Mondiali Leogang: Minnaar sulla pista DH

50

YouTube video

Greg Minnaar ci mostra il tracciato sul quale oggi si correrà la manche di qualificazione degli UCI DH World Championships 2020. Un mondiale già di per sé anomalo dato che si disputa in ritardo di un mese circa rispetto alla data tradizionale degli altri anni, ma soprattutto perché di fatto è la prima gara della stagione e non abbiamo alcuna idea di come i rider ci arriveranno come condizioni di forma e come concentrazione, dovendosi giocare praticamente l’intera stagione in una sola manche di gara.

A questo si aggiunge il fatto che il nuovo tracciato di Leogang prevede delle nuove sezioni molto tecniche, con radici e contropendenze davvero killer e parti veloci su prato che ancora deve “gommarsi”, come si dice in gergo, con i vari passaggi degli atleti. La parte peggiore è che il clima di Leogang in questi giorni è stato piovoso e molto, molto freddo, con pochi gradi sopra lo zero, quindi alla tensione emotiva dei rider si aggiunge anche quella fisica dovuta alle pessime condizioni climatiche e di conseguenza alle proibitive condizioni del tracciato.

Ma non finisce qui, perché le previsioni del tempo per sabato notte e domenica mattina prevedono diverse decine di centimetri di neve alla quota su cui si trova la pista della gara, e questo apre due possibili scenari, entrambi poco felici per gli atleti. Il primo, quello in cui la neve caduta non sarà troppo copiosa e quindi la gara potrà svolgersi comunque, con tutti i rischi annessi e con il normale svolgimento della competizione che sicuramente ne sarà inficiato. Il secondo, quello a quanto pare più probabile, che vedrà cancellata la manche finale per neve e che quindi renderà valida, ai fini della classifica finale, il risultato della manche di qualificazione.

La qualificazione di oggi quindi, che normalmente nei mondiali serve solo a stabilire l’ordine di partenza per la manche finale, potrà invece essere determinante per l’assegnazione delle maglie iridate 2021. Quindi gli atleti dovranno dare il meglio di loro già da oggi, senza risparmiarsi e senza tattiche, semplicemente full gas!

La diretta della gara sarà trasmessa su Red Bull TV ma l’UCI ha presentato la lista dei paesi che hanno acquistato i diritti per la trasmissione della gara, tra i quali compare l’Italia, dove i diritti sono stati acquisiti dalla RAI che tuttavia non trasmetterà la diretta bensì un sunto in replica. La diretta di Red Bull TV invece avrà delle restrizioni geografiche, quindi per godersi la gara con il commento originale di Rob Warner, occorrerà munirsi di un VPN appartenente a un paese che non rientra nella lista delle restrizioni, che purtroppo Red Bull non ha ancora reso nota.

 

Commenti

  1. mcpelo68:

    ma che bell'Italia..ormai siam messi peggio che in corea del nord .. ci siam ridotti che non ci fan più vedere di niente se non delle cagate pazzesche e repliche di repliche di altre cagate. pure la rete stà diventando sempre peggio con tutti stì consensi e cookie del caxxo.
    Prima di buttarla nella solita demagogia populista... la lista dei paesi in cui Red Bull TV non trasmette è bella lunga, non è un problema dell'Italia. Le nazioni in cui le emittenti nazionali hanno comprato i diritti, vengono ovviamente escluse dalla diretta streaming su Red Bull TV. A differenza di molte nazioni dove bisogna pagare per vedere la gara, la RAI quanto meno la trasmette in chiaro su RAI Sport web... quindi non c'è nulla per cui alterarsi. Se invece non ti piace il commento italiano e vuoi l'originale, usa un VPN e te la guardi tranquillamente su Red Bull TV, senza bisogno di tirare in ballo la Korea del Nord, dove la gente ha problemi ben più seri di questi.
Storia precedente

La fangazza di Leogang – campionati del mondo

Storia successiva

Worlds DH Leogang: Vergier e Höll vincono le qualifiche

Gli ultimi articoli in Race Corner