Commencal spiega i ritardi e gli aumenti di prezzo causati dal Covid

Commencal spiega i ritardi e gli aumenti di prezzo causati dal Covid

Staff, 28/12/2020
Whatsapp
Staff, 28/12/2020

In questo comunicato stampa, Commencal fa il punto della situazione del mercato globale della MTB alle prese con la mancanza di disponibilità dei prodotti, gli aumenti dei prezzi e i tempi di consegna biblici.

[Comunicato stampa]  Alla community della mountain bike,

questo infausto anno 2020 è sul punto di terminare… Che periodo!

Come sapete, il settore delle biciclette è stato tra i fortunati a “beneficiare” della situazione. La domanda è esplosa. Le persone hanno capito il valore del ciclismo e le gioie della mountain bike all’aria aperta. E questa è ovviamente un’ottima notizia per il nostro pianeta.

Ma d’altra parte, con questa domanda in rapida crescita, diversi fattori stanno ora rallentando lo slancio.

Prima di tutto, la produzione. In particolare quella dei componenti. Trovare la maggior parte dei componenti necessari per assemblare una bici completa è estremamente complicato oggi. Selle, pneumatici, sospensioni, trasmissione. I principali marchi di componenti come Shimano, SRAM, FOX e Schwalbe, che producono principalmente a Taiwan, danno tempi di consegna compresi tra 9 e 18 mesi. Normalmente sono in grado di consegnare entro un massimo di 3 mesi. La ragione di ciò deriva dalle difficoltà nel reperire alcune materie prime e/o dagli stabilimenti che hanno dovuto essere chiusi a causa del Covid, allungando i tempi di approvvigionamento.

Inoltre, i problemi relativi al trasporto. I ritardi nello spostamento di merci dall’Asia a tutti gli altri continenti sono aumentati enormemente. Un esempio concreto, ci volevano circa 3 settimane per spedire un container da Taiwan a Golden, in Colorado, ma ora ci servono dai 2 ai 3 mesi. I porti sono pieni. Le barche ormeggiano fuori dagli ingressi del porto per diverse settimane in attesa di poter attraccare (vedi foto). I prezzi dei trasporti sono improvvisamente e fortemente aumentati. Attualmente stiamo pagando in media 4 volte di più per la consegna di un container rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Punto finale, i tassi di cambio. Le valute dei nostri principali paesi (Stati Uniti, Canada, Europa, Australia) hanno subìto un forte calo rispetto al dollaro taiwanese. Il prezzo delle nostre biciclette è quindi aumentato notevolmente in pochi mesi.

Pertanto, per la combinazione di tutti queste ragioni, i nostri tempi di produzione e consegna sono stati notevolmente allungati e il prezzo è aumentato. Questo è il motivo per cui siamo stati costretti a rivedere il prezzo di alcune delle nostre biciclette. E, naturalmente, ci scusiamo con coloro che aspettano pazientemente o impazientemente la loro bici o che non riescono a trovare la bici dei loro sogni della taglia giusta.

Speriamo in un ritorno alla normalità il prima possibile, ma crediamo che non succederà prima della fine del 2021.

Buone vacanze a tutti in attesa del 2021!

 

Commenti

  1. Il mercato è libero e ognuno vende il proprio prodotto al prezzo che vuole.Giustificare un aumento di prezzi a causa della pandemia non mi sembra una mossa astuta.Cube, ad esempio, sulla stereo 150 race non solo ha mantenuto il prezzo dell' anno scorso, ma ha sostituito i cerchi Fulcrum con i Newmen, di tutt' altra categoria, in meglio.Consideriamo anche che uno che fa vendita diretta ha sicuramente margini migliori.Alla fine allo stesso prezzo della Meta tr 29 ride in alluminio compro una Stereo 150 race in carbonio montata nettamente meglio, in negozio.
    Per quanto riguarda Giant, la Trance 1 27,5 adv 2018, il prezzo era di 4300€, è stata tolta dal listino e sostituita dalla 29 x.Pari modello, con montaggio identico, cambia solo la forca, da 34 a 36, 5400€.
    Cube è sicuramente una ONLUS.
    Alla fine dopo 5 Giant ho comprato una Cube.
  2. saetta1980:

    Io reputo le bici un prodotto caro e voluttuario ; per farla breve non si tratta di nulla di irrinunciabile come potrebbe essere la pasta o il pane . Inoltre mi pare che l’offerta sia vasta ed eterogenea per soddisfare tutti i tipi di palati . Dunque chi vuole spendere 1000 può farlo perché troverà un prodotto coerente col quel budget così come chi vuole spendere 4-5 o 10 k .
    Nessuna azienda ti obbliga a comprare i loro prodotti e questo continuo lamentarsi dei prezzi è stucchevole . Non vuoi/puoi spendere 5-6 k per una bici ? Comprane una che costa meno oppure vai sull’usato oppure cerca uno sport diverso e più economico .
    Io ( rinunciando ad altro ) mi sono sempre imposto di non andare oltre i 4500 euro ; la bici che mi piaceva di listino veniva 5300 e ho aspettato un anno e il fine serie per prenderla scontata a 4000.
    Valeva i 5300 euro di listino ? Per tantissimi altri probabilmente si e difatti ne hanno vendute camionate appena uscita ; per me no e dunque mi sono messo ad aspettare pazientemente . Ma mai mi sognerei di reputare polli chi l’ha presa appena uscita .
    A volte mi sembra che qui ci siano troppe volpi che non arrivano all’uva .
    Quoto: l’arte della sintesi.
  3. cbet:

    Una bici venduta a 5000€, ad esempio prendiamo un produttore qualunque dei "blasonati", ha richiesta per 10000 pezzi mediamente sul mercato. Mettiamo che cali il prezzo a 2500€...la richiesta passa a 20000 pezzi sullo stesso mercato.
    In teoria è possibile , ma solo se c'è molta elasticità nel meccanismo di domanda/offerta. Può essere ma anche no, e nel mondo reale è più no che altrimenti.

    cbet:

    Ma al produttore conviene ? Abbasso il prezzo, guadagno la metà per pezzo ma me ne chiedono il doppio.... vorrei vedere quale azienda farebbe una cosa del genere....
    Premesso che (vedi sopra) vendere alla metà del prezzo non comporta automaticamente vendere il doppio, ci sono aziende che seguono la strada del volume e si "accontentano" di un guadagno unitario minore ed aziende che invece preferiscono volumi ridotti a ma con alto valore. Non è che una strategia sia migliore o peggiore a prescindere, dipende dalle circostanze, dal settore merceologico, dall'ambito geografico, dalle caratteristiche dell'azienda...
 

POTRESTI ESSERTI PERSO