Ciclabile del Garda Limone – Riva: i lavori procedono

Ciclabile del Garda Limone – Riva: i lavori procedono


In questa intervista il sindaco di Limone del Garda parla dei lavori della ciclabile che collegherà il suo comune con quello di Riva, dalla Lombardia al Trentino. Dalle immagini dei lavori si può azzardare a dire che questo tracciato sarà uno spettacolo puro. L’inaugurazione avverrà a maggio per i primi due km, quelli che vanno da Limone al confine con il Trentino.

  1. Quello che non mi è chiaro è se sarà una ciclabile pura o mista (bici/pedoni).
    Nell’ultimo caso credo che la convivenza sarà molto delicata, basta vedere cosa succede spesso e volentieri sul tratto Torbole Riva …

    0
  2. sono molto dubbioso. certo è in posto panoramicissimo e porterà un sacco di turismo, ergo di soldi, ragion per cui sarà certamente ciclopedonale.
    ma non sarebbe meglio restaurare antichi sentieri piuttosto che fare opere con un così elevato impatto visivo ?

    0
    1. Infatti sistemare i sentieri tipo 112 di limone che è bellissimo ma un’anno fa era messo malissimo scavatissimo, certo che loro puntano al turismo di massa e su quei sentieri ci vanno 50 biker su 1000 che vengono.

      0
    2. Hai ragione, ne è un bell’esempio, per restare in zona, la strada del Ponale. Magari in alcuni tratti di competenza del Trentino recupereranno la vecchia gardesana…pero sai, i sentieri van bene a noi e a chi fa trekking mica alla famigliola in infradito e con il cono gelato in mano quindi la vedo dura

      0
    3. ti dirò…. personalmente a me sti impatti visivi non dispiacciono, ovvio preferisco i sentieri naturali ma prima di arrivare a poter criticare un impatto visivo dato da una ciclabile hai voglia a trovare schifezze visive di tutt’altro genere…..

      0
  3. sono molto dubbioso. certo è in posto panoramicissimo e porterà un sacco di turismo, ergo di soldi, ragion per cui sarà certamente ciclopedonale.
    ma non sarebbe meglio restaurare antichi sentieri piuttosto che fare opere con un così elevato impatto visivo ?

    Quale sarebbe il sentiero che va da Limone a Riva lungo il lago?

    0
  4. Li per li ero anche io abbastanza preoccupato dall’impatto, però sostanzialmente parliamo di una passerella al fianco di una strada, non di un qualcosa costruito da zero in mezzo alla natura incontaminata, quindi se sarà fatto un bel lavoro, sarà sicuramente da togliere il fiato poter pedalare praticamente sul lago…
    Mi stupisco però che qualche pseudoambientalista non sia già li a mettere picchetti e fare manifestazioni…

    0
  5. proprio perchè di schifezze purtroppo siamo già pieni, sarebbe il caso di non aggiungerne altre in posti ancora ad alto rpegio paesaggistico
    il comune si è chiaramente fatto i conti in tasca ed ha ipotizzato un forte flusso turistico
    per me sarebbe meglio evitare nuove opere ad alto impatto e recuperare sentieri esistenti o vecchie linee ferroviarie minori dismesse

    0
  6. Infatti sistemare i sentieri tipo 112 di limone che è bellissimo ma un'anno fa era messo malissimo scavatissimo, certo che loro puntano al turismo di massa e su quei sentieri ci vanno 50 biker su 1000 che vengono.

    Anche molti meno…;.-)

    0
  7. Ben venga. E’ una ciclabile, sistemare i sentieri è un altro discorso, non necessariamente in conflitto. Anzi, se sistemare i sentieri vuol dire farci una ciclabile asfaltata, non è meglio che le facciano su tracciati nuovi come questa?

    0
  8. Il tratto di cui si parla nel video non ha a che fare con la Ponale… vi si dovrà raccordare in futuro, questo sì, ma il tratto di Limone è in fase avanzata di realizzazione, sul lato Trentino siamo ancora a "caro amico ti scrivo..".

    Si infatti son 2 i link…e in uno si parla di questo…poi nel tratto Trentino a che gli serve…da Riva in su fino ad Arco la ciclabile c'è già,non hanno gallerie da bypassare…basta collegare Riva al tratto precedente di competenza lombarda…

    0
  9. Premesso che una ciclabile è sempre un’ottima cosa, devo dire che son stato a Riva l’anno scorso per il Bike Festival, prima volta per me in zona. Arrivo dalle vallate piemontesi del Monviso dove il traffico turistico di bici e pedoni non esiste, sono rimasto sconvolto dalla quantità di gente. Trovo più che altro assurdo che per fare business ed enormi numeri sull’afflusso turistico si permetta a gente che non sa manco stare in equilibrio su una bici di prendere un’elettrica e fare il Ponale, così come sono assurdi i gruppi di persone che camminano appaiate bloccando la strada ai ciclisti veri.
    Dal mio punti di vista la situazione andrebbe un attimo regolamentata perchè troppo, troppo caotica con un discreto rischio di incidenti.

    0
  10. gente che non sa manco stare in equilibrio su una bici

    ciclisti veri.

    ah, e quale delle due categorie dovrebbe essere privilegiata?
    dal punto di vista economico punterei sicuramente sulla prima.
    motivi per puntare sulla seconda invece ne vedo pochi.
    io queste discriminazioni credo proprio sia meglio evitarle.

    0
    1. nessuna delle due va privilegiata ma i componenti di entrambi devono mostrare buon senso. i ciclisti veri cioè devono andare a velocità moderata e chi invece vorrebbe noleggiare l’elettrica ma sa di non saper guidare una bici se non sul vialetto per andare a prendere il pane non la noleggia e il giro se lo fa a piedi senza fare zig zag a destra e sinistra. è l’unico modo per avere una convivenza civile senza troppi problemi. sul ponale ho visto davvero gente con la bici che si fermava in mezzo alla via perchè c’era un piccolo dosso o il fondo era troppo ghiaioso o cose del genere…se non sei capace vai a piedi oppure se proprio vuoi la bici ci vai quando c’è poca gente (mattino presto) o prima impari sfruttando altri percorsi.

      0
      1. Se sai andare in bici e vuoi divertirti vai al mattino presto quando c’è poca gente…questo per dire che il discorso può essere facilmente girato a nostro sfavore.
        La strada e i sentieri sono di tutti, ci vuole la giusta tolleranza e il giusto rispetto reciproco…io se vedo uno fermo in mezzo, e lo vedo a metri se non è dietro una curva ceca, chiedo permesso…

        0
  11. cm 140 km di ciclabile 140 milioni di investimento sono circa 800 mila euro a km…..per una ciclabile ….pazzesco

    Si ma sai il 'ritorno' che ci sarà per questo investimento?…Sarà per alcuni naturalmente,non per tutti…e sarà un caso che il Trentino per ora pare non sentirci…a pensar male è peccato,ma spesso…

    0
  12. Di cui 1000-2000 euro al km di spese reali, il resto in mazzette, creste varie, e favori a tutti quanti…
    Siamo in italia…

    2000 € al km di spese reali???
    Vuol dire che se un operaio che guadagna 2000 €/mese deve posare da solo 2 km al mese… senza materiali e mezzi di sollevamento.

    Forse è meglio parlare di cose che si sanno, oppure commentare le bici da enduro 😉

    0
  13. Di cui 1000-2000 euro al km di spese reali, il resto in mazzette, creste varie, e favori a tutti quanti…
    Siamo in italia…

    Ora 1000/2000 euro al Km. sono un po' pochini e con 800mila al Km. si fa un'autostrada (e anche discreta).
    Ovviamente è un'opera che doveva essere realizzata e altri sistemi meno impattanti dal punto di vista ambientale e a costi minori penso che non ce ne siano, certo però la potevano utilizzare una struttura un po' più elegante e sopratutto fra che c'erano anche un po' più larga.
    Comunque merito all'amministrazione di Limone.

    0
  14. I costi saranno sicuramente belli alti, non so se avete presente la zona..
    Alternative non esistevano e questa soluzione è sicuramente spettacolare, l’impatto visivo poi credo sarà meno di quanto sembra perché la maggior parte della ciclabile è visibile solo dal lago, quindi o sei in barca( rigorosamente a vela) o la vedi sbucare in parte alla strada (bloccata dal traffico…) solo in pochi punti

    0
  15. Ma secondo te non conoscono la morfologia del territorio su cui stanno operando? Ma dai…

    La conoscevano anche dove le case son date giù con una piccola scossa…eppure nonostante le zone a rischio han continuato a far costruire senza gli appositi controlli…la morfologia della roccia gardesana di quel tratto è abbastanza soggetta a frane e smottamenti in caso di forti condizioni meteo…c'è da sperare che non ceda qualche pilastro mentre sta ciclopasseggiando qualcuno…non succederà mai,ma mai dire mai…

    0
  16. Quel tratto l’ ho fatto in un mini-cicloviaggio l’ anno scorso. In modalità Touring passare per le gallerie non è assolutamente divertente e sicuro. Non c’ entra tanto con la sez. MtB quanto nella possibilità per tutti (famiglie/cicloturisti/ciclisti/ pedoni/ecc…) di poter fare il giro del Lago in maniera più sicura. Sono riuscito a fare molti tratti di ciclabile, ma arrivati a Limone mi sono fatto i segno della croce e ho dovuto imboccare le gallerie. Un’ opera che porterà molti frutti… anche a livello economico.
    Questo il mio parere

    0
  17. Se sai andare in bici e vuoi divertirti vai al mattino presto quando c'è poca gente…questo per dire che il discorso può essere facilmente girato a nostro sfavore.
    La strada e i sentieri sono di tutti, ci vuole la giusta tolleranza e il giusto rispetto reciproco…io se vedo uno fermo in mezzo, e  lo vedo a metri se non è dietro una curva ceca, chiedo permesso…

    Se io vedo uno o più persone a piedi su una CICLABILE in mezzo le [email protected] ,indipendentemente dall'orario in cui decido di pedalare,mi incazzo,se io vedo uno o più persone in CICLOPEDONALE avviso del mio arrivo e mi sposto in caso serva…come mi sono incazzato proprio l'estate scorsa,con dei furboni con le full che zigzagavano a velocità sostenuta di ritorno verso Riva sulla Ponale,in mezzo a persone e bikers che scendevan tranquillamente e con rispetto,come me…

    0
  18. Si tratta di una ciclopedonale che toglierà gente dà una strada pericolosissima .
    Certo sarà ultra panoramica, nei tratti dove smette di costeggiare la gardesana perché quest’ultima entra in galleria . E sarà da praticare con molta attenzione, perché staranno tutti con il naso all’insù
    Mi spiace per gli stradisti, perché prima o poi qualche amministrazione spingerà la forza pubblica locale a farli sloggiare dall’asfalto 😂

    0
  19. dico la mia…
    una ciclabile? ottima e lodevole cosa.
    presumo che il tracciato sia parallelo alla gardesana, ma nei vari tratti in galleria di quest’ultima, la pista dove passa? all’esterno lato lago a sbalzo? perché se così fosse, sai che opere di protezione sui versanti strapiombanti si dovranno fare per evitare la caduta di massi e/o altro materiale, specie quando piove e tira vento, casi dove non dovrebbe esserci nessuno a camminare/pedalare, ma non è detto, e che certamente danneggerebbero la pista.
    per non parlare del continuo e minuzioso lavoro di ispezione dei versanti (specie ad ogni importante evento meteorico), per evitare quanto sopra. una bella responsabilità per gli amministratori locali!

    0
  20. dico la mia…
    una ciclabile? ottima e lodevole cosa.
    presumo che il tracciato sia parallelo alla gardesana, ma nei vari tratti in galleria di quest'ultima, la pista dove passa? all'esterno lato lago a sbalzo? perché se così fosse, sai che opere di protezione sui versanti strapiombanti si dovranno fare per evitare la caduta di massi e/o altro materiale, specie quando piove e tira vento, casi dove non dovrebbe esserci nessuno a camminare/pedalare, ma non è detto, e che certamente danneggerebbero la pista.
    per non parlare del continuo e minuzioso lavoro di ispezione dei versanti (specie ad ogni importante evento meteorico), per evitare quanto sopra? una bella responsabilità per gli amministratori locali!

    Finalmente qualcuno che l'ha capita…è un pò che ci provo io…

    0
  21. che un progetto validissimo di pista ciclabile da 140 km costi 100 e passa milioni è una follia….sicuramente la gente che scrive 1000 2000 euro al metro lo scrive ironizzando ma che un progetto CICLABILEcosti circa 800000 euro al km è follia allo stato puro.quando hai speso 150 200 mila euro di media hai già fatto guadagnare la tua azienda, i tecnici e i mazzettari………800000 euro a km per una ciclabile sono pazzie e chiunque sostenga il contrario non conosce costi .
    poi costruire una strutura sul lago di acciaio con carotaggi nella roccia costa ma se faccio fare io il progetto e lo studio e mi danno un badget di 800000 mila al km vi posso assicurare che saltano fuori un paio di bici top di gamma per tutte le discipline dalla bmx alla dh passando per enduro fat gravel e xc…..

    0
  22. scusa… ma ci sei o ci fai?

    Basterebbe conoscere il luogo per capire di che cosa si parla, non è che parliamo di una striscia di stabilizzato nel mezzo dei campi della pianura o dei percorsi ciclabili della campagna tedesca fatti a lastroni di cemento.

    0
  23. Basterebbe conoscere il luogo per capire di che cosa si parla, non è che parliamo di una striscia di stabilizzato nel mezzo dei campi della pianura o dei percorsi ciclabili della campagna tedesca fatti a lastroni di cemento.
    A suo tempo ho avuto a che fare con un progetto di ciclopista in ambiente molto meno impervio, ed i costi erano effettivamente alti. Quello che faceva salire il conto erano soprattutto gli attraversamenti dei corsi d'acqua , ricordo una presentazione pubblica in cui uno si alzò è propose di risparmiare facendoli con due longarine dismesse della ferrovia "tanto vanno bene uguale".

    Infatti. Se i lavori li fai bene, costano. In Ticino nel 2017 è stata ultimata una ciclabile di 3 km con costi di 1.8 milioni di franchi: è stata usata la massicciata di una ferrovia in disuso, su cui si sono dovuti rifare i ponti, è stata asfaltata, segnalata, ecc.

    Il Garda, una volta che avrà la ciclabile intorno al lago, avrà un indotto mostruoso. Se non ci credete fatevi un giro sulla ciclabile del Danubio d'estate, per redervi conto del numero di turisti. Oppure basta andare in Italia: https://www.altapusteria.com/sport/estate-attiva/piste-ciclabili/ciclabile-san-candido-lienz/

    Ben vengano progetti del genere, dove la gente muove il culo.

    0
  24. Infatti. Se i lavori li fai bene, costano…

    Si ma possono costare e anche esser fatti male in Italia…e non sarebbe una novità in Italia…basti pensare a qualche km più su direzione Valsabbia,una obsoleta tangenziale,costata miliardi,più di 20 anni per costruirla e regolarmente,quasi mensilmente,chiusi i vari tratti galleria,per manutenzione,con ripercussioni non indifferenti su i paesi limitrofi.
    In questo caso ci voleva eccome,troppo pericoloso per i ciclisti affrontare le gallerie da Limone a Riva,giusto bypassarle,creando ex novo un alternativa utile che sarà un attrattiva per tutti,spero solo abbiamo fatto bene i conti con la morfologia del territorio dove la roccia appare spesso instabile e friabile,che non faccia la fine della tangenziale poco più su e spero non si siano  dimenticati che siamo anche in una classe sismica di Zona 2,quindi con un rischio elevato,speriamo solo abbiano ponderato bene tutto e da futuro utilizzatore,non mi sembra cosi sciocco porsi anche qualche domanda…o no?

    0
  25. Nel famoso servizio di Presa Diretta di un paio di settimana fa un Ing. di Copenaghen (che vanta una delle percentuali più alte di ciclisti urbani/extraurbani) ha detto una frase importante: Non conta niente dire “andate in bici”, “usate la Bici”, “è bello andare in bici”, ecc… SERVONO LE INFRASTRUTTURE!
    Questa mi sembra una signora infrastruttura… che non è ancora completata e a cui molti possibili utenti stanno già facendo il processo.
    Cioè: se si fanno le opere non va bene, se non si fanno non va bene.
    Io aspetto che la completino e poi ci andrò di sicuro

    0
  26. Si ma possono costare e anche esser fatti male in Italia…e non sarebbe una novità in Italia…basti pensare a qualche km più su direzione Valsabbia,una obsoleta tangenziale,costata miliardi,più di 20 anni per costruirla e regolarmente,quasi mensilmente,chiusi i vari tratti galleria,per manutenzione,con ripercussioni non indifferenti su i paesi limitrofi.
    In questo caso ci voleva eccome,troppo pericoloso per i ciclisti affrontare le gallerie da Limone a Riva,giusto bypassarle,creando ex novo un alternativa utile che sarà un attrattiva per tutti,spero solo abbiamo fatto bene i conti con la morfologia del territorio dove la roccia appare spesso instabile e friabile,che non faccia la fine della tangenziale poco più su e che non si siano  dimenticati che siamo anche in una classe sismica di Zona 2,quindi con un rischio elevato,speriamo solo abbiano ponderato bene tutto perchè da futuro utilizzatore,non mi sembra cosi sciocco porsi anche qualche domanda…o no?

    Avranno fatto i loro calcoli e avranno messo le protezioni, anche perché non sono passati tanti anni da quando una donna è morta sotto una frana nel tratto Riva-Limone (poi ultimarono la prima galleria in direzione sud).
    Il problema, piuttosto, è sapere a che punto è il Trentino sulla sua tratta.

    0
  27. Avranno fatto i loro calcoli e avranno messo le protezioni, anche perché non sono passati tanti anni da quando una donna è morta sotto una frana nel tratto Riva-Limone (poi ultimarono la prima galleria in direzione sud).
    Il problema, piuttosto, è sapere a che punto è il Trentino sulla sua tratta.

    Credo che il Trentino sia ancora in alto mare…e penso che non sarà una cosa cosi immediata e veloce per loro…sempre gli interessi…

    0
  28. Se l' alternativa è fare le gallerie verrà sfruttata sicuramente, ma sia chiaro… non è un tratto per praticare attività sportiva. Si tratta di mobilità eco-sostenibile

    Il problema nascerà,quando una volta realizzata e funzionale,secondo il CDS dovrà essere percorsa obbligatoriamente…e se sarà ciclopedonale prevedo molte :duello: con certe teste calde…

    0
  29. Il problema nascerà,quando una volta realizzata e funzionale,secondo il CDS dovrà essere percorsa obbligatoriamente…e se sarà ciclopedonale prevedo molte :duello: con certe teste calde…

    in caso di ciclopedonale promiscua non mi risulta ci sia obbligo per le bici di transitare su quella invece che sulla strada.

    0
  30. in caso di ciclopedonale promiscua non mi risulta ci sia obbligo per le bici di transitare su quella invece che sulla strada.

    Credo che secondo il codice,ove vi sia presenza di ciclopedonale o ciclabile il ciclista sia tenuto a farla…almeno cosi mi han sempre detto :nunsacci:…prevedo future mal interpretazioni del CDS da parte di chi sarà tenuto ad osservarlo :i-want-t: e da chi dovrà farlo osservarre…:arrabbiat:…e finirà cosi…:freeride:…o cosi…:discuss::duello::cassius:…

    0
  31. non so…io quel tratto lo passo parecchie volte nelle gite al lago, in macchina o in moto. Anche se mi piacerebbe, specialmente con queste temperature, farmi in bdc il giro del garda…il tratto con le gallerie nemmeno se mi pagassero lo faccio. E‘ lungo, buio, pieno di buche..ben venga un tratto alternativo anche se mi „abbassa“ la media x i pedoni…

    Sent from my iPhone using Tapatalk

    0
  32. Credo che il Trentino sia ancora in alto mare…e penso che non sarà una cosa cosi immediata e veloce per loro…sempre gli interessi…

    Sono gli stessi interessi della località in cui si tiene il Bike Festival con decine di migliaia di appassionati, o sono quelli di chi vorrebbe solo i domenicali a passeggio?

    0
  33. l'obbligo di percorrere la pista esiste se si parla di pista ciclabile, cioè ad esclusivo uso dei velocipedi, se la pista è ciclopedonale non c'è l'obbligo.

    il che non impedisce che la pista sia resa obbligatoria vietando sulla statale il transito alle bici…

    0
  34. l'obbligo di percorrere la pista esiste se si parla di pista ciclabile, cioè ad esclusivo uso dei velocipedi, se la pista è ciclopedonale non c'è l'obbligo.

    il che non impedisce che la pista sia resa obbligatoria vietando sulla statale il transito alle bici…

    Ecco…voglio vedere se passa obbligatoria,gli squadroni di bitumari,che passano con le loro gommine su assicelle di legno e si trovano in mezzo pedoni,cani,bambini,fotografi…mamma mia non oso immaginare lo scenario…fortuna che con la mia mtb al max siamo in 3 e più delle volte son da solo…ora son proprio curioso… 🙂

    0
  35. Sono gli stessi interessi della località in cui si tiene il Bike Festival con decine di migliaia di appassionati, o sono quelli di chi vorrebbe solo i domenicali a passeggio?

    Bella domanda…però se analizzi da Riva ad Arco la pista ciclabile c'è già…è da Riva verso Limone che non c'è ancora il collegamento e li bisogna vedere se è territorio trentino o lombardo…ciò spiegherebbe (forse) la 'non fretta' dei vicini di casa…:nunsacci:

    0
    1. Il tratto di cui parli è in territorio trentino; la Provincia autonoma non ha ancora stanziato i fondi né appaltato i lavori; si spera ci sia almeno il progetto.
      Il tratto bresciano è quasi finito, ed è quello oggetto del servizio di TeleTutto.

      In queste settimane stanno mettendo in sicurezza la Ponale con fondi provinciali e dei comuni di Riva e Ledro, a causa di un brutto infortunio ad una bambina tedesca colpita da una roccia alla testa l’estate scorsa (erano 22 anni che non si faceva nessun disgaggio!)
      Io stesso tempo fa fa ho assistito a un masso caduto sulla ruota frontale di una ciclista, rimasta miracolosamente illesa.
      Probabilmente anche questi lavori non preventivati stanno sottraendo fondi al comune di Riva (TN) per iniziare il collegamento verso Limone (BS).

      0
  36. Ecco…voglio vedere se passa obbligatoria,gli squadroni di bitumari,che passano con le loro gommine su assicelle di legno e si trovano in mezzo pedoni,cani,bambini,fotografi…mamma mia non oso immaginare lo scenario…fortuna che con la mia mtb al max siamo in 3 e più delle volte son da solo…ora son proprio curioso… 🙂

    gli squadroni di ciclisti da strada di sicuro non pedaleranno sulla ciclabile.
    se mai dovessero vietare le bici sulla Gardesana (dubito ma non si sa mai) vorrà dire che pedaleranno altrove…

    0
  37. gli squadroni di ciclisti da strada di sicuro non pedaleranno sulla ciclabile.
    se mai dovessero vietare le bici sulla Gardesana (dubito ma non si sa mai) vorrà dire che pedaleranno altrove…

    E fu cosi che fini l'epopea del 'giro del lago di Garda'….:mrgreen:

    0
  38. non è da escludere. però dubito che vietino le bici in strada, anche se non avrebbero tutti i torti.

    Guarda frequento la zona in auto e anche in mtb…se hai la sfortuna di capitare in una di queste gallerie e beccarti un plotone di questi,credimi che il rosario lo tiri giù con tutti i santi…fortunatamente i più si muovono attorno alle 6/7 di mattina,quando il traffico è notevolmente ridotto,ma dopo le 8 c'è da farsi più di una volta il segno della croce,come c'è da farselo con certi automobilisti che ti passano a pelo,perchè in galleria si deve sorpassare,francamente sarei daccordo al divieto per ciclisti in questo tratto,ma sarei anche daccordo che l'altro tratto alternativo sia solo per i ciclisti,ma temo non sarà cosi in entrambi i casi…;-)

    0
  39. Guarda frequento la zona in auto e anche in mtb…se hai la sfortuna di capitare in una di queste gallerie e beccarti un plotone di questi,credimi che il rosario lo tiri giù con tutti i santi…fortunatamente i più si muovono attorno alle 6/7 di mattina,quando il traffico è notevolmente ridotto,ma dopo le 8 c'è da farsi più di una volta il segno della croce,come c'è da farselo con certi automobilisti che ti passano a pelo,perchè in galleria si deve sorpassare,francamente sarei daccordo al divieto per ciclisti in questo tratto,ma sarei anche daccordo che l'altro tratto alternativo sia solo per i ciclisti,ma temo non sarà cosi in entrambi i casi…;-)

    capisco… le mie considerazioni sono:
    -su strada è già vietato procedere affiancati in gruppo
    -personalmente evito di pedalare in gruppo non tanto per il cds ma perchè si creano spesso situazioni spiacevoli oltre ad essere stressante e pericoloso
    -per un automobilista che si trova davanti il gruppo in galleria non è obbligatorio sorpassare, anzi direi che è vietato… poi il gruppo pedalerà sui 40km/h, il limite cos'è, 50km/h? si può stare dietro fino a che non è sicuro sorpassare, che può voler dire anche parecchio tempo
    -quando ci sarà una alternativa sarei d'accordo anche io al divieto per le bici sulla strada nei tratti pericolosi
    -una ciclabile riservata alle bici sì, ma solo se ci fosse anche una sede pedonale (separata) a fianco, altrimenti meglio una ciclopedonale promiscua, che facciamo precludiamo il percorso ai pedoni? spero di no…

    0
  40. capisco… le mie considerazioni sono:
    -su strada è già vietato procedere affiancati in gruppo
    -personalmente evito di pedalare in gruppo non tanto per il cds ma perchè si creano spesso situazioni spiacevoli oltre ad essere stressante e pericoloso
    -per un automobilista che si trova davanti il gruppo in galleria non è obbligatorio sorpassare, anzi direi che è vietato… poi il gruppo pedalerà sui 40km/h, il limite cos'è, 50km/h? si può stare dietro fino a che non è sicuro sorpassare, che può voler dire anche parecchio tempo
    -quando ci sarà una alternativa sarei d'accordo anche io al divieto per le bici sulla strada nei tratti pericolosi
    -una ciclabile riservata alle bici sì, ma solo se ci fosse anche una sede pedonale (separata) a fianco, altrimenti meglio una ciclopedonale promiscua, che facciamo precludiamo il percorso ai pedoni? spero di no…

    Vero,ma sai quale sarà il problema?…Che il turista del menga,di passaggio,lascierà l'auto alla cazzum,già non vi è posto,se non un parcheggino in zona Tignale se non erro…per scendere e andare su questa passerella a far le foto al monte Baldo vista dal lago,creando problemi di viabilità…

    0
  41. io sono favorevole alla ciclabile limone_riva perché ero stufo di fare 6 gallerie strette e non illuminate e di rischiare la vita ogni volta che le faccio in mtb quando rientro dal Tremalzo. Non esistono sentieri alternativi Limone_Riva e tantomeno altri mezzi se non prendere il traghetto. Inoltre ha un impatto visivo quasi nullo ed è sempre una struttura poco invasiva essendo imbullonata alla roccia. Ottima iniziativa.

    0
  42. A chi critica l’opera, vorrei far presente che essere in bici su quella strada con svariati tunnel e curve che pregiudicano la visibilità non è affatto piacevole, quindi in termini di sicurezza e’ davvero utile, e sarà sicuramente piacevole percorrerla.

    0
  43. Ma perché in altri paesi europei, Spagna compresa, le piste ciclo pedonali non destano nessun alterco fra gli utilizzatori?
    Solo quando sono gli italiani (ciclisti o pedoni che siano) a circolare sulle piste estere si crea casino, non sarebbe bello se tutti, pedoni e ciclisti, imparassimo a rispettare gli altri?
    Lo so, è utopia pura in Italia sperare che le persone siano corrette e leggere certe prese di posizione su questo forum fa veramente male (e non oso leggere un forum sulla bdc).
    Io ho dovuto smettere di uscire in gruppo perché, stranamente, in gruppo i ciclisti diventano arroganti e pericolosi, ora usciamo in due e rispettiamo le regole ma non siamo "fighi" perché abbiamo il campanello e lo specchietto e quando in certi sentieri ci avviciniamo a pedoni (hanno tutti i diritti di circolare anche loro e fermarsi a fare foto) rallentiamo e ci facciamo sentire col campanello, in fondo non dobbiamo vincere le olimpiadi, dobbiamo divertirci e rallentare in prossimità di altre persone è solo buon senso e buona educazione.
    Per quanto riguarda la pista in costruzione, sono molto favorevole ma bisogna anche prevedere la manutenzione regolare visto il tipo di struttura perché, come succede spesso in Italia, costruiscono e poi si dimenticano di controllare.
    Nel ruolo di controllori potrebbero esserci gli utilizzatori di tali piste, basterebbe che, in caso di possibile situazione pericolosa, avvisassero le autorità preposte, cosa semplice e banale ma non per l'italiano medio, infatti basta fare un piccolo test, mettere un bel ramo in mezzo a un sentiero e aspettare che passi qualcuno, la maggioranza dei ciclisti cercherà di evitarlo e non si fermeranno per spostarlo, questo dimostra il livello di menefreghismo di certe persone e del perché ognuno pensa che la pista sia di suo esclusivo uso.
    Lunga vita e prosperità 😉

    0
  44. Ma perché in altri paesi europei, Spagna compresa, le piste ciclo pedonali non destano nessun alterco fra gli utilizzatori?

    Prova ad andare a  Monaco e a camminare sulla parte di marciapiede asfaltata e non lastricata. Non desteresti alcun "alterco" solo perchè dopo tre o quattro peli a 30 all' ora capiresti come comportarti. Se insisti, l' "alterco" è certo.

    L'unica soluzione è la separazione dei diversi flussi di traffico, del resto una ciclabile o una ciclopedonale è proprio questo, si separano soggetti con caratteristiche troppo diverse per convivere.
    In paesi civili basta una riga dipinta in terra o, come a Monaco, neppure quella. In Italia non funziona, perchè ognuno si sente padrone, e via di famigliole che tappano la pista e signore col cagnolino. Suoni il campanello da lontano e, se va bene, ti guardano male, se va male ti si rivoltano contro perchè "mica è tua la pista". E questo anche se hai la velocità di un pensionato, altro che "vincere le olimpiadi".

    0
  45. Esatto, a Monaco ci sono andato e la situazione è proprio quella, quindi confermi che sono gli Italiani che non riescono a convivere decentemente, infatti anche in Spagna sono rispettosi (a parte che iniziano alle elementari ad insegnare come si gira in bici e a rispettare il codice), solo in Italia non si riesce a far rispettare le regole o almeno il prossimo, tutti vogliamo rispetto ma quando si tratta di darlo non se ne parla… quasi tutti eh, per fortuna ci sono anche tantissime persone educate e rispettose ma in questa casistica non rientrano i ciclisti da strada in gruppo :mrgreen:

    0
  46. per fortuna ci sono anche tantissime persone educate e rispettose ma in questa casistica non rientrano i ciclisti da strada in gruppo :mrgreen:

    Pensa che è esattamente quello che certe componenti della società pensano dei "ciclisti da sterro": che sono dei pazzi furiosi che si gettano giù per sentieri, che poi se si fanno male li curano con le mie tasse.
    E' proprio vero, tutti voglono rispetto, ma quando si tratta di darne…:roll:

    0
  47. Io faccio windsurf nella zona confine Trent  Lomb, mi viene i brividi solo pensare che uno possa passare in bici dopo le 8, ho visto qualcuno in tanti anni ma è un vero azzardo, come pure dalla parte di Tempesta. Un giorno ho trasportato una tedesca caduta in bici in galleria, erano più botte che altro, ma resta sempre una roulette russa

    0
  48. GDIB

    10km/h?!… Tantovaleva chiamarlo marciapiede! No?

    Questo quello che diceva il sindaco a Giugno…poi fatto…e cosi si scopre che la ciclabile più bella d'Europa alla fine non è una ciclopedonale fine a se stessa,ma un luogo per pedoni,famiglie,turismo…soldi…

    Il sindaco Franceschino Risatti è sicuro che sarà un gigantesco richiamo turistico: «Verranno da tutto il mondo per percorrerla. Sarà un’infrastruttura fondamentale per destagionalizzare il turismo».
    Vista l’alta valenza paesaggistica della pista, una passerella fissata alla montagna grazie ad un’ardita progettazione ingegneristica e geologica, è facile prevedere che il percorso sarà preso d’assalto sin dai primi giorni di apertura.
    Ecco, dunque, alcune doverose istruzioni per l’uso: «Non si tratta di una pista dove poter sfrecciare come al Giro d’Italia – dice Risatti che su questo non transige –, ma di una passeggiata aperta anche ai pedoni e pensata soprattutto per le famiglie».
    Insomma, non è un velodromo per velocisti del pedale ma un percorso a supporto del turismo «slow», da percorrere in tranquillità, senza fretta, godendosi il grandioso panorama che ci si troverà davanti.
    «Metteremo il divieto di superare i 10 km orari», aggiunge il sindaco, che annuncia anche la presenza assidua sulla pista di un agente della Locale.

    0
  49. Splendido esempio di cattiva politica italiana, mi spiego: se un ente pubblico (comune, regione ecc.) ha dei fondi e decide di investire per lo sviluppo turistico deve fare delle scelte, preferire ad esempio i ciclisti e costruisce un pista ciclabile oppure preferire i pedoni e costruisce dei marciapiedi, non entro in merito quale sia la scelta migliore ognuna avrà dei vantaggi e svantaggi.
    Una amministrazione sceglie valutando tutti i pro e contro e se ne assume la responsabilità nel bene e nel male.
    Optando per una cicli-pedonale di fatto non si sceglie si cerca di tenere un piede in 2 staffe risultato: i ciclisti non saranno contenti perché avranno grosse limitazioni all'uso della infrastruttura i pedoni non saranno contenti perchè vedersi sfrecciare accanto uno a 20km/h non è piacevole.
    Naturalmente si faranno belli alle prossime elezioni vantando la costruzione dell'opera ma di fatto sono soldi buttati via perché non c'è un piano di sviluppo complessivo che richiede la capacità di scelta e di assunzioni delle responsabilità

    0
  50. sinceramente non vedo quale altra scelta potesse essere fatta, data la morfologia del territorio.
    questa mi sembra la migliore possibile, ed un bel valore aggiunto per il territorio, quando (e se) sarà completata fino a Riva (non giudico qui l'impatto ambientale perchè non l'ho ancora vista, mi sembra però un impatto rilevante).

    che senso avrebbe avuto una pedonale pura? nessuno.
    che senso avrebbe avuto una ciclabile pura? poco, perchè tanto su una pista larga 2.5m è difficile far convivere il turista in bici coi bambini, l'endurista in trasferimento, i gruppetti di ciclisti che con le xc o le bdc vorrebbero tenere una andatura sostenuta… bisogna andare piano comunque, allora tanto vale sia ciclopedonale, così accontenti più gente. oppure deve essere larga 4m e anche avere poche curve, ma evidentemente non era il caso.

    il limite di 10km/h ci sta, non credo useranno autovelox per fare multe, basta un po' di buonsenso… si va piano e se se si incrocia o supera qualcuno si rallenta ancora e si usa cautela.

    0
  51. andry-96

    Stupenda, chiaramente immagino che sarà ciclopedonale, quindi in stagione le bici andranno praticamente portate a mano.
    Ma per quel panorama dev essere fantastica

    esatto se vai sul sito visit limone ce una webcam in diretta 24 come vista e da paura
    sull' articolo ce specificato chiaramente che con bici siva e non oltre 10 allora per via di pedoni turisti e animali al seguto
    anche perche 2 km ma e uno spettacolo

    0
  52. fitzcarraldo358

    sinceramente non vedo quale altra scelta potesse essere fatta, data la morfologia del territorio.
    questa mi sembra la migliore possibile, ed un bel valore aggiunto per il territorio, quando (e se) sarà completata fino a Riva (non giudico qui l'impatto ambientale perchè non l'ho ancora vista, mi sembra però un impatto rilevante).

    che senso avrebbe avuto una pedonale pura? nessuno.
    che senso avrebbe avuto una ciclabile pura? poco, perchè tanto su una pista larga 2.5m è difficile far convivere il turista in bici coi bambini, l'endurista in trasferimento, i gruppetti di ciclisti che con le xc o le bdc vorrebbero tenere una andatura sostenuta… bisogna andare piano comunque, allora tanto vale sia ciclopedonale, così accontenti più gente. oppure deve essere larga 4m e anche avere poche curve, ma evidentemente non era il caso.

    il limite di 10km/h ci sta, non credo useranno autovelox per fare multe, basta un po' di buonsenso… si va piano e se se si incrocia o supera qualcuno si rallenta ancora e si usa cautela.

    Vero,ma l'agente della locale,sempre secondo il sindaco,sarà li assiduamente e voglio proprio vedere se fermasse qualcuno per sanzionare,in base a cosa poi lo farà…spero almeno dia multe anche a quei [email protected] che fan cagare e pisciare il loro animaletto e non puliscono,spero dia anche multe a quei genitori che lasciano pericolosamente il loro figli liberi di scorrazzare pericolosamente,di qua e di la sulla pista…poi ok,parliamone…;-)

    0
  53. Tc70

    Vero,ma l'agente della locale,sempre secondo il sindaco,sarà li assiduamente e voglio proprio vedere se ferma qualcuno per sanzionare,in base a cosa poi lo farà…spero almeno dia multe anche a quei [email protected] che fan cagare e pisciare il loro animaletto e non puliscono,spero dia anche multe a quei genitori che lasciano pericolosamente il loro figli liberi di scorazzare pericolosamente,di qua e di la sulla pista,che ne dia qualcuna anche a chi procederà con pattini,roller o skate,perchè secondoo il CDS sarebbe vietato…poi ok,parliamone…;-)

    cosi altre a schivare i pedoni si deve schivare la cacca dei cani perche se la becchi sai che giornata di merda:smile::smile:

    0
  54. Dal frame della webcam mi sembra una cagata pazzesca. Un marciapiede di design che fiancheggia la strada trafficata da vetture inquinanti (per altri chissà quanti lustri) ?
    dove sarebbe la camminata più bella del mondo ?
    senza offesa per i residenti

    0
  55. makkot

    Dal frame della webcam mi sembra una cagata pazzesca. Un marciapiede di design che fiancheggia la strada trafficata da vetture inquinanti (per altri chissà quanti lustri) ?
    dove sarebbe la camminata più bella del mondo ?
    senza offesa per i residenti

    Be dai…hai una vista lago/monte Baldo invidiabile da un punto sopraelevato a strapiombo proprio sul lago…vista da quella webcam dice ben poco,bisogna andari per capire…poi ok le auto ci sono,ma son presenti in quasi tutte le ciclopedonali della zona…daltronde la 'gardesana' è solo una e l'unico modo di farci passare una ciclopedonale 'bypassando' le odiose gallerie,era sostanzialmente questo…;-)

    0
  56. Tc70

    Vero,ma l'agente della locale,sempre secondo il sindaco,sarà li assiduamente e voglio proprio vedere se ferma qualcuno per sanzionare,in base a cosa poi lo farà…spero almeno dia multe anche a quei [email protected] che fan cagare e pisciare il loro animaletto e non puliscono,spero dia anche multe a quei genitori che lasciano pericolosamente il loro figli liberi di scorazzare pericolosamente,di qua e di la sulla pista,che ne dia qualcuna anche a chi procederà con pattini,roller o skate,perchè secondoo il CDS sarebbe vietato…poi ok,parliamone…;-)

    l'agente è utile che ci sia… anche senza sanzionare è un modo di tenere ordine e rispetto reciproco. infatti io spero e penso che multe non abbia bisogno di darne a nessuno.

    0
  57. Tc70

    Vero,ma l'agente della locale,sempre secondo il sindaco,sarà li assiduamente e voglio proprio vedere se ferma qualcuno per sanzionare,in base a cosa poi lo farà…spero almeno dia multe anche a quei [email protected] che fan cagare e pisciare il loro animaletto e non puliscono,spero dia anche multe a quei genitori che lasciano pericolosamente il loro figli liberi di scorazzare pericolosamente,di qua e di la sulla pista,che ne dia qualcuna anche a chi procederà con pattini,roller o skate,perchè secondo il CDS sarebbe vietato…poi ok,parliamone…;-)

    l'agente della locale secondo me sara in spiagga a prendere il sole perche visionando la webcam percore qualche pedone o ciclista ogni tanto e non e super affollata come pronosticavano :°°(::hahaha:

    0
  58. Tc70

    Be dai…hai una vista lago/monte Baldo invidiabile da un punto sopraelevato a strapiombo proprio sul lago…vista da quella webcam dice ben poco,bisogna andari per capire…poi ok le auto ci sono,ma son presenti in quasi tutte le ciclopedonali della zona…daltronde la 'gardesana' è solo una e l'unico modo di farci passare una ciclopedonale 'bypassando' le odiose gallerie,era sostanzialmente questo…;-)

    hai ragione, non basta quel frame, sicuramente ci saranno alcuni passaggi spettacolari, il mio problema è un' allergia cronica alle automobili, soprattutto quando io sono in bici. Ma so che non è una malattia troppo diffusa : )

    0