Bicicletta e moglie: un binomio incompatibile?

475

Un topic che ha turbato gli animi, un urlo di aiuto che ha tolto il sonno a molti. I commenti non mancano, ma qual è la tua opinione?

Ciao a tutti



.

volevo trovare un po’ di conforto tra gli amanti della bici. :-)
Faccio una premessa: non sono un divoratore di km, mi piace andare in bici per passione e per stare in forma.
Ho anche una peculiare caratteristica: il mio battito cardiaco rimane alto anche dopo molte ore dopo la sessione di bici. Ho fatto miliardi di controlli e tutto è risultato regolare: anzi, il mio cardiologo mi ha raccomandato di fare attività di fondo (idealmente con cadenza giornaliera ma io riesco al max 3 volte a settimana che sicuramente è meglio di zero) per stare al meglio. Insomma un must per me.

Ho ripreso l’anno scorso ad andare in bici e ho fatto un bel po’ di km senza dovere preoccuparmi troppo degli orari visto che mia moglie era quasi sempre all’estero per lavoro (3 settimane via, 1 settimana qui)…Uno spasso
A ottobre ho dovuto fermarmi causa infortunio :scassat:a causa di una brutta caduta (la versione ufficiale detta alla moglie è ovviamente diversa :loll::loll::loll::loll::loll:visto che lei non era a casa quando è successo). Ora ho ricominciato…per modo di dire.

In pratica mia moglie (che ha esaurito il lavoro all’estero e che è a casa full time) mi sta mettendo il bastone tra le ruote:discuss:, non vuole che esca perchè dice che è pericoloso (vado anche su strada, in MTB – che è la passione più grande – solo il weekend perchè sono lontano da zone adatte) e perchè dice che non staremmo mi insieme.
Lei , come ho detto, al momento non lavora, io faccio il classico 8:00 – 18:00 per cui vorrei potere uscire dalle 18:30 per un paio d’ore 2 volte alla settimana e poi potrei fare un pomeriggio nel weekend….ma non c’è nulla da fare.:azz-se-m:

Visto l’infortunio avevo preso una spin bike con cui ho potuto fare un po’ senza sollecitare la spalla. Circa la pericolosità di uscire su strada (dice che è buio, c’è traffico ecc.) ripiega dicendo di andare con la spin bike…Circa il tempo il sabato e la domenica mi vuole tutto per lei……….

Una bella situazione del cavolo….Io cerco di fare di tutto per essere un marito perfetto (in casa faccio tutto io dal bucato alle pulizie…) anche perchè sono sempre stato abituato a farlo prima del matrimonio però lei non cede…
Ogni volta che vedo la mia MTB e ma nia BDC parcheggiate in taverna mi viene un groppo in gola soprattutto se penso all’anno scorso dove davvero ne ho fatto una pelle.

Scusate lo sfogo…..
Cosa mi consigliate per guadagnare quelle 8/10 ore a settimana per il mio hobby? Come fate con le Vostre mogli / fidanzate / compagne?????

Ciao a tutti e grazie per l’aiuto!

K.

Commenti

  1. E' che nella vita cmq vada c'e' un prezzo da pagare. Che ti sposi o vivi solo e "libero", alla fine c'e' un conto.
    Sicuramente so come non mi voglio ridurre, come quelle coppie sessantenni che girano col cane nel marsupio o nel passeggino e lo vezzeggiano come fosse il nipote viziato.
    Quindi a mio modo di vedere se uno si sposa è per fare figli, altrimenti non sposatevi, non ne vale la pena.
  2. Indigo:

    Ma io faccio già quello che voglio! :))): Nel caso mi defunga sul trail ne riparliamo:prega:


    Eh, mi sento al sicuro nel lontano est europa, ne dovrebbero fare di strada! :smile:

    Ma guarda, purtroppo durante l'adolescenza molti cadono un po' vittima delle mode. Ci si uniforma un po', spesso si ha paura di essere esclusi, di esser presi per il culo e via dicendo. Persino molti "alternativi" erano "alternativi" tutti uguali, almeno quando andavo a scuola io.
    Infatti ti dirò che la mia giovinezza non è che sia stata parecchio felice, socialmente parlando... ero l'eterna esclusa, pigliata per il culo da tutti per mille motivi e con pochissimi amici.
    Certo, non avevo alcuna voglia di starmene a guardare minchiate, il Grande Fratello e altre cazzate del genere, quindi amen, leggevo tantissimo, videogiochi, sport quasi tutte le sere e pochissime amicizie selezionate. Ero felice nel mio piccolo, me ne fregavo se durante la gita scolastica i 18 stavano a fumare in un angolo mentre io me ne andavo a fotografare la città da sola, o se durante il lavoretto scolastico annuale facevo i modellini aerei con i ragazzini mentre le ragazzine preferivano il decoupage della scatola più noiosa del mondo.
    E' anche questione di carattere.
    Io sono una gigantesca testarda maledetta. Se devo fare qualcosa che non mi va di fare, per essere accettata in un gruppo, quel gruppo può comodamente andare a farsi fottere.
    Di solito quelli che da adolescenti sono impopolari e isolati, sono quelli più avanti, quelli che da adulti faranno la differenza.
    E' che quando credi in te stesso e sai cosa vuoi, è impossibile uniformarsi al flusso stupido del conformismo del momento.
    Nonostante io abbia sempre ragionato con la mia testa e sia stato sempre molto confidente in me stesso, mi rendo conto che tra i 15 e 25 anni ho buttato via un sacco di tempo stando dietro a cazzate inutili generate delle dinamiche sociali.
    E certi errori grossolani, anche dove c'erano allarmi che suonavano e alert luminosi ovunque, li ho fatti anche dopo in quantità e continuo a farne.
    Fa parte del gioco, si migliora, ma mai abbastanza. Solo che certi sbagli te li porti dietro per sempre.
  3. Boro:

    mi rendo conto che tra i 15 e 25 anni ho buttato via un sacco di tempo stando dietro a cazzate inutili generate delle dinamiche sociali.
    ... se è vera sta cosa... le crisi più grosse sono arrivate in quel periodo, con il mondo che sembrava andare da tutt'altra parte, una parte che non capivo.
    Poi, per carità, non è che adesso vada meglio: il mondo va sempre per i fatti suoi, e io continuo a non capire gran parte dei miei (e delle mie) simili, ma quanto meno adesso me ne importa relativamente, avendo trovato (grazie alla bici!) una certa comfort zone.
    E se qualcuno mi dice che ci vado troppo, che pedalo eccessivamente, che la vita è anche altro, beh, mi basta vedere come siamo messi, fisicamente e psicologicamente, per trovarmi subito meglio! :mrgreen::-|
    Ci aggiungo poi un po di Guccini o De Andrè, e niente: sto benissimo!
Storia precedente

[Test] Un’enduro 29 al di sotto dei 14 kg: Scott Ransom Tuned

Storia successiva

Come portare la bici in spalla

Gli ultimi articoli in Report e interviste

L’ansia da batteria

Siamo tutti d’accordo che ormai le Ebike siano state più o meno sdoganate. Anzi, ormai sembra…