Canyon Neuron

La nuova Canyon Neuron in prova

346

Sono andato nella Sierra Nevada a provare la nuova Canyon Neuron, la bici da trail del marchio tedesco. Ruote da 29 pollici, 140mm di escursione anteriore e 130mm al posteriore e soprattuto più lunga e più bassa del modello precedente.

Nel video trovate il test e la presentazione, più sotto i dettagli e le geometrie.



.

Primo giorno di test
Secondo giorno di test
La nuova Canyon Neuron nei dettagli

Geometria

La Neuron aveva bisogno di una “ripassata” in termini di geometria, soprattutto per quanto riguarda l’angolo sella e il reach.

Dettagli

La nuova Canyon Neuron è disponibile in quattro modelli con telaio in carbonio CF e in sette allestimenti in alluminio, compresa una versione per bambini, la Young Hero, e due per donne. Io ho potuto provare il modello top di gamma Neuron CF 9, dal prezzo di 4.999€, che trovo molto competitivo visto l’allestimento.

In taglia L il modello di punta pesa appena sopra i 13 kg. Nel triangolo anteriore può alloggiare un portaborraccia e un borsello porta attrezzi.

L’ammortizzatore senza piggy back è in linea con il montaggio pensato per non essere troppo pesante, visto che all’anteriore troviamo una Fox 34 che mi ha convinto in toto durante il test per la sua sensibilità e progressività.

Il funzionamento del carro aiuta molto in salita ad ammortizzatore aperto o in posizione intermedia, infatti è bello sostenuto nella corsa e, grazie anche ad un angolo sella di 76°, aiuta nelle rampe più ripide a tenere l’anteriore schiacciato a terra.

Trasmissione elettronica SRAM Eagle AXS, manubrio in carbonio e freni SRAM Code. Il cock pit non lascia niente da desiderare. Su una trail bike i Code fanno bene il loro lavoro.

C’è molto spazio per montare reggisella telescopici dall’escursione generosa, anche grazie ad un tubo piantone dritto.

Il passaggio interno dei cavi è guidato da dei tubi in cui farli scorrere, senza dover usare calamite o guide.

I cuscinetti sono oversize e ben schermati, per evitare che vi entri sporco pregiudicando la loro durata nel tempo.

Cerchi in carbonio DT Swiss: leggeri e non troppo rigidi, sono una buona scelta per salire e scendere bene.

I cavi passano dentro la serie sterzo. Una scelta che farà storcere il naso a molti ma a cui Canyon sembra ormai credere ciecamente.

Bello il guidacatena integrado nel telaio e la protezione contro il risucchio della catena posta sul fodero basso. Questa può essere spostata a seconda della grandezza della corona che si usa.

Infine una nota sul rapporto qualità/prezzo, veramente alto. 4.999€ per il top di gamma sono un buon prezzo. Trovate gli allestimenti e gli altri prezzi sul sito Canyon.

Commenti

  1. AxelMTB:

    ti consiglio Neuron, più pedalabile e a 360°
    Sono quasi convinto che la Neuron sia quella che più mi si addice, o quasi .Ormai tu dovresti avere già capito il potenziale di questa bici. Diresti che è una Trail bike a 360° o è più propensa all' XC? Molti miei soci hanno delle bike con indole enduro, ho paura di doverli fare aspettare troppo,nei tratti in discesa (in quelli in salita sono io che li devo aspettare), anche perché non ho molto manico , magari dovuto alla geometria superata, (del 2010), anche se all'epoca era molto avanti a parere di tanti.
  2. bowhunter:

    Sono quasi convinto che la Neuron sia quella che più mi si addice, o quasi .Ormai tu dovresti avere già capito il potenziale di questa bici. Diresti che è una Trail bike a 360° o è più propensa all' XC? Molti miei soci hanno delle bike con indole enduro, ho paura di doverli fare aspettare troppo,nei tratti in discesa (in quelli in salita sono io che li devo aspettare), anche perché non ho molto manico , magari dovuto alla geometria superata, (del 2010), anche se all'epoca era molto avanti a parere di tanti.
    Su un sentiero enduro di 3 minuti magari paghi qualcosa... 10/20 secondi. Se invece prendi 2 minuti il problema non è della bici. Non mi preoccuperei molto se ti devono aspettare qualche secondo in fondo alla discesa
  3. bowhunter:

    Grazie per il tuo parere,

    Con la mia Mojo sl (super light) dò più di 10/20 secondi in salita ai soci. Infatti ultimamente non li aspetto più prima di iniziare la discesa e non li " tappo" più . Spero di fare altrettanto con la Neuron. Purtroppo faccio fatica (per non dire che il mio "medico" mi ha ha dato l'ultimatum) a trovare pezzi di ricambio per le manutenzioni di forca e ammo DT swiss carbon e non voglio sprecare soldi per trovare alternative alle mie amate sospensioni. Sono sempre più convinto che la Neuron potrebbe essere l'alternativa giusta
    presa poi?
Storia precedente

Loïc Bruni e Jess Lewitt vincono il Crankworx DH di Rotorua

Storia successiva

Il nuovo SRAM Eagle AXS rivoluziona il mondo delle trasmissioni

Gli ultimi articoli in Test