Hellfat: la bici che sale da sola?

Hellfat: la bici che sale da sola?

01/04/2015
Whatsapp
01/04/2015

Le Fat Bikes sono la vera novità di questa stagione: tra fat bikes propriamente dette e semifat (o 27,5+) sembra che il mercato delle ruote grasse si muova tutto nella stessa direzione. Si può disquisire quanto si vuole sui vantaggi/svantaggi di queste bici, ma il destino è oramai segnato, soprattutto alla luce di una nuova (e geniale) invenzione che la HBS (Helium Bicycle Sistems) ha presentato alla stampa: il sistema Hellfat.

Che cos’è Hellfat

La prima cosa che salta all’occhio di una fat bike sono le enormi gomme, con sezioni che oramai si aggirano sui 4-4,7″.

01Gomme grosse, voluminose: chissà quanta aria ci va dentro e quanto tempo ci va a gonfiare questi gommoni.

Ecco qui l’idea: perchè usare normale aria e non un gas più leggero, come l’elio? Questo è il concetto che sta alla base del sistema Hellfat.

Un’idea semplice, ma di difficile realizzazione

Cin Bal Oh, ingegnere taiwanese e fondatore della HBS, ci ha spiegato che prima di giungere al sistema definitivo che sta per essere lanciato sul mercato hanno lavorato su moltissimi prototipi.

02

“All’inizio avevamo pensato di utilizzare l’idrogeno, molto più leggero dell’elio e più facile da ottenere (l’idrogeno si ricava facilmente dall’acqua, ndr), ma abbiamo dovuto desistere per problemi di sicurezza. L’idrogeno è facilmente infiammabile ed il primo prototipo di pneumatico gonfiato con questo gas è letteralmente esploso, causando anche delle ustioni al nostro tester. Da quello che abbiamo ricostruito, a causa di una pizzicatura su un sentiero roccioso dietro la nostra fabbrica, si è generata una scintilla che ha causato l’innesco dell’esplosione dello pneumatico anteriore. Viene da sè che sarebbe stato impossibile commercializzare un prodotto così pericoloso”

Dopo questo incidente, la scelta di ripiegare sull’elio è stata quasi obbligata. All’inizio si pensava di riuscire ad ottenere gli stessi benefici ottenuti con l’idrogeno, ma i risultati hanno superato le aspettative.

Perchè gonfiare le gomme con l’elio

Chi da piccolo non era attratto dai palloncini che si libravano verso il cielo? Il principio che sta alla base dell’Hellfat è lo stesso che permette ai palloncini di andare verso l’alto.

03

Non ce ne rendiamo conto, ma viviamo continuamente immersi in un fluido: l’atmosfera terrestre. Questo fluido è costituito da una serie di gas (CO2, ossigeno e soprattutto azoto) ed ha un suo peso ed una sua densità specifica. L’elio puro è invece un gas molto più leggero dell’atmosfera terrestre e quindi tende a salire verso l’alto perchè ha una densità specifica inferiore.

05

Le gomme di una fat bike possono essere viste a tutti gli effetti come due grossi palloncini, che se gonfiate con l’elio, tendono a salire verso l’alto. I vantaggi di questa soluzione sono notevoli, vediamoli nel dettaglio:

06

Il primo beneficio è che una fatbike con sistema Hellfat pesa molto meno: grazie all’enorme volume delle gomme, l’effetto di “sollevamento” è notevole e si arrivano ad ottenere pesi anche di 6-7kg per una fat completa, come una bici da corsa praticamente. I benefici sono enormi, sia in salita che nel portage.

04

Altro importante beneficio è l’effetto traino in salita. Le gomme, come un qualsiasi palloncino, tendono a salire verso l’alto. Se noi incliniamo la bici, la spinta verso l’alto delle gomme gonfiate ad elio si scompone in due componenti.

07

Il vettore di spinta verso l’alto (viola) si divide in due forze:

  • Una rossa diretta verso l’alto, che a noi non interessa perchè si oppone al peso scaricato a terra
  • Una verde diretta in avanti che è a favore del moto, come se fosse una corda che ci traina.

L’effetto insomma è analogo a quello di una bici a pedalata assistita, ovvero quello di un’aiuto alla pedalata. Non è che la bici salga da sola, per carità, però la pedalata risulta più leggera e meno faticosa. Il tutto senza bisogno del motore e soprattutto di ingombranti e pesanti batterie dalla durata limitata: finchè c’è aria attorno a noi l’effetto traino dell’Hellfat rimane netto e percepibile.

08

Ultimo ma non meno importante beneficio del sistema Hellfat è legato al miglior galleggiamento della bici su terreni cedevoli come la neve fresca. Grazie alla spinta verso l’alto delle gomme gonfiate ad elio, la bici tende a galleggiare meglio sui fondi cedevoli permettendo di pedalare quasi in ogni condizione. E’ come se pesassimo meno e questo ci permette di stare a galla più facilmente, anche alle basse velocità.

Come reperire l’elio

L’idea di base del sistema è piuttosto semplice, ma per gonfiare le gomme ad elio sarebbe necessario avere a disposizione delle grosse bombole contenenti il gas. Un problema non da poco, con i relativi rischi legati alla manipolazione ed allo stoccaggio delle bombole sotto pressione.

Il sistema Hellfat utilizza delle bombolette molto piccole, simili a quelle delle cartucce di CO2.

09

Il principio del sistema è “non si butta via niente”.

Sulle fat bikes si gioca molto con la pressione degli pneumatici, gonfiandoli e sgonfiandoli a seconda che si percorra asfalto, sterrato, neve o sabbia. Ogni volta che si sgonfia la gomma si perderebbe prezioso elio che andrebbe quindi reinserito al successivo gonfiaggio. In officina basterebbe una bella bombola, ma sui sentieri?

Il sistema Hellbike sfrutta un minicompressore alimentato ad energia solare per trasferire l’elio dagli pneumatici alla cartuccia:

10

 

Non serve alimentazione, il pannello solare produce l’energia necessaria ad azionare il minicompressore che comprime l’elio trasferendolo dalla gomma alla bomboletta.

Il sistema è molto leggero e portatile, il pannello solare può essere fissato comodamente sullo zaino, svolgendo tra l’altro la funzione di paraschiena. Attualmente è in sviluppo uno zaino con pannello solare protettivo certificato in classe II.

11

Tramite un’apposita tasca, fuoriesce un tubicino con il minicompressore a cui si attacca la bombola ed il tubicino con il raccordo per la valvola. Per ora non sono stati svelati ulteriori dettagli.

Prima di poter essere gonfiati ad elio, i copertoni devono essere trattati con un liquido impermeabilizzante, del tutto simile al lattice che si usa normalmente nei copertoni. Oltre a sigillare in maniera permanente i pori della gomma, svolge anche la funzione di riparare eventuali forature. Il liquido contiene delle nanoparticelle in fluoroplimeri metallici di derivazione militare, che a contatto con l’aria ossidano istantaneamente polimerizzando e riparando la gomma in meno di un secondo, così non viene disperso il prezioso elio. Questo liquido è fenomenale, però funziona solo con gomme gonfiate ad elio perchè solidifica istantaneamente a contatto con l’aria e non può quindi essere usato su copertoni tubeless tradizionali. Per inserirlo si fora la gomma con un’apposita siringa e lo si inietta, in modo da evitare ogni tipo di contatto con l’ossigeno dell’aria.

La prova sul campo

In esclusiva, la HBS ci ha dato la possibilità di provare una Fat Bike con il sistema Hellfat, composto da gomme, liquido e pompa a pannelli solari.

12

Sebbene la nostra prova si sia limitata ad un giro di mezza giornata con soli 500m di dislivello e sentieri normali (quindi niente neve o sabbia), le  prime impressioni sul campo sono incredibili: in salita la bici sembra veramente salire da sola!

Il beneficio dell’Hellfat si sente anche in pianura su asfalto. A fine giro abbiamo dovuto affrontare un lungo tratto di ciclabile e di strada statale pianeggiante, il terreno peggiore per una fat. Di solito con queste bici affrontare 10km di pianura asfaltata è un incubo, ma il sistema Hellfat ci ha lasciato a bocca aperta. Abbiamo pedalato con una media dei 45km/h. Sembrava di pedalare una bici elettrica!

Per gli scettici, qui potete trovare la traccia del giro registrata con Garmin Edge 800.

Come su tutte le fat bikes, anche con il sistema Hellfat è molto importante trovare la pressione giusta per un determinato terreno. Per la prima parte di salita asfaltata abbiamo tenuto 0,78bar (quota 253m slm). A metà, quando abbiamo imboccato un tratto di strada bianca, abbiamo preferito sgonfiare leggermente (0,62bar) per poi rigonfiare nuovamente sull’ultimo tratto di asfalto prima di arrivare in cima. In discesa abbiamo usato prima 0,54 bar, per poi scendere a 0,30 in un tratto ghiaioso/fangoso e per poi rigonfiare a 0,45 per l’ultimo pezzo più roccioso.

Durante il test eravamo seguiti da un ingegnere della HBS che a seconda di come cambiava il terreno, ci consigliava la pressione ottimale. Dobbiamo dire che anche piccoli aggiustamenti erano facilmente percebili, il feeling di guida è un po’ diverso rispetto all’aria normale, tutto è più “ovattato”.

HOSCO 01

Durante il giro abbiamo gonfiato e sgonfiato circa una 10a di volte (il terreno cambiava in continuazione), ma l’operazione si è rivelata estremamente semplice.

Grazie al mini compressore solare, cambiare pressione è un gioco da ragazzi, anche grazie ad un precisissimo manometro digitale con precisione centesimale. Tutto è elettronico, premendo su + si aumenta la pressione, su – si riduce.

Il peso del compressore è ridicolo, siamo sull’ordine di 500g, poco più di una pompetta. Se poi si considera che il pannello solare svolgerà anche la funzione di paraschiena, possiamo dire che questi 500g di “zavorra” sono ben giustificati.

Insomma, Hellbike ci ha veramente sorpreso: è sicuramente un punto di svolta epocale nella mtb perchè riesce ad unire gli innegabili vantaggi delle fat bikes con la pedalabilita di una mtb tradizionale, addirittura superiore in molti frangenti. Siamo sicuri che appena verrà commercializzato ufficialmente, diventerà un “must have” del mondo delle ruote grasse, un po’ come i freni a disco, le forcelle ammortizzate o i reggisella telescopici.

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Stravastafava
Stravastafava

Grande!!

filfan
filfan

Fantastico, ne vedremo delle belle!

Worldbike Formia

É il 1 aprile? Non me n’ero accorto! 😉

Jaco MtB
Jaco MtB

Devo dire che me la sono proprio immaginata la scena delle gomme gonfiate a idrogeno… la bici che esplode stile film americano e ricade in fiamme….

Pier mtb
Pier mtb

…consiglio anche di riempire la borraccia di elio, in salita la differenza è notevole!!

Lutrave
Lutrave

…e di berlo poi! hahaha!

Pier mtb
Pier mtb

In alternativa, un bel piatto di fagioli con le cotiche la sera prima. L’accumulo di gas nel nostro corpo ci renderà piu veloci in salita e in pianura. Magari in curva l’anteriore potrebbe scivolare via. Occhio….

giancazaza
giancazaza

verissimo alla 24h di finale all’ultimo giro abbiamo dopato @paperinodj con fagioli cotiche e birra prima della partenza, ha fatto il giro con la FatBoy ed ha segnato il suo miglior tempo.

diegoficaccio
diegoficaccio

L’ingegnere taiwanese Cin Bal Oh? Fantastico…

luxardo
luxardo

Xke non creare anche un telaio ripieno di elio…. tra gomme borraccia. ……e anche sospensione Si può creare una bici
Che va sotto i 0 kg

manzong
manzong

odora..puzza di pesce d’aprile…;-)

andrewood__
andrewood__

Buon 1° aprile a tutta la redazione MTB-mag!!
Ma soprattutto all’illustre ing. Cin Bal Oh.

vickiekepler0
vickiekepler0

ahahahahahahahahahahahahahahahahahahhaha ecco come ha fatto ET!

GHFRTE
GHFRTE

Effettivamente una fat bike conterrà circa 10l di elio a pressione ambientale, che può alleggerire il mezzo di quasi 10g. Ipotizziamo di usare una pressione di 1bar.. Abbiamo comunque 5g di alleggerimento.
Sembrano pochi.. Ma considerando che c’è chi fora con il dremel la gabbia del cambio per tirare giù 1/2g, è un buon risultato.

MN_avatar
MN_avatar

Sara anche un pesce d aprile…ma a parte la riduzione della massa una quota di forza diretta verso l alto, forzando l elio nelle gomme, c e davvero…
Diciaml che l idea non mi sembra poi cosi tanta peregrina!

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

ehhh ma tu sottostimi il volume delle gomme fat, sarranno almeno 15 litri ciascuna… 30 litri in totale… quasi 15g di alleggerimento dunque!

Riki174
Riki174

Eeeeehhhh no cari miei!!!
Sticazzi che alleggerite!!!
Riuscireste ad alleggerire solo se prima create il vuoto nel copertone!!!
Quindi, sempre pescivendoleggiando, la cosa fondamentale è prima inventare il copertone FAT adatto, che deve:
– o rimanere tallonato con pressione interna zero bar (vuoto spinto) 🙂
– o accartocciarsi completamente a volume interno = zero prima dell’immissione del gas!
Altrimenti…anche con il pericolosissimo idrogeno…la bici peserà come prima…ahahahahah!!!
Ecco il vero pesce d’aprile!!!
🙂

giancazaza
giancazaza

il vuoto lo crei nella camera d’aria

FabryLorenz
FabryLorenz

Uno dei migliori articoli che abbia mai letto…
Veramente geniale, buona pesca 😉

doghy
doghy

mamma mia, e fino a leggere il peso ci ero quasi cascato
buon 1o aprile 😉

ferrilamiere
ferrilamiere

anch’io fino a lì… e pensavo ma un po’ di eliuo ci starà anche nelle mie gommine 😀

fantastico pescione d’aprile meglio di quello dell’anno scorso
complimenti alla redazione

guidetti vanni
guidetti vanni

Se già con una fat normale si possono tenere i 40Km/h per il famoso effetto volano, con la hellfat i 45 Km/h non sono un gran risultato!!!! 😀 buahahahahahaha

Lutrave
Lutrave

ma la fanno anche in versione e-bike? sarebbe fantastica in salita!
Buon 1° aprile a tutti….. 😉

AleCast73VA
AleCast73VA

confermo, ho gonfiato con elio sulla michelin wildrock r2 27.5×2.35 ora va meglio scorre meglio di Schwalbe Racing Ralph!

Vinenzov
Vinenzov

Questo è un bel pescione Fat!!

Saverio s
Saverio s

….leggendo l’articolo per un attimo ci avevo quasi creduto, pensando ma cos’e’ sta stronzata qua!?!?
GRANDI!!!
BRAVI.

ecox
ecox

Nomad42 con questo sistema almeno almeno fa i 70 in pianura. A rischio autovelox.

Bell’articolo da caccia e pesca! 😉

barbasma
barbasma

la propulsione ha l’ausilio anche dell’aerofagia di chi pedala!

albertocave
albertocave

Da hellfat a hellfart? 🙂

bikerciuc
bikerciuc

è una mia idea…lo sai… ti giro troppo la fattura…ma te la giro troppo davvero mica una fattura che sa di “cernia”…ah ah ah…

Pietro.68
Pietro.68

ah ecco….
mi pareva che ci voleva una mente malata per “inventare” una cosa così 😀 😀 😀
Ciao vecio.

Geep
Geep

Fantastico.
I miei complimenti all’ingegnere!

cerbonim
cerbonim

Di sicuro le utilizzera Fumic , che ha buttato via il podio per girare con due gomme cartavelina per risparmiare meno di 100gr!!!

manu 76
manu 76

Il segleto è liempile di elio anche il pilota… l’ aelofagia è un effetto collatelale tlasculabile.

Ing. Cin Bal Oh

albertocave
albertocave

la bamba scorre potente in redazione 🙂

TallBoyDan
TallBoyDan

Ho abboccato fino ai 45km in pianura…cmq lo zaino con pannello solare se già non esiste lo brevetterei ahahah

BoccaS
BoccaS

Lo zaino esiste ma con un pannellino del genere ci carichi a malapena il cellulare.

teoDH

Se gonfio un pesce di elio e me lo metto nello zaino in una giornata di vento volo…

Certo che potevate studiarvene uno più credibile…

Mario.lop
Mario.lop

…ecco tutti a dare contro le fat! in realtà sono state inventante proprio per contenere l’elio nelle gomme con ovvi vantaggi in salita e in discesa. Anche Lacondeguy la sta testando in segreto perchè gli permetterebbe di saltare più in alto e tiare dei trick impossibili fino ad oggi…
Rassegnatevi il futuro è FAT! 😛

alex_bodom
alex_bodom

Sono entrato sul forum proprio per vedere che articolo farlocco avreste pubblicato hahaha

rimirkus1975
rimirkus1975

L’idea anche se troppo “ittica” è carina, era da studiare meglio per il sistema di recupero con compressore solare-paraschiena dalle foto si capisce che con il sistema ad elio centra poco, e poi io che giro spesso di notte come faccio!!

tagnin
tagnin

pesciazzo d’aprile, senza nemmeno leggere

Leandroilpirata
Leandroilpirata

De ma se mi fermo a fa pipì mi vola via la bici !!!

rikiuan
rikiuan

già, in effetti è il primo di aprile… pronti per il lancio della nuova specialidad hindenburg?

rikiuan
rikiuan

Però è un’idea…

Deroma
Deroma

come pesce d’aprile?
ne ho già ordinate due!!!!!
mitttici!!!!!

rikiuan
rikiuan

Io è da un pò che sostengo il lancio della vera bici due in due: sali col crosscountry con uno pagato per seguirti col downhill, e poi prima di scendere fai cambio!

MarcoM85BG
MarcoM85BG

AHAHAHH PESCE D’APRILE!

Dunque, per il principio di Avogadro:
La forza che spinge verso l’alto un corpo dipende dal suo volume e dalla sua differenza di densità rispetto al fluido in cui è immerso. E precisamente:
d*g*V=Fp=m*g
Quindi d*V=m
Considerando che V = circa 2,5L per una gomma fat, che la densità dell’aria è 0,001225 g/ml, quella dell’elio 0,0001785 g/ml, la differenza in negativo di peso è circa…

-5 g!!!

AHHAHAHHAHH!!!

Marco

Sellan
Sellan

Il principio è di Archimede, Avogadro ha scoperto il numero di molecole contenute in una mole di gas. Comunque quasi quasi c’èro caduto anche io, se non fosse che qualche mese fa avevo pensato a fare la stessa cosa, ma poi fatti gli oppurtuni calcoli, i conti non ritornavano per cui ho abbandonato l’ideazza del secolo! Buon pesce a tutti, ci tocca pedalare sempre alla vecchia maniera!

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

marcom85… a parte la confusione tra Avogadro e Archimede, una gomma fat ha un volume ben superiore… direi almeno 15 litri, quindi siamo addirittura a 30 grammi di alleggerimento sulla coppia di ruote!

MarcoM85BG
MarcoM85BG

hahahahah si Archimede e non Avogadro… Deformazione professionale! Mi viene ancora da ridere a pensare a quanto si son sbattuti nello scrivere l’articolo (ed è lunghetto eh!) solo per prenderci in giro… Occhio a parlare di 30g che poi i grammo-maniaci ce li vedo già ad andare a sfiancare i tecnici del gas per il noleggio delle bombole di elio o peggio ad autoprodursi l’idrogeno in casa!

Speedboy
Speedboy

UNA PRECISAZIONE: VI SIETE DIMENTICATI DI SCRIVERE CHE IN DISCESA CON HELLFAT SI USURANO DI MENO I FRENI, PERCHE’ L’ELIO FA DA FORZA FRENANTE!!!!!

posse
posse

io gonfierei anche la pancia del rider di elio, con apposita pompetta
eheh

MGAN
MGAN

Su “Pinkbike” hanno avuto la stessa idea…con il mozzo estensibile della HOPE grazie all’elio..e la prospettiva di raggi estensibili…
Andate a vedere divertente pesce d’aprile..

Renick
Renick

direi altrettanto divertente ma si capiva prima …The Barometric Uni-Laterally Level Structured Horizontal Internal Tube (B.U.L.L.S.H.I.T.) …

dlacego

Accidenti, questa è una vera figata! Geniale…

dlacego

Una sola cosa ci frega: la data….

nasymtb
nasymtb

Più che salire da sola questa fat sale da… sòla!!! 🙂

Nomad 42
Nomad 42

DILETTANTI!!!
– le bufale al 1° aprile non sono credibili, raccontarle non è facile e superare il legame del calendario è cosa per pochi
– che le fat possano raggiungere i 40 kmh in pianura è appurato ma dire che l’elio aumenta la velocità ai 45 kmh non è credibile … come fa senza effetto volano? I pesci vanno pescati bene!!! 😉

Sim880
Sim880

Grandioso!!!
ma…il pesce d’aprile dell’anno scorso non era mica sulle 27,5+?
Ocio che magari s’avvera pure questo ahahahahah!!!!

nicholasbergstro
nicholasbergstro

Era sulle 30″ se non ricordo male 😛

marco bot 00
marco bot 00

Ci sono cascato proprio come un pollo XD

andrea6103
andrea6103

Mi sembrava una buona soluzione per i miei 90 kg. Pazienza

nebbia94
nebbia94

Se le si gonfia a stecca si può volare come ET

Domenico piazzoll
Domenico piazzoll

Potrebbe essere un’ottima base di sceneggiatura per il seguito di UP della Disney

l.j.silver
l.j.silver

Guardate che il vero pesce d’aprile sono le nuove fox che “dovrebbero” funzionare come la pike continuando comunque a costare quasi il doppio……
le fat in fondo un pesce d’aprile lo sono da sempre…imho ovviamente.

GLPerris
GLPerris

Condivido in pieno!

dlacego

Ragazzi STOPPPPP (non è un pesce d’aprile)!!!!! Ho telefonato alla HBS e realmente la bici è in produzione! Si potranno ordinare da giugno versando una caparra del 30% ma purtroppo, almeno per quest’anno, i pezzi sono limitati!

spiri
spiri

m’hanno copiato l’idea!! io gia’ ho risolto … ma con un altro gas 🙂 … basta portarsi una scatola di fagioli per ricaricare 🙂

Velocity
Velocity

Se è un pesce d’aprile sono proprio un fesso che c’ho creduto, se invece dovesse essere vero (dubito molto) credo che mi darei ad un altro sport perche l’idea di allenarmi come un matto per poi vedermi superare da qualche ciccione su questa specie di mongolfiera non lo tollererei…

william leonardi
william leonardi

ne prendo 3, e anche 2 bancali di fagioli che così l’Elio lo produco internamente…

sturbis
sturbis

Uahahah! Il tester ustionato! La scintilla dopo la pizzica tira. Che spettacolo! Buon pesce ragazzi!

Enrico Guaitoli Panini
Enrico Guaitoli Panini

Ci aveva già pensato Mavic nel ’96 per le bdc con le Helium rosse…

Babo77
Babo77

Spettacolo! Questa sì che è un’innovazione!!!

MISTER HYDE
MISTER HYDE

PESCE APRILE !!! 😉

Marco G
Marco G

ma….nessuno lavora o studia questa mattina?

Pietro.68
Pietro.68

il test con l’idrogeno e l’esplosione da scintilla mi ha fatto proprio ridere. 😀 😀 😀

simo89
simo89

Buon pesce d’aprile a tutti….articolo ben fatto veramente…mi ricorda quando dissi a un mio amico che avevo gonfiato le gomme con elio ed era per quello che in salita andavo così forte…

Rottweiler
Rottweiler

….nanoparticelle in fluoroplimeri metallici di derivazione militare…
Spettacolare, troppo forti!!!

Bro17
Bro17

Pensa che figata sui SALTI!!!! Voli!!!!

dzajess400857
dzajess400857

Pesce d’aprile ben fatto… veramente! 😉

sanfordsampson1
sanfordsampson1

Bè allora posso mettere anche due palloncini sul manubrio della mia 26″ così posso droppare senza cappottarmi come l’ultima volta!!! hahaha

gianni1879
gianni1879

ahahahhah bello l’articolo, devo provare 😀

whitney01p
whitney01p

Ma se si usasse anche x gomme normali?!

menollix
menollix

Io lo metto solo nella gomma davanti, così faccio le penne kilometriche 😀

Guido Tj
Guido Tj

… diventiamo tutti maghi del Manual!!! ahahahahahahahah

Brove33
Brove33

Visto che peso solo 50kg dovrò zavorrarmi per non decollare !!!

Renick
Renick

bellissimo! buon primo aprile a tutti i boccaloni 😀

paolopendoli
paolopendoli

Siete fantastici, quanto si lavora su un pesce d’aprile? Grazie per le perle di follia (posso copiarmi quella delle nanoparticelle?)

Lucky86
Lucky86

Pesciolone!!

Lucky86
Lucky86

Quello del pannello solare paraschiena poi è formidabile!!

paolopendoli
paolopendoli

Si, anche quella è da libro di storia. A me serve, comunque….

dlacego

Mi piacerebbe che qualche “cervellone” facesse il calcolo di quanto l’elio possa alleggerire la bici (si scherza ma secondo me anche se poca poca anzi pochissima, la differenza c’è!) così da indicarne la differenza in termini percentuali: scommetto che il risultato sarebbe lo stesso di tante innovazioni che puntualmente i costruttori ci spacciano come miglioramenti storici 🙂

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

calcolo presto fatto e già postato più sopra nei commenti… spannometricamente 30 litri nelle gomme di una fat, per un risparmio di 30 grammi circa. Ma se non sbaglio l’elio non ci sta nelle gomme, che si sgonfierebbero velocemente…

Riki174
Riki174

Io ripeto come fatto sopra che gli attuali copertoni (fat o normali) non permetterebbero nessun alleggerimento nemmeno per una simile ipotesi del 1°aprile…in quanto non esiste copertone al mondo che può essere completamente svuotato d’aria prima di essere riempito di elio!
Però…l’effetto elio sarebbe fattibile con una camera d’aria senza copertone o un ipotetico tubolare FAT…o con qualche altra invenzione del leggendario Cin Bal Oh!!! 🙂

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

se gonfi la camera d’aria dentro il copertone l’aria da qualche parte esce…

rostnt
rostnt

Ma non avete detto che il telaio è ricoperto di una speciale vernice al Germanio che permette un recupero energetico e che può essere usato per alimentare una speciale turbina posta nel tubo orizzontale che da un aumento di potenza di 1,5Kw e che oltre al cambio automatico ha anche il Intelligent Parking Assist System, progettato per permettere ai bikers di fermarsi davanti al bar per prendere una bella Birrette e nel frattempo la bici va a parcheggiare. 😀 😀 😀

The leg
The leg

Ho letto l’articolo fino all’effetto traino.
Ammetto che fino ad allora avevo divorato tutte le tesi con un misto di euforica incredulità.
Mi chiedevo se con una sezione 2.4 avrei avuto lo stesso effetto.
Sapevo già dove procurarmi il prezioso gas a buon prezzo.
Poi ho capito…inutile…ci cascherò anche l’anno prossimo…è il destino degli ottimisti…o dei creduloni.
Visto che manca poco Buona Pasqua a tutti

Paolo M.
Paolo M.

A me sembra che si stia un pò esagerando,
io preferirei andare avanti a chiamarle bici, non “mezzi lunari”!
La bici l’ho sempre amata per la sua purezza e semplicità ….

DoubleT
DoubleT

anche le scoregge sono più leggere dell’aria. quindi la sera prima di un giro… ‘na bea magnada de fasioi e vaiii

Hobbit70
Hobbit70

Bel pesce d’aprile , anche meglio dell’anno scorso

Maria luisa lo gatto
Maria luisa lo gatto

HO PROVATO,………….AZZ, MI E’ VOLATA VIA LA BICI………………
VADO SUL MERCATINO?
CIAO, GRANDI!!!!!!!!!!!!!!!!!! E BUONA PASQUA

GIUIO10
GIUIO10

Magnifico l’uso dell’elio per alleggerire ma… l’effetto volano che fa viaggiare a 40kmh perpetui, come lo ritrovo? 🙂

giobike73
giobike73

Complimenti alle vostre menti perverse !!! Io ci sono cascato in pieno…

Francesco Agapito Mariani

ahahahahahahahah bellissimo scherzo , anche io ci stavo credendo fino a quando non ho letto dei 45 km/h 😛 , salutatemi l’ingegnere Cimbaloh 😀

danilogmf
danilogmf

Scusate il ritardo!!! sono uscito a comprare l elio!E adesso cosa me ne faccio?

Tonydani
Tonydani

Gonfi i palloncini per la prossima festa di compleanno