L’orribile caduta di Dean Lucas a Snowshoe

39

Durante le prove della gara di coppa del mondo a Snowshoe Dean Lucas (Scott Racing) è andato a sbattere contro un albero con la testa. Rimasto a terra privo di sensi, la sua GoPro ancora accesa ha registrato gli attimi di paura che hanno seguito l’incidente, perché non riusciva a muovere né le gambe né le braccia e si trovava in una posizione molto strana, con la testa sotto le gambe.

È molto interessante quello che gli dice il medico in ospedale: “Quando sei andato a sbattere con la faccia contro l’albero la tua testa è stata catapultata all’indietro e il tuo midollo spinale si è stirato, ma non si è rotto. Neanche le vertebre si sono rotte. Questo spiega perché hai perso temporaneamente la sensibilità di braccia e gambe. È pericoloso, perché se si fosse reciso (il midollo) saresti rimasto paralizzato. La botta si riassorbirà, ma non so dirti quanto ci impiegherà.



.

Nel video si vede anche Dean Lucas che si muove normalmente mentre parla della caduta qualche giorno dopo.

Commenti

  1. Boh, secondo me si sta un pò estremizzando tutto lo sport in generale.
    Col figlio che corre in XC non vi nascondo un pizzico di ansia (parliamo di giovanissimi).
    La mano degli organizzatori sta rendendo sempre più tecnici i percorsi, ed alcuni percorsi vi assicuro che sono veramente tosti.
    Ultimamente (purtroppo) vedo sempre più ambulanze portare via ragazzi di 10-12 anni.... (ieri 2 volte e altri 5 ragazzi caduti).
    Oltre a vedere scene dove i ragazzi fanno overtobar su drop devi anche assistere a scene dove gente impreparata piuttosto che interrompere la gara sposta di peso i bambini dal tracciato "perchè la gara deve continuare".
    Ma basta vedere le gare di XC dei prof per capire che si son pezzi tecnici quasi se non come prove di Enduro di qualche anno fà e nessuna protezione "perchè devono pedalare comodi".
    Aggiungiamoci che non esistono vere e proprie scuole di tecnica di MTB in Italia (all'interno della federazione o delle squadre) e poi paghiamo le conseguenze.
  2. se uno guarda il video il problema non è ne il neck brace, ne il percorso, ne altro, il problema è che questo poveretto viene giù a una velocità folle.

    se guardate una discesa simile nel bosco di 10 o 20 anni fa scendevano alla metà della velocità.

    come ho già scritto la soluzione è rallentare le velocità. e ci sono tantissime soluzioni per farlo

    nel motocross ad esempio non so ora, ma anni fa c'era una regola per cui la velocità media di un giro non doveva superare i 55km/h
Storia precedente

[Highlights] Doppietta irlandese a Snowshoe nella DH

Storia successiva

Le classifiche di Training Camp di settembre 2023 (e Garmin sync!)

Gli ultimi articoli in News