Catena rotta? Ecco come ripararla

Catena rotta? Ecco come ripararla

20/03/2018
Whatsapp
20/03/2018

Rompere la catena è un incidente piuttosto comune: ripetute cambiate sotto sforzo, l’impatto della catena su di una roccia, il fango che impastando la trasmissione la fa cadere sono tutte potenziali cause di questo inconveniente.

Se la catena è vecchia ed usurata è preferibile sostituirla, ma se la catena ha pochi km ed è ancora in buone condizioni è possibile ripararla, con ottimi risultati se si segue la corretta procedura.

Catena riparata: più fragile?

Solitamente il principale scetticismo sul riparare la catena riguarda l’affidabilità: la catena riparata risulta davvero più fragile?

Per rispondere alla domanda dobbiamo capire come sono fatti i “pin” o perni. Il pin è un perno attorno a cui si articola la catena ed unisce due semimaglie: una larga ed una stretta.

Il pin si inserisce all’interno della semimaglia esterna, mentre quella interna ruota su di esso. E’ poi protetto da un rullino, che riduce l’usura da sfregamento quando la catena passa su pignoni e corone.

Quello che però a noi interessa è come è ancorato il pin sulla semimaglia esterna: si fissa per interferenza. Una volta inserito il pin, questo viene poi battuto sulle due parti esterne, creando una sbavatura. Questa sbavatura, più grande del foro ricavato sulla semimaglia esterna, impedisce al pin di sfilarsi, anche quando la catena è stressata lateralmente (incroci).

Quando noi sfiliamo il pin per aprire la catena questa sbavatura salta, si stacca in maniera netta (spesso la vediamo addirittura sullo smagliacatena). Il pin diventa quindi perfettamente cilindrico e se non ripristiniamo la sbavatura, è facile che sotto sforzo si sfili causando l’apertura della catena.

Per questo motivo è importante ribattere il pin dopo aver richiuso la catena. L’operazione di ribattitura è molto semplice: dopo averlo appoggiato su un incudine, con un martello di ferro si picchia sul pin, spiattellandolo. Il colpo deve essere dato facendo scivolare il martello sul pin, proprio a creare questo riporto di metallo che fissa in maniera solidale e permanente il pin alla semimaglia esterna, impedendone la fuoriuscita.

Capito questo segreto è possibile smagliare e rimagliare le catene senza comprometterne l’affidabilità e la resistenza.

Lo strumento che si usa per estrarre e reinserire i pin della catena si chiama smagliacatena. E’ uno strumento base che ogni meccanico deve avere in officina.

Molto utili poi sono le pinze per le falsemaglie. Due pinze specifiche che ci permettono di aprire e chiudere le falsemaglie con estrema facilità, anche le Power Lock di Sram.

Danneggiamento della semimaglia esterna

Una delle cause più comuni di rottura è il cedimento della semimaglia esterna. Nella foto qui sopra il cedimento è stato causato dalla fuoriuscita del pin dal lato dx della catena. Lo sforzo della pedalata ha poi causato la rottura definitiva, visto che oramai lavorava solo un lato della catena.

In questo cosa la riparazione è molto semplice: sostituiamo la semimaglia danneggiata con una falsamaglia. Il tutto naturalmente appurato che tutto il resto della catena, soprattutto nei pressi della rottura, sia dritto ed in ordine.

In questo caso non dovremo rimagliare la catena, ma ci limiteremo a rimuovere la semimaglia danneggiata.

Il lavoro è semplice. Posizioniamo nello smagliacatena il pin sano della semimaglia danneggiata e lo estraiamo, avvitando lo strumento.

Ci ritroviamo quindi in questa situazione: la catena presenta due estremità con semimaglie strette.

Non ci resta quindi che ricongiungerle con una falsamaglia.

L’utilizzo di una falsamaglia per riparare questo tipo di rottura è preferibile perchè garantisce un’elevata sicurezza: le falsemaglie sono robuste come le maglie normali ed il loro montaggio è semplicissimo, a prova di errori.

Questa riparazione può essere facilmente effettuata anche sui sentieri: basta avere uno smaglia catena (presente in moltissimi multi tool) ed una falsamaglia nello zaino.

Danneggiamento della semimaglia interna

Questo tipo di danno è in genere causato da una forte torsione della catena, spesso dovuta alla caduta della stessa ed all’attorcigliamento in zona guarnitura o tra pignoni e raggi. E’ frequente sulle catene 12V che sono molto sottili.

In questo caso ci ritroviamo con la semimaglia interna danneggiata, da sostituire. Non possiamo però utilizzare la falsamaglia, in quanto questa può sostituire solo una semimaglia esterna.

Se non vogliamo accorciare la catena, ritrovandoci potenzialmente con una catena troppo corta, dovremo rimuovere la semimaglia interna danneggiata ed una semimaglia esterna adiacente, sostituendole con una maglia nuova. Ricordiamo che la maglia è costituita da due semimaglie: una larga ed una stretta. Di fatto togliamo una maglia danneggiata e ne mettiamo una nuova.

Innanzitutto dobbiamo procurarci un pezzo di catena nuova. Consiglio, quando si monta una catena nuova, di tenere la parte avanzata. E’ preferibile utilizzare la stessa marca e modello di catena presente sulla bici (noi non lo faremo per evidenziare meglio la zona riparata).

Al lavoro!

Dal pezzo di catena nuova dobbiamo rimuovere una maglia.

Per fare questo dobbiamo sfilare quasi completamente un pin, facendolo fuoriuscire con lo smagliacatena in modo che, come nella foto qui sopra, rimanga all’interno della catena una sporgenza di ca 1mm. Questo serve ad agganciare con maggior facilità la semimaglia interna quando rimaglieremo la catena.

Il risultato che otteniamo è quello di una maglia completa pronta all’uso. Notiamo come anche il pin della maglia che andremo ad utilizzare sia stato estratto lasciando il famoso millimetro all’interno.

Dalla catena danneggiata dobbiamo rimuovere una maglia completa, avendo cura di non far fuoriuscire, come spiegato prima, il pin completamente. Ci troviamo nella seguente situazione:

E’ giunto quindi il momento di rimagliare la catena. La procedura è la seguente, che andrà ripetuta due volte visto che sono due le giunzioni che andremo a ripristinare.

Con lo smagliacatena inseriamo completamente il pin fino a che non è a filo con la semimaglia esterna. Dalla parte opposta, il pin fuoriuscirà di qualche decimo di mm.

Posizioniamo il pin sull’incudine in modo che la parte sporgente (lato opposto a quello da cui abbiamo spinto il pin) sia rivolto verso l’alto.

Diamo alcune martellate decise, avendo cura di far scivolare il martello al momento dell’impatto, proprio per ricreare la sbavatura sul pin che abbiamo eliminato durate la smagliatura. Ricordiamoci che dobbiamo battere sul pin, non su altre parti della catena.

Il risultato che otteniamo è quello di un pin leggermente allargato in testa. La maglia potrebbe rimanere bloccata, ovvero il pin che abbiamo inserito potrebbe non ruotare liberamente: è normale.

Ripetiamo l’operazione per l’altro pin: ora la catena risulta chiusa e riparata.

Per ripristinare la scorrevolezza delle parti rimagliate, ci basta semplicemente torcere la catena con le mani, facendola flettere lateralmente. Le semimaglie esterne si allargheranno fino ad incontrare la sbavatura sul pin, lasciando libere quelle interne di ruotare.

Abbiamo quindi finito, non ci resta che rimontare la catena sulla bici.

Come avrete potuto notare questa riparazione deve essere effettuata in officina (servono incudine e martello) e non si può fare sui sentieri.

Come abbiamo visto riparare la catena è piuttosto semplice. Ci basta uno smagliacatena ed un martello ed il gioco è fatto. L’unica accortezza che dobbiamo prestare è di fare attenzione alle prime uscite durante le quali la catena potrebbe rompersi perchè abbiamo sbagliato qualcosa. Superate le prime 2 uscite, se la catena ha tenuto, possiamo stare tranquilli!

Se comunque la catena dovesse aprirsi (succede solo se non si ribatte bene il pin) avremo comunque solo il cedimento della maglia esterna. Ci basta quindi avere con noi smagliacatena e la falsamaglia per sistemare l’inconveniente direttamente sul sentiero. Ricordate: smagliacatena e falsamaglia sempre con voi!

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
prospero58
prospero58

well done!!!!

Andrea Sicilia

Aggiungerei che spesso comprando le catene, ci sono 2 pin per chiuderle nel montaggio. Se si ha cura di conservare il secondo (ne serve solo 1) si può utilizzare quello per rimagliare e si chiude la catena come si fa quando la si monta per la prima volta. Li vendono in quasi tutti i negozi on line anche sfusi per pochi centesimi, ma se uno conserva quello in più a ogni cambio catena (fa poca differenza se sia per numero di velocità diverse funziona uguale), ne ha a iosa…..in teoria la rottura catena dovrebbe essere un fatto eccezionale.

MTBikerMAU

Capitato a fine 2017: catena nuova di soli 2 mesi, salita in piedi sui pedali e *crack*, rotta la catena, pedalata a vuoto e bel ribaltamento. Ahimè non trovavo la falsamaglia di scorta ma "fortuna" vuole che fossi ero accanto ad un casolare. Chiedo all'autoctono una pinza e un paio di martelli, elimino la parte di catena non riutilizzabile (2 o 3 maglie prima della falsamaglia) e ribatto il pin al suo posto ribattendo la catena tra i due martelli (uno a mo' di incudine).
Riprendo il giro, un po' più cauto per la "paura" di romperla ancora e rimanendo senza alcuni rapporti, a causa della catena più corta. Nei giorni successivi riallungo la catena a dovere con un'aggiunta ed ora è ancora lì al suo posto, fiera e sprezzante di fango, pioggia, polvere, neve e tutto il resto.

Alexrcl
Alexrcl

Domanda…si può ribattere il pin con un punteruolo o un cacciavite per creare la sbavatura? La martellata scivolata ancora non mi appartiene 😀

DjAlexB
DjAlexB

già…se si potesse addirittura usare lo smagliacatena (opportunamente modificato) per “ribattere” il pin sarebbe anche meglio e soprattutto eseguibile su sentiero…..

luca29er
luca29er

Domanda:si può usare falsamaglia 10v per una 11v e viceversa .

canyon67
canyon67

No

jimmy27
jimmy27

Bell’articolo.

lucanervi
lucanervi

tutto corretto, ma solo un appunto, nell’articolo dite di mettere la catena sull’incudine per ribatterla ma una volta montata sulla bici come fai a ribatterla con l’incudine??

anche nel secondo metodo con la maglia interna rotta dite la stessa cosa, e l’operazione viene fatta due volte… ma come possibile montare sulla bici una catena appena richiusa su se stessa senza falsamaglia?

p84
p84

Forse si considerano solo catene dotate di falsa maglia

rafe'
Alexrcl

Domanda…si può ribattere il pin con un punteruolo o un cacciavite per creare la sbavatura? La martellata scivolata ancora non mi appartiene 😀

ho usato un punzone beta (come quello in foto) e non ho avuto mai problemi

Shadow.Rider
Shadow.Rider

… e adesso cominceranno le solite diatribe su cosa si deve intende per maglia. Nell’articolo è chiaramente l’unione delle di semimaglia interna e semimaglia esterna ma secondo i fondamentalisti la maglia è invece una qualunque delle due semimaglie.

Shadow.Rider
Shadow.Rider
lucanervi

tutto corretto, ma solo un appunto, nell'articolo dite di mettere la catena sull'incudine per ribatterla ma una volta montata sulla bici come fai a ribatterla con l'incudine??

anche nel secondo metodo con la maglia interna rotta dite la stessa cosa, e l'operazione viene fatta due volte… ma come possibile montare sulla bici una catena appena richiusa su se stessa senza falsamaglia?

Bhe. Tu stai riparando una catena nel punto in cui si è rotta. Per rimontarla la aprirai la falsa maglia originale o dal pin di chiusura. Altrimenti per rimontarla (mai fatto eh) dovresti togliere le pulegge e la gabbia del cambio posteriore e rimontare il tutto attorno la catena.

bikerbobo72
bikerbobo72

Per inserire la falsamglia si riesce senza pinza?

andry-96

Si basta montare la catena sulla bici con la falsa maglia in alto, poi tieni il freno post tirato e spingi sul pedale, così la falsa maglia va in posizione

gattomiau
luca29er

Domanda:si può usare falsamaglia 10v per una 11v e viceversa .

Hanno larghezze differenti quindi per quanto costano è meglio procurarsi un paio di falsemaglie di scorta a seconda della catena montata. E anche della marca.

CORSARO70
CORSARO70

ottimo articolo
mi permetto solo di suggerire una comodissima pinza PER APRIRE E CHIUDERE la catena con una pinza sola… io ce l’ho e funziona benissimo!

https://www.amazon.it/dp/B007E8YO7Q/ref=asc_df_B007E8YO7Q51013904/?tag=googshopit-21&creative=23390&creativeASIN=B007E8YO7Q&linkCode=df0&hvdev=c&hvnetw=g&hvqmt=&th=1&psc=1

lucamox
lucamox

io per aprire e chiudere le falsemaglie da sempre uso una pinza a pappagallo. Per ribattere i pin trovo piú pratico il punteruolo con punta a taglio, ma proveró sta tecnica del martello…

Dumpweed
bikerbobo72

Per inserire la falsamglia si riesce senza pinza?

Si, una volta chiusa là si porta sul lato alto del fodero basso, facendo sì che sia in tensione poi col freno posteriore tirato si da un colpo di pedale.

lucanervi
lucanervi

sempre smontato e rimontato le falsemaglie a mano senza attrezzi di sorta, se son dure si lavorano lateralmente finche non si smollano…. poi in casi estermi se non hai la pinza apposita per toglieral, filo di ferro tra le le due maglie a cavallo della falsamaglia e attorcigli con pinze normali,il filo si stringe e voilà… oppure sul campo (nei boschi..) metodo con corona visto su youtube:

andrea peter luciano
andrea peter luciano

“luca29er
Domanda:si può usare falsamaglia 10v per una 11v e viceversa .”

Piuttosto che andare a spinta, monta pure la 10V su 11 V Provato, funziona!!!

Non la userei però come soluzione definitiva!!

lucanervi
lucanervi
canyon67

No

tra 9 e 10 io mi son sbagliato e ho girato con la falsamaglia da 9 montata sulla 10… e non ha dato problemi….

ciò 🙂

canyon67
canyon67
lucanervi

tra 9 e 10 io mi son sbagliato e ho girato con la falsamaglia da 9 montata sulla 10… e non ha dato problemi….

ciò 🙂

Infatti se non ricordo male, la dimensione delle maglie della catena non varia dalla 9 alla 10, varia invece dalla 10 alla 11.

tostarello
canyon67

Infatti se non ricordo male, la dimensione delle maglie della catena non varia dalla 9 alla 10, varia invece dalla 10 alla 11.

la larghezza varia anche tra 9 e 10V