C’era una volta in Umbria

17

Le gonfie colline ricoperte di ulivi si illuminano di luce dorata. Il tempo delle ombre proietta le lunghe ali nere dei falchi che volteggiano sopra la terra arida. Gli unici suoni sono quelli dei pneumatici che rotolano dolcemente lungo una strada sterrata che porta a una casa che prende il nome dagli uccelli che volano sopra di noi, “Podere il Falco”.



.

 

“Tre decenni fa, questo casale di 300 anni fa era la mia casa”, spiega Hans Rey. “Avevo ulivi, un vigneto, un bosco e 70 ettari coperti da singletrack. A quel tempo, sebbene fossi molto impegnato a viaggiare per il mondo con la mia bicicletta, mi chiedevo quanto ancora sarebbe durata la mia carriera di mountain biker professionista. Così, una volta ogni tanto, sognavo una vita in Italia e avevo un piano di uscita facile”. Hans si è innamorato della cultura italiana e della semplice vita di campagna.

È difficile non ridere ascoltando Hans Rey parlare di pensionamento, perché ora, venticinque anni dopo, sappiamo che la sua carriera non ha avuto un’uscita di scena, facile o meno. L’uomo che si è fatto strada a suon di campionati, che ha divertito il mondo con le sue spericolate buffonate, che è stato considerato un pioniere del freeride, che ha attraversato il mondo condividendo le sue più grandi avventure in bicicletta e che è stato il primo a raggiungere la vetta del Kilimangiaro e del Kenya uno dopo l’altro, ha dimostrato che era solo all’inizio.

Quel periodo a Villa il Falco è ben radicato nel suo cuore; i ricordi non sono svaniti, e Hans è felice di accompagnarci in un viaggio nella memoria e di mostrarci alcune delle cose che lo hanno attirato in questa zona allora e che gli piacciono ancora oggi.

“All’epoca non c’erano Google Earth, Strava o Trailforks”, spiega. “Quindi andavo in bicicletta ed esploravo la mia proprietà e tutta l’area intorno all’Umbria e alla Toscana. Avrei voluto avere una ebike all’epoca, perché era davvero faticoso trovare e collegare i sentieri per tentativi ed errori, spesso con esiti senza via d’uscita, sentieri incolti o inseguito da cani o cinghiali. Avevo anche una moto da trial, con cui mi divertivo molto a girare per la tenuta, a scoprire nuovi sentieri e a prendermi cura del territorio, controllando le recinzioni o facendo attenzione agli alberi caduti”.

“Ciao, benvenuti”, saluta Alessandra dai cancelli di Podere il Falco. È l’attuale chatelaine e ci ha gentilmente invitato a visitare la vecchia casa di Hans. Passeggiamo per il parco, ammirando il panorama, mentre Hans ci ricorda di essersi seduto in terrazza a guardare il tramonto, come aveva fatto molte volte in passato.
“Pensavo che sarebbe stato bello fare l’olio con i miei ulivi e avevo un vigneto”, spiega Hans, indicando un terreno che degrada in lontananza. “Ho fatto il vino; era abbastanza buono. Ho pensato che avremmo potuto esportare entrambi in America”. Sottolineando che sarebbe stato difficile da realizzare con i suoi impegni di viaggio, Hans si disse d’accordo.

“Sì, è vero, ma si trattava di un piano a metà tra l’uno e l’altro, qualcosa su cui lavorare per il futuro. Magari fare escursioni guidate e gestire un bed and breakfast, cose del genere. È stato fantastico avere tutti questi single track nella mia proprietà e questa zona è piena di antichi sentieri e strade sterrate che la rendono divertente per la mountain bike. All’epoca, alla fine degli anni ’90, non c’era quasi nessun mountain biker nella zona.

Hans indica una montagna che domina il paesaggio: “Quello è il Monte Cetona, è un luogo speciale per me e ospita un ‘albero magico’, sento un legame spirituale con questa quercia molto vecchia. Penso che domani dovremmo percorrere i sentieri lì e vedere se riusciamo a trovarlo”. Mi sembrava un buon piano.

Il giorno successivo è stato davvero caldo…. L’asfalto si scioglieva, c’erano 40 gradi e noi dovevamo salire su una montagna per trovare una vecchia quercia. Evviva. È un bene che abbiamo iniziato alle 7, perché alle 9 il sole era già cocente. I sentieri sono stati divertenti, non troppo ripidi, abbastanza scorrevoli, piuttosto tecnici in alcuni punti, a un certo punto il terreno si è aperto su un enorme prato con una spina di rocce di granito e una vista mozzafiato a 280 gradi.

Sulla cima si trova un’enorme croce di ferro; tutti noi abbiamo potuto ringraziare di non essere morti disidratati o di non aver incontrato un cinghiale arrabbiato. Hans ha persino trovato il suo albero. L’intera area è disseminata di testimonianze di civiltà dimenticate che un tempo vivevano qui, dalle grotte dell’Età del Bronzo ai siti etruschi o alle strade romane.

Il giorno seguente Hans ha proposto un tour più “urbano”, visitando alcune delle cittadine medievali circostanti. Le biciclette erano il modo perfetto per non bollire sotto il sole cocente e per esplorare questa campagna con le sue ripide strade sterrate o “strade bianche”, come le chiamano gli italiani.

Siamo partiti di nuovo di buon’ora, percorrendo strade bianche e singletracks attraverso un territorio stupefacente. I campi sono dorati con fieno appena imballato e girasoli grassi, con il viso rivolto al sole. In bicicletta percorriamo un po’ di strada e scopriamo l’Umbria classica: cipressi che costeggiano i vialetti che si inerpicano sulle colline e che terminano in ville di pietra, mini castelli o borgate. “Mi piace la campagna che ha a che fare con l’agricoltura”, dice Hans. “I filari di vite e i vecchi ulivi, l’architettura classica dell’Umbria antica con le case coloniche chiuse contro il caldo”.

Abbiamo pedalato su per le colline e abbiamo trovato altri sentieri, felici per l’ombra fornita dalla foresta. È incredibile la quantità di accessi per pedalare sullo sterrato. Alla fine siamo arrivati a un piccolo borgo che sembrava uscito dal nulla, con vecchie casette raggruppate, cani assopiti nell’ombra. Era quasi un paese fantasma, solo pochi residenti vivevano ancora in questo borgo remoto. Tavoli e sedie erano sistemati sotto un enorme albero secolare. “È ora di pranzo”, disse Hans mentre ordinava un piatto di formaggi e salumi tipici, con bicchieri di vino rosso e un espresso. Era delizioso.

“Il cibo è una delle cose migliori dell’Italia”, dice, “è così buono, così come il vino e non è costoso. Spesso gli ingredienti sono davvero semplici e di produzione propria: pasta, olio d’oliva, un po’ di peperoncino o succo di limone e, naturalmente, salsiccia e formaggio con del buon pane”.

Dopo il nostro semplice banchetto, abbiamo continuato a scendere a valle con viste panoramiche sulla campagna umbra e toscana, il che ci ha dato il tempo di digerire prima che la pedalata diventasse un po’ più faticosa, quando siamo saliti su un sentiero ripido fino a Panicale, un’antica città fortificata, murata per protezione. Le strade sono strette e acciottolate, con vicoli e ponti sopraelevati che collegano una casa all’altra. Il cuore è una piazza dominata da una fontana e circondata da caffè e ristoranti. Qui Hans si è divertito a girare su per le scale e lungo le antiche mura, una piccola sessione di trial urbano.

Per l’ultimo giorno Hans ci ha suggerito di fare un giro chiamato “BigSmile”, un percorso classico che aveva percorso solo una volta, molti anni fa. Siamo partiti quando era ancora buio e abbiamo raggiunto l’inizio del percorso all’alba. Spettacolare.

Il singletrack scorreva tra boschi e alberi, passando accanto a enormi lastre di granito e su letti di torrenti prosciugati, prima di aprirsi e offrirci un altro incredibile panorama di colline stratificate in lontananza. In alcuni punti c’erano linee A e B, un percorso più facile o uno più tecnico per chi, come Hans, voleva sfruttare le proprie capacità. Si poteva pedalare per chilometri e non si vedeva anima viva.

Le biciclette a pedalata assistita offrono un’esperienza completamente diversa e nuove possibilità e sfide. Si possono coprire grandi distanze e percorrere strade che prima non erano percorribili. La giornata è stata divertente, ma è arrivato il momento di tornare alla nostra base. Pedalando è stato facile capire perché Hans ama così tanto l’Umbria e perché ha pensato seriamente di avere un futuro qui.

Il nostro ultimo viaggio ci ha visto pedalare ancora una volta su una tortuosa strada bianca, con il sole alle spalle, fortunatamente meno intenso ora che si abbassava all’orizzonte. Davanti a noi, tra i filari di viti e ulivi, si intravedeva una casa sulla collina, con una donna in piedi che salutava, tra le mani, bicchieri e una bottiglia di vino. “Hansi, ciao, benvenuti a Villa Rey Country House Hotel”.

La sorella di Hans e suo marito hanno acquistato una proprietà nella zona e hanno aperto un bellissimo bike hotel e una compagnia di escursioni guidate. Alla fine della giornata e di un viaggio nella memoria, Hans e sua sorella Silvia hanno alzato i calici per salutare la Dolce Vita. Hans forse non sta vivendo quel particolare sogno, ma sua sorella sì.

Testo e foto di Carmen Rey.

Commenti

  1. Non avrà coronato il suo sogno, ma nel mentre ne ha vissuti tanti altri. Un idolo con la I maiuscola e da prendere ad esempio per lo spirito con cui vive la MTB
Storia precedente

Bici della settimana: la Marino di Pierbarba

Storia successiva

[Highlights] Pidcock e Pieterse vincono a Nove Mesto

Gli ultimi articoli in Viaggi e uscite in mountain bike

Bikepacking nel Caucaso

Il report di viaggio bikepacking di Henna e Sabine nel Caucaso della Georgia settentrionale, da Stepantsminda…