Decalogo per uscire sani da una giornata in bike park

94

Girando per i bikepark con gli eredi, ho visto tante situazioni pericolose e alcune cadute evitabilissime con un po’ di accortezza. Di solito basta un po’ di buon senso per non trovarsi in difficoltà, ma spesso l’effetto gruppo o l’entusiasmo giocano brutti scherzi.

Non solo, troppo spesso si vedono biker che sgommano come se non ci fosse un domani, come se le piste si rigenerassero da sole di notte. Sono poi gli stessi che a mezzogiorno non ce la fanno più a girare perché mani e avambraccia fanno male a causa delle brake bumps, causate proprio dal blocco del posteriore.



.

Andiamo dunque a vedere come divertirsi in bikepark e trascorrere una o più giornate senza dover fare visita al pronto soccorso o dal massaggiatore.

Bikepass Mottolino
Pacchetto bikepass + bici

Se volete seguire i supergiovani: Axel, Oscar.

 

Commenti

  1. Boro:

    Io che son na pippa lo so ma questo non mi vieta di divertirmi.
    È poi grazie alle pippe che tanti gradassi possono sentirsi pilotoni. :mrgreen:
    e allora se sei una pippa è inutile che diventi il paladino delle brake bumps, perché sei l'ultimo che può far finta di ignorarle.
  2. shrubber83:

    cmq tutta sta gente che va sulle nere anche in BP non la vedo... a luglio ho fatto l'Arancia Meccanica prendendomi i miei temi, guardando i passaggi (tendo ad essere un caghetta).... qualche foto... totale una 30ina di minuti ed ero giù...
    sono passati solo 2 ragazzi in tutto il tempo...
    cosa ben diversa se si parla di tutte le blu/rosse, vedi Peter Pan, Hustle, Willy... già sull'Easy Rider si vede poca gente

    le naturali poi... qualcuno sul Ribs per tornare da Fai ad Andalo (ma cmq pochi) e penso di aver incontrato massimo 2-3 biker in 2 anni sulla Giada Line...

    almeno in Paganella

    potrei dire la stessa cosa dell'Amiata dove quasi tutti facevano 8 Volante e Red Jack
    a livigno nella nera della world cup c'ero solo io....ma forse sbagliavo strada ahahahah
Storia precedente

Val di Sole: Greg Minnaar è di nuovo campione del mondo

Storia successiva

WeFree Race per la comunità di San Patrignano

Gli ultimi articoli in Report e interviste