MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | Ancillotti al lavoro su un nuovo perno per la RS Pike

Ancillotti al lavoro su un nuovo perno per la RS Pike

Ancillotti al lavoro su un nuovo perno per la RS Pike

09/08/2013
Whatsapp
09/08/2013

La nuova Rock Shox Pike è disponibile solo con perno passante da 15 mm. In tanti hanno reagito scettici a questa scelta della casa americana, fra gli altri Tomaso Ancillotti. Il costruttore toscano ha così deciso di provare ad aumentare la rigidità torsionale della forcella con un perno fatto in casa, di cui potete vedere la prima fase prototipale in queste foto.

1085001_10201000898498008_80186587_o

 

Gli abbiamo chiesto se il suo perno porti dei vantaggi che si possono notare, ecco la sua risposta:

Il perno è ancora “caldo” di tornio, l’ho finito oggi pomeriggio e ancora devo fare una prova sul campo. La prima sensazione è di aver guadagnato qualcosa in rigidità laterale (a parer mio l’unica pecca della nuova Pike), purtroppo per come è fatto il fodero ci sono poche possibilità di migliorare quindi ho pensato ad un asse che stringe tutto a pacco (come l’originale) ma con chiave di 20mm e poi un controdado dal lato opposto per sostenere meglio anche il fodero sinistro. Il prototipo che ho fatto adesso è anche 21 gr più leggero di quello originale. Se dovesse funzionare poi ne farei anche una versione con chiave a brugola da 6mm vista la tipologia di uso di questa forcella

Nel nostro test della Pike non abbiamo puntato il dito sulla rigidità dovuta al perno da 15mm, ma sul peso della forcella e dunque la rigidità in frenata, che comunque non inficia l’ottimo funzionamento della Pike. Proprio ieri abbiamo fatto dei paragoni fra la Lyrik e la Pike, in frenata, e si poteva notare come la prima fosse più rigida, non tanto per il perno da 20mm, ma perchè i foderi sono più robusti (= con più materiale).

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
GNUpdb
GNUpdb

ho conosciuto Tomaso Ancillotti nel 2016 all’Abetone

GNUpdb
GNUpdb

Ringrazio Gigi Cannavacciuolo, per avermi fatto incontrare Tomaso Ancillotti, che fra tanta gente e molti stands, non riuscivo a trovare.