La Canyon Strive CF di Fabien Barel

La Canyon Strive CF di Fabien Barel

28/03/2015
Whatsapp
28/03/2015

[ad3]

Dal Crankworx di Rotorua la Canyon Strive CF con la quale Fabien Barel ha conquistato la seconda posizione alla prima gara del circuito EWS 2015.

mdelorme_03282015-0837

Il sistema Shape Shifter di Canyon, con l’ammortizzatore Rock Shox Monarch XX High Volume, controllato in remoto dal comando al manubrio.

mdelorme_03282015-2533

Rock Shox anche la forcella, una Pike RCT3.

mdelorme_03282015-2539

La trasmissione è SRAM XX1.

mdelorme_03282015-2536 mdelorme_03282015-2530

Fa eccezione la corona, che è la consueta Osymetric che Fabien utilizza ormai dal 2009, al rientro dal suo grave infortunio al ginocchio. Questa corona denominata Twin Cam infatti è molto utile per ridurre lo sforzo a carico dell’articolazione del ginocchio. I denti della corona Osymetric non sono sincronizzati, quindi è necessario un guidacatena.

mdelorme_03282015-2537

Manubrio Fatbar Carbon e attacco manubrio Apex di Renthal.

mdelorme_03282015-2541

Freni SRAM Guide Ultimate Carbon, con incluso il comando remoto dell’ammortizzatore, grazie al collarino MatchMaker.

mdelorme_03282015-2545

Leva di comando che aziona il sistema Shape Shifter, mentre poco sopra vediamo il comando remoto del reggisella Reverb Stealth, al quale Fabien ha applicato un ritaglio di materiale abrasivo per aumentare il grip.

mdelorme_03282015-2543

Wheelset Mavic Crossmax. Il colore giallo farebbe pensare alla versione Enduro, eppure il numero di raggi del posteriore e altri dettagli rivelano essere delle XL in colorazione race.

mdelorme_03282015-2547

Il copertone utilizzato da Fabien al posteriore è un Mavic Charge, ovvero il copertone della ruota anteriore del wheelset Crossmax Enduro.  Il copertone anteriore invece, nonostante siano state celate le scritte con un pennarello nero, si capisce che non è un prodotto Mavic. Nella foto si riconosce bene il battistrada di una Magic Mary di Schwalbe.

mdelorme_03282015-2549

[ad12]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
PorfirioPerkin2
PorfirioPerkin2

Beh ponte di comando del manubrio un po’ affollato… Arriva una discesa improvvisa: tiro giù il telescopico, metto lo shapeshifter sulla modalità discesa, apro l’ammortizzatore e sblocco la forcella… Tempo di fare tutte queste operazioni e uno è già per terra…

bakunin
bakunin

abbassare il telescopico e aprire sospensioni è una frazione di secondo, ma per me sia queste che lo shapeshifter tranne rari casi si sistemano al cencelletto… e nella ps si rilancia in piedi salvo rari casi che però han già preventivato durante la ricognizione visto che parliamo di un pro e neanche uno qualsiasi

matpaglia78
matpaglia78

Per farlo al cencelletto, tantovale allora levare tutti i comandi remoti… almeno quelli delle sospensioni!

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

infatti… se ha i remoti vuol dire che li usa durante le PS…

Balandi
Balandi

concordo con l affollamento, ma sono di una opinione diversa.
date le ore che uno ci passa sopra a quella bici, diventa un automatismo, alla fine son tre bottoni da premere, ci vuole un istante quando lo fai senza pensarci. come con gli spd.

AleCast73VA
AleCast73VA

ma per contratto non si puo avere 2 gomme marche diversi?

Djfatbike
Djfatbike

Scusate l’ignoranza, ma che cosa vuol dire Ultimate sulla dicitura dei Guide?

luxardo
luxardo

Tutti a vendere gli ammortizzatori con piggy Back
su su riempite il mercatino

gianvito09
gianvito09

Ahahahhahaha

scylla
scylla

ahahaha la stessa cosa che ho pensato io…..

mountaindoctor
mountaindoctor

Bici bellissima, anche se mi fa piú sangue la Spectral di Barnes