La nuova forcella rigida di Enve

Enve produce già forcelle da un po’, ma finora solo per bici da corsa e ciclocross. La nuova forcella da MTB ha delle caratteristiche che – dice Enve stessa – la rendono la forcella rigida più personalizzabile sul mercato.

Un passacavo permette un passaggio ordinato del tubo del freno senza aver bisogno di altre fascette o simili.

Enve2--7503

Per chi gira su terreni fangosi, ci sono parafanghi in carbonio che si possono facilmente intercambiare con il gancetto per il tubo freno: l’aggiunta di peso data dal parafango è minima. Un passaguaina è comunque integrato nel parafango.

Enve2--7467

Un’altra caratteristica interessante è un chip che permette di regolare la posizione della ruota semplicemente girandolo di 180 gradi. In una posizione ci sono 44mm di rake e 470mm di altezza totale (axle to crown, dall’asse alla testa della forcella); nella seconda posizione il rake è di 52mm e l’altezza di 472mm. Queste caratteristiche, assieme alle geometrie basate su quelle delle forcelle ammortizzate, rendono la Mountain Fork di Enve particolarmente adatta all’aftermarket.

Enve2--7509

Tutte le forcelle Enve usano un particolare processo produttivo in cui fibre continue corrono dalla cima del tubo sterzo fino in fondo ai forcellini. Assieme a questo disegno in un pezzo unico, si usa una sistema (fully removable bladder system) che permette di rimuovere il peso in eccesso ed un migliore posizionamento delle fibre.

Enve2--7467

Dettagli

Immagine 001

 

Prezzo italiano: circa € 699

Enve2--7492 Enve2--7493 Enve2--7499 Enve2--7501  Enve2--7505

  Enve2--7512 Enve2--7513 Enve2--7463

Storia precedente

[Intervista] Curtis Keene parla di gare, della sua carriera e di 27.5

Storia successiva

[Da vedere!] Crankworx Whip Off Worlds gallery

Gli ultimi articoli in News

La miniera

Le miniere di carbone del Belgio, da dove proviene Thomas Genon, il protagonista di questo video,…

La pioda

Brendan Fairclough aveva visto una placca di roccia spettacolare durante il suo trasferimento da Lenzerheide all’aeroporto…