MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | [Workshop] Come sostituire un cuscinetto senza attrezzi specifici

[Workshop] Come sostituire un cuscinetto senza attrezzi specifici

[Workshop] Come sostituire un cuscinetto senza attrezzi specifici

20/08/2014
Whatsapp
20/08/2014

I cuscinetti sono degli elementi soggetti ad usura e, soprattutto sulle nostre bici in cui sono spesso sottoposti a fango, acqua e condizioni d’uso molto gravose, vanno ogni tanto sostituiti.

L’operazione di sostituzione dei cuscinetti non è complicata, ma è tuttavia alquanto delicata. Ci sono diverse precauzioni da prendere, tra cui:

  • Non bisogna rigare o danneggiare la sede del cuscinetto, oppurtunamente rettificata per assicurare il corretto precarico dello stesso
  • Non bisogna danneggiare il cuscinetto nuovo quando lo si inserisce
  • Non bisogna danneggiare il telaio o il componente su cui andiamo ad eseguire l’operazione di sostituzione.

01

Per assicurare un ottimo risultato ed evitare i problemi di cui parlavamo qui sopra, esistono appositi attrezzi nati per semplificare il lavoro. Strumenti sicuramente utili, ma estremamente costosi per un utilizzo non professionale.

In realtà con un po’ di ingegno, possiamo arrangiarci ed effettuare questa delicata operazione senza bisogno di strumenti particolari. Vediamo qui di seguito come sostiuire un cuscinetto interno, quelli in genere più diffusi sulla nostra bicicletta e quelli più difficili da inserire a causa della loro posizione.

Estrazione

L’estrazione è in genere la parte più facile. Essendo il vecchio cuscinetto da sostituire, non dobbiamo farci più di tanti scrupoli e possiamo andare tranquillamente a battere sulla pista interna. Questo può danneggiare il cuscinetto, ma cosa ci importa? Tanto lo cambiamo…

obe

Procuriamoci prima di tutto un punteruolo, qui utilizziamo una vecchia chiave a brugola perfetta per lo scopo grazie all’estremità cilindrica “a campana” con fondo piatto.

DSC08728

Procendendo a piccoli step, andando a battere prima a destra poi a sinistra, andiamo progressivamente a far uscire il cuscinetto. In questo caso l’estrazione è abbastanza semplice: la calotta presenta una superficie esterna perfettamente piatta, un ottimo appoggio. Inoltre la calotta è piccola ed è facilmente maneggiabile. Quando andiamo a lavorare su altre parti, come sul telaio, la situazione può essere più complicata. Ad ogni modo con un po’ di ingegno si trova facilmente una soluzione.

obe

Con un po’ di martellate il cuscinetto esce facilmente.

Attenzione: questo metodo di estrazione presenta alcuni rischi. E’ molto importante procedere a piccoli step, per evitare che il cuscinetto vada troppo storto e possa danneggiare la sede. Purtroppo in molte applicazioni (mozzi ad esempio) questo è l’unico modo per tirare fuori il cuscinetto. Il segreto per non far danni? Tanta pazienza e procedere a piccoli step, andando a battere in quelle zone dove il cuscinetto fatica ad uscire.

In alternativa, se la situazione lo consente, è possibile utilizzare per l’estrazione un oggetto cilindrico di opportuno diametro che appoggi uniformemente sulla pista interna. Una chiave a bussola o tubolare di opportuna misura può essere una buona alternativa.

Preparazione guida di inserimento

Quando andremo ad inserire il nuovo cuscinetto è molto importante che la pressione che andiamo ad esercitare su di esso per installarlo sia applicata esclusivamente sulla pista esterna.

bearing_4Se noi andiamo a pressare o battere sulla pista interna, la forza stresserà le sfere che possono danneggiarsi (ovalizzarsi) o danneggiare le piste di scorrimento (incidendole).

Uno dei segreti per far durare a lungo un cuscinetto interno è di non danneggiarlo durante il montaggio. Per fare ciò bisogna andare ad applicare la forza necessaria per l’installazione direttamente sulla pista esterna.

Applicare la forza sulla pista esterna inoltre facilita anche l’operazione di inserimento, non essendoci flessioni dovute allo schiacciamento delle sfere.

Per inserire correttamente i cuscinetti esistono delle apposite bussole opportunamente calibrate. Queste bussole funzionano molto bene, ma costano tanto per cui dobbiamo arrangiarci in altro modo. Con un po’ di ingegno andremo a trasformare la pista esterna del vecchio cuscinetto in un’efficace guida per l’inserimento del nuovo.

obe

Prima di tutto con un cacciavite piccolo a taglio o un cutter andiamo a rimuovere le guarnizioni di gomma del vecchio cuscinetto appena estratto.

obeFissiamolo quindi saldamente in morsa, facendone fuoriuscire metà.

obeCon il Dremel (o un seghetto) andiamo ad effettuare un taglio sulla pista esterna del cuscinetto. Se il cuscinetto è di buona qualità sarà molto duro da tagliare a mano, conviene quindi procurarsi un Dremel.

obeEcco il risultato finale: un taglio netto e preciso.

obeTolto il cuscinetto dalla morsa possiamo estrarre facilmente la pista di scorrimento esterna da quella interna.

La nostra guida è quindi pronta, perfettamente sagomata per combaciare al millimetro con la pista esterna del cuscinetto nuovo.

Installazione nuovo cuscinetto.

Preparata la nostra guida di inserimento, possiamo piantare il nuovo cuscinetto.

obePrima di tutto ingrassiamo la sede e la pista esterna del cuscinetto. Questo faciliterà l’inserimento ed eviterà i fenomeni di ossidazione da contatto galvanico, facilitando quindi un’eventuale futura estrazione.

obePosizioniamo il cuscinetto perpendicolare al foro in cui andrà inserito, esercitando con le dita una leggera pressione perchè si assesti leggermente evitando che si possa spostare accidentalmente.

obeUtilizzando una pressa (oppure due dadi, alcune rondelle ed una barra filettata) andiamo ad inserire il cuscinetto fino a che non arriva a filo con il bordo esterno del componente. Inutile andare oltre, il piattello della pressa andrebbe solo a schiacciare il bordo della calotta senza smuovere di un millimetro il nostro cuscinetto.

obeRimuoviamo la pressa ed appoggiamo la nostra guida sul cuscinetto da installare.

obeUtilizzando la pressa avvitiamo fino a che non sentiamo che il cuscinetto è arrivato a battuta con il labbro interno della sede. Prestiamo attenzione che la guida sia sempre correttamente centrata e non si impunti sul bordo esterno, con il rischio di inserire il cuscinetto storto.

obeCon un cacciavite o con le semplici dita estraiamo la nostra guida: grazie all’intaglio fuoriuscirà facilmente dalla sede senza opporre particolare resistenza.

Il nostro cuscinetto è quindi perfettamente installato senza aver esercitato alcuna pressione sulla pista interna, senza quindi aver danneggiato in alcun modo le piste o le sfere.

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Bro17
Bro17

Ottimo!
Se al posto del grasso si usa l’antiseize? Non è più specifico per evitare “i fenomeni di ossidazione da contatto galvanico” ?
Per inserire i cuscinetti, per mia esperienza, va bene anche inserire la calotta e il cuscinetto nella morsa per poterlo spingerlo dentro controllando bene la forza, magari allargando la base di contatto con le ganasce con delle tavolette di legno.

Daniel Naftali
Daniel Naftali

Anche l’anti seize va bene, la funzione è la stessa. A me piace di più il grasso perchè, andando a finire sulla guarnizione del cuscinetto, la aiuta a sigillare meglio.

Domenico piazzoll
Domenico piazzoll

Io quando li ho sostituiti ho semplicemente usato una chiave a bussola della dimensione esterna del cuscinetto e una barra filettata con rondelle di dimensione adatta per spingerlo nella sua sede. Così mi sono evitato lo sbattimento di dover tagliare il vecchio cuscinetto, inoltre la barra filettata è riutilizzabile per i cuscinetti di varie dimensioni.

Daniel Naftali
Daniel Naftali

La chiave a bussola va bene, ma non sempre è della misura giusta per appoggiare perfettamente sulla pista esterna e spesso tende a spostarsi, andando a schiacciare sulla guarnizione e danneggiandola. Soprattutto se la chiave è arrotondata.
Ad ogni modo è una valida alternativa.

Michael67
Michael67

Ciao…di solito il montaggio dei cuscinetti funziona anche lavorando col calore.Scaldando la sede o calotta con un fon da montaggio o per capelli o nel forno,ed gelando il cuscinetto con del spray aposito o mettendole nel frizer.Quando hanno ragiunto una certa temperatura si puo assemblarle con la mano,senza uttilizare attrezzi,in più non si dannaggia il cucsinetto o le sede.Il metodo viene consigliato anche dalla ditta TUNE.

Daniel Naftali
Daniel Naftali

Il metodo caldo/freddo funziona, ma difficilmente riesci ad inserire il cuscinetto a mano. Diciamo che facilita l’inserimento, ma comunque una pressa o una barra filettata la devi comunque usare.

Barista
Barista

Io quando li sostituisco, prima di estrarre il vecchio controllo con un calibro quanto è profondità il cuscinetto.
Lo estraggo e dopo aver riscaldato la sede , lo innesto con una bussola adeguata.
Infine controllo quanto è entrato con la misurazione del vecchio.

Daniel Naftali
Daniel Naftali

Il tuo sistema funziona, a patto che il vecchio cuscinetto fosse correttamente piantato. Più volte mi è capitato di mettere le mani su cuscinetti non inseriti fino in fondo, quindi occhio. Personalmente preferisco sentire il cuscinetto arrivare fino in fondo. Almeno son sicuro che sia correttamente in sede.

Boss Equipment
Boss Equipment

Se ne può allungare la vita ingrassando ogni tanto il tutto e rimettendo in sede i sigilli, se vengono estratti con cura, ovvio non in eterno, ma se uno ha i ceramici….

mirko.trebeschi
mirko.trebeschi

Dove posso trovare una guida specifica per smontaggio, pulizia o sostituzione dei cuscinetti dei mozzi Shimano? Mi pare di aver letto che non sono uguali agli altri che invece hanno caratteristiche standard.
Grazie!

Daniel Naftali
Daniel Naftali

Occhio che molti mozzi Shimano hanno i coni e le sfere.

pitone two
pitone two

Queste procedure vanno bene anche per sostituire i cuscinetti dei telai delle bici?

Bro17
Bro17

Se riesci ad appoggiare in piano il pezzo di telaio che alloggia il cuscinetto in modo da battere per farlo uscire…
Io ho sostituito i cuscinetti del “bananone” di una Commencal Meta 5.5… Sono arrivato al punto di pensare di comprarlo nuovo (con i cuscinetti inseriti)!!!! Non ho esperienze su altre bici, ma credo che sia un’impresa non da poco…

teoDH

Io sono per il fai da te… ma bisogna credo mettere in conto tante cose… in primis, se il fai da te costa più degli attrezzi specifici, ed è comunque un rimedio che richiede manualità, allora diventa poco interessante…

Dremel, barre filettate, ore di preparazione… a quel punto mi compro un estrattore e le sue boccole, la spesa è la stessa, e sono certo della buona riuscita… Oppure, compro solo le bussole e uso il fai da te per farmi la barra filettata…
Ultima nota… fortunatamente siamo in un paese in cui l’artigianato, le officine meccaniche, ci sono ancora e hanno tutto ciò che ci serve… basta andare cortesemente in un’officina e ti estraggono-rimettono quel che vuoi, con le loro presse, a regola d’arte… il tutto per qualche spicciolo, spesso gratis…

zerbo12
zerbo12

Io credo nell’ arte di arrangiarsi.
Oltre a farmi le riparazioni mi ingegno anche per farmi gli attrezzi.
Ovviamente comprando gli appositi attrezzi si fa prima e meglio ma purtroppo la meccanica è la mia passione quindi mi diverto così.
Per chi non ha questa passione la cosa migliore è andare in officina così non si rischia di fare danni o montare le cose non correttamente.

Balandi
Balandi

grazie della guida, ottima come al solito!
una domanda, che dimensioni hanno i cuscinetti standard delle calotte esterne? (shimano xt nel dettaglio, ma penso siano tutti uguali)

ed eventualmente dove posso reperirli?

maso77
maso77

grazie per il workshop!!!sono riuscito a sostituire tutti i cuscinetti,senza danni,del carro posteriore grazie hai vostri consigli ed un po’ di ingegno agricolo(rondelle e barre filettate)…ancora grazie!!

laguzzz
laguzzz

Ciao, nonostante siano passati anni dalla scrittura di questo articolo, è attualissimo nel mio caso.
Domanda:
Dove trovo il cuscinetto truvativ sealex che compare in questa guida?
io non riesco a trovarlo da nessuna parte, mi consigliate qualche altro cuscinetto più reperibile?
grazie