Gran Tour della Becca di Traversiere

Gran Tour della Becca di Traversiere


Lo sappiamo da sempre che in Valle d’Aosta ci sono giri cicloalp spettacolari, direi quasi  “I Giri cicloalp” e quindi era d’obbligo sfruttare le spettacolari giornate che agosto ci ha regalato. Seppure sarà una gita di un giorno decidiamo di fare le cose bene e andare a dormire in loco con il mitico furgoncino camperizzato, come si addice ad un’avventura in piena regola.
L’obbiettivo e’ la Becca di Traversiere 3337 mt, una classica. Vogliamo andare a colpo sicuro e quindi scegliamo questa che é una vetta posta in posizione strategica e super panoramica, una sorta di pinna di roccia che sembra fatta apposta per portare escursionisti e cicloalpinisti nel mezzo dei ghiacciai senza mai toccarli. Non rinunciamo ovviamente all’etica dell’anello, e quindi la partenza/arrivo e’ fissata da Thumel (1850 mt) in Val di Rhems per poi svalicare in Valgrisanche e ritornare alla partenza attraverso il Col Bassac, poco conosciuto di cui però abbiamo informazioni fresche sulla sua ciclabilità.
A dispetto del caldo previsto, dopo una frugale colazione, partiamo dal camper con 6.5 gradi e cerchiamo di scaldarci salendo sulla comoda sterrata del Rif.Benevolo.

IMG_20160826_081948100_HDR

La valle è dominata dalla sagoma della Granta Parey già illuminata dal sole.

IMG_20160826_082035546_HDR

In poco più di mezz’ora siamo rif. Benevolo (2285 mt) dove il sole ha già scaldato l’aria a dovere. Facciamo una seconda colazione per svegliarci dal torpore mattutino e cominciare sul serio la gita.
IMG_20160826_091823743
Ancora qualche colpo di pedale, poi, poco dopo il rifugio, affrontiamo il primo portage  in direzione della Becca di Traversiere.
IMG_20160826_094937918
A quota 2600 mt circa si apre davanti a noi un bellissimo pianoro pedalabile da cui si vede la nostra meta.
IMG_20160826_100842399
Tempo di girare l’angolo e si apre un’altro scenario da urlo, una bacino glaciale contornato dal ghiacciao di Gollettaz e l’omonimo lago.
IMG_20160826_102220830
Il paesaggio è grandioso e pedalare in un ambiente del genere è veramente stupendo e per noi inusuale. Poco dopo riprendiamo il portage che porta al Col Bassac Derè, il primo dei due Bassac che affronteremo oggi.
20160826_111125
Al colle l’orizzonte si amplia ulteriormente sul ghiacciaio di Gliaretta.
IMG_20160826_112432157
Ci aspetta ora un tratto sulla dorsale  detritica della Becca di Traversiere che ci permette di addentrarsi ancora di più tra i ghiacciai. L’emozione è incredibile e addirittura riusciamo a dare ancora qualche colpo di pedale con alle spalle il Monte Bianco.
IMG_20160826_113559737
Poi, con la bici in spalla, ci togliamo l’ultimo pezzo cercando di capire se il sentiero è ciclabile in discesa.
IMG_20160826_105748839
In meno di 30 minuti siamo alla Becca di Traversiere (3337 mt) su cui stentiamo a trovare un posto dove sedersi visto l’affollamento di gente che come noi ha pensato di sfruttare questa magnifica e calda giornata.
IMG_20160826_121410254_HDR
Lo sguardo spazia sulla vicina Tzantaeleina, sulla Val d’ Isere con in lontananza la Grande Casse e Grande Motte, che fortunatamente fanno distogliere lo sguardo dagli scempi delle stazioni sciistiche francesi.
20160826_120557IMG_20160826_120835606
Il Monte Bianco e la Grande Sassiere, la vetta cicloalpinistica più alta d’Europa che è da tempo in lista ma che le multe salate erogate dai francesi ci hanno sempre fatto desistere.
IMG_20160826_120610097
Insomma, tanto per capirci si vedono tutti, ma veramente tutti i 4000 della Valle d’Aosta.
Pochi metri sotto la vetta ci mettiamo in sella con un pubblico di almeno 20 persone ansiose di vederci scomparire nel baratro, è il momento di verificare la ciclabilità del sentiero!
20160826_121948
Incredibilmente la discesa si rivela veramente bella, tecnica e sdrucciolevole ma fattibile ad eccezione di qualche breve passaggio, una goduria difficile da dimenticare.
20160826_122413_4 IMG_20160826_123802091
Ritornati al Col Bassac Derè scendiamo ora a sinistra in Valgrisenche che ci da il benvenuto con una sequenza di tornantini da urlo.
IMG_20160826_124651054
L’euforia però dura poco, ci aspetta un tratto un po’ esposto da fare con attenzione.
IMG_20160826_130219318
Poi un mangia e bevi molto bello ma anche molto stancante. La discesa verso il rifugio Bezzi è bellissima ma interminabile e si sviluppa lungo i fianchi della valle dove prima c’era il ghiacciaio che ora è più basso ma che fortunatamente ha levigato e appiattito le pietre  che permettono di scendere agevolmente in un contesto incredibile.
IMG_20160826_131313671 IMG_20160826_133441398
Un’alternanza continua di tratti flow e passaggi tecnici.
20160826_133748_13
Dopo circa 1h e mezza vediamo in lontananza il Bezzi, ma non e’ ancora finita!
20160826_135032
Dopo quasi 2 ore dalla partenza dalla vetta, siamo finalmente al  Rif. Bezzi (2290 mt) piuttosto provati. Cerchiamo di recuperare le forze per affrontare la lunga salita al Col Bassac ingurgitando tutto il possibile.
IMG_20160826_152809965
Le pendenze diminuiscono e si aprono delle praterie bellissime.
20160826_154803
Ora e’ il momento di Flavio che stiamo disperatamente cercando di strappare alla bici da strada. Qui trova pane per i suoi denti.
IMG_20160826_160444707
A ritmo e-bike ci costringe a seguirlo fin dove le pendenze e le gambe lo permettono.
IMG_20160826_154234474
Inutile dire che esultiamo quando siamo costretti all’ultimo portage,.
20160826_161956
L’euforia dura poco, ora è il momento di Bobo che come al solito nella seconda parte di gita carbura.
IMG_20160826_165117752
Morale delle favola, ci troviamo al Col Bassac (3154 mt) in meno di 2 ore. Ora possiamo a giusto titolo stravaccarci sul pianoro di pietrisco del colle, dar fondo alle ultime riserve alimentari e buttar già la sella per l’ultima discesa.
IMG_20160826_165425903
Dopo aver fatto i due colli Bassac e la becca di Traversiere con una giornata del genere non si può che essere super soddisfatti, si potrebbe chiudere la gita qui, e invece ci aspetta una discesa da urlo.
IMG_20160826_172449781titolo
Un sentiero pennellato ad arte su un versante di una ripidezza mostruosa ma che permette di scendere agevolmente con una serie di tornantini interminabili ed una magnifica vista sulla Gran da Parey.
IMG_20160826_174331101_HDR
Ogni tanto ci fermiamo per far sbollire i freni e le mani e ci guardiamo in faccia increduli con un sorriso a 32 denti.
IMG_20160826_175402864
Giungiamo così al Bivacco del Corpo Forestale dove ci aspetta un  traverso con un’esposizione notevole, una curva sbagliata e ti trovi in fondovalle in 10 secondi, ma il sentiero,  seppur molto stretto, è fatto talmente bene che si riesce con la dovuta attenzione a ciclare quasi tutto.  Non resta che goderci l’ultima interminabile serie di tornanti che vorremmo non finissero mai, ormai siamo in trance.
Ci svegliamo sul piazzale delle auto , l’avventura è finita ma questa giornata è ormai incisa nei nostri cervelli e in ogni momento in cui vorremo ricordare dei posti fantastici da percorre a due ruote basterà andare su “Gran giro della Becca di Traversiere”.