Rock Shox Pike: la nuova contro la vecchia

Rock Shox Pike: la nuova contro la vecchia

22/05/2017
Whatsapp
22/05/2017

Circa un mese fa vi avevamo presentato la nuova Rock Shox Pike. Ci è arrivata in redazione, ed è giunto quindi il momento di montarla su una delle nostre bici test e di provarla sui sentieri “di casa”.

Dettagli

Modello: RCT3 Solo Air, 29 (nella foto, è quella in basso)
Escursione: 140mm
Boost: sì
Perno passante: 15x110mm
Offset: 51mm
Token presenti di fabbrica: 1
Attacco per disco da 180mm. Per il 200mm c’è bisogno dell’adattatore.
Peso rilevato, con cannotto tagliato e ragnetto inserito: 1.880 grammi.

Pike usata per il paragone: RCT3 Solo Air, 29, Boost.
Bici su cui entrambe le forcelle sono state montate: Stoll T1.

Il risparmio di peso, rispetto alla vecchia, è di 160 grammi esatti. Quella pesava infatti 2.040 grammi, nella stessa configurazione e con il cannotto della stessa lunghezza. A ciò si aggiungono i pochi grammi dell’adattatore per il disco da 180mm e relativa viteria. Come potete vedere dalle immagini, lo chassis è cambiato ed è stato risparmiato materiale là dove si è potuto, a cominciare dall’archetto, meno “pieno” del precedente.

La forma della piastra, così come quella dell’archetto anteriore, sono cambiate, diventanto più spigolose.

Altro materiale è stato risparmiato nella parte inferiore dei foderi.

Il pomello con cui regolare la compressione delle tre posizioni “open, pedal, firm” è stato rivisto anch’esso, così come il tappo che nasconde la valvola per l’inserimento dell’aria.

A questo proposito, vale la pena notare che per mettere i token ora è sufficiente usare la chiave con cui smontare il pacco pignoni, non rischiando così lasciare segni sulla piastra.

Il montaggio della pinza del freno avviene ora direttamente sulla forcella, se si usa un disco da 180mm. Oltre al risparmio di peso, visivamente è più pulito.

[ad12]

Sul campo

La prima impressione è quella che conta di più.

Con questa frase in testa, questa mattina, sono partito per uno dei miei soliti giri con la Stoll T1 e la nuova Pike. Si tratta della traversata San Lucio – Monte Bar, un mix fra salite sterrate, lunghi sentieri con continui saliscendi anche tecnici, e due discese che vanno dal veloce al trialistico, per un totale di 1700 metri di dislivello e 60km. Visto che l’avevo percorsa alla fine della scorsa settimana, sempre con la Stoll T1, ma con la vecchia Pike, le impressioni sono facilmente confrontabili.

Il set up è stato molto semplice, anche perché le tabelle con le pressioni consigliate sono piuttosto precise. Per me che peso 71 kg svestito, ho messo 72 PSI, ben 12 in più rispetto alla vecchia Pike. Questo è dovuto alla camera più grande, in particolare quella negativa, come spiegato nell’articolo di presentazione. Ho lasciato completamente aperta la compressione alle basse velocità, e mi sono concentrato così sui tre livelli di blocco: open, pedal e firm. Quest’ultimo non è un blocco totale, ma è piuttosto solido, e viene molto comodo sulle salite asfaltate o lisce.

Più interessante la posizione pedal, perché è meno marcata in chiusura rispetto alla vecchia Pike, e si riesce di conseguenza ad utilizzare di più. Mi sono trovato ad usarla anche nel tratto trialistico in discesa, con dei gradoni piuttosto alti. In questo modo la forcella affonda di meno.

A proposito di affondamento, la nuova Pike è più sostenuta della vecchia. Non stiamo parlando di una differenza abissale, perché già la precedente era molto buona sotto questo aspetto, ma la sensazione è quella di una forcella bella “piena” anche a metà corsa. Con un solo token non ho avuto alcun problema di fine corsa, e al termine del giro mi sono trovato con l’O-ring a circa 1 cm dalla piastra.

Più marcata la differenza nella sensibilità ai piccoli urti. Anche da nuova “parte” subito sui piccoli impatti, dando grande confidenza sul veloce scassato. Oggi sono sceso con un po’ di sicurezza in più rispetto alla scorsa settimana, e non per i 5mm di escursione di differenza. Infatti la vecchia PIke aveva 135mm di travel, la nuova 140. La cosa interessante: la distanza fra perno e piastra è stata ridotta di circa 5mm, quindi alla fine le due forcelle sono alte uguale. Cosa piuttosto importante, su un itinerario come quello di oggi, perché sono presenti diverse rampe velenose dove è fondamentale che l’anteriore stia incollato al terreno per evitare di perdere il grip.

Il peso ridotto di 160 grammi rispetto al modello precedente non ha portato ad una variazione della rigidità, o perlomeno non sufficiente da essere notata quando si è in sella.

Conclusioni

Rock Shox ha lavorato bene migliorando un già ottimo prodotto come la Pike. Rispetto al modello precedente, la nuova è più leggera, più sensibile ai piccoli impatti e più sostenuta a metà della corsa. Queste ultime due caratteristiche rendono il riding più sicuro e controllato sul veloce e sul ripido, ci sentiamo dunque di consigliarla senza riserve.

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Luke_Brixia
Luke_Brixia

solo io non riesco a sfruttare oltre i 100 mm circa la corsa della mia Pike 140 modello vecchio? neanche sgonfiando oltre 10 psi sotto quanto consigliato per il mio peso.
dipende forse dal fatto che è montata su una front? la trovo molto più dura della Fox 34 che ho sull’enduro…

D
dangerbiker1987

Avrai sicuramente un problema alla cartuccia che te la fa murare (problema comune). Fai fare una revisione completa e andrá a posto

N
narkos78

Anche io ho una pike 29 da 140 mm. Io la sfrutto tutta senza problemi. Ma quanto SAG usi? Io sto sempre tra il 25 e il 30% con un token. Ora son passatoa tre token ma col 35% di SAG. Poi dipende tanto da come guidi…

N
narkos78

Considera che l’indicatore del peso non è affidabile per niente. Io peso oltre 90 kili e uso 80 psi.

T
Teo 81

Mi è successa la stessa cosa con la Lyric rct3 da 170mm.. non usavo più di 140mm.. Poi l’ho fatta revisionare, le ho messo un kit Andreani ed ora è come burro, mi sostiene e uso tutta la corsa. Come ti hanno già detto è un problema di cartuccia.. puoi anche non mettere il Kit, ma falla revisionare. Da uno bravo.. naturalmente. Nei pressi do Bologna c’è il mio meccanico, se serve ti do il contatto. E’ bravissimo e onesto.

jimmy27
jimmy27

la vecchia pike era con olio e tenute fresche o era vicina a dover fare una revisione?
lo chiedo perchè spesso tra una forcella nuova e una vecchia la differenza la fa la manutenzione.
Confrontare una forcella con 100 ore di funzionamento e una nuova non avrebbe molto senso

Dave7
Dave7

Molto interessante!
@Marco Toniolo
– anche nella “vecchia” Pike utilizzavi 1 solo token?
– il rebound tu come lo tieni?
Grazie 😉

lollo72

@Marco , dichiari il peso di 71Kg “a secco” , ma per il set up non sarebbe meglio considerare il peso “in ordine di marcia” ? (personalmente tra tutto biotto e tutto agghindato per l’uscita in mtb possono variare 7-10kg)

Pietro.68
Pietro.68

che guanti indossi?

Dn73
Dn73

Marco, leggo che hai tenuto la compressione alle basse tutta aperta.
Perché? Per non aver altri parametri a cui far riferimento mentre provavi i tre step (open, pedal. ..) o ci sono altri motivi?
E con le compressione alle basse tutta aperta in posizione open non hai un eccessivo affondamento in staccata e sui gradoni/ripidi?
Anche perché dici di aver poi usato la posizione pedal in determinate situazioni.

Y
ymarti

Non hai mai una seconda possibilità per dare una buona prima impressione (Grissom – CSI).
Bell’articolo 👍
ciao marti

6io
6io

E’ possibile cambiare sulla vecchia forcella il dado dove si inseriscono i token con quello della nuova? Hanno lo stesso filetto?

Danixele
Danixele

Domanda che centra molto relativamente con la forcella.

Ma tra pinza freni e forcella non ci andrebbero delle rondelle a semisfera ? La centratura della pinza come avviene accoppiandole direttamente così senza niente ? Hanno altri sistemi ?

Grazie

Danixele
Danixele

[QUOTE="marco, post: 8144510, member: 1"]non prenderlo come riferimento, erano le uniche viti corte che avevo a disposizione per la foto. Ci andrebbero delle rondelle, si.[/QUOTE]

Ah ok 😮

jake blues
jake blues

bell’articolo Marco. certo che anche la Stoll… più la guardo più mi piace… che taglia è la tua?
sorry per l’OT

Z

Uff, pensavo la vecchia a molla

Luke_Brixia
Luke_Brixia

[QUOTE="Teo 81, post: 8207965, member: 147542"]Mi è successa la stessa cosa con la Lyric rct3 da 170mm.. non usavo più di 140mm.. Poi l'ho fatta revisionare, le ho messo un kit Andreani ed ora è come burro, mi sostiene e uso tutta la corsa.[/QUOTE]

non ho più aggiornato il thread, ma dopo qualche mese il mio meccanico mi ha consigliato di togliere tutti i token (ce n'erano 2), che anche lui la usa senza; ora effettivamente è molto meglio, finalmente sfrutto tutta la corsa pur senza andare a pacco, e la trovo molto più burrosa.

T
Teo 81

[QUOTE="Luke_Brixia, post: 8208156, member: 36258"]non ho più aggiornato il thread, ma dopo qualche mese il mio meccanico mi ha consigliato di togliere tutti i token (ce n'erano 2), che anche lui la usa senza; ora effettivamente è molto meglio, finalmente sfrutto tutta la corsa pur senza andare a pacco, e la trovo molto più burrosa.[/QUOTE]

a meno che non pesi poco niente, un token ce lo lascerei.. senza token, la curva di compressione risulta un peletto "vuota".. a metà corsa verso i 3/4 non ti sostiene tanto. Se guidi da neofita o pesi come una piuma forse si.. se "spingi" un pò o pesi normale no. 1 Token minimo e se in caso scendi di pressione.

J
johnny sierra

Come primo montaggio molti continuano a proporre la Pike1, come mai? Costa meno immagino.

J
johnny sierra

[QUOTE="marco, post: 8229453, member: 1"]ce l'hanno a magazzino.[/QUOTE]

ad ogni modo è disponibile il charger 2 come kit upgrade, circa 250 euro, potrebbe essere una buona pensata

fafnir

[QUOTE="johnny sierra, post: 8229566, member: 29090"]ad ogni modo è disponibile il charger 2 come kit upgrade, circa 250 euro, potrebbe essere una buona pensata[/QUOTE]Sinceramente se dovessi spendere altri soldi  su una forcella non andrei mai a comprare qualcosa di stock oltretutto per 250 euro.

Ci sono diversi kit aftermarket personalizzati per stile di guida e peso…

barc74

Io ho messo il Luftkappe della Vorsprugen,  70€ spesi veramente bene! Nessun token, la sfrutto tutta ed è bella sostenuta a metà corsa.

Sent from my PRA-LX1 using MTB-Forum mobile app

J
johnny sierra

[QUOTE="fafnir, post: 8229603, member: 152310"]Sinceramente se dovessi spendere altri soldi  su una forcella non andrei mai a comprare qualcosa di stock oltretutto per 250 euro.

Ci sono diversi kit aftermarket personalizzati per stile di guida e peso…[/QUOTE]

 M'interessava il fatto che hanno migliorato la posizione pedaling, a quanto pare più sfruttabile sui tratti sterrati in falsopiano

J
johnny sierra

[QUOTE="barc74, post: 8229623, member: 58052"]Io ho messo il Luftkappe della Vorsprugen,  70€ spesi veramente bene! Nessun token, la sfrutto tutta ed è bella sostenuta a metà corsa[/QUOTE]

Che in effetti agisce sulla parte pneumatica, va ad aumentare la camera negativa come del resto ha fatto RS per la pike2