airtag

Usare un AirTag o uno SmartTag per ritrovare la bici in caso di furto

117

Uno degli argomenti più sentiti degli ultimi tempi tra gli amatori sono i crescenti prezzi delle bici, con punte per le ammiraglie delle varie aziende che ormai ruotano attorno ai 15.000€, il prezzo. Viene quindi naturale per i possessori preoccuparsi anche della sicurezza riguardo la propria bici, tra l’altro sempre più nel mirino di furti recentemente.



.

Un sistema relativamente poco costoso, in particolare in rapporto al prezzo del bene, è installare sulla bici un AirTag (iPhone) o uno SmartTag (Android). Questi piccoli dispositivi ormai sono piuttosto diffusi e consentono di tracciare la loro posizione e ritrovarli in caso di furto. Questi Tag funzionano usando una rete formata da centinaia di milioni di smartphone in tutto il mondo, infatti inviano un segnale Bluetooth sicuro che può essere rilevato dai dispositivi della rete più vicini. Questi dispositivi inviano la loro posizione alle varie app (tipo Dov’è? di Apple) visualizzandolo su una mappa. Tutta l’operazione avviene in forma anonima e criptata e senza gravare eccessivamente su autonomia e consumo dati. Normalmente questi Tag, tipo gli AirTag di Apple, pesano una decina di grammi e sono di dimensioni molto compatte (31,9 mm di diametro per 8 mm di spessore), rendendoli ideali da installare su una bicicletta.

Ma dove e come installarli su una bici? Ovviamente questi Tag non devono essere troppo visibili e facilmente rimovibili, altrimenti il ladro di turno avrà gioco facile nello sbarazzarsene, quindi sconsigliato infilarli nella borsetta sotto sella. Il mercato offre ora svariate possibilità di installarli in modi più sicuri. Vediamone alcuni.

Sotto il portaborraccia

Questa è una delle soluzioni più gettonate, in quanto una miriade di produttori offre dei supporti in cui inserire il Tag e poi avvitarlo sotto il portaborraccia. In questo modo è sia non troppo visibile, sia un minimo difficile da rimuovere. Ok, basta svitare due viti, ma questo prende un minimo di tempo, che può essere importante durante un furto. In più si può optare per delle viti con testa Torx per rendere le cose un pelo più complicate al ladro di turno. Ne esistono un’infinità di varianti e modelli,  di fatto tutti molto simili e consistenti in un semplice involucro di plastica. Magari da non prendere in colori troppo vistosi.

Costo: circa 9€ su Amazon.

Nella serie sterzo

Questo è un sistema altrettanto semplice e forse meno immediato da identificare per il ladro di turno. Più facile da installare su una Mtb che una Bdc, in particolare se quest’ultima è di recente generazione con manubri integrati.

Prezzo: 25€ su Amazon.

Nelle gomme

Questa è una soluzione molto furba, ma dedicata a chi monta coperture generose (Mtb, gravel). Si tratta di un involucro montato sulla valvola tubeless che quindi viene completamente celato alla vista essendo interno alle gomme. Forse uno degli ultimi posti dove uno andrebbe a cercare un AirTag.

Prezzo: 55€ su Amazon.

Sotto la sella

Questa variante è praticamente analoga a quella sotto il portaborraccia, trattandosi di un piccolo involucro da avvitare sotto la sella. E’ chiaramente più visibile e facilmente manipolabile.

Prezzo: 23€ su Amazon.

Nel campanello

In teoria tutti dovrebbero averne uno secondo il codice stradale, in realtà ce l’hanno in 3. Resta però un’ottima idea per chi lo monta, anche non trattandosi di una bici aero da 16k, ma di una bici da commuting. Costa sui 23€ su Amazon.

Sotto la forcella anteriore

Questo sistema è valido per Mtb, in quanto le moderne Bdc hanno forcelle monoscocca. Il Tag viene installato in un contenitore che poi viene infilato a pressione nella parte inferiore del cannotto della forcella anteriore. Piuttosto esposto allo sporco però.

In catarifrangenti

Altro sistema è inserire il Tag in catarifrangenti appositi, che poi vengono installati tipicamente sul reggisella. Ne esistono anche con il supporto compatibile per radar tipo il Garmin Varia. Costo: 11€ su Amazon.

Ovviamente tutti questi sistemi non proteggeranno al 100% la vostra amata (bici) dai furti (come per nessun’altra cosa), ma visto il costo non elevato, in particolare in rapporto a quello della bici, è pur sempre un’opzione in più, secondo il famoso detto: piuttosto che niente meglio piuttosto.

Commenti

  1. fear_factory84:

    Tranquillo, la forca la userei volentieri e senza alcuna pieta'! La pazienza e' finita da tanto tempo..

    E poi comunque l'esercito e le forze speciali le abbiamo. Se volessimo ripulire da armi e delinquenti quei campi rom, potremmo tranquillamente farlo in qualsiasi momento, e metterli al 41 bis a soffrire per un bel po'.

    Vediamo se poi gli passa la voglia o no agli altri!
    capisco lo stato di profonda frustrazione di alcuni ma certe cose sono orribili anche solo da leggere. E poi occhio che con la forca è un attimo farsi prendere la mano: oggi ai rom, domani a chi non vota bene... e sperando che non si arrivi mai a chi non pedala in fila indiana.
    Non mi ricordo...chi è che diceva di punirne uno per educarne cento ?
  2. samuelgol:

    La legge è dalla tua.
    la legge non e' dalla mia, perche' mezzo secondo dopo mi ritroverei in questura, crocifisso dai giornali e tv. Ovviamente se loro non hanno la meglio su di me (cosa certa e sicura se vado da solo e non armato).

    Dai non dire stronzate. Queste sono cose che o si fanno bene con metodo, organizzazione e supporto della maggioranza della popolazione o non si fanno. A quanto pare alla maggioranza degli italiani, romani e quelli su questo forum non gliene frega nulla, con una minoranza che si inorridisce pure alle mie parole.

    Insomma in parole povere, siamo pochi a pensarla cosi'. Per fortuna loro (dei ladri). E ripeto, dei ladri, perche' non ne faccio una cosa di etnia, non me ne frega nulla da dove vengono e di che nazionalita' sono o di che colore hanno la pelle. Sono ladri, e basta e meritano di essere puniti e messi in condizione di non nuocere alla societa'.
  3. tostarello:

    Di solito, anche per le moto, il produttore mette una targhetta adesiva con numero di serie in un punto visibile per facilità di lettura, ma lo stesso numero è punzonato sul telaio (ad esempio nelle bici è sotto la scatola del movimento centrale).
    Così avrebbe senso. Invece lì, punzonato sul telaio, c'era il numero di modello (uguale per tutte).
    La cosa mi fece incazzare abbastanza.
Storia precedente

Il suono della velocità con Brage Vestavik

Storia successiva

Quando le marmotte dormono ma tu hai l’equipaggiamento giusto

Gli ultimi articoli in Report e interviste