni stiano prendendo sporcizia e ruggine.

angrec
angrec

quoto, la mia collezione di forcelle non sarà cosi bella, ma per lo meno non hanno incrostazioni di sporco..

DoubleT
DoubleT

…e le white brothers???

iaio
iaio

L’evoluzione che c’e’ stata in 20 nelle sospensioni e immensa, soprattutto se paragonata a quella della trasmissione! Bella rassegna, a parte qualche assente importante come bergmam, mountain cycles oltre al già citato white bros

lucamox
lucamox

c’erano anche altri gioiellini, per esempio 3G e STM… sniff sniff

william leonardi
william leonardi

per le STM ti quoto, per le 3G neanche un po’… tra l’altro erano la brutta copia (in termini di lavorazioni e materiali) delle Dedalo di Laverda…

andreabene20
andreabene20

Se non ricordo male, un’altra chicca di race factory e prima ancora di fimoco, era che mentre in tutte le altre forcelle le boccole di scorrimento sia le superiori che le inferiori erano fissate ai foderi, le race factory e fimoco avevano quelle inferiori vincolate sul fondo dello stelo, in questa maniera quando la forcella si comprimeva le boccole si allontanavano tra di loro aumentando la rigidità a flessione della forcella stessa. Sistema geniale ma ovviamente costoso perché necessita di fare lavorazioni accurate anche all’interno dei foderi.

angrec
angrec

esatto! già la bergman cc con blocco al manubrio aveva le boccole a guida flottante, anno 1991.. non so se veniva prima della fimoco che dici però! ricordi l’anno?

MN_avatar
MN_avatar

visto che son bloccate mandatemele…
che gli piazzo na molla e le uso! 😀

AndreTop
AndreTop

Per dovere di cronaca ai tempi della Spring gli attacchi erano per cantilever, i v-brake sono arrivati 4/5 anni dopo…

flash
flash

Tutti professori ed amanti del pulito, dell’ anti ruggine e contro lo sporco … ma un pò di passoione no !!??? Quello che Alex ha fatto in collaborazione col mitico Antonio non è solo un semplice “amarcord” tecnico , ma è “Poesia” allo stato puro e come tale va letto e conservato fra i ricordi più belli della ns.passione , una sola parola GRAZIE !

GiovanniTropi
GiovanniTropi

Quoto flash alla stragrande

andreasia610
andreasia610

in garage ho ancora la vera Manitou, quella fatta da Doug Bradboury, prima della vendita ad Answer….
purtroppo anche i miei elastomeri hanno ceduto…

wpDiscuz