L’insostenibilità del progresso imposto

L’insostenibilità del progresso imposto


Mi ricordo molto bene il momento. Eravamo al bar nella piazzetta del paese, io e il marketing manager di un noto marchio di componentistica. “L’anno prossimo segnerà la fine delle 26 pollici, perché tutti produrranno solo 27.5 e 29”. Scoppiai a ridere, dicendo che quello era un desiderio delle aziende per vendere, ma che non si sarebbe mai concretizzato. In effetti non si vedevano ancora in giro telai specifici per le 27.5, e la diatriba era ancora tutta incentrata sulle 29, ancora piuttosto acerbe.

Più che altro, con gli occhi del mountain biker che gira quasi ogni giorno per i monti, non riuscivo a vedere l’effettivo vantaggio nell’aumentare il diametro delle ruote di 1 pollice e mezzo, che in realtà è anche di meno di 1 pollice e mezzo, dato che la denominazione 27.5 è stata fatta solo per dare l’idea di qualcosa che fosse nel mezzo fra 26 e 29.

Mi sbagliavo. La valanga si era già staccata dalla cima della montagna e stava per travolgere tutti, volenti o nolenti. Nel giro di pochi anni le 26 pollici sono davvero sparite. Però, al contrario delle 29, partite più o meno “dal basso” grazie all’intraprendenza di alcune aziende, qui la valanga è stata fatta partire di proposito dall’industria in toto, e i reali vantaggi rispetto alle 26 sono davvero minimi. Mi ricordo ancora il mio primo test di una 27.5, quello della Santa Cruz Bronson, e mi ricordo la prima discesa in cui cercavo di capire le reali differenze con le 26. Niente che mi facesse urlare al miracolo, anzi.

Un paio di anni più tardi, presentazione Trek Remedy 29. La prima bici ad avere uno strano perno passante da 148mm, detto Boost148. Più rigidità, più spazio per la gomma. Questi i vantaggi sulla carta. Alla storia della gomma non davo molto peso, visto che non avevo avuto problemi di incompatibilità. Anche qui sbagliavo, perché due anni dopo si scopre che esiste un formato “plus” che costituisce la panacea di tutti i mali: migliore trazione, migliore grip, più sicurezza. Fantastico. Ed ecco che arrivano ad Eurobike una marea di bici “plus” ad espandere delle gamme di loro già enormi. Eh si perché fra una riga e l’altra non ho citato le fat, le gravel e le e-bike. Le prime un fuoco di paglia che si è già ridotto a quello che avrebbe dovuto essere dall’inizio, cioé una nicchia, le seconde un tentativo di portare gli stradisti offroad e le terze, finalmente, il cosiddetto “Bullseye”.

Centro.

Con le E-bike l’industria del ciclo ha finalmente fatto centro: prodotti nuovi da vendere ad una clientela in gran parte nuova, che non necessita di quello che è sempre stato lo “scalino” di entrata: una forma fisica accettabile, o la voglia di fare fatica. Qui già vedo gli e-bikers armarsi di carta e penna per rispondermi che con le bici elettriche ci si tiene in forma, dunque metto subito le mani avanti dicendo che mi riferisco alla clientela nuova, quella che prima non andava in bici per i due suddetti motivi.

Dunque, ora le aziende sono contente. La mucca da mungere è stata finalmente trovata, e per i prossimi x anni saranno occupate a contare i soldi che entrano.

Torniamo però al casino lasciato nel mondo delle MTB. 27.5, 29, fat, plus. Gamme immense, negozi disperati, clienti che non comprano in attesa di sapere dove si andrà a parare. Rimanenze, cioé utili in calo. Urge semplificare. Questa volta faccio io la previsione: una volta liberati i magazzini dalle rimanenze, i modelli di fat e plus si ridurranno all’osso. Le Plus continueranno ad esistere come opzione, dato che ormai il Boost è diventato lo “standard” temuto da chiunque avesse un paio di ruote di scorta in garage, e si potranno montare su qualsiasi bici comprata dal 2017 in poi. Per il resto, non rimane da sperare che le e-bike facciano sfogare i direttori finanziari delle aziende, così da lasciare in pace il mercato della MTB con innovazioni imposte dall’alto che, alla resa dei conti, è difficile ritenere tali.

PS. Ci tengo a precisare che personalmente adoro le innovazioni e che alcune vere buone idee ci sono state negli ultimi anni: reggisella telescopico e trasmissione 1x in primis.

Leave a Reply

233 Commenti il "L’insostenibilità del progresso imposto"

Notificami di
Ordina per:   più recente | più vecchio | più votato
Emanuele Fusrodah Mauro

Ho una XC da 27.5 e una da 29… la differenza non si sente se in salita ne in discesa.
A me il boos piace per il fatto di avere una campanatura piu ampia dei raggi e avere più rigidità ( e ci sta).
Il cerchio largo mi piace per il comfort e la trazione, spero che si continui nella strada del canale da 25mm.
Del resto nulla… cerchiamo di fare bici leggere ma affidabili

Swiggy
Swiggy

scusa, ma se non senti la differenza tra una 29 e una 27.5 mi sa che hai sbagliato forum..

Lord Soth
Lord Soth

Ottima analisi.
Oggettiva, senza le derive causate dalle opinioni personali.
Grazie

amarone
amarone

Sottoscrivo in pieno!

pacidavi
pacidavi
eh ma per fare xc bisogna avere le 29! (fino all’anno scorso Schurter dava merda a tutti col 27.5) eh ma le fat bike… NO! Erano e rimangono una nicchia di mercato. eh ma le e-bike… ok per chi ne ha bisogno, ma più di una volta le ho giá seminate in salita e sono parecchio poco allenato. Mi sorge la domanda: è giusto dare delle mezze moto da cross a gente che non ha mai messo piede su un sentiero? Un conto è se da “pensionato” ti prendi la ebike perchè non ce la fai più, un conto è… Continua a leggere »
rider83
rider83

scusa ma te non sei un “cittadino” che va sui monti?

tylerdurden71

Grande rider83 bellissima risposta!

rockarolla
rockarolla

Non so, magari mi sbaglio, ma potrebbe essere che @Number 21 più che un “cittadino” si senta un “essere umano” (ovvero, a differenza del cittadino, un animale, cioè un essere dotato di almeno un po’ di percezione dell’ambiente -non solo quello artificiale- che lo circonda e dei propri limiti nei confronti di esso..

actdrum
actdrum

come leggere 10 righe di roba e non capire una mazza !

checo79
checo79

non vorrei deluderti, ma quelli che hai seminato in ebike si sono fatti seminare..
io stesso sono stato passato in salita piu di una volta da ciclisti ed ero in ebike ma i motivi sono vari
-inizio giro quindi uno parte piano
-giro lungo quindi si usa l’aiuto del motore al minimo consentito per risparmiare batteria
-o semplicemente uno va piano per godersi il panorama

tylerdurden71

Anche a me in salita è successo che qualche ciclista muscolare mi superasse… tirando come un folle, con il fiatone e il ritmo cardiaco a mille… qualche centinaio di metri e devono calare o far finta di fermarsi.

l.j.silver
l.j.silver

Facile far gli sboroni col doping meccanico eh ?

Paolo M.
Paolo M.

è la stessa cosa di chi fa lo sborone perchè riesce ad uscire 3 o 4 volte per allenarsi,
contro quelli che escono solo la domenica, quindi 3 volte al mese (una piove sempre)

P.S. io non ho un’assistita (per ora) 😉

l.j.silver
l.j.silver

un conto è allenarsi ,un’altro il doping meccanico, non è mai bello far gli sboroni ma almeno nel primo caso c’è qualcosa di reale.

Paolo M.
Paolo M.

Dipende il tipo di sborronaggine che stiamo parlando. Io conosco gente che esce 4 volte alla settimana, non tromba neanche la moglie pur di essere sempre al top, poi li vedi in salita salire come in discesa e quando ne incontrano uno come me che esce 3 volte al mese, ti umiliano senza guardarti in faccia. A questi ad esempio gli sta bene passarli a doppia velocità (e a trombargli la moglie) ?

tylerdurden71

Non è fare gli sboroni, è divertirsi a guardare quanto coglioni sono certi personaggi 🙂 Talmente insicuri che per dimostrare non so cosa, si mettono a competere con un mezzo motorizzato. Poi io penso una cosa: meglio il doping meccanico che quello reale… e ne troviamo a bizzeffe specie fra i weekend warriors.

checo79
checo79

e chi ha parlato di fare gli sboroni?

anet80
anet80

meglio il cuore a mille e il fiatone che fare il figo con la bici elettrica e trovare anche da dire a quelli che in bici ci pedalano sul serio.

Paolo M.
Paolo M.

Se te la sai gestire arrivi a casa con il fiatone cuore a mille e gambe rotte lo stesso, e in più ti fai magari 3000 metri di dislivello con relative discese, in una mattinata, senza avere le gambe al top. Perché vietare ad uno di salire in vetta solo perché non ha la fortuna come altri di allenarsi?

anet80
anet80

e chi lo vieta? ma non mi sembra il caso di vantarsi, o sei uno di quelli che fa i kom su Strava con la bici elettrica o il motorino truccato? 😉

Paolo M.
Paolo M.

Ma chi si vanta scusa?
Ma poi cos’è strava?

l.j.silver
l.j.silver

se uno non trova il tempo per allenarsi evidentemente la mtb non è lo sport adatto, se poi con la ebike risolve il problema è la dimostrazione che son 2 sport differenti.

tylerdurden71

A parte che uso anche la muscolare e do la paga a molti… trovare da dire cosa? A me se uno pedala da sola o usa une ebike non me ne frega niente. Vedo però che per molti non è così… Io pedalo, io conquisto la vetta, io mi sacrifico… sinceramente: e chi se ne frega 🙂 Fai quello che ti piace e rilassati

Paolo M.
Paolo M.
Scusate, ma, se uno ha tempo solo una volta alla settimana per allenarsi perchè durante si spacca la schiena 12 ore al giorno in cantiere, dove stà scritto che la mtb non fa per lui? Allora uno che nuota durante la settimana solo una volta, non può prendersi il pedalò per attraversare il lago perchè se non riesce a braccia non và bene? Io ho sempre dato tanto per la mtb, sia io che mia moglie, facevamo giri epici, anche di tre giorni con dormite nei rifugi, mai avuto paura ne di pendenze negative o positive ne di km. Gare… Continua a leggere »
daniele0511

Io ho nelle gambe 1500, 2000 metri di dislivello se proprio mi impegno, e quelli faccio. Quando ne avevo 500x20km, quelli facevo. Non mi sentivo minorato allora, non mi sento limitato ora. Quando l’età o gli acciacchi mi limiteranno ne prenderò atto, la vita è fatta così, l’ossessione per la performance la lascio agli altri , che poi magari son gli stessi che “io non ci casco, il marketing a me non mi frega”

FabioLazzaroni
FabioLazzaroni

Hai seminato gente con e-bike? Sinceramente dubito della cosa.
Io ne ho provata una e salivo, su pendenze di oltre il 10%, a 24 km/h.

giallo
giallo

Premesso che non pretendo di seminare nessuna ebike, ma mi è capitato di passarne un bel gruppetto in una salita piena di pietre e rocce bagnate dove le bici elettriche non avevano trazione. Sono sincero… un pò di sano orgoglio ha fatto capolino.

tylerdurden71

Come per le bici muscolari anche la salita richiede tecnica, nella fattispecie dosare la potenza. Se uno sa farlo ti assicuro che con la muscolare hai ben poche possibilità di passare un’ebike… e se le pendenze si fanno importanti e le rocce numerose la cosa si accentua ancora di più. Ci sono punti che con la muscolare mi è impossibile mantenere una buona trazione oppure scassati in salita talmente lunghi che per riuscire a farli dovrei avere il fiato di fontana: con l’ebike li faccio in relax, asciutto o bagnato che sia.

Paolo M.
Paolo M.

Se hai superato delle e-bike in salita anche se sconnessa,
i casi possono essere:

a – Tu sei Marco Aurelio Fontana sotto mentite spoglie
b – Le e-bike erano spente, quindi pedalavano tirandosi dietro motore e telaio pesante
c – I rider avevano un target d’età non inferiore ai 75 anni
d – Ti hanno semplicemente lasciato passare

altro ti assicuro che non può essere! fidati.

Paolo M.
Paolo M.
sembola non è questione di sentirsi minorato, non ho questa sindrome di sicuro, è semplicemente che io sono sempre andato in mtb non per una questione di allenamento, per dimagrire, per sentirmi in forma o perchè fa bene, sono sempre andato perchè mi piacevano tanto i paesaggi montani, le mangiate ai rifugi, il fatto magari di trovarti davanti a un capriolo o una marmotta (davanti sa fa per dire), e non in ultimo, siccome me la cavo bene in discesa … fiondarmi giù a canna. Purtoppo con 500 metri di dislivello nelle gambe tutto questo non esiste più per me… Continua a leggere »
daniele0511
[email protected] M., per me è profondamente diverso. per me il piacere è nell’ andare in bici, e scrivo “bici” e non “mtb” di proposito perchè vado anche in bdc. Per me è piacere fare 2000 metri di dislivello in Appennino (anche se arrivo un po’ finito ;-)) ma anche farne solo 500 (ieri 450…) tra vigne e balle di paglia tra le colline della Valdarbia o del Chianti. Per cui non sarà (almeno, spero non troppo) traumatico ad un certo punto accorgersi che non sono più in grado di fare certe cose: del resto anche oggi non faccio la SRH… Continua a leggere »
Paolo M.
Paolo M.
sembola siamo profondamente diversi ecco perchè “non” andiamo d’accordo 🙂 già il fatto che vai su strada a me fa venir l’orticaria, io la mia “bici da corsa” l’ho regalata anni fa, e da allora non mi ha più sfiorato il pensiero, mia moglie (D. S. in campo offroad) idem. Per la cronaca ho 52 anni il mese prossimo, ma se non fosse per gli “imprevisti” che ho avuto negli ultimi 3 anni (tra cui la scomparsa di mio papà) ti assicuro che ne lascierei dietro ancora tanti, anche di 30 anni, in discesa comunque tutt’ora. Per un rider allmountain… Continua a leggere »
l.j.silver
l.j.silver
profondamente diverso , non allenarsi e girare con una ebike ed eseere su di una sedia a rotelle…. poi andando avanti di questo passo che faremo? le scale mobili per portare gli ottantenni sull’everest? che vogliamo privarli di questo diritto? scherzi a parte, a me non frega niente delle e-bike, ma neppure mi piace l’idea che una persona ancora giovane ed in buona forma fisica la usi, capisco i cardiopatici… poi sono opinioni personali e quindi soggettive e valgono solo per il sottoscritto. pero’ non mi piace quando le bici vengono chiamate “muscolari” dai possessori di ebike, son biciclette e… Continua a leggere »
Paolo M.
Paolo M.

Voler vedere un rifugio ai 2000 metri senza bisogno di un’elicottero o di una funivia non ti basta come motivazione per uno che pedala in assistita? Anche se non è cardiopatico, 80enne o con una gamba più corta.

Sbagliato il mio concetto?

(ri-ri-ripeto che io non ce l’ho)

l.j.silver
l.j.silver

scusa in quel caso cosa gli impedirebbe di andarci a piedi?

saimon82
saimon82

Cioè tu semini in salita le e-bike e sei parecchio poco allenato? Dimmi come parecchio poco ti alleni perchè torna utile anche a me in vista delle prossime marathon.

Paolo M.
Paolo M.
@silver Provo a spiegartela sottoforma di cartone animato per bambini vediamo se stavolta capisci. Ti presento Bill Bill è un biker che si allenava spesso e riusciva tranquillamente ad arrivare dalla nonna a 2000 metri in montagna partendo dal paese che era a 0 metri. Ad un certo giorno della sua vita Bill non riesce più a fare 2000 metri di dislivello e quindi non riesce più a vedere la nonna. Bill non vuole prendere elicotteri e funivie per vedere la nonna, decide quindi di prendere una bici assistita e così inizia a rivedere la nonna. Bill è felice. Poi… Continua a leggere »
l.j.silver
l.j.silver
posso farti una semplice domanda? ma la nonna di sto Bill dove c…..o abita che la puoi raggiungere solo in funivia elicottero ed ebike? deve essere un posto estremamente isolato e non servito da strade e se sto Bill non riesce piu’ a farsi sti maledetti 2000 mt di dislivello per andare dalla nonnina forse è il caso che sia la nonna a spostarsi in un luogo piu’ vicino e facilmente raggiungibile , anche e sopratutto dai mezzi di soccorso. oppure a Bill conviene comprarsi una moto da trial che se la nonna sta male arriva un po’ piu’ in… Continua a leggere »
l.j.silver
l.j.silver

meglio pero’ se la facesse scendere a valle eh….

Paolo M.
Paolo M.

@silver

Tu hai bisogno di un dottore bravo, ma qui Bill non può aiutarti!
Prova a chiederlo a Bull, l’amico imbecille di Bill, magari lui ti sà aiutare.

l.j.silver
l.j.silver

ciccio bello,qui se qualcuno ha bisogno di un medico sei tu, io mica ti ho offeso dandoti del pazzo come fai tu, semmai ti prendo un po’ per i fondelli cone d’altronde si merita chi che come te ,scrive scemenze del tipo “io ho dato tanto per la mtb” e si prende eccessivamente sul serio……
rilassati ed impara a vedere l’ironia e ti ripeto non prenderti troppo sul serio e non passare troppo in fretta alle offese gratuite,che non ci fai una bella figura…

Paolo M.
Paolo M.
Io non ti ho dato del pazzo dicendoti di andare dal medico, ti stò solo prendendo un pò in giro (benevolmente) come uno lo farebbe normalmente con uno che non accetta ste benedette e-bike, le stesse cose (più o meno grosso modo) le ho dette anche ad alcuni miei amici che come te vedono “male” le assistite, ma dopo 3 secondi tutto passava. A volte però capisco che scrivere on-line senza conoscere le persone (a vicenda) può suscitare incomprensioni e alla fine antipatie. Se hai interpretato male o io ho interpretato male spingendoti a credere che ti stavo offendendo, ti… Continua a leggere »
l.j.silver
l.j.silver

oh guarda con me sfondi una porta aperta, mi basta la bici per aver approfondito,purtroppo, la conoscenza degli ospedali, reparto ortopedia soltanto, ma mi accontento.

nede333
nede333
Concordo in pieno, e il mio caso ti da ragione: dovrei cambiare le ruote, però chi me lo fa fare di bruciare tutti i miei risparmi e spendere 500€ per comprare un prodotto che fra un anno è “fuori standard” perchè già si è capito che ormai sarà tutto Boost??? Risultato: NON COMPRO e uso fino all’osso le ruote che ho, sperando che reggano. Nel mentre aspetto che la smettano di saltare da uno standard ad un altro e ci lascino “gustare” ed affezionarci ai prodotti che compriamo. Ad ogni modo non so quanto sia produttiva a lungo termine questa… Continua a leggere »
Carlettorusso
Carlettorusso

non dire così che poi li fanno ancora più delicati, come se non bastasse 😀

Mostro
Mostro

L’ora è tarda e non ho voglia di verificare, ma io ero rimasto che con gli adattatori, una coppia di ruote attuali, si possono montare su telai/forcelle boost☝️

Lord Soth
Lord Soth

Dipende dai mozzi

scylla
scylla

esatto 1×11 e telescopico…altro non si è visto di utile….però loro ci riprovano già da quest’anno con 1×12….mai più senza eh

frabil
frabil

sante parole!!!

Carlettorusso
Carlettorusso

ottima analisi, io però prego ogni sera che qualcuno tiri fuori una trasmissione innovativa più “raffinata” di pinion ed effigear……

sunrider88
sunrider88

Mi associo alle tue preghiere,anch’io sono stufo di vedermi propinare variazioni numeriche ad un sistema pieno di difetti di mezzo secolo fa.

Andrea4781
Andrea4781

E il Di2 ?

paolone89
paolone89

Io sono felice della mia 26 con doppia 42 28 e vado ovunque secondo me la bici deve essere senza tante menate (cambio elettronico forcella e ammo elettronici ecc ecc)

klasse
klasse

Stesso discorso che vale per il settore motori/automobili.
dispiace per i produttori ma continuo a usare la mia 26″ che non mi delude, forse non fa figo, anche perché io non vivo per far invidia agli altri sull’ultima novità. Spendo meno ma giro di più in posti diversi.

Andrea Antonucci

Boost 148… perchè il perno da 152 faceva schifo!
Assurdità a non finire

Paolo M.
Paolo M.
PS. Ci tengo a precisare che personalmente adoro le innovazioni e che alcune vere buone idee ci sono state negli ultimi anni: reggisella telescopico e trasmissione 1x in primis. Dice lui …. Mah, sul reggi tele sono super d’accordo, sul monocorona non tantissimo, alla fine si vede gente che se potesse monta il 50 dietro pur di non mettere la doppia davanti, ma perchè poi? Al di là che la maggior parte delle bici che usano l’ultimo pignone “enorme” … esteticamente fanno leggermente ridere, e poi da dietro si vedono degli “intraversamenti” di catena allucinanti! A già, che stupido, anche… Continua a leggere »
Andrea4781
Andrea4781

Shimano con il Di2 comanda. Anche per la durata della catena. Adesso mi aspetto un slx Di2 che costi quanto un xt meccanico

rider83
rider83

prova a lanciarti a manetta sullo sconneso e poi capisci il xke del monocorona

pcortesi
pcortesi
Scusa, ma il monocorna, lo hai mai usato? Come già ampiamente discusso in vari post, il discorso è semplice. Innanzitutto utilizzi un solo comando cambio, che sembrerà strano se non lo hai mai usato, ma in qualsiasi situazione, ne dover agire su due per salire/scendere di rapporto è una cosa fantastica. Oltre al fatto che levi un comando dal manubrio, maggiore pulizia, ordine anche in caso si debba avere comando del reggisella/forcella/ammortizzatore. Per quanto riguarda l’incrocio catena, è più distruttivo per la catena, la cambiata sulle corone, che l’angolazione della catena quando è sui pignoni estremi. Posso darti ragione che… Continua a leggere »
pcortesi
pcortesi

Digitodislessia, NON dove agire….

Paolo M.
Paolo M.
Ti sei messo dietro in salita ad un tuo amico quando usa la catena sull’estremo grande? a dire che è di traverso è diminutivo. Fino a pochi anni fa i veterani (giustamente) quando giravano doppie e triple, se ti vedevano ad intraversare la catena con più di 2 pignoni di scarto erano cazziatoni, ti dicevano di compensare con quelle davanti e cercare di far lavorare la catena il più dritto possibile. Adesso invece và bene anche se la catena viene “balorda” tanto che è di traverso, dico bene? Aggiungo anche, se leggi qualche nozione base di meccanica (ma per base… Continua a leggere »
pcortesi
pcortesi

Convinto contenti tutti 😉

Paolo M.
Paolo M.

beh sul fatto delle pulegge non in asse che sprecano inutili energie non lo dico io,
l’han detto credo anni anni anni anni prima, che nascessi , nonostante non sono di primo pelo 🙂

vito e alloggio
vito e alloggio

provalo.

giallo
giallo
Ho sempre usato un 2×9 (32/22-11/32) poi per ragioni di usura dovendo sostituire quasi tutto ho deciso di provare un 2×10 ed ho montato una cassetta 11/36 con modifica 42 ed una corona Hope da 30 denti. Mi trovo egregiamente: il rapporto corona/pignone 30/42 sviluppa come un 22/31 (quindi come prima) ma ho eliminato un manettino, un deragliatore, un bash ed un guidacatena. La “coperta” è corta? Dipende dalle esigenze personali, dove giro di solito (Conero) va più che bene. La catena non è disassata perché la corona Hope è spessorata e riporta la linea catena al centro. Sono più… Continua a leggere »
vito e alloggio
vito e alloggio

il mono è natale. bici silenziosa e cambiate da una parte sola che nei rilanci è manna… non capisco come non si possa vederne l’utilità, a meno che in mtb non ci vai a passeggio…

Paolo M.
Paolo M.

Ma perché tu giri con il cronometro e non dormi di notte se capisci che in un giro di 4 ore perdi magari 30 secondi nell’aver usato la doppia invece che la mono? Ammesso che tu lo perda il tempo. Poi va beh magari tu sei uno che fa xc e quindi si è sempre più propensi a non perdere tempo. io faccio allmountain e o enduro, quindi la storia è un pò diversa. Anche se comunque non condivido l’esasperazione del guadagnare tempo se si fa per hobby

gmcavalera
gmcavalera
Bellissima Analisi….sono tornato alla mtb dopo 3 anni circa di inattività ciclisitca e solo motocross…..Ho pensato che forse era ora di cambiare bici se volevo rientrare nel “giro”……Cosi ho iniziato a leggere forum, con commenti di iperesperti, tuttologi e alchimisti (quasi mi vergognavo a porre una domanda, eppure qualche doppio in discesa lo chiudevo..), mille aziende e prodotti diversi :27,5; 29; plus;ebike; e credo che in una nota azienda ci fosse anche un minotauro fra i prodotti……. Alla fine, oggi di rientro dal mio giro, ho scoperto che la mia 26” la spremo al 30%, per cui prima di spendere… Continua a leggere »
makkot
makkot
d’accordo che il 27.5 sia una fregatura per cambiare parco bici, d’accordo che le fat siano una nicchia, ma è anche vero che la crescita della sezione delle gomme sarà inevitabile con l’alleggerirsi dei materiali, visto che i vantaggi per chi non fa gare sono evidenti. Anche se pare che oggi abbiate scritto che Nino S. a Rio userà gomme tubeless meno gonfie e più larghe. Per me le gomme 2.1 sono morte da un pezzo, ma sono un fattarolo, e scommetto che il futuro sarà sempre più cicciotto. —Fosse anche solo per i cambiamenti climatici che rendono i trail… Continua a leggere »
train58
train58

A me sinceramente fanno ridere queste nuove 29 che stanno uscendo. Parlo delle enduro. Angoli sterzo esagerati e bici lunghissime! Ma dove cavolo le giri bici così nei single track pieni di curve e contro curve???

maxrosso
maxrosso

Adesso gli faranno uno snodo centrale come la Graziella così manovri meglio nelle curve… Ma ne hai mai provato una prima di sparare str….?

train58
train58

Ho la specy enduro 29 -.-
Eppure vorrei proprio vedere come la giri nello stretto una 29 bella lunga…

barbasma
barbasma

Pensa che la nuova slash 29 andra’ in mano alle donne in ews…. forse e’ meglio che impari a girarla… qualsiasi sia il diametro…

maxrosso
maxrosso

Io ho la bmc tf e la giro meglio della ibis hd , basta solo capire che la ruota anteriore scivola via molto meno con la 29.. Ma sembra che nessuno pensi a una cosa così ovvia

spiri
spiri
mountaindoctor
mountaindoctor
Articolo che si presta a molteplici interpretazioni… Per me lasciato a metá, anzi se fossi cinico direi mollato lí per ingannare l’attesa prima della fine dell’embargo sulla Epic HT 🙂 (che ha il boost ma, oVVoVe!!! puó ancora montare la doppia). Una ventina (minchia… son giá piú di 20?) di anni fa da TuttoMTB (Ciaccia? boh…) chiedevano ad un ingegnere Shimano perché l’industria del ciclo continuasse a proporre novità ogni 6 mesi, trattando i biker come cavie. Quello rispondeva con un qualcosa del tipo “non sappiamo se un cambio migliorerá il prodotto o no, ma se vogliamo migliorare un cambio… Continua a leggere »
spiri
spiri

quindi e’ sicuro Epic HT … mah …

mountaindoctor
mountaindoctor

spiri: HT, ma non solo… sono curioso di vedere cosa ha combinato Denk con la Epic Full

daniele0511

I miei migliori auguri, vista la storia pregressa dei danni combinati da Denk in Scott ed in Cannondale.

mountaindoctor
mountaindoctor

Beh, la Epic ha giá il Brain a renderla “particolare” (anche in termini di manutenzione), una genialata diversa non credo peggiori le cose piú di tanto 😉

daniele0511

Il Brain intanto non si rompe nel giro di qualche mese come i “barilotti” …

Riki174
Riki174

Epic invariata…forse il boost, niente sorprese

spiri
spiri

anche perche’ cosa vuoi cambiare ad una meravglia di bic come la EPICi!?

mountaindoctor
mountaindoctor

sembola su questo hai ragione. La curiositá resta (forse per il 2018 a questo punto)

passy
passy

Sante parole… e dove mettiamo gli ammortizzatori metrici, d’altro canto hanno più volume… ma per piacere!

Kayma
Kayma

Non è che alla fine ci dimentichiamo di pedalare??

caoos
caoos

per me la più grande innovazione in mtb è stato il reggi telescopico ed il lattice per le gomme!

Riki174
Riki174

Ti ho messo il + soprattutto per il lattice!
Proprio ieri mi ha salvato un’uscita (e smerdato pantaloni e maglietta ma vabè…) 🙂

luca.pejrani
luca.pejrani

L’innovazione è innovazione, chi non sa innovare cambia inutilmente gli standard. Si può produrre una nuova ruota più leggera, rigida e robusta delle precedenti, oppure si può cambiare di un centimetro il diametro o la lunghezza del mozzo, lasciando che la bicicletta vada come prima.
Francamente sono nel panico: non cambio bici perché per le mie non mi darebbero più niente e non faccio upgrade perché è inutile investire su dei ferrivecchi. Poi un amico mi chiama per andare a fare un nuovo sentiero. Finalmente qualcosa di nuovo!

spiri
spiri

splendido!

jimmy27
jimmy27

Ok il tekescopico ma sarebbe ora che si decidessero a farne uno affidabile…
Le 27,5 sono una fregatura. Io le alterno con delle “vecchie” 26 sulla mia bici ma è la gomma in se a fare la differenza, non il diametro!!!
Si mi sento un pollo da spennare ecco cosa penso del mondo mtb…
Per fortuna pero in bici ci vado lo stesso ?

gto
gto
io credo che chi si lamenta dei cambiamenti sia pollo dentro , le biche che ho avuto erano tutte sempre migliori della precedente , e questo vuol dire che col tempo le piccole migliorie si sommano e si sentono , quindi quando cambi la bici se ormai è sfruttata è ovvio che non valga più niente come un auto da 50.000 euro ma con 400.000 km e se è recente perché cambiarla ? per voglia di regalarsi qualche cosa ? allora spendi e amen , il problema che i componenti esco fuori standard è falso il mio meccanico ti aggiusta… Continua a leggere »
checo79
checo79

e te piacerebbe!! perchè mungere solo i nuovi clienti con le ebike, quando puoi mungere anche i vecchi cambiando ogni anno qualche standard? ti sei dimenticato gli ammo metrici per esempio

Paolo M.
Paolo M.
Chi dice che il monocorona è “indispenabile” per fare off-road cattivo, dico che fino a 2 anni fa con basch e tendicatena venivamo giù tutti da ovunque e alle velocità non certo inferiori a quelle di adesso, senza problema alcuno. Però certo cavoli, un tendi catena e un basch faceva lievitare la bike di qualche grammo e lì per gli uomini veri erano cazzi ….. ma andiamo a cagare và …. tanti componenti nuovi sono davvero una moda ma non una miglioria, un pò come il jeans stretto e quello largo, o la scarpa a punta invece che quadrata ….… Continua a leggere »
Riki174
Riki174

Secondo me per la catena cadente il vero progresso è stato i cambi con la frizione.
Se infatti col monocorona e cambio Shimano ti “dimentichi” di innestarla (magari dopo aver smontato la ruota)…la catena cade lo stesso anche dalle narrow-wide.

jack11
jack11

non è vero, cambio zee a gabbia corta tiene un pacco pignoni 11-36 e non mi cade nemmeno se non metto, la frizione, di solito, non la metto, perchè senzxa cambia più preciso!!!!

Riki174
Riki174

Può darsi…io con pignoni 10-42 e gabbia XT lunga se in discesa vado di 32-10 ho avuto un paio di episodi…sempre e solo quando la frizione era off.
Poi però ho anche accorciato di un paio di magli la catena 🙂

Confermo che la cambiata è migliore senza frizione, e non poco

l.j.silver
l.j.silver

io ho un xt normale ,senza frizione e non mi è mai caduta la catena……

anet80
anet80

veramente il monocorona è un po’ più utile per salire che per scendere o almeno non è nella tenuta della catena in discesa che esprime il suo potenziale ma nell’evitare problemi in fase di cambiata (risucchi, incroci, cadute in scalata verso il telaio e all’esterno verso la pedivella)

wpDiscuz