Reinventare la catena: si può?

51

La catena della bicicletta è uno dei pochi componenti a essere rimasto pressoché invariato da quando è stato inventato… almeno fino a oggi. La taiwanese Taya Chain ha presentato una catena rollerless, in pratica priva dei rullini di cui sono dotate tutte le catene attualmente in commercio. La maglia interna è infatti costituita da due singole parti che si interfacciano direttamente, unite da un pin-rivetto. Questa animazione 3D a cura di Gianluca Ricceri ci mostra nel dettaglio la tecnologia di Taya. Notare la forma familiare del braccio robot… geniale!

YouTube video



.

La costruzione rollerless, secondo quanto dichiara Taya, riduce drasticamente l’allungamento della catena, la cui causa principale sono i rullini stessi, riduce il peso complessivo e aumenta la rigidezza laterale della catena che diventa quindi più precisa.

L’accoppiamento delle due maglie interne prevede inoltre una sorta di piccolo interstizio che funge da serbatoio per il lubrificante, così da mantenere le prestazioni più a lungo.

In attesa che Taya diffonda maggiori notizie sulla catena Rollerless, compresi dettagli come prezzo di listino e peso, sappiamo che sarà disponibile sia in versione da 11 velocità che da 12 velocità.

Taya Chain

 

Commenti

  1. Interessante, ma secondo me non sono i rullini che fanno allungare la catena, ma è l'interazione tra perni e maglie. Forse è proprio questa che migliora.
  2. Io sono sempre un po' scettico su queste trovate, presentate come genialate. Le catene sono così da decenni, evidentemente perchè l'architettura attuale è quella che garantisce il miglior compromesso tra prestazioni e durata. In tutti questi anni anni non credo che nessun azienda abbia provato ad eliminare i rullini o comunque studiato soluzioni simili, che evidentemente non hanno giustificato la messa in produzione.
    I rullini servono anche a ridurre gli attriti e rendere la cambiata più fluida. Con perni del genere sarà uguale? dubito. Il serbatoio di lubrificante evidentemente serve a mantenere più possibile lubrificata la catene proprio per sopperire all'assenza di rullini, ma si riempirà di sporco molto facilmene credo, a meno di utilizzare lubrificanti solidi (paraffina).
Storia precedente

Il garage di Fabio Wibmer

Storia successiva

Ibis Ripley AF: ora anche in alluminio

Gli ultimi articoli in News