La rampa che non c’è (più)

163

Una due giorni ciclo-olimpica da dimenticare per la squadra olandese di mountain bike e di bici da corsa. Ieri nella gara femminile in linea le atlete oranje, di gran lunga le più forti del gruppo, hanno lasciato andare in fuga delle concorrenti ad inizio gara, sicure di riprenderle prima del traguardo. E così è stato, non fosse che un’austriaca praticamente sconosciuta era ancora davanti e ha tagliato il traguardo prima di tutte. Potete capire lo sgomento quando sono arrivate le olandesi, sicure di aver vinto. Qui il report completo. Al malinteso ha contribuito il divieto di uso delle radioline in corsa, a cui tutti i pro sono abituati da anni. Ci sono però le lavagnette che segnano i distacchi. Probabilmente saranno state in giapponese….



.

Ancora più eclatante quello successo stamattina a MVDP, caduto su un salto, compromettendo la sua corsa per il podio. A quanto pare non gli è stato comunicato che la rampa presente durante gli allenamenti sarebbe stata tolta in gara. È anche l’unico ad essere caduto, e anche il suo compagno di squadra Vader (10°) ha passato il salto indenne.

Insomma, due vicende che hanno dell’incredibile e anche del ridicolo, a patto di non essere olandesi.

 

Commenti

  1. Maiella:

    Quello che é successo nella gara su strada delle donne elite é rocambolesco, ma sono contento per quella ragazza austriaca. Quanto a MVDP mi dispiace, ma non credo che l'avrebbe vinta.
    Però poteva mettere un po’ di pepe alla gara da quando pidcock è andato in testa la gara è finita
  2. marco:

    inutile che fai il figo, lo so che lo vuoi anche tu :smile:
    ............
    Prima dovrei comprare una mtb dove metterlo, la mia è troppo antiquata :pirletto:
  3. Jeckyenduro:

    Comunque errore tecnico da principiante.... per chi impara a fare qualche salto. Tutti gli alti preparano correttamente il salto, lui resta passivo con l anteriore che scende. Non puoi fare 10 giorni di tour de france prima di una gara così..... oppure se lo fai x carità maglia gialla in onore del nonno poi... ....però niente scuse economiche ......grazie
    Ma forse la verità é proprio questa, cioé che ha sbagliato. Più passa del tempo e più rimango perplesso sul fatto che né lui né il suo team non sapessero dell'eliminazione della rampa. Oppure si é dimenticato o in qualche modo confuso, ma come già detto, sono sempre più convinto che abbia sbagliato lui.
Storia precedente

Tom Pidcock vince la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokio

Storia successiva

Tripletta svizzera a Tokio: la Neff domina il XCO femminile

Gli ultimi articoli in Race Corner